Stefano Gubbiotti's Testimony

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
DEPOSIZIONE DEL TESTE - GUBBIOTTI STEFANO -
Key to abbreviations
GM Giuliano Mignini Prosecutor Pubblico Ministero
LM Luca Maori Sollecito defense lawyer Avvocato
GB Giulia Bongiorno Sollecito defense lawyer Avvocato
LG Luciano Ghirga Knox defense lawyer Avvocato
SG Stefano Gubbiotti Witness being questioned Police Superintendant
FM Francesco Maresca Counsel for Kercher family (civil plaintiffs) Avvocato

IL TESTE, AMMONITO AI SENSI DELL'ART. 497 DEL CODICE DI PROCEDURA PENALE, LEGGE LA FORMULA DI RITO

GENERALITÀ: Gubbiotti Stefano, nato a Perugia il 9 dicembre 1960. Sovrintendente, addetto terza sezione Squadra Mobile.

Contents

Pubblico Ministero

GM:
Senta lei ha svolto indagini sulla morte della giovane Meredith Kercher?
SG:
Sì, confermo.
GM:
Ecco, ci racconti, ci dica, quali atti di indagine ha svolto, che cosa ha accertato?
SG:
Numerosi naturalmente dall'inizio, dalla scoperta del cadavere.
GM:
Sì.
SG:
Insieme al personale della terza sezione tutti gli atti sono stati fatti...
GM:
Lei quando ha saputo, quando è stato avvertito della presenza del cadavere?
SG:
Verso le 13.00 passate, eravamo allo stadio per un servizio veramente, al mercato, avevamo fermato anche dei cittadini rumeni e si è staccata da noi insieme al Sostituto Commissario Napoleoni insieme all'assistente Buratti, mentre io e altri colleghi siamo rimasti in ufficio perché dovevamo fare degli atti per questi cittadini rumeni fermati, dopodichè siamo andati su.
GM:
Continui.
SG:
Siamo andati su credo verso le 15.00, credo di essere arrivato, 14.30 - 15.00.
GM:
Quando è arrivato che cosa c'era, chi ha visto, chi era presente? A che ora è arrivato?
SG:
Ripeto verso le 14.30 - 15.00 già c'era il personale, c'era il mio comandante di sezione la Napoleoni e i colleghi, il dottor Chiacchiera, i colleghi erano arrivati prima di me.
GM:
C'erano dei ragazzi, c'erano?
SG:
Naturalmente c'erano alcuni, la Mezzetti, insomma gli altri...
GM:
C'erano gli imputati?
SG:
C'erano anche gli imputati.
GM:
Ecco si ricorda che cosa facevano gli imputati?
SG:
Sì, all'inizio mi sono informato chi erano naturalmente e poi abbiamo notato, ho notato che stavano sempre insieme, uniti, che si abbracciavano, si baciavano fra di loro.
GM:
Lei è rimasto fuori dalla casa oppure... Ha fatto un sopralluogo esterno oppure è entrato anche?
SG:
Assolutamente, non sono entrato.
GM:
È rimasto fuori?
SG:
C'era già personale della Polizia Scientifica.
GM:
Quindi è rimasto, che cosa ha fatto, che cosa ha notato in quella?
SG:
Siamo rimasti lì, attendevamo disposizioni, naturalmente c'erano i funzionari e quindi attendevo disposizioni da loro.
GM:
I due erano sempre, avevano sempre quell'atteggiamento? Fino a che ora è rimasto lì fuori della casa?
SG:
Da quello che mi ricordo sì, erano sempre insieme, dopo una certa ora mi pare che abbiamo cominciato a portare persone in ufficio per sentirli.
GM:
Ecco, in Questura si ricorda, lei che cosa ha fatto, ha partecipato agli interrogatori?
SG:
No.
GM:
Che cosa faceva, vedeva i presenti che dovevano essere sentiti, dovevano essere esaminati?
SG:
Non ricordo adesso, comunque eravamo in ufficio, le ripeto attendevamo disposizioni dal funzionario per i primi accertamenti.
GM:
Ha visto i due imputati nella Questura, nella sala d'attesa?
SG:
Certamente.
GM:
Che cosa facevano?
SG:
C'erano tanti ragazzi e c'erano anche loro e naturalmente loro erano sempre vicini, sempre abbracciati, sempre...
GM:
Ha sentito che cosa dicevano?
SG:
No.
GM:
Poi che cosa ha notato di altri comportamenti, sempre degli stessi imputati, che l'hanno colpita.
SG:
Mah, all'inizio gliel'ho detto, sul giardino di Via della Pergola che erano sempre abbracciati, quindi più che altro in ufficio anche, mi ha colpito che parecchi dei ragazzi erano un po' sconvolti dalla situazione e loro erano abbastanza freddi per quello che era successo.
GM:
Senta poi lei che attività ha svolto nei giorni successivi, dopo il 2 quindi?
SG:
Non ricordo bene, alcuni accertamenti di prassi, ma non ricordo esattamente.
GM:
Ha partecipato a perquisizioni?
SG:
La perquisizione in Via della Pergola il 6.
GM:
Ecco. Come è stata eseguita la perquisizione, si ricorda chi era presente?
SG:
Sì, la prima perquisizione, siamo entrati dopo che la Scientifica aveva terminato tutti gli accertamenti, ero con il dottor Profazio, Bigini, la Napoleoni, la Zugarini e l'assistente Barbadori mi pare.
GM:
E come è stata eseguita la perquisizione, vi siete mossi tutti numeri per tutta la casa o vi siete separati?
SG:
No, assolutamente. Il dottor Profazio ha chiesto a noi di dividerci per effettuare le perquisizioni, personalmente ho fatto la stanza di Amanda.
GM:
Insieme a chi?
SG:
Alla Lorena Zugarini.
GM:
E gli altri che hanno...
SG:
Gli altri, la Napoleoni e il dottor Profazio e Bigini erano sulla stanza di Meredith.
GM:
E quell'altro chi era, Barbadori?
SG:
C'era Barbadori che gestiva un pochino la situazione.
GM:
Avevate, eravate vestiti in borghese così senza precauzioni oppure avevate degli abiti anticontaminazione?
SG:
Certamente, i guanti e i calzari.
GM:
I guanti e i calzari, che erano nuovi di quella mattina?
SG:
Sì sì.
GM:
Vi siete spostati nelle varie camere, cioè voi siete andati nelle altre camere e gli altri sono venuti nella camera di Amanda o siete rimasti ognuno...
SG:
Personalmente ho effettuato la perquisizione nella camera di Amanda.
GM:
Solo nella camera di Amanda. Quando poi siete usciti, quando è stato sequestrato l'immobile, sono stati apposti i sigilli?
SG:
Certamente.
GM:
Quando dico?
SG:
Al termine dell'operazione.
GM:
Quindi la mattina dal 6?
SG:
Sì, praticamente alle 9 e 50 mi pare che avevamo iniziato la perquisizione, insomma...
GCM:
Più ad alta voce.
GM:
Avete fatto altre perquisizioni, sopralluoghi?
SG:
Numerosi.
GM:
Li racconti.
SG:
Ora tutti non me li ricordo, naturalmente numerosi anche perché...
GCM:
Se ha gli atti, è autorizzato a consultare gli atti.
GM:
Può consultare i documenti.
SG:
Sì sì, dopo quella abbiamo fatto quella del 18 dicembre se non sbaglio e poi a susseguirsi tutte le altre quando anche le parti richiedevano il sopralluogo dentro l'abitazione.
GM:
Senta la notte tra il 5 ed il 6 lei era in Questura?
SG:
Sì.
GM:
Si ricorda, ha visto Amanda quella notte?
SG:
Sì, ho visto Amanda, naturalmente ma poco perché poi era, veniva escussa da altro personale.
GM:
Quindi lei non ha, non l'ha vista, l'ha vista pochissimo in sostanza?
SG:
Pochissimo.
GM:
Poi ha partecipato ha detto al sopralluogo del 18 dicembre, dove stava dentro oppure all'esterno?
SG:
Al 18 dicembre ero all'esterno e mi pare che c'erano tutti i consulenti di parte e se non sbaglio avevamo anche dei video all'interno di un furgone dove potevano i consulenti guardare quello che accadeva all'interno di Via della Pergola.
GM:
Chi è entrato quel giorno, si ricorda?
SG:
La Polizia Scientifica, dopo non mi ricordo se...
GM:
Ovviamente con tutto il prescritto con i calzari, con...
SG:
Certamente.
GM:
Con gli scafandri, come si chiamano? Le tute.
SG:
Cose che abbiamo dato noi tra l'altro perché non erano muniti nessuno.
GM:
Invece lei è rimasto sempre fuori?
SG:
Sono rimasto fuori.
GM:
Che cosa ha notato stando all'esterno, c'è stato qualcosa che ha notato?
SG:
Se si riferisce a quell'episodio del rinvenimento del...
GM:
A qualunque cosa che ha attratto la sua attenzione.
SG:
Avevamo, c'era un breefing se non ricordo bene, stava, mi pare che c'era lei che stava spiegando alle parti quello che doveva accadere all'interno della casa, lei spiegava che proprio all'interno del furgone messo a disposizione c'erano le apparecchiature dove consentiva gli Avvocati e alle parti a vedere il sopralluogo. Insieme ad altri, a Domenici e Lorena Zugarini abbiamo notato gli Avvocati Brusco e Maori che si aggiravano dalla parte sotto. Tenga presente che c'era ancora breefing in corso, si sono allontanati dal gruppo di lavoro e hanno cominciato a girare sotto via della Pergola, cioè dall'entrata dei ragazzi, dove abitavano i ragazzi, era cominciato a girare vicino anche a quel locale esterno dove era un'ex stalla, mi pare che c'era anche l'Avvocato Tedeschi che si aggirava, allora all'epoca difensore di Sollecito. Dopodichè abbiamo notato l'Avvocato Tedeschi che usciva dal giardino di via della Pergola, è uscito dal cancello e ha percorso via della Pergola, Viale Sant'Antonio direzione Monteluce a piedi. È ritornato e ha comunicato all'Avvocato Maori e all'Avvocato Brusco, qualcosa, non so ero distante non ho sentito quello che ha detto e l'Avvocato Brusco e Maori credo che siano venuti da lei signor Pubblico Ministero per comunicargli il rinvenimento di un coltello. Mi pare che quella mattina...
GM:
Era stato rinvenuto un coltello e...
SG:
Un coltello che io non ho visto, e dei fazzolettini intrisi di sangue.
GM:
Lei sa, sono stati fatti accertamenti su questi...
SG:
Sì, perché quel giorno tra l'altro c'erano tutti i giornalisti sopra al terrazzo che avevano notato anche questo spostamento degli Avvocati, quindi tutti i cameramen e alcuni giornalisti si sono fiondati dietro agli Avvocati per vedere quello che era successo. E quindi dopo sono ritornati e la Polizia Scientifica ha repertato l'oggetto, questo coltello.
GM:
Sa qual è stato l'esito degli accertamenti?
SG:
Negativo.
GM:
Negativo nonostante...
SG:
Negativo, nulla...
GM:
Nulla di importante per le indagini. Senta lei aveva degli incarichi per quanto riguarda il prelievo dei materiali da consegnare alla Polizia Scientifica?
SG:
Sì, la repertazione delle cose oggetto di sequestro.
GM:
Si ricorda in particolare di sequestri effettuati in casa Sollecito?
SG:
La perquisizione effettuata da personale nella stessa mattinata ricordo che era del 6 mattina, abbiamo effettuato le perquisizioni sia in casa Sollecito che in Via della Pergola. Io ero in Via della Pergola, altro personale nello stesso orario, 10 - 15 minuti di differenza ha effettuato la perquisizione a casa di Raffaele Sollecito.
GM:
Ecco, lei ha avuto contatti con questo personale?
SG:
Al rientro in ufficio.
GM:
Al rientro in Questura, solo al rientro in Questura?
SG:
Certamente, era impossibile che...
GM:
E con chi ha parlato, con chi ha avuto contatto quella mattina?
SG:
Con il personale che è rientrato e l'Ispettore Finzi che mi ha consegnato il materiale sequestrato.
GM:
In particolare che cosa, le ha detto di che si trattava?
SG:
Prima cosa mi ha detto di un coltello rinvenuto e poi altro materiale.
GM:
Le ha detto qualcosa di questo coltello, ha fatto dei commenti?
SG:
No, mi ha consegnato questo coltello, è stato rinvenuto all'interno dell'abitazione di Raffaele Sollecito e quindi andava repertato.
GM:
Lei l'ha visto questo coltello?
SG:
Certamente.
GM:
Possiamo... Allora lei racconti come è avvenuto il... Quindi Finzi porta, questo coltello dove si trovava?
SG:
Allora l'ispettore Finzi ha portato il materiale sequestrato, di cui il coltello, naturalmente la ragazza che era stata, Meredith era stata uccisa con un coltello, la prima cosa che abbiamo o con un'arma da taglio, la prima cosa che ho repertato è stato il coltello che mi ha consegnato che si trovava all'interno di una busta, nelle nostre buste...
GM:
Questa busta...
SG:
Queste nostre buste gialle della Questura.
GM:
Che era una busta nuova?
SG:
Certamente.
GM:
Come era stata chiusa?
SG:
Credo che era avvolta, non mi ricordo bene, forse con un nastro o qualcosa, non mi ricordo bene, ma era avvolta bene.
GM:
Era chiusa insomma?
SG:
Era chiusa, certamente.
GM:
Non aveva contatti... L'oggetto che stava all'interno non aveva contatti con l'esterno?
SG:
Impossibile.
GM:
Quindi allora Finzi toglie o apre...
SG:
No, l'ispettore Finzi mi ha consegnato la busta, dopodichè io avevo preparato il materiale per la repertazione, naturalmente ero con i guanti anche io.
GM:
I guanti che usò quella mattina, aspetti, erano quelli che aveva usato per andare in Via della Pergola o erano nuovi?
SG:
No no, guardi io in Via della Pergola credo di aver cambiato i guanti almeno due volte.
GM:
E quindi, aspetti, quando lei ha repertato quel coltello aveva i guanti nuovi, li aveva messi poco prima?
SG:
Certamente.
GCM:
Magari facciamo solo le domande, ecco. Quindi erano guanti... Come erano questi guanti?
SG:
Sono i nostri guanti che usiamo sempre.
GCM:
Dove li aveva presi?
SG:
Ce li abbiamo in ufficio.
GCM:
Li aveva usati in altre occasioni?
SG:
No, è impossibile anche riusarli perché dal momento che li toglie è impossibile rimetterli. Sono guanti in lattice che non...
GM:
Quindi lei si è messo prima i guanti, prima di fare ogni altra cosa?
SG:
Certamente.
GM:
Che cosa ha fatto quindi, ha aperto la busta?
SG:
Avevo a disposizione una scatolina, un porta agenda di cartone e...
GM:
Sì.
GCM:
Scusi, scatolina e porta oggetti è la stessa cosa?
SG:
La scatola era un porta agenda, cioè praticamente era il contenitore di un'agenda di cartone fino, se non sbaglio Renato Balestra, di solito abbiamo, che facciamo i reperti, teniamo sempre delle scatole in ufficio in modo tale da poter repertare...
GM:
Scatole nuove?
SG:
Sono praticamente scatole, tolgo l'agenda dalla scatola e la scatola la metto da una parte. E quindi ho iniziato la repertazione.
GM:
Si ricorda che agenda era quella contenuta in questa scatola?
SG:
No, credo che sia stata un'agenda in pelle della banca, qualcosa del genere.
GM:
Quindi lei ha preso questa scatola.
SG:
Ho preso il coltello e l'ho messo all'interno della...
GM:
L'ha tolto dalla busta con i guanti?
SG:
L'ho tolto dalla busta con i guanti perché il volume della busta, non mi permetteva di poterla mettere all'interno di questa scatola.
GM:
E l'ha messo nella scatola.
SG:
E l'ho messo nella scatola e l'ho repertata, poi l'ho chiusa con il nastro.
GM:
Scusi un attimo scatola c'erano stati altri oggetti in precedenza?
SG:
Sono l'agenda nuova donata...
GM:
Lo dica.
SG:
A noi personalmente.
GM:
Quindi non c'era stato, solo l'agenda...
SG:
No, assolutamente, le ripeto queste scatole li mettiamo tutte da una parte e le teniamo.
GM:
Questa scatola poi l'ha sigillata?
SG:
L'ho sigillata con nastro.
GM:
Con nastro, con schotch?
SG:
Sì, e carta.
GM:
E poi cosa ha fatto?
SG:
Ho cominciato a repertare anche gli altri oggetti.
GM:
Questa scatola poi l'ha trasmessa...
SG:
Alla Polizia Scientifica di Roma.
GM:
E come vengono portate direttamente, che c'è una...
SG:
I reperti divisi e in altre scatole, in scatoloni più grandi e poi vanno di nuovo, anche questi...
GM:
Collocati in un contenitore?
SG:
No, va bene, naturalmente di nuovo la scatola più grande, va di nuovo avvolta da altra carta con nastri e poi va inviata, mi pare che, non mi ricordo se era personale della Scientifica di Roma direttamente che è venuta a prenderla oppure nostro personale della Polizia Scientifica che in quei giorni andava a Roma spesso.
GM:
È stata portata direttamente dalla Polizia, comunque...
SG:
Sì, sempre da noi, dal personale nostro o dal personale di Roma, non mi ricordo.
GM:
Lei poi non ha più avuto contatti con questo coltello?
SG:
Assolutamente.
GM:
Altre attività che ha svolto?
SG:
Alcuni accertamenti, sommarie informazioni di testimoni o qualcuno che poteva dare qualche informazione sull'omicidio.
GM:
Va bene, io non ho altre domande.
GCM:
Le Parti Civili?
FM:
Nessuna Presidente per adesso, grazie.
GCM:
Le difese degli imputati.

Difesa - AVV. Maori

LM:
Tanto per chiarire ogni dubbio in ordine al fatto che ha raccontato prima in ordine al rinvenimento del coltellino, la sua collega ha detto essere un coltellino tipo marmellata, vorrei che lei ponga attenzione a quello che è successo quel giorno, il 18 dicembre. Lei prima ha dichiarato che io, insieme al collega Brusco ci saremmo recati sotto la casa per poi andare successivamente fuori dall'abitazione. Ma lei si ricorda se noi siamo andati sotto, ovvero se io personalmente chiamato dall'Avvocato Tedeschi non mi sia poi affacciato verso la strada e poi a seguito della chiamata dell'Avvocato Tedeschi, insieme al collega Brusco sia andato poi lungo la strada insieme all'Avvocato Tedeschi stesso?
SG:
Guardi Avvocato io mi ricordo, da quello che mi ricordo, poi... Il dottor Mignini stava cercando di spiegare a lei e a tutte le parti le modalità dell'ingresso di Via della Pergola della Polizia Scientifica, ho notato che si è distaccato dal gruppetto e insieme all'Avvocato Brusco avete parlato. L'Avvocato Tedeschi e anche l'Avvocato Brusco mi pare che sia andato lì sotto, nell'ingresso di Via della Pergola dove ci sono gli studenti e controllavano, non so cosa, controllavano anche dietro lo stalletto, se lo vogliamo chiamare stalletto, guardavano lì dietro. Ora non mi ricordo se c'era proprio esattamente lei ma sicuramente l'Avvocato Brusco e l'Avvocato Tedeschi sì, dopodichè ho detto che l'Avvocato Tedeschi si è allontanato uscendo dal cancello, ha percorso Via della Pergola, Viale Sant'Antonio, non l'ho visto più perché io sono rimasto all'interno, lì fa una curva, non ho visto più l'Avvocato Tedeschi, ma dopo è ritornato e, è ritornato da voi o l'ha chiamato, qualcosa del genere, comunque tutti quanti siete andati, se non sbaglio, a vedere.
LM:
Quindi per finire sono stato chiamato dall'Avvocato Tedeschi?
SG:
Mi pare di sì.
LM:
Benissimo, non è importante, era solo per chiarire la posizione mia. Andiamo adesso a cose ben più importanti, cioè agli accertamenti che lei ha eseguito. Allora alle domande del Pubblico Ministero lei Sovrintendente ha detto che ha sentito, oltre ripeto alle perquisizioni che ha fatto, agli accessi in Via della Pergola, ha sentito anche delle persone a sommarie informazioni, ma lei ha fatto anche altri accertamenti? Adesso io glieli ricordo anche in relazione alle annotazioni di servizio che ha redatto. Mi riferisco come primo all'annotazione di servizio del 6 dicembre ore 11.00 in relazione all'attività da lei svolta insieme all'Assistente Capo David Dominici, si ricorda che cosa ha fatto?
SG:
L'accertamento di Via del Melo praticamente.
LM:
Se ci spiega che cosa ha fatto quel giorno, se era insieme all'Assistente Dominici e qual è il contenuto dell'operazione.
GCM:
Se può dire via del Melo rispetto a Via della Pergola dove si trova, se è possibile.
SG:
Praticamente sopra al parcheggio di Sant'Antonio quella via che poi riesce in Piazza Grimana.
GCM:
Queste sono delle foto sopra del 2 novembre, se può... Qua c'è una certa rappresentazione dei luoghi.
SG:
Sì, Via del Melo è quella che praticamente sale le scalette in ferro del parcheggio di Viale Sant'Antonio, sale e poi ritorna a destra, esce anche in Piazza Grimana nuovamente, praticamente è a pochi metri, una trentina di metri, quaranta metri da Via della Pergola.
LM:
Se vuole può consultare naturalmente i suoi appunti.
SG:
No, mi ricordo quello che ho fatto.
LM:
Lei si ricorda esattamente, allora ci può spiegare che cosa ha fatto, qual è l'oggetto dell'operazione.
SG:
Abbiamo suonato in tutti gli appartamenti e chi è che ci ha risposto, era in merito naturalmente se avevano sentito del rumore o qualche urla.
LM:
Lei dice nella sua annotazione "Dovevamo effettuare delle indagini in quanto in un'ora imprecisata della notte tra l'1 ed il 2 novembre, era stato sentito un urlo proveniente probabilmente dalla casa del delitto", questo era l'oggetto della sua attività.
SG:
Sì.
LM:
Quindi ci dica, dove è andato, che cosa ha fatto, a quante case ha suonato, con chi ha parlato.
SG:
Ho parlato con alcune persone residenti nella zona, non è emerso nulla.
LM:
Ci dica quante persone, con chi ha parlato, si ricorderà. Qui non l'ha indicato però si ricorda con quante persone ha parlato.
SG:
Credo una decina, 15 famiglie, 10 - 12 non lo so, chi è che ci ha risposto.
LM:
Quindi diciamo tutti, lei ha bussato, ha suonato insieme al suo collega tutti i campanelli delle case che erano prospicienti a via della Pergola e che ha risposto ha chiesto se avevano sentito qualche cosa?
SG:
Esatto.
LM:
E che cosa... Quando è avvenuta questa sua attività, l'orario?
SG:
Alla mattina.
LM:
Lei qui, verso le ore 11 però l'11 è la redazione della...
SG:
Sì, la mattina dopo le 9.
LM:
Quindi possiamo collocare questo suo accertamento tra le 9 e le 10 e mezza?
SG:
10 e 40, 10 e 45.
LM:
10 e 4 0 del 6 dicembre?
SG:
Del 6 dicembre.
LM:
2007. Come conclude il suo accertamento?
SG:
Che ha dato esito negativo, nessuno ha sentito quelle urla.
LM:
Se possibile vorrei depositare questo...
GCM:
Sì, chiede l'acquisizione dell'annotazione.
LM:
È una annotazione a firma del Sovrintendente Gubbiotti e dell'assistente Dominici, 6 dicembre 2007. Altra attività che lei ha svolto Sovrintendente, Kocomani. Lei naturalmente sa chi è Kocomani.
SG:
Ne ho fatte molte prima, altre prima di Kocomani, proprio...
LM:
Dico Kocomani, a me interessa questo, poi c'è anche la collega, per evitare poi una ripetizione delle nostre domande. Allora per quanto attiene la Kocomani Hecuran lei naturalmente sa chi è Kocomani Hecuran?
SG:
Certamente.
LM:
Testimone albanese che è stato sentito più volte, lei era presente a quando è stato sentito in Questura?
SG:
No, questo non mi ricordo.
LM:
Lei è stato delegato a accertare se Kocomani Hecuran avesse detto qualche cosa in relazione all'apertura di un bar?
SG:
All'apertura...
LM:
All'apertura nel senso se un bar in un determinato giorno, un bar di Perugia in un determinato giorno, era o meno aperto.
SG:
Si sta riferendo a quel locale a Elce?
LM:
Sì, si chiama bar, si ricorda bar Friz.
SG:
Frizzy Bar di Via Innamorati.
LM:
Ecco ci spieghi l'accertamento che lei ha svolto presso il Frizzy Bar di Elce.
SG:
Posso avere, non mi pare di averla.
LM:
La sua annotazione è del 7 giugno 2008. Lei ce l'ha?
SG:
Se mi dà tempo la guardo un attimo. Sì.
LM:
Allora che tipo di accertamento ha fatto presso questo Frizzy Bar e per quale motivo era stato delegato ad andare lì.
SG:
Mi pare che il Kocomani raccontava di essere passato in Via della Pergola e di aver raggiunto questi, sia il bar Frizzy che anche l'ombellico del Mondo, qualcosa del genere se non sbaglio e siamo andati ad accertare se effettivamente lui era andato su questi posti.
LM:
Se erano quindi aperti o meno.
SG:
Esatto.
LM:
Con chi ha parlato, che cosa ha accertato e che cosa le hanno detto?
SG:
Allora non mi ricordo i nomi, posso dare...
LM:
Certo.
GCM:
Sì, è autorizzato già a consultare.
SG:
Naturalmente le indagini erano volte a quei due giorni, sia del 31 che dell'1 novembre. Al bar Frizzy di via Innamorati abbiamo sentito il gestore che era Di Giorgio Daniele.
LM:
Benissimo, che cosa le ha detto Di Giorgio Daniele?
SG:
Che la sera del 31...
GCM:
Ecco, scusi le avete sentite a sommarie informazioni?
SG:
No.
LM:
Per questo che ho fatto... Non è stato sentito a sommarie informazioni.
SG:
No, siamo andati solo a fare degli accertamenti se...
GCM:
Però l'avete sentito come, cioè non era una conversazione.
SG:
Abbiamo fatto una annotazione, mi ha detto che...
GCM:
Sì, ma a seguito di quello che vi ha detto che attività di indagine avete effettuato?
SG:
Noi dovevamo...
GCM:
Sarà sentito...
LM:
Presidente qui non c'è un verbale, quindi io ritengo che possa spiegare, fossa dire quello che...
GCM:
Non è che rilevi, ecco, anche se non c'è, se l'ha effettuato nell'ambito di questa attività investigativa. Allora a seguito di queste informazioni così assunte che cosa avete appurato?
SG:
Abbiamo appurato che il locale era aperto fino alle 2 di notte.
GCM:
Da quando?
SG:
La sera prima, dal 31. Il 31 sera era aperto fino alle due di notte, fino alle 2.
GCM:
Quindi sulla base delle informazioni assunte avete fatto questa ulteriore attività di indagine e l'esito è questo. Chi è questo che vi ha fornito questa indicazione?
SG:
È il proprietario del bar.
GCM:
Cioè si chiama?
SG:
Di Giorgio Daniele.
LM:
E sempre in ordine a questo tipo di attività che avete svolto, avete anche chiesto a qualcuno o al proprietario o ad altre persone se si era presentato quella sera il Kocomani?
SG:
No, assolutamente.
LM:
Quindi voi vi siete limitati a sapere, a conoscere della...
SG:
Gli orari dell'attività.
LM:
Andiamo ad un altro punto, le telecamere del parcheggio. Su annotazione del 21 novembre 2 007 sempre con l'assistente Buratti.
SG:
Mi dica Avvocato, se la trovo bene se no mi ricordo qualcosa.
LM:
Deve dirci alcuni ben orari ben precisi, quindi forse se lei riesce a prenderlo, comunque io inizio le mie domande. Lei ha visionato insieme l'assistente Buratti le telecamere del parcheggio in relazione alla sera del delitto dell'1 novembre?
SG:
Sì.
LM:
Su quale punto si è accentata la sua attenzione, tanto che ha fatto e ha redatto l'annotazione di servizio?
SG:
Posso rivederla Avvocato? Premetto naturalmente che le immagini erano molto scarse.
LM:
Ci può dire la sequenza degli orari relativi al carro attrezzi, cioè nel momento in cui voi vedete il famoso carro attrezzi e poi il momento in cui finisce la video registrazione?
SG:
Alle 23.04.
LM:
Del giorno?
SG:
La sera dell'1.
LM:
Dell'1 novembre. Ci dica allora, che cosa vide?
SG:
Vedo quello che c'è sulle immagini delle telecamere, il carro attrezzi che arriva alle 23.04 e rimane in sosta fino alle 23.14.
LM:
Dove sosta il carro attrezzi?
SG:
Il carro attrezzi sosta, se non sbaglio dalla parte di, di fronte al parcheggio, se non sbaglio.
LM:
Va bene. Poi lei nota, insieme al suo collega, un'altra sequenza relativa all'orario 23.23.47 che cosa ci sa dire in ordine a questa...
SG:
Premetto che le immagini sono veramente scarse, a prescindere dal carro attrezzi che si riconosce bene che c'ha i lampeggianti sopra come tutti i carro attrezzi, comunque c'ha un fascio di luce che esce, si presume dalla via della Pergola, però non è stato possibile identificare il veicolo.
LM:
Lei parla anche di una sequenza successiva, ci dica che cosa... Poi dopo lo depositiamo. Nella sequenza successiva si nota parzialmente un veicolo di colore scuro che si muove da destra verso sinistra con i fari accesi.
SG:
Però la scarsità delle immagini...
LM:
Non vi permette di identificare, però questo veicolo proveniva da Via della Pergola.
SG:
Si presume dalle immagini, si presume ma non...
LM:
Credo che possa essere prodotta, vorrei produrre l'annotazione 21 novembre 2007 Sovrintendente Gubbiotti e Assistente Buratti.
GCM:
Sulle varie produzioni e intendimento è di decidere in modo unitario riassumendo tutte le richieste di produzione che nella udienza di ieri e di oggi sono state indicate. Prego Avvocato.
LM:
Ultimo punto, noi Sovrintendente ci siamo visti il 29 novembre del 2007 all'interno del carcere di Perugia. Lei stava eseguendo un sequestro nei confronti di Amanda Knox ed in quell'occasione noi ci siamo visti con Raffaele Sollecito per un altro tipo di attività, si ricorda?
SG:
Sì, Avvocato.
LM:
Mi dica che cosa...
SG:
C'è un verbale di sequestro, c'è un verbale di acquisizione...
GCM:
Scusi la domanda, Avvocato, qual è?
LM:
Se si ricorda che tipo di attività è stata svolta quel giorno il 29 novembre all'interno dell'ufficio matricola del carcere di Perugia alla presenza mia, di Raffaele Sollecito, Sovrintendente Gubbiotti e mi sembra Assistente Dominici e l'Ispettore Argirò della Polizia Penitenziaria.
SG:
Mi ricordo che era molto alterato Avvocato, non so perché ma era molto...
LG:
Chi era alterato?
SG:
No, l'Avvocato.
GB:
Va bene, ma perché questi commenti?
GCM:
Scusate, scusate ecco, prego.
SG:
Non so perché si era...
LM:
Non c'è motivo di nasconderlo.
GCM:
Scusate, stiamo alle circostanze di fatto che poi sono quelle richieste nella domanda. Quindi l'attività...
SG:
Scusi era il 23?
LM:
Il 2 9 novembre. Per ricordarle, lei ha visionato quel giorno un diario, un quaderno di Raffaele Sollecito alla mia presenza?
SG:
Mi pare che c'era questa, un quaderno, mi pare che era un quaderno.
LM:
Si ricorda il colore?
SG:
Che guardi io...
LM:
La copertina.
SG:
Colore fucsia.
LM:
Ci spieghi come mai avete visionato questo quaderno, anche il motivo per cui ero alterato, se lo vuole dire, non c'è problema, sono fatti e circostanze relative alla sua attività.
SG:
Perché c'era da sequestrare se non sbaglio materiale di Raffaele Sollecito, c'era anche questo quaderno fucsia che tra l'altro non abbiamo potuto sequestrare perché l'Avvocato Maori ha ritenuto che fosse corrispondenza con il suo cliente, pertanto non è stato sequestrato il quaderno fucsia.
LM:
Avete parlato con il Pubblico Ministero di tale attività?
SG:
Certamente.
LM:
Il Pubblico Ministero che vi ha detto?
SG:
Di non sequestrarlo.
LM:
Lei l'ha letto questo...
SG:
No, non mi ricordo. Non avevamo nemmeno tempo di leggerlo Avvocato.
LM:
Non era a conoscenza del contenuto di questo quaderno, non l'aveva mai visto prima?
SG:
Assolutamente.
LM:
Grazie.

Difesa - AVV. Bongiorno

GB:
Io farò domande su altri temi, non ripercorro quelli dell'Avvocato Maori. Perquisizione del 6 novembre lei abbiamo detto che era nella stanza di?
SG:
Di Amanda.
GB:
Insieme a?
SG:
Lorena Zugarini, Assistente.
GB:
Che ha scelto gli oggetti che sono stati sequestrati?
GCM:
Intanto sono stati sequestrati degli oggetti quel giorno, sequestrati nel senso prelevati?
SG:
Prelevati...
GB:
Risulta da questo verbale che è stato sequestrato un diario, una macchina fotografica, un computer portatile, un quaderno di colore giallo, chiavi dell'appartamento, un quaderno grande di colore verde.
GCM:
Quindi la domanda, se può dare risposta.
SG:
Pensavamo di trovare qualche traccia o qualcosa.
GB:
Volevo sapere se per stabilire prendiamo questo piuttosto che questo, parlavate tra voi, chiedevate ai vostri superiori, c'era un colloquio, come avvenivano queste decisioni?
SG:
Ho ritenuto di prelevare alcuni oggetti tra l'altro anche una macchina fotografica, il computer di Amanda e naturalmente essendoci lì il dottor Profazio ho fatto notare all'inizio nella stanza sul corridoio che c'erano queste cose e le ho repertate, le ho sequestrate.
GB:
Quindi lei ha informato il dottor Profazio...
SG:
O al dottor Profazio o al Sostituto Commissario, non ricordo bene, ma non c'era bisogno comunque di... Cioè avevo deciso io personalmente di prenderlo.
GB:
Lei ha deciso e poi l'ha comunicato a loro due?
SG:
Certo.
GB:
Questa comunicazione come avveniva?
SG:
Dall'uscio della stanza mi sono affacciato e ho comunicato questo appunto, ma niente di particolare. Ho trovato alcune cose e le porto via, punto.
GB:
Senta in questo verbale c'è scritto che la perquisizione si è estesa a tutte le stanze della casa, ora però facendo il calcolo io riesco bene a smistare le persone, me le smista lei per tutte, visto che si parla di tutte le stanze?
SG:
Dunque con la Lorena Zugarini ha fatto Amanda.
GB:
E questo è chiaro.
SG:
Dopodichè al termine dell'operazione ho controllato un attimo l'ingresso della cucina.
GB:
Con o senza la Zugarini?
SG:
Non ricordo se c'era, penso che era vicino a me, c'era anche Barbadori.
GB:
Barbadori, prima ad Amanda e poi in cucina, poi?
SG:
Poi basta.
GB:
I bagni chi li ha fatti?
SG:
I bagni ci siamo solo affacciati ma non c'era nulla.
GB:
Chi di tutti si è affacciato?
SG:
Su un bagno anche io, non ricordo quale, credo quello appena si entra sulla destra della Romanelli e della...
GB:
La cucina in che condizioni era, avete spostato oggetti, avete fatto anche... Cioè stiamo parlando di vere e proprie perquisizioni, giusto?
SG:
Beh, tenga presente che c'era stata la Scientifica tre giorni, quindi era un pochino sottosopra la cucina.
GB:
Sì.
SG:
Quindi abbiamo spostato degli oggetti ma rimessi sempre nella stessa stanza.
GB:
Questo ce l'ho chiaro perché me le dite tutti, voglio sapere se era una vera e propria perquisizione per cui effettivamente c'era rovistamento, spostamento di oggetto, verifica delle cose oppure...
SG:
Non decisa, non una perquisizione decisa, anche perché c'era stata molto la Scientifica quindi...
GB:
Lei sa che l'attività della Scientifica è una cosa la vostra è un'altra, quindi voi cosa cercavate?
SG:
Qualsiasi cosa che poteva agevolarci alle indagini.
GB:
Come la cercavate, mi dica le modalità?
SG:
Spostavamo degli oggetti e controllavamo quello che ci poteva interessare.
GB:
Cosa è stato spostato nella stanza di Amanda?
SG:
Nella stanza di Amanda, abbiamo aperto il cassetto del comodino, abbiamo aperto l'armadio.
GB:
Ma aperto il cassetto e guardavate o aperto il cassetto e toccavate, prelevavate, verificavate?
SG:
Certamente abbiamo all'interno trovato mi pare un diario o qualcosa del genere.
GB:
Quindi quando lei dice aperto cassetto, apro il cassetto e poi cosa faccio?
SG:
Guardo cosa c'è all'interno e rovisto all'interno, guardo attentamente quello che...
GB:
Quindi apro tutti i cassetti e rovisto in tutti i cassetti?
SG:
Sì, non c'erano tanti cassetti nella stanza di Amanda, comunque sì.
GB:
Tutti non significa miliardi, quelli che ci sono, tutti i cassetti, anche se tre, sono stati tutti aperti e rovistati, va bene. Poi cos'è che è stato aperto, rovistato?
SG:
L'armadio che tra l'altro era già aperto se non sbaglio.
GB:
In questo armadio cosa è stato fatto?
SG:
Abbiamo spostato, non mi ricordo se c'erano gli abiti dentro, non me lo ricordo questo.
GB:
Dopodichè siete passati in cucina e cosa avete fatto?
SG:
In cucina abbiamo dato un'occhiata, personalmente ho dato un'occhiata...
GB:
Qui c'è scritta perquisizione estesa a tutte le stanze, perché occhiata e non attività di verifica?
SG:
Sì sì, abbiamo effettuato questa, cioè insieme c'era anche Barbadori.
GB:
Allora avete fatto una perquisizione in cucina?
SG:
Per quanto riguarda il mio operato era soprattutto sulla stanza di Amanda, il resto è stata una...
GB:
Quindi Barbadori ha perquisito la cucina e lei guardava l'attività di Barbadori?
SG:
Anche sì.
GB:
Lei ha detto per quello che mi riguarda io ho fatto solo quella stanza, gli altri soggetti oltre Barbadori che mi ha detto le risulta oltre la singola stanza se hanno fatto altre attività?
SG:
No. Soltanto quella della perquisizione.
GB:
Poi il corridoio camminavate sul corridoio oppure no, nel corridoio?
SG:
Al termine della perquisizione di Amanda sono rimasto in cucina.
GB:
Sì, come ha fatto, una specie di salto o ha attraversato corridoio?
SG:
Certo che ho attraversato il corridoio.
GB:
E gli altri camminavano in questo corridoio o no?
SG:
L'attività della perquisizione della stanza di Meredith credo che era ancora in atto, io sono uscito dalla stanza di Amanda e mi sono portato sulla cucina, dopodichè sono entrato, mi sono affacciato sul bagno grande e poi sono uscito.
GB:
Degli altri lei non è grado di riferire cosa hanno fatto?
SG:
No.
GB:
Siccome mi aveva detto io e gli altri...
SG:
Io più che altro la Lorena Zugarini so quello che ha fatto perché era insieme a me.
GB:
Sì, era insieme a lei, siccome le avevo fatto una domanda a monte, le ho detto: ognuno è stato nella sua stanza? Sì. Adesso le chiedo come fa a saperlo, cioè o lei li ha visti o hanno li ha visti, mi spieghi sugli altri cosa mi può dire?
SG:
Io quando sono entrato c'era la perquisizione ancora di Meredith e stavano ultimando la perquisizione di Meredith, sono uscito.
GB:
Perfetto, non sa poi...
SG:
Non è che devo andare a controllare quello che hanno fatto gli altri miei colleghi.
GB:
Ma io le sto chiedendo...
SG:
Ma io le sto spiegando che sono uscito.
GB:
Perfetto dopodichè le tre persone che erano in stanza di Meredith cosa hanno fatto? Sono uscite, hanno attraversato il corridoio, sono andate via, vi hanno raggiunto in cucina?
SG:
Per uscire devono passare per forza sul corridoio.
GB:
Ecco, questa era una cosa semplicissima, perfetto. Passiamo alla casa di Raffaele Sollecito quando c'è stato appunto questo coltello, lei era presente quando è stato preso il coltello?
SG:
Impossibile ero in via della Pergola.
GB:
Quindi lei di questo coltello ha avuto notizia solo in Questura quando le è stato portato?
SG:
Esatto.
GB:
Quando le è stato portato questo coltello le è stata consegnata una busta o una carpetta con dentro una busta?
SG:
Una scusi?
GB:
Quando le è stato consegnato questo coltello che poi lei ha repertato poi vedremo come, le è stato consegnata questa busta di carta o questa busta era dentro una cartellina?
SG:
Una busta, è una busta gialla, ha nostra busta gialla della Squadra Mobile, della Questura di Perugia.
GB:
Questa busta gialla della Questura di Perugia era arrotolata alla fine o era sigillata o era aperta?
SG:
Era arrotolata, non ricordo se era chiusa con qualcosa ma era arrotolata.
GB:
Quando lei ha preso questa busta e ha detto ho usato una scatola di quelli che si usano per agende, questa scatola che si usa per agende lei dice comunque era scatola che aveva utilizzato solo l'agenda, siamo nel novembre, si tratta di agende dell'anno passato immagino.
SG:
Si tratta di agende che probabilmente ne arrivano qualcuna in più e che rimangono e che comunque, le agende non è che si regalavano solo a Natale, si regalano anche durante gli altri mesi, cioè avevo questo contenitore dell'agenda da una parte e l'ho preso, insieme ad altre scatole.
GB:
Dove vengono custoditi questi contenitori?
SG:
Dentro un altro scatolone dentro l'armadio.
GB:
Dopodichè questa scatola di agenda con dentro questa busta...
SG:
No. Ho detto prima che ho prelevato con i guanti il coltello dalla busta e l'ho inserita per motivi di sicurezza in una busta, in una scatola un pochino più dura in modo tale che nessuno si potesse ferire, quindi io ho preso il coltello e l'ho messo dentro questa scatola dell'agenda e sigillata.
GB:
Scusi, allora non avevo capito una cosa, lei quando la busta famosa gialla è stata eliminata ad un certo punto?
SG:
Sì.
GB:
E questo coltello è stato messo solo ed esclusivamente in questa scatola?
SG:
Sì.
GB:
Non ha ritenuto di metterlo prima in un contenitore, in un cellofan, prima di metterlo nella scatola?
SG:
No, assolutamente. Per me quella scatola era estranea ad attività che svolgevamo, cioè era una scatola vuota, non c'era nulla.
GB:
Era una scatola che lei aveva preso da dove, cioè come possiamo avere la certezza che era una scatola che non aveva, che non era sporca, che non era stata comunque...
SG:
Va dentro in uno scatolone dove teniamo altre scatole.
GB:
E a lei le bastava questo come garanzia diciamo?
SG:
Sì.
GB:
Grazie.

Difesa - AVV. Ghirga

LG:
Dice che lui va in Via della Pergola il 6 per la perquisizione famosa camera di... Il 4 lei è andato in Via della Pergola per accompagnare per esempio le due coinquiline, quel famoso incontro del 4 novembre Presidente, Mezzetti Laura e Romanelli Filomena, ricorda se...
SG:
È possibile che sono andato in via della Pergola ma sicuramente sono rimasto dentro...
LG:
Io le ho chiesto se ricorda, perché prima ha detto che è venuto il 6?
SG:
No, non lo so Avvocato, presumo di si, non mi ricordo.
LG:
È una circostanza piuttosto dibattuta, se il 4 novembre, quando c'era la Scientifica e quando c'erano i suoi colleghi, quando c'era il Pubblico Ministero dottor Mignini a lei è capitato di andare in via della Pergola ad accompagnare per esempio Laura Mezzetti e Filomena Romanelli, soprattutto Laura Mezzetti, perché c'è un verbale a sua... Se lo ricorda adesso? C'è anche un verbale di...
SG:
Non mi ricordo la data, però mi ricordo che comunque...
LG:
Il verbale di sommarie informazioni Mezzetti Laura è del 15 novembre, lo rende davanti al Sostituto Commissario Napoleoni e a lei e dice "Ricordo che il 4 novembre, giorno in cui mi avete fatto entrare nell'abitazione di via della Pergola", se ricorda adesso la circostanza.
SG:
Mi avete fatto entrare è una parola...
LG:
Parla davanti a voi due, davanti a lei e davanti a Napoleoni, Mezzetti Laura, è una circostanza che è già emersa al dibattimento e dice... Gliele dico le parole, cioè prima ho fatto la domanda, ricorda se c'è stato, lei non ricorda, come contestazione le leggo la frase. "Quel giorno che mi avete fatto entrare", mi avete si rivolge ai verbalizzanti.
SG:
Mi avete si rivolge anche alla Polizia poi bisogna...
GCM:
Comunque lei non lo ricorda.
LG:
Va bene, ha detto che non ricorda. E l'altro coltello quello trovato, adesso torniamo al 6 novembre, casa di Sollecito del primo abbiamo lungamente discusso, dell'altro, gli è stato pure consegnato da coloro che hanno fatto la perquisizione ed il sequestro?
SG:
Certamente.
LG:
Un coltello di dimensioni più piccolo a serramanico e l'ha spedito insieme ad altri reperti alla Scientifica, salvo poi...
SG:
Sempre, ogni reperto ha una scatola.
LG:
Ricorda come l'ha garantito, come l'ha ricevuto, come l'ha imbustato, se l'ha messo insieme ad altri reperti, poi non ricorda lei se... Io le ho fatto la domanda.
GCM:
Sì, è chiara la domanda.
LG:
È chiara.
GCM:
Quest'altro coltello... Di un coltello ne ha parlato, è quello della foto rammostratale.
SG:
Sì, l'altro coltello con le stesse modalità, con un'altra scatola diversa non mi ricordo...
GB:
Come gli è arrivato, cosa gli è arrivato?
LG:
Io gliel'ho chiesto, come gli è arrivato, come...
GCM:
Scusi quest'altro coltello chiedeva l'Avvocato, del primo lei ha riferito si trovava in quella busta, lei l'ha preso con i guanti, l'ha messo nella scatola che prima conteneva un'agenda, scatola che custodiva in quell'armadio in uno scatolone, quest'altro coltello che sempre proveniva dalla casa, dall'abitazione di Sollecito Raffaele, lei l'ha ricevuto che stava, dove stava?
LG:
Dove stava?
SG:
Sempre dentro una busta gialla, adesso non mi ricordo.
GCM:
Un'altra busta, ma presume...
SG:
Credo sempre in una busta gialla.
GCM:
E lei l'ha preso da questo suo contenitore?
SG:
Ed ho fatto il reperto.
GCM:
Quando l'ha preso, chiede sempre l'Avvocato lei usava gli stessi guanti utilizzati per l'altro coltello o ha cambiato guanti se se lo ricorda, o era lo stesso...
SG:
Presumo che non siano stati gli stessi guanti perché sono fumatore e esco ogni 20 minuti a..., e quando tolgo il guanto non si rimette comunque il guanto.
GCM:
Sì, ma quando aveva fatto l'operazione del primo coltello, quello di cui alla foto che le è stata mostrata...
SG:
Non mi ricordo se era nello stesso... Questo non mi ricordo.
GCM:
Ha usato gli stessi guanti per prendere il secondo coltello?
SG:
Penso di no.
GCM:
E poi preso questo coltello con questi guanti e pensa che non siano gli stessi dove l'ha messo questo coltello, sempre in una...
SG:
In un altro contenitore, non mi ricordo se era una scatolina più lunga o più rigida, questo non me lo ricordo.
GCM:
E poi queste scatole lei le avvolgeva, come venivano confezionate, oppure c'era il coperchio della scatola?
SG:
Vengono avvolte sempre da altra carta e poi con il cellofan, con il nastro adesivo viene fermata la carta.
GCM:
Scusi questa scatola è una scatola in cui c'è il contenitore basso e poi il coperchio oppure, non so... Com'è questa scatola?
SG:
Abbiamo varie scatole...
GCM:
Ma la scatola usata nelle fattispecie.
SG:
Sono diverse, ogni scatola è diversa Presidente.
GCM:
Ma c'ha il coperchio, c'aveva il coperchio quella...
SG:
È possibile che aveva il coperchio, è possibile che aveva un'uscita esterna laterale.
GCM:
E l'avete custodita con questa carta?
SG:
Comunque sempre avvolto con la carta.
GCM:
E queste modalità anche nel secondo coltello, oggetto della domanda dell'Avvocato, è così?
LG:
C'erano altri reperti provenienti da casa Sollecito in quella circostanza, oltre i due coltelli?
SG:
Avevamo anche le spugnette, avevamo anche un secchio, avevamo boxer.
LG:
E tutto questo materiale è stato trasmesso, non lo sa, ma glielo richiedo, siete voi che l'avete portato alla Scientifica o alla Scientifica mandato qualche mezzo di trasporto? Come pervennero alla Scientifica di Roma questi materiali? Prima ha detto che non...
SG:
Dopo repertato ripeto non mi ricordo se è la Polizia Scientifica di Perugia che l'ha preso e l'ha portato a Roma oppure direttamente la Polizia Scientifica di Roma.
LG:
Va bene, grazie.

Pubblico Ministero

GM:
Il primo oggetto che lei ha preso con i guanti nuovi, quale è stato quando il Finzi le ha portato il materiale?
SG:
Il coltello che mi avete fatto vedere la foto.
GM:
Reperto 36.
GCM:
È questo?
SG:
Sì, confermo.
GCM:
Tenevamo al sonoro ai fini anche della registrazione, prego.
GM:
Quindi lei ha preso questo coltello dopo essersi cambiato i guanti, dopo essersi...
GB:
Presidente, così mi pare che sia...
GM:
Lei...
GB:
Facciamo domande.
GM:
Un attimo, non vorrei essere interrotto, lei ha preso questo coltello con i guanti che aveva cambiato da poco?
SG:
No no, assolutamente. Avevo preso il coltello, avevo calzato i guanti nuovi e ho fatto il reperto.
GM:
Quindi lei ha calzato i guanti nuovi e ha preso questo coltello?
SG:
Sì sì.
GM:
Poi volevo sapere un'altra cosa: questo famoso diario del 29, di questo diario lei ha letto sui giornali resoconti?
SG:
Probabilmente ma non mi ricordo.
GM:
Non ho altre domande.

Parte Civile - AVV. Maresca

FM:
Un chiarimento quando lei invia i reperti, in particolare il coltello che ci interessa alla Scientifica di Roma, ha detto che chiude la scatola e se ho capito bene fa un contrassegno del reperto, lo indica?
SG:
Sì sì.
FM:
Cioè come viene indicato il reperto rispetto agli altri?
SG:
Viene scritto, viene repertato, viene... Si scrive quello che contiene la scatola, se ben ricordo...
FM:
Dove lo scrive e come lo scrive?
SG:
In questa occasione ho repertato tre scatoloncini mi pare se non sbaglio, dove su ogni scatola conteneva il materiale sequestrato, suddiviso in varie scatole. Ci sta un verbale consegna del reperto.
FM:
Quindi ogni contrassegno indica quello che è contenuto nella scatola?
SG:
Confermo.
FM:
E le scatole vengono riaperte se è a sua conoscenza dai sui colleghi della Scientifica a Roma o ci sono delle fasi intermedie?
SG:
Assolutamente, nessuna fase intermedia.
FM:
Quindi l'apertura di questa scatola da lei chiusa avviene nei laboratori della Scientifica di Roma?
SG:
Sì.
FM:
Come da verbali, etc.?
SG:
Sì.
FM:
Si ricorda di un accertamento che lei ha fatto in relazione alla telecamera numero 7 del parcheggio di via della Pergola su richiesta del Giudice dell'Udienza Preliminare, dottor Micheli? C'è una sua annotazione del 2 9 settembre.
SG:
Era riferita alla Polizia Postale?
FM:
Come?
SG:
Era riferita alla Polizia Postale, non mi ricordo.
FM:
Era riferito all'arrivo della Polizia Postale.
SG:
Sì.
FM:
Lei ha quella annotazione?
SG:
Mi ricordo comunque questo accertamento che riguardammo il nastro, il Cd.
FM:
No, io le faccio la domanda, vorrei sapere qual era 11 quesito in relazione al quale il dottor Micheli incarica voi di fare questo accertamento e qual è poi l'esito dell'accertamento.
SG:
Era inerente all'arrivo, l'orario esatto della Polizia Postale quando l'ispettore Battistelli per la prima volta era arrivato in Via della Pergola e si richiedeva naturalmente qualche traccia. Ora visionando nuovamente le telecamere, il cd, abbiamo notato che alle 12 e 36 se non sbaglio del 2, era arrivata l'autovettura della Polizia Postale che ha parcheggiato, c'era traffico anche, ha parcheggiato proprio all'ingresso del parcheggio di Via Sant'Antonio senza entrare, si è fermata, ha fatto una breve sosta, sembra che sia sceso qualcuno dalla macchina ma non si nota bene la persona, ma presumo l'Ispettore Battistelli e l'orario della telecamera era le 12 e 36 confermata naturalmente, che non conoscevo comunque la Punto nera scura, che è proprio quella della Polizia Postale.
FM:
Si ricorda se c'era qualche elemento in più sull'esattezza poi della telecamera dell'orario...
SG:
Mi pare che era avanti l'orario di 10 minuti circa, pertanto dovrebbe essere state le 12 e 26, 12 e 27 all'arrivo della Polizia Postale.
FM:
Quindi avete accertato che la Polizia Postale arriva in via della Pergola attorno alle 12 e 26?
SG:
Sì, praticamente sì.
GB:
Questa sintesi finale...
GCM:
12... A che ora?
SG:
La telecamera riportava l'orario delle 12 e 36 ma abbiamo accertato, non ricordo se con qualche tecnico o con qualcosa, che... Anzi no, tramite anche i nostri orologi all'epoca, che l'orario era davanti di 10 minuti circa.
FM:
Quindi?
SG:
12 e 36, andava 10 minuti avanti, quindi dovrebbero essere state le 12 e 26 all'arrivo della Polizia Postale.
FM:
Chiederei Presidente di acquisire questa annotazione a firma del Sovrintendente Gubbiotti inviata poi dal suo dirigente il dottor De Munno al G.U.P. dottor Micheli, questa è l'annotazione. Termino poi sulla perquisizione del 6 di cui abbiamo parlato tutti. Voi apponete, vi è già stata fatta la domanda, apponete i sigilli per la prima volta terminata la perquisizione?
SG:
Sì sì.
FM:
Immediatamente dopo?
SG:
Alla chiusura
FM:
Chiederei l'acquisizione anche di questo verbale Presidente di cui abbiamo discusso tutti quanti e che abbiamo utilizzati tutti per le domande ai vari sottoscrittori dello stesso che sono la Zugarini, la Napoleoni e Bigini e Gubbiotti. Grazie ho terminato.

Difesa - AVV. Bongiorno

GB:
Su queste telecamere, quando si vede attraverso le telecamere che passa, quando lei individua attraverso la visione, insomma potremmo vedere pure noi questa Punto, dalla visione si vede che questa Punto effettivamente poi va verso casa di Via della Pergola oppure si vede un passaggio e non si sa che direzione prende e non si sa se qualcuno scende o non scende?
SG:
Allora dalla visione si vede sostare l'Autovettura della Punto e rimanere ferma un po', sembra che un'immagine non ci sia il passeggero pertanto presumo che sia stato Battistelli ne è scuso dall'autovettura a cercare il numero 7 di via della Pergola, entrare in via della Pergola numero 7.
GB:
Però si vede poi che fine fa questa autovettura?
SG:
Sì, va avanti probabilmente per trovare un parcheggio.
GB:
Lei vede che va, effettivamente lei riesce a vedere attraverso le telecamere che poi...
SG:
Mi pare di sì.
GB:
Va bene, vedremo. Invece parliamo di una cosa che lei in ha lasciato un po' in sospeso. Lei ricorda con certezza che il primo coltello che lei ha toccato con i guanti nuovi di zecca era questo famoso coltello, dopodichè rispondendo al collega quando le chiedeva appunto su un eventuale cambio di guanti, etc., lei ha detto penso, siccome sono un fumatore spesso esco e andando a fumare cambio i guanti perché evidentemente forse non fuma, cosa intendeva dire questa storia del fumo?
SG:
Che probabilmente sono uscito fuori a fumare, ho tolto i guanti e li ho rimessi quando ho ricominciato la mia attività.
GB:
Lei collega questo fatto che è andato a fumare... Perché dice: credo che sono andato a fumare, perché ricorda di aver levato i guanti? Cioè questo ricordo del fumo che cos'è?
SG:
Mi pare di averlo fatto.
GB:
Scusi i reperti erano più d'uno perché abbiamo visto con il telo grande, con il telo piccolo e spugnette, lei ogni reperto cambiava guanti oppure li cambiava se andava a fumare?
SG:
No, credo di aver cambiato i guanti 4 o 5 volte presumo.
GB:
Perché lei ha questa presunzione ed ogni tanto è certo?
SG:
Non mi ricordo quante volte ho tolto i guanti.
GCM:
Scusi la domanda dell'Avvocato, vuole sapere questo l'Avvocato: cioè lei l'esigenza di cambiare i guanti da che deriva? Dal fatto che va a fumare quindi le danno fastidio o dal fatto...
SG:
Ma dipende anche quale...
GCM:
Che cambia reperto da confezionare.
SG:
Quale reperto magari posso mettere dentro la scatola.
GB:
Sì, però le sto dicendo, lei mi sta riferendo quello che ricorda o quello che nella prassi fa, perché la vedo abbastanza incerto.
SG:
Io le posso dire, che almeno dei reperti tipo il secchio, lo strofinaccio, credo di aver effettuato i reperti con lo stesso guanto, in vari distinti, i tre scatole mi pare tre reperti distinti, pertanto...
GB:
Siccome abbiamo parlato molto di guanti e mi si è detto che per quanto riguarda la Polizia vengono utilizzati per una singola attività gli stessi guanti, ora volevo capire... Questo è stato detto sia se c'è addirittura una perquisizione. Volevo capire se lei invece improvvisamente l'oggetto, i vari oggetti che sono stati toccati con gli stessi guanti ed altri invece lei si cambia i guanti ogni volta, è così?
SG:
Dipende dal...
GB:
Nel caso di specie cosa ha fatto?
SG:
Dai reperti. Le ho detto prima il secchio, la spugnetta, vari reperti...
GB:
Stessi guanti?
SG:
Con lo stesso guanto. Alcuni reperti ho cambiato i guanti.
GB:
Il coltellino piccolo se era andato a fumare sì, se no no.
SG:
Il coltello, dunque...
GB:
Quello siamo sicuri.
SG:
Chiedo scusa, Meredith è stata uccisa sicuramente all'epoca con un'arma da taglio, pertanto le cose importanti da repertare erano i coltelli, quindi questi coltelli sono stati repertati e ogni volta che sono stati repertati sono stati cambiati i guanti.
GB:
Lei ora arriva questa certezza, poco fa mi faceva...
SG:
Chiedo scusa, è scontata la cosa perché è importante, sono importanti questi reperti. Ora se mi dice che cambio i guanti per una spugnetta o per uno strofinaccio, le dico guardi non li ho cambiati. Ma per questi oggetti importanti...
GB:
Sì, io le sto facendo notare una cosa perché lei prima ha detto penso di no, se sono andato a fumare no, cioè volevo capire se lei è in grado... Se lei mi sta dicendo una prassi che fate rispetto alle cose importanti o lei ha un ricordo preciso, tutto qui.
SG:
Nel momento, valuto nel momento in cui reperto le cose.
GB:
Va bene grazie.
GCM:
Ci sono domande? Non ci sono altre domande.

Presidente

GCM:
Solo una circostanza, lei ha detto che la Punto che ha visto dell'ispettore Battistelli ad un certo punto si è fermata, può dire se si è fermata superato l'accesso alla casa di via della Pergola 7, o prima di questo accesso?
SG:
Proprio di fronte praticamente si vede proprio di fronte alla telecamera, all'ingresso del parcheggio che è proprio di fronte all'ingresso...
GCM:
Da questo punto per eventualmente accedere a via della Pergola 7, è possibile o bisogna fare il giro, ritornare davanti.
SG:
Come era parcheggiata l'autovettura doveva andare per forza in avanti o a retromarcia.
GCM:
Lei ricorda se questa stessa Punto l'ha vista due volte visionando ovviamente la ripresa della telecamera o l'ha vista solo una volta?
SG:
Non ricordo questo. Comunque non c'era il passeggero quindi non si vedeva la sagoma del passeggero quindi Battistelli era sceso dall'autovettura.
GCM:
Va bene, non ci sono altre domande. Solo su questa domanda Avvocato.

Difesa - AVV. Maori

LM:
Naturalmente in ordine alla Punto. Ma lei ha visto la targa della Punto per essere così certo che fosse la Punto nera della Polizia Postale? Come fa a dire...
SG:
Non ricordo se abbiamo fatto l'accertamento della targa, ma ricordo che comunque l'altro collega che stava insieme a Battistelli mi pare che aveva riconosciuto l'autovettura, non ricordo, in questo momento...
LM:
Lei ha riconosciuto, può dire con certezza che quella era la Punto nera della Polizia Postale, sì o no?
SG:
Presumo che sia stata...
LM:
Sì o no?
SG:
No, Avvocato, è la Punto della Polizia Postale.
LM:
Perché è la Punto?
SG:
Perché è in quell'orario che è arrivata la Punto, non c'era il passeggero e mi confermano i colleghi della Polizia Postale che effettivamente il Battistelli era sceso per entrare al cancello di Via della Pergola numero 7.
LM:
Comunque lei non ha visto...
SG:
Non mi ricordo adesso della targa Avvocato.
GCM:
Questo accertamento l'ha fatto da solo lei, questa visione della telecamera oppure insieme ad altri?
SG:
L'abbiamo visto in più credo, ma comunque... Ho verbalizzato io.
GCM:
Non ci sono altre domande, il teste viene congedato. Sulle produzioni sono state effettuate dalle parti ieri e oggi nel corso delle due udienze, magari vengono tutte messe a disposizione delle parti se ci sono questioni altrimenti...
GB:
Nulla osservano.
LG:
Chiedo scusa, io ricordo un'obiezione dall'Avvocato Dalla Vedova verbalizzata.
GCM:
Sì, ma era un'obiezione perché il documento non era...
LG:
Se ricordo bene, se no mi corregge, non c'era una corrispondenza tra testo e traduzione in italiano, qualcosa del genere.
GCM:
È giusto Avvocato, poi successivamente l'Avvocato Maresca aveva integrato la produzione dando completezza alla stessa.
FM:
Sì, esattamente. Ho prodotto la traduzione integrale del manoscritto e le due copie di fogli inseriti dentro con traduzione.
LG:
L'obiezione rimane, mi dispiace.
GCM:
Scusate l'udienza non è terminata. Si acquisiscono tutti i documenti ai fini della loro utilizzabilità, i documenti e gli atti, che le parti hanno indicato e che sono stati inseriti in appositi fascicoletti ai fini della loro utilizzabilità, quindi si rinvia all'udienza del 13 marzo 2009 ore 9.30, si confermano le date già indicate.
GM:
Io mi riservo di controcitare i testi e di indicare una nuova lista di testi, forse anche comprensiva dei vecchi.
GCM:
Almeno 5 giorni prima della prossima udienza, a cura della Procura verrà depositato l'elenco dei testi che verranno nelle successive udienze, almeno nelle udienze più vicine sentiti. Quindi ci confermano le date successivamente indicate, si rinvia all'udienza del 13 marzo 2009 ore 9.30 con invito a tutte le parti a comparire senz'altra comunicazione. Si dispone per la traduzione degli imputati. Si invita altresì l'interprete a comparire, si manda al Pubblico Ministero per la citazione dei testi che vorrà che vengano esaminati. L'udienza è tolta.