Simone Tacconi's Testimony

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
DEPOSIZIONE DEL TESTE - TACCONI SIMONE -
Key to abbreviations
MC Manuela Comodi Prosecutor Pubblico Ministero
ST Simone Tacconi Witness being questioned Official of the Postal and Telecommunications Police of Rome
GCM Giancarlo Massei Judge Presidente
SS Sabrina Scaroni Counsel for civil plaintiff Patrick Lumumba Avvocato
MDG Maria Del Grosso Defense counsel for Amanda Knox Avvocato
LG Luciano Ghirga Knox defense lawyer Avvocato
GB Giulia Bongiorno Sollecito defense lawyer Avvocato

Il TESTE, AMMONITO AI SENSI DELL'ART. 497 DEL CODICE DI PROCEDURA PENALE, LEGGE LA FORMULA DI RITO

GENERALITÀ: Tacconi Simone, nato il 2 gennaio 1973 a San Benedetto del Tronto e domiciliato a Roma in via Tuscolana 1548. Funzionario della Polizia Postale e Telecomunicazioni di Roma.


Contents

Pubblico Ministero - Dottoressa Comodi

MC:
Può riferire alla Corte gli accertamenti che ha svolto, quali sono state le operazioni e gli accertamenti che ha svolto nell'ambito di questo procedimento.
ST:
Sì, allora io sono responsabile del settore forense della Polizia Postale ed in questa veste mi furono consegnati i telefoni cellulari sequestrati diciamo dalla Squadra Mobile, da altri operatori presenti.
MC:
Parli più forte cortesemente e se il Presidente può invitare...
GCM:
Ci sono dei rumori...
MC:
Sì, c'è un rumore di sottofondo che proprio non mi fa sentire il teste.
GCM:
Si invitano le persone presenti a evitare qualsiasi rumore visto che il Pubblico Ministero evidenzia la presenza dello stesso e anche la difficoltà a proseguire sì da poter tutto ascoltare. Prego.
ST:
A questo punto ho comunicato, abbiamo comunicato all'autorità giudiziaria che gli accertamenti richiesti erano diciamo di tipo non ripetibile e quindi siamo stati delegati per accertamenti non ripetibili ex articolo 360. Abbiamo fatto le notifiche alle parti interessate le quali diciamo in due casi hanno nominato dei consulenti che si sono presentati il giorno dell'accertamento tecnico, in particolare la difesa di Lumumba ha mandato un consulente tecnico il signor Renzi e la difesa di Sollecito ha mandato un consulente, il professor Paoloni e loro hanno partecipato agli accertamenti tecnici e hanno diciamo firmato i verbali fatti in quel giorno.
GCM:
Se può parlare più ad alti voce e anche più lentamente.
ST:
Ripeto, si è sentito?
GCM:
No, va bene, è una premessa.
ST:
Descrivo da un punto di vista metodologico come si sono svolti gli accertamenti tecnici. Allora premesso che sono accertamenti non ripetibili quindi diciamo in questo senso noi abbiamo operato, noi la prima cosa che abbiamo fatto, diciamo all'ora e al giorno indicato, alla presenza dei consulenti quando sono venuti, è quello di, tenendo i cellulari spenti metterli sotto carica per circa un'ora, allo scopo di consentire ai telefoni stessi di raggiungere la carica necessaria per poi poterli accendere e tenerli accesi in modo duraturo per tutta la durata dell'accertamento tecnico.
MC:
I telefoni erano quali? Se ha la documentazione relativa sulle sue operazioni, la può consultare.
GCM:
Viene autorizzato a consultarla.
ST:
Va benissimo, grazie.
MC:
Quindi se vuole...
ST:
Posso dare gli Imei di tutti i telefoni se lo ritenete opportuno, comunque diciamo sono i due telefoni di Meredith, il telefono di Raffaele Sollecito, il telefono di (Dea) Lumumba, il telefono di Amanda Knox e successivamente ho fatto anche il telefono di Rudy Guede, tutti i telefoni che sono stati sequestrati nel corso delle indagini. Allora se ritenete necessario leggo i codici Imei che sono i codici che identificano i telefoni cellulari.
MC:
I modelli, la marca, il modello e le Imei sì.
ST:
Elenco tutti quanti i modelli. Sollecito Raffaele il telefono che è stato diciamo consegnato a me per gli accertamenti tecnici è un Motorola modello (Razur) V3 identificato da codice Imei 352503010986278. All'interno di questo telefono era presente una Sim Card emessa dal gestore Vodafone identificata dal codice ICCD 89391050000016544636. Per quanto riguarda Lumumba (Dea) è stato consegnato a me un telefono marca Nokia modello 6070 identificato dal codice Imei 354548014227987 al cui interno è stata rinvenuta una Sim Card emessa sempre dal gestore Vodafone - Omnitel identificata da codice ICCD 222015300304251. Andiamo avanti. Amanda Knox aveva un cellulare marca Nokia modello 1110I identificato dal codice Imei 356403016662138 all'interno del quale abbiamo rinvenuto una Sim Card del gestore Vodafone - Omnitel identificata dal codice ICCD 8939107000136843821.
MC:
Il suo compito qual era?
ST:
Il mio compito era quello di estrarre i contenuti informativi presenti nelle memorie dei telefoni e metterli in un formato fruibile per le analisi investigative da parte degli organi di Polizia giudiziaria che stavano seguendo l'indagine, in particolare la Squadra Mobile di Perugia.
MC:
E il contenuto...
ST:
Allora il contenuto...
MC:
Appunto che tipo di contenuto?
ST:
I contenuti sono tutti... Diciamo noi abbiamo degli strumenti e delle procedure che consentono di estrarre una copia di tutte le informazioni giacenti nel telefono, ad esempio le rubriche telefoniche i messaggi ricevuti e inviati qualora vengano salvati dal telefono, eventuali foto diciamo scattate con il telefono quando questo ha diciamo una video camera, una fotocamera, diciamo tutte le informazioni che possono essere giacenti in un telefono, noi le estraiamo con degli strumenti e le collochiamo in un supporto tipicamente un cd- rom o un dvd che forniamo poi all'ufficio che ci ha chiesto questo tipo di accertamento tecnico.
MC:
Per quanto riguarda il telefono di Amanda Knox lei che cosa ha estratto con riguardo alla sera dell'1 novembre?
ST:
In merito a questo punto mi fu posto un quesito dalla Squadra Mobile di Perugia che mi chiese di vedere quali messaggi diciamo erano stati scambiati in quella notte tra Amanda e Patrick Dea Lumumba, pertanto noi diciamo oltre a fornire le trascrizioni dei messaggi alla Squadra Mobile, preparammo una relazione tecnica che diciamo descriveva un aspetto che ci sembrava saliente ai fini dell'esaurimento del quesito della Squadra Mobile. Diciamo quello che avevamo rilevato è che diciamo risultava dal telefono di Patrick al telefono di Amanda risultava inviato un messaggio, di questo messaggio non vi era, diciamo vi era traccia dell'invio sul telefono di Patrick, ma non vi era il testo del messaggio stesso in quanto quel cellulare non aveva impostato diciamo il salvataggio dei messaggi in uscita, però diciamo il software di quel cellulare, tenete presente che i cellulari hanno comportamenti abbastanza diversi tra loro, che dipendono dal software del cellulare stesso, diciamo i comportamenti sono molto diversi, cambia molto tra marca e modello, allora quel cellulare aveva la peculiarità di pur non salvando diciamo i messaggi inviati perché l'utente non aveva scelto diciamo di impostare questa caratteristica, aveva la peculiarità di avere un registro dei destinatari dei messaggi inviati, per cui diciamo dall'analisi di questo registro, come è scritto nella mia relazione tecnica, si evinceva che alle 20.15 circa dell'1 novembre era stato inviato messaggio all'utenza 3484673590 che ritengo, ho ritenuto fosse quella di Amanda sulla base della lettura della rubrica del telefono stesso.
MC:
Ma poi ha potuto fare anche...
ST:
Sì sì sì, poi sono stati...
MC:
Ha avuto conferma esaminando il telefono di Amanda immagino?
ST:
Sì, infatti adesso volevo arrivare a questo punto. Nel telefono di Amanda questo messaggio non risulta tra quelli ricevuti, dato che... Quindi bisogna verificare sui tabulati che effettivamente questo messaggio è partito dall'utenza di Patrick ed è arrivato all'utenza di Amanda, comunque sul telefono non c'è nessun messaggio. Quindi diciamo di questo primo messaggio ho traccia di un invio dal telefono di Patrick verso quello di Amanda, ma non ho riscontro sul telefono di Amanda. Quello che invece ho trovato sul telefono di Amanda...
MC:
Chiedo scusa, non ha riscontro nel senso che non risulta arrivato o...
ST:
Non ci sono tracce del messaggio quindi potrebbe essere stato cancellato ammesso che sia arrivato insomma.
MC:
Se fosse stato cancellato non ci sarebbe comunque traccia?
ST:
Allora i messaggi cancellati si possono recuperare in alcuni casi, non sempre, dipende da una serie di situazioni contingenti e dipende anche dal tipo di modello del telefono, quindi diciamo la cancellazione di un messaggio dalla memoria di un telefono può essere recuperato o meno a seconda una serie di fattori contingenti che non sono diciamo inquadrabili in modo sistematico in generale.
MC:
Ho capito, ma lei sarebbe in grado di dire se il telefono, dal telefono di Amanda sarebbe stato possibile recuperare questo...
ST:
All'epoca non siamo riusciti a recuperarlo, non gli strumenti che avevamo all'epoca, cioè non risultava nessuna traccia di questo messaggio sul telefono di Amanda.
MC:
Quindi c'è traccia di un messaggio in uscita dal telefono di Lumumba...
ST:
Esatto.
MC:
Alle 20.15.
ST:
Sì, di questo primo messaggio, sono due i messaggi su cui noi abbiamo posto l'attenzione, di questo primo messaggio dei due di cui esporrò, vi è traccia di un invio relativamente alla destinazione sul telefono di Patrick ma non vi è nessuna traccia sul telefono di Amanda. Viceversa sul telefono, sia sul telefono di Amanda e sia sul telefono di Patrick risulta presente, nel telefono di Amanda come messaggio inviato, nel telefono di Patrick come messaggio ricevuto, un messaggio che dovrebbe essere partito all'incirca alle 20.32, dico all'incirca perché l'ora che io trovo è l'ora locale del telefono, non l'ora del gestore, quindi anche questo bisogna incrociarlo con il dato dei tabulati, questo messaggio ha il seguente testo, cito diciamo testualmente "Certo - con la C maiuscola iniziale - Punto, spazio. Ci vediamo - con la C maiuscola - più tardi. Buona serata!". Questo messaggio è arrivato sul telefono di Patrick alle 20.35 circa.
MC:
In quale lingua è arrivato?
ST:
Nella lingua in cui l'ho detto, in italiano.
MC:
In italiano.
ST:
Questo messaggio è presente sia, su due telefoni è presente questo messaggio sul telefono che l'ha inviato, di Amanda, e sia sul telefono che l'ha ricevuto di Patrick, sono perfettamente identici i due messaggi.
MC:
Lei questo messaggio l'ha letto dopo avere estratto tutti i dati?
ST:
L'abbiamo letto leggendo il report generato dal sistema che acquisisce i contenuti dei telefoni, sono strumenti, i strumenti che noi utilizziamo sono strumenti diciamo certificati dal Nist, da organi diciamo governativi internazionali e estraggono diciamo quanto è presente nelle memorie dei telefoni e anche delle Sim Card ovviamente, quando presenti.
MC:
Il telefono di Amanda Knox mi ha detto era un Nokia?
ST:
Un attimo che verifico.
LG:
Sì, ha detto Nokia.
MC:
Il testo corrisponde a questo che è stato fotografato direttamente dal telefono di Amanda da parte della Squadra Mobile.
ST:
Sì, diciamo la foto non riprende tutto il testo. Ah, sì sì, sono due foto diverse. "Certo. Ci vediamo più tardi. Buona serata!". Sì, è identico. È identico. Questo è il cellulare di Patrick quello di cui mi è stata mostrata la foto, sì.
MC:
Come scusi?
ST:
Questo è il cellulare il Patrick, sì, comunque è identico, sì.
MC:
Quello è il cellulare di Patrick?
ST:
Anzi no, non lo so, ho letto Patrick diciamo sopra, no, forse è il destinatario.
MC:
Patrick è il destinatario infatti.
ST:
Sì, va bene. Avevo letto Patrick, okay. Comunque è identico.
MC:
Dal punto di vista diciamo di interesse investigativo quali altri accertamenti ha compiuto, ovvero che cosa di rilevante ha poi segnalato al Pubblico Ministero?
ST:
Io diciamo ho praticamente eseguito le operazioni tecniche finalizzate ad estrarre i dati presenti e a collocarli in un cd- rom che ho inviato insieme al verbale di accertamenti tecnici alla Squadra Mobile di Perugia, ho diciamo stampato tutti i messaggi presenti in tutti i telefoni, anche lì per comodità diciamo della Squadra Mobile li ho mandati via fax ed ho prodotto questa relazione tecnica inerente a questi scambi, diciamo allo scambio di questi due messaggi. Questi sono diciamo gli accertamenti che ho fatto.
MC:
Quindi per gli altri messaggi lei li ha solo scaricati ma l'analisi investigativa...
ST:
No, non è stata fatta.
MC:
Non è stata fatta da lei?
ST:
No, non è stata fatta da me, esatto.
MC:
Per me nessun'altra domanda Presidente.
GCM:
Parti Civili?

Parte Civile - AVV. Scaroni

SS:
Senta con riferimento ad una risposta che lei ha dato ad una domanda del Pubblico Ministero, lei ha detto, mi corregga se ho capito male, che nel fare il riscontro dei messaggi incrociati fra Dea Patrick e Knox Amanda avevate rilevato che dal telefono di Patrick risultava inviato un messaggio, non c'era il testo perché quel tipo di telefono non era impostato, cioè diciamo proprietario, il signor Patrick Dea, non aveva impostato la funzione conversa messaggio in uscita?
ST:
Esatto.
SS:
Adesso io volevo sapere: questo tipo di possibilità è prevista anche per i messaggi in entrata? Nel senso, è possibile che un telefono non conversi i messaggi in entrata oppure c'è bisogno dell'intervento umano per cancellare un messaggio in entrata?
ST:
Di norma i messaggi in entrata sono salvati dai, nella totalità dei modelli che io conosco, conosco sulla base della mia esperienza, i messaggi in entrata vengono di norma salvati, anche perché se non venissero salvati l'utente non riuscirebbe a leggerli.
SS:
Quindi...
ST:
Cioè mentre il messaggio inviato esce, l'utente l'ha scritto ed esce, non c'è una necessità diciamo umana di mantenerlo ai fini diciamo della sua fruizione perché la funzione è di inviare il messaggio, tipicamente il messaggio ricevuto deve essere in memoria per essere letto, quindi diciamo non escludo una possibilità teorica ma di norma i messaggi ricevuti vengono comunque salvati.
SS:
E quindi di norma per far sì che un messaggio non si trovi nel telefono del ricevente deve essere stato cancellato dal ricevente stesso?
ST:
Sì, di norma sì, diciamo è una deduzione logica, sì sì che condivido comunque.
SS:
Un'ulteriore domanda su questo punto: nel fare il riscontro, nello scaricare i messaggi ricevuti dal telefono della signorina Knox avete riscontrato se c'erano dei messaggi in entrata? C'erano conservati dei messaggi in entrata?
ST:
Penso che ci fosse, messaggi nel telefono della Knox messaggi in entrata, certo, c'erano.
SS:
C'erano, grazie non ho altre domande.
ST:
Però adesso non ricordo il dettaglio perché ripeto...
SS:
No, non mi interessa sapere quali o quanti volevo sapere se c'erano.
ST:
Sì, mi sembra di sì, non so se vuole posso controllare meglio.
SS:
Se controlla mi fa una cortesia.
ST:
Vediamo se ho qui, ma credo di sì comunque. Sì, c'erano messaggi comunque, mi ricordo che c'erano.
SS:
Grazie.
GCM:
A che ora erano questi messaggi se può completare...
ST:
Non ce l'ho con me tutti i dati, comunque bisognerebbe... Tenga presente che i messaggi sono tutti i messaggi presenti, anche messaggi di qualche anno prima ci possono essere, se in un caso, nel caso di Raffaele Sollecito c'ho messaggi anche di date molto anteriori a quelle dei fatti oggetto di accertamento tecnico. Non ho con me adesso la distinta di tutti i messaggi.

Difesa - AVV Ghirga

LG:
Nella relazione che lei ha consultato perché, quando ha riferito di questo messaggio se ci dite la data io non ce l'ho, nell'ultima pagina, poi c'è la sua firma ingegnere, relativamente a questo messaggio ricevuto, "Si osserva - la domanda è che vuol dire - che il numero emittente - cioè Amanda - nella rubrica presente nella memoria del telefono di Dea risulta abbinato al nome Amanda Chic", se vuol chiarire...
ST:
Sì, diciamo che nel momento in cui redigevo la relazione tecnica non avevo... Non ho fatto le richieste degli intestatari ai gestori dei numeri che vedevo, quindi diciamo come dico nella relazione ho guardato la rubrica e ho attribuito diciamo i numeri...
LG:
La rubrica di chi, mi scusi se la interrompo.
ST:
La rubrica dei due telefoni.
LG:
Di tutti e due, sì, scusi.
ST:
Quindi diciamo in corrispondenza del nome Amanda Chic era presente un numero di telefono che è quello diciamo che ho citato prima.
LG:
Sì, ma nella rubrica di chi?
ST:
Nella rubrica del telefono di... Un attimo solo che leggo la relazione. Nella rubrica del telefono di Dea Lumumba.
LG:
Grazie.

Difesa - AVV. Del Grosso

MDG:
Per esaurire il controesame della Knox Avvocato Del Grosso. Ingegnere Buongiorno, due domande diciamo di ordine generale.
ST:
Va bene.
MDG:
La prima è se i cellulari hanno una capienza massima di memoria per la registrazione degli sms?
ST:
La risposta è affermativa, sì.
MDG:
Quindi oltre un certo numero non possono essere conservati.
ST:
Allora tenga presente che i messaggi ricevuti a seconda, ripeto, del modello di telefono, perché ribadisco il fatto che i comportamenti dei telefoni sono molto diversi tra loro, possono essere collocati sulla memoria interna del telefono che non è visibile diciamo all'utente fisicamente, e possono essere anche collocati nella Sim Card a bordo del telefono stesso. Il fatto che i messaggi vengono messi sull'una o sull'altra delle due memorie dipende appunto dal tipo di modello, certamente ogni telefono cellulare come ogni sistema fisico ha una capacità finita di memorizzazione.
MDG:
Sì, raggiunto un certo numero io non ho la possibilità fisica di leggere ulteriori messaggi?
ST:
Diciamo se la memoria...
MDG:
Memoria piena viene visualizzato è corretto?
ST:
Sì.
MDG:
Senta con riferimento alla domanda che le è stata fatta dal difensore di Parte Civile, avete operato un raffronto tra i tabulati del traffico di sms in questo caso, della Knox e quanto vi risultava dai telefonini?
ST:
Non io personalmente ma nella relazione che ha citato l'altro difensore, ho invitato la Squadra Mobile, diciamo ho invitato a incrociare i dati.
MDG:
Non sappiamo quanti e quali sms possono essere stati cancellati tra tutti quelli ricevuti e inviati da Amanda Knox?
ST:
Questo per quel tipo di modello di cellulare non è possibile verificarlo.
MDG:
Okay.
ST:
Certamente si possono vedere dall'analisi dei tabulati relativamente ad un determinato periodo temporale quali sono i messaggi inviati e ricevuti da una determinata utenza, che non è detto che corrisponda poi dallo stesso telefono, perché l'utenza è un qualcosa che non è legata al telefono in modo univoco e indissolubile diciamo...
MDG:
No, io mi riferivo soltanto al raffronto tra il telefonino che avevamo a disposizione e i tabulati. Sa se i messaggi scritti in inglese siano stati tradotti?
ST:
Assolutamente no, tutto ciò che noi... Diciamo che noi seguiamo quelle che sono le procedure forensi diciamo codificate nella letteratura scientifica, tutte le copie che noi facciamo sono copie conformi all'originale, noi non determinato nessuna alterazione sui contenuti né nessuna interpretazione, noi prendiamo il dato e lo copiamo e poi l'analizziamo laddove ci viene richiesto per gli aspetti tecnici, per gli aspetti investigativi lo analizza l'ufficio investigativo.
MDG:
Quindi l'unica indicazione che vi aveva fornito la Squadra Mobile era di rintracciare questo scambio di sms tra Amanda e Patrick Lumumba ?
ST:
Esatto.
MDG:
Nessun'altra indicazione sugli ultimi sms inviati da Meredith, sugli ultimi contatti telefonici?
ST:
Non mi è stato diciamo richiesto espressamente io però ho appunto estratto tutti i messaggi affinchè potessero essere analizzati comunque, cioè io ho estratto tutto quanto, poi su un aspetto specifico...
MDG:
Però vi era stato richiesto specificamente soltanto quell'aspetto investigativo?
ST:
Questo aspetto qui perché c'è una questione tecnica non ben chiara, cioè non di immediata comprensione per chi non è tecnico, legata a questo registro dei destinatari dei messaggi che nel telefono di Patrick esisteva e quindi dovevo spiegare questa cosa qui. Lì c'era un quesito tecnico a cui ho risposto con la relazione citata prima.
MDG:
Però dai tabulati questo dato si poteva comunque ricavare?
ST:
Credo che dai tabulati ci sia, diciamo credo una conferma di questi invii di messaggi.
MDG:
Senta lei sa chi si è occupato di questi sviluppi investigativi con riferimento alla lettura degli sms, alla loro interpretazione?
ST:
Dunque io su sollecitazione della Squadra Mobile inviai via fax tutte le trascrizioni dei messaggi alla Squadra Mobile di Perugia, poi materialmente non so chi è l'esecutore dell'analisi investigativa dei messaggi stessi, perché diciamo in questo tipo di indagine non essendo un'indagine inerente diciamo a reati di interesse della Polizia Postale, noi svolgevamo una attività che è di supporto tecnico scientifico all'indagine.
MDG:
Senta l'ultima domanda il modello di cellulare in uso a Meredith Kercher.
ST:
Sì, erano due diciamo i telefoni che io sappia.
MDG:
Con riferimento al Nokia se lo sa.
ST:
Un attimo solo. Dunque...
MDG:
Per sua conoscenza o esperienza ha un sistema che determina il blocco dei tasti per impedire... Se lo sa.
ST:
Non ho capito.
MDG:
Il cellulare Nokia che ha esaminato, se ne è a conoscenza, ha un sistema che permette...
ST:
Non so nello specifico se quel modello l'avesse, di norma i Nokia ce l'hanno tutti comunque, diciamo è una...
MDG:
Grazie non ho altre domande.
LG:
Cosa? Ce l'hanno tutti che cosa?
ST:
La caratteristica di consentire il blocco della tastiera, di norma ce l'hanno, poi nello specifico non ricordo, non è una cosa su cui si è posta la mia attenzione.

Difesa - AVV. Buongiorno

GB:
Telefono Ericsson K700I nell'ambito della sua analisi su questo telefono lei ha incontrato comunicazioni cancellate dall'elenco delle ultime comunicazioni inviate o ricevute?
ST:
Dunque noi diciamo in tutti gli accertamenti fatti in quella circostanza non abbiamo avuto evidenze di messaggi cancellati, come dicevo prima, diciamo non ho tracce di cancellazione di messaggi.
GB:
Alt, per ora sto parlando non più dei messaggi, per ora parlo delle telefonate. Io telefono a lei e poi cancello la chiamata, avete fatto questo tipo di...
ST:
Mi scusi, non avevo capito.
GB:
Per ora parliamo delle chiamate e poi ripassiamo agli sms.
ST:
Sul registro delle chiamate io non ho fatto nessun tipo di analisi, cioè nel senso ho estratto quei dati e li ho collocati nel cd, diciamo nel report.
GB:
Ma dico sono emerse comunicazioni cancellate oppure no?
ST:
Non possiamo noi vedere se ci sono comunicazioni cancellate sul registro delle chiamate.
GB:
Ecco, però se lo può spiegare perché non si può vedere.
ST:
Quel tipo di informazione viene gestita dai software a bordo dei cellulari in modo...
GB:
In maniera per favore, le parole le dovrebbe dire... Perché veramente non è facile, secondo me la sua deposizione non sarà trascritta quindi più lentamente. Secondo il software?
ST:
Allora, diciamo, la gestione di questo tipo di informazione dipende molto dal software che è nel cellulare. Di norma noi non riusciamo a recuperare le informazioni cancellate dal registro delle chiamate dei cellulari e nello specifico non l'abbiamo fatto, perché gli strumenti che noi utilizziamo non hanno questa capacità, cioè la capacità di individuare questo tipo di dato.
GB:
Quindi se io cancellassi o se l'assassino avesse cancellato delle telefonate noi non lo potremmo sapere?
ST:
Esatto. E tenga presente che di norma alla nostra attenzione non si, diciamo, si pone molto su quel tipo di dato, perché poi diciamo chi fa l'analisi dei tabulati ha la certezza assoluta perché in quel caso il dato non può essere alterato dall'utente.
GB:
Ecco però qui c'è l'altra domanda, se ci sono delle chiamate non risposte vengano tracciate nei tabulati?
ST:
Questo dovrebbe chiederlo diciamo più ai gestori che a me, la faccenda è... Credo di no attualmente, però lo so per conoscenza indiretta. Credo di no, credo che le chiamate che non vanno a buon fine non vengano registrate.
GB:
Le chiamate non andate a buon fine uscenti vengono registrati nei tabulati?
ST:
Allora vengono... Ripeto io non sono esperto di tabulati possono dire sulla base di mia conoscenza di carattere generale ma dovrebbe chiederlo diciamo a Vodafone. Le chiamate in uscita credo che vengano... Il gestore registra tutto ciò che deve, su cui ha bisogno di fatturare, tipicamente, poi ripeto su questo non posso rispondere.
GB:
Chiederemo all'esperto dei tabulati, però il tabulato... Va bene, non lo dico io, lo chiederemo ad un esperto dei tabulati.
ST:
Non è un aspetto che io conosco bene.
GB:
Passiamo... Viceversa però il telefono registra le chiamate in uscita anche se non raggiungono l'utente destinatario?
ST:
Quello che accade è questo che quando, ad esempio, facciamo un esempio, supponiamo che io contatto un'utenza che in quel momento non è raggiungibile...
GCM:
Scusi, più ad alta voce che non si riesce, anche se...
GB:
Per ora risponde a questa e poi andiamo alle non raggiungibili, se lei fa una chiamata e la chiamata è persa, risulta nel telefono o no?
ST:
Certo, sì, nel registro delle chiamate sì.
GB:
Se lei fa una telefonata e il soggetto non è raggiungibile risulta nel telefono?
ST:
Nell'immediato no, ma appena il telefono viene riacceso tipicamente arriverà un messaggio che notifica il possessore del telefono sul fatto che c'è stato un tentativo di chiamata verso di lui, di norma è così.
GB:
A prescindere dal messaggio le chiedo se risulta nel registro delle chiamate, quelle che restano nel telefono.
ST:
No, nel registro delle chiamate ricevute non risulta questa cosa, cioè il telefono tipicamente, diciamo l'operatore tipicamente notifica il messaggio che dice che c'è stato un tentativo di chiamata quando il telefono non era diciamo raggiungibile.
GB:
La chiamata alla ABI Bank come l'avete recuperata?
ST:
Io personalmente non so diciamo..., non ho fatto questo tipo di... Non so, non conosco questo elemento.
GB:
Dunque relativamente ai messaggi ricevuti e inviati lei ha guardato i messaggi ricevuti e inviati da Meredith?
ST:
Le ripeto io diciamo ho fatto una trascrizione, ma in realtà non trascrizione materiale, cioè ho stampato le parti di report che contenevano i messaggi, li ho trasmessi via fax alla Squadra Mobile.
GB:
Ha individuato nel telefono di Meredith degli MMS? Se spiega che cos'è un MMS?
ST:
Un MMS è un messaggio che ha contenuti multimediali che quindi può avere diciamo...
GB:
Dai contenuti?
ST:
Multimediali, quindi che può avere foto, filmati, audio e simili.
GB:
C'è un messaggio multimediale alle 22.13?
ST:
Adesso questo non lo ricordo, dovrei per il report, non ho fatto un'analisi di questo tipo io, cioè non ho analizzato. Cioè le ripeto io ho estratto tutte le informazioni visibili presenti sul telefono e le ho collocati in supporti che poi sono stati trasmessi alla Squadra Mobile, allegati ai verbali questi supporti.
MC:
I primi testi Avvocato.
GB:
Latella forse?
MC:
Esatto.
GB:
Allora lo chiederò a Latella.
ST:
Quindi diciamo la mia analisi si è solo focalizzata su quell'aspetto dei due messaggi...
GB:
Quell'aspetto?
ST:
Dei due messaggi.
GB:
Cioè lei ha fatto solo il messaggio Lumumba e basta?
ST:
Di analisi investigativa sì.
GB:
Il problema è poi se dice "No, l'ha fatto lui prima". Vediamo un attimo.
ST:
No, io parlo di quello che ho firmato, ovviamente 10 conosco quello che ho fatto.
GB:
Va bene sulla base di quello che le ha chiesto la collega prima lei diceva tutti i telefoni hanno, almeno 11 mio ce l'ha e credo che sia corretto, il blocco tastiera per evitare che se io casualmente lo metto in tasca...
ST:
Esatto.
GB:
Quando avete preso il telefono di Meredith era attivato questo blocco tastiera?
ST:
Allora io ho ricevuto il telefono spento, quando il telefono è spento alla sua accensione non c'è traccia di quale fosse la sua impostazione precedente. Dipende anche quello dal software, personalmente non l'abbiamo verificato questo fatto.
GB:
Quindi lei l'ha trovato spento questo telefono?
ST:
Il telefono è stato consegnato spento, a noi Polizia Postale di Roma.
GB:
Quindi dico non è in grado di dirmi...
ST:
No, non sono in grado di dirlo adesso.
GB:
Ma avrebbe potuta averla questo tipo di informazione se il telefono era acceso?
SS:
Presidente c'è opposizione.
GCM:
Scusi la domanda Avvocato?
GB:
Se si può vedere in un telefono se c'è messo il blocco tastiera, però non so perché si oppone.
SS:
No, così come era stata formulata prima mi opponevo perché dice se avrebbe potuto vedere se, però voglio dire non ha fatto questo tipo di accertamento, quindi sarebbe una valutazione, una deduzione.
GB:
Va bene, io voglio sapere se in questo telefono si può vedere se io in questo momento ho messo il blocco tastiera e le do il telefono se lei è in grado di verificare che c'è il blocco tastiera?
ST:
Lo vedo provando, dipende dal software come implementa il blocco tastiera, cioè tipicamente c'è un time - out, c'è un tempo diciamo per il quale telefono rimane con la tastiera utilizzabile, dopo quel tempo scatta il blocco tastiera.
GB:
Lei sa se è stato fatto questo tipo di verifica da Latella, da qualcuno, lei no?
ST:
Noi non abbiamo fatto questo tipo di verifica perché diciamo non è una cosa che facciamo quello della verifica del blocco tastiera.
GB:
Ha fatto la copia fisica della memoria del telefono di Meredith?
ST:
Noi abbiamo fatto una copia conforme delle informazioni presenti nella memoria di Meredith.
GB:
Quindi la copia fisica byte per byte?
ST:
Allora la copia fisica byte per byte si può fare diciamo con telefoni in alcuni casi, dipende.
GB:
È stata fatta la copia fisica byte per byte?
ST:
Per questi telefoni non è stata fatta una copia fisica, è stata fatta una copia logica. Copia logica significa che vengono copiate tutte le informazioni visibili.
GB:
Allora in maniera però lenta facendo uno sforzo, se mi fa la differenza tra la copia fisica e la copia logica?
ST:
Allora nel settore forense nella letteratura si distingue tra copie logiche e copie fisiche.
GB:
Magari guardi il Presidente che ha difficoltà a sentirla.
ST:
Sì, scusi. La copia fisica è una copia bit per bit, cioè il bit diciamo è la misura minima di informazione, l'unità di misura delle informazioni. La copia fisica è una copia bit per bit. La copia logica... Faccio una premessa: in qualsiasi supporto informatico oltre ad informazioni immediatamente visibili all'operatore, all'utente ci possono essere anche informazioni non visibili che possono essere informazioni ad esempio cancellate. Allora la copia fisica consente una copia di tutto ciò che è presente compreso anche ciò che non è immediatamente fruibile e visibile, la copia fisica. La copia logica diciamo invece è una copia che prende un sottoinsieme delle informazioni che sono quelle logicamente appunto visibili e fruibili. Allora qual è il problema? Tipicamente quando si, ad esempio, acquisisce in ambito forense un hard disk, un supporto informatico convenzionale si fa una copia fisica perché gli strumenti tecnologici consentono di farlo. Quando si acquisisce la memoria interna di un telefono ad esempio la copia che viene fatta diciamo è tipicamente di tipo logico semplicemente perché gli strumenti tecnologici che esistono sul mercato, la Polizia di Stato ha tutti strumenti esistenti, tutti gli strumenti, il 90 per cento dei casi non accedono direttamente al dato, ma nell'accesso sono mediati dal software del telefono. Tant'è che è per questo motivo che si fa l'accertamento tecnico con il 3 60 perché ovviamente noi accendiamo il telefono quando estraiamo le informazioni.
GB:
Sì, ma io quello che chiedevo è questo: visto che ci sono due tipi di copie, la copia fisica e la copia logica e visto che la copia fisica consente di leggere anche i dati invisibili, innanzitutto quali sono i dati invisibili?
ST:
I dati invisibili diciamo li chiamerei dati in non immediatamente fruibili.
GB:
Se ci fa degli esempi?
ST:
Ad esempio un messaggio cancellato può essere un dato diciamo...
GB:
Ecco, è corretto dire che facendo una copia logica un messaggio cancellato non appare mentre facendo una copia fisica bit per bit il messaggio cancellato appare?
ST:
Diciamo per noi un discorso di carattere teorico e astratto sì, è possibile.
GB:
Allora visto che la copia fisica che fa comparire anche ciò che è invisibile e quindi offre una visione completa e più approfondita qual è la ragione per la quale è stata scelta di fare una copia logica e non una copia fisica?
ST:
Come dicevo prima noi non scegliamo, noi quando possiamo facciamo sempre la copia fisica, gli strumenti che fanno le acquisizioni forensi dei telefoni cellulari di norma non sono in grado, per ragioni di limiti tecnologici di fare la copia fisica. Cioè non è che noi scegliamo la copia logica o la copia fisica, noi facciamo quando è possibile sempre la copia fisica perché è quella più completa, ma tipicamente gli strumenti forensi che si utilizzano per acquisire i contenuti delle memorie interne dei telefoni cellulari non hanno queste capacità, cioè è un limite strumentale non un limite del nostro metodo.
GB:
Questo limite strumentale era superabile andando presso altra struttura?
ST:
Che io sappia no, cioè tutti gli strumenti che si utilizzano in ambito forense per i cellulari per il 90 per cento, almeno all'epoca dei fatti, all'epoca dei fatti perché poi diciamo in questi ultimi due anni sono apparsi sul mercato anche prodotti nuovi che hanno maggiori capacità, tutti gli strumenti all'epoca dei fatti non consentivano di fare copie fisiche della memoria interna, non parlo della sim card, dell'eventuale memoria esterna, io parlo della memoria interna. Poi in ogni telefono ci possono essere tre sedi in cui giacciono le informazioni, la memoria interna del telefono, la Sim card e l'eventuale scheda di memoria esterna di espansione. Questi limiti tecnologici sono relativi all'acquisizione dei contenuti informativi giacenti nella memoria interna del telefono. Allora tutti gli strumenti forensi per telefoni cellulari non riescono quasi mai diciamo a istituire una copia fisica, parlo delle informazioni presenti nella memoria interna, questo diciamo è il concetto.
GB:
Avete chiesto alla casa costruttrice?
ST:
Come?
GB:
Visto che avevate questa impossibilità di fare questa copia fisica per questo limite di strumentazione che lei dice all'epoca dei fatti non si poteva, ora non lo so, comunque all'epoca dei fatti non si poteva, la mia domanda è: avete fatto una domanda alla casa costruttrice per accertarvi che non fosse possibile fare una copia fisica del telefono della Kercher?
ST:
Non abbiamo fatto diciamo questa richiesta perché di norma le società, lo sappiamo per esperienza, sono diversi anni che lavoriamo in questo ambito, non sono collaborative da questo punto di vista.
GB:
Cosa vuol dire che le società non sono collaborative?
ST:
Che non ci danno gli strumenti, cioè che consentono di effettuare la copia fisica.
GB:
Comunque lei una richiesta non ha ritenuto di non darla?
ST:
No, non abbiamo fatto una richiesta, cioè non fa parte della procedura...
GB:
Pertanto tutta l'analisi che noi abbiamo sulle memorie riguarda solo i dati visibili e non i dati invisibili?
ST:
Parlo di tutti i dati visibili, parlo sempre delle memorie interne, perché nelle sim card ci sono anche i messaggi cancellati e recuperati, io parlo della memoria interna del telefono.
GB:
Nella memoria interna al telefono è corretto dire che in base al tipo di copia che è stata fatta...
ST:
È corretto quello che sta dicendo, cioè i contenuti informativi giacenti nelle memorie interne dei telefoni sono stati acquisiti facendo la cosiddetta acquisizione logica che alla fine è chiamata copia ma è la stessa cosa insomma.
GB:
Va bene, grazie.

Pubblico Ministero - Dottoressa Comodi

MC:
Le faccio una domanda molto più modesta a conclusione del suo esame. Attraverso i dati che avete estrapolato voi e che erano, mi corregga se sbaglio, i dati esistenti al momento, tutti i dati esistenti al momento nei telefoni sottoposti a sequestro e che lei ha analizzato e analizzando questi dati e confrontandoli o comunque interpolandoli e completandoli con i dati scaturenti dai tabulati telefonici emerge per tutti i telefoni un quadro completo di tutte le comunicazioni, conversazioni, quindi traffico telefonico, effettivo ovviamente, lasciamo perdere le chiamate tentate e non andate al buon fine che insomma almeno al Pubblico Ministero non interessano, tutte le conversazione, il traffico telefonico che ha interessato questi telefoni, quindi anche scambio di sms, mms, telefonate e quant'altro?
ST:
Io non ho fatto l'analisi dei tabulati però diciamo tenga presente che ci sono... Le informazioni giacenti sul telefono sono informazioni locali che il gestore non conosce, i messaggi inviati tra due soggetti rimangono, diciamo sono noti al gestore, ai sistemi del gestore per il tempo necessario allo smistamento del messaggio stesso. Allora ovviamente sono due punti di vista diciamo complementari dall'analisi dei telefoni si possono vedere i messaggi giacenti nei telefoni, e anche le informazioni diciamo che il telefono mantiene relativi a questi messaggi, per esempio la data e l'orario, dall'analisi dei tabulati si può avere riscontro oggettivo non del contenuto del messaggio, perché questo non è noto al gestore, ma diciamo della data e l'ora dell'evento.
MC:
Del fatto che è stato trasmesso un sms?
ST:
Esatto, sì, esatto. Quindi diciamo si può chiedere poi a chi ha fatto l'analisi dei tabulati di dirci.
MC:
Ma io infatti volevo, la mia domanda era questa: se io dal mio telefono cancello un sms, un mms o una telefonata che ho effettuato o che ho ricevuto dal tabulato comunque risulta che io quell'sms o quell'mms, quella telefonata l'ho ricevuta o l'ho fatta, giusto?
ST:
Esattamente e questo l'ho detto anche prima e lo ribadisco per maggior chiarezza, cioè l'utente ha il controllo delle informazioni che giacciono sul suo telefono, non delle informazioni che ha il gestore di telefonia a cui lui diciamo si rivolge per dei servizi. Quindi, perché prima forse non mi sono spiegato, l'utente può cancellare tutti i messaggi che vuole, ma se quel messaggio è partito e se quel messaggio è arrivato...
MC:
Ne rimane comunque traccia indipendentemente dalla volontà dell'utente insomma.
ST:
Certo, perché l'utente non ha il controllo su quel tipo di informazione, non può né crearla né modificarla né distruggerla, quindi diciamo se a me interessa sapere se un messaggio è stato cancellato o meno, cioè mi viene posto questo quesito, io chiedo o diciamo suggerisco il tabulato, i tabulati perché il messaggio richiede diciamo due soggetti, uno che lo manda e uno che lo riceve e da lì si ha un riscontro oggettivo e non diciamo alterabile da nessuno di quanto accaduto a livello di rete.
MC:
Grazie nessun'altra domanda.

Presidente

GCM:
Lei prima parlava copia fisica e copia logica?
ST:
Sì.
GCM:
Copia fisica è quella che consente di...
ST:
Tutte le informazioni presenti fisicamente sul supporto, per questo si chiama fisica.
GCM:
E i tabulati danno rappresentazione di tutti...
ST:
La copia fisica e la copia logica sono relativi alle informazioni giacenti sul telefono o sul computer ad esempio.
GCM:
Però queste informazioni al gestore poi vanno a finire in qualche modo?
ST:
Sì, però il gestore diciamo, cioè la normativa vigente non consente al gestore di mantenere ad esempio i messaggi.
MC:
Dottoressa Comodi - Il contenuto.
ST:
Il contenuto, allora facciamo la propedeutica, allora ci sono dati, diciamo quando si parla di traffico telefonico o telematico, ci sono due tipi di informazioni, le informazioni di contenuto e informazioni esterne al contenuto. Le informazioni di contenuto sono, visto che oggi parliamo di sms sono ad esempio il testo dell'sms. Le informazioni esterne al contenuto, mi scusi Presidente, sono le informazioni che diciamo sono relativi ad aspetti appunto esterni al contenuto della comunicazione ma che comunque servono per la sua effettiva diciamo conclusiva e la sua effettiva diciamo instaurazione. Ad esempio il mittente ed il destinatario del messaggio sono dati esterni alla comunicazione. La cella agganciata dal mittente in quel momento è un dato esterno alla comunicazione. L'orario e la data è un dato esterno alla comunicazione, diciamo queste informazioni ce l'ha il gestore e in parte ce l'ha anche l'utente se non l'ha cancellato sul telefono. Quindi ci sono informazioni esterne al traffico che sono certamente diciamo note al gestore che possono essere, possono permanere nel telefono dell'utente qualora non le abbia cancellate e qualora non abbia disposto di non mantenerle, come nel caso dei messaggi inviati ad esempio.
GCM:
Fermo quindi che i contenuti con ce li abbiamo, se non sono state fatte intercettazioni, ma...
ST:
A meno che non si fanno intercettazioni.
GCM:
Appunto, gli eventi, i tabulati ce li danno tutti?
ST:
Gli eventi sono conosciuti dal gestore e si riscontra nei tabulati. Cioè io mi aspetto, sono insomma sicuro, poi eventualmente posso essere smentito, visto che ho trovato tracce di due invii di messaggi, mi aspetto che nei tabulati relativi alle utenze che hanno coinvolto questo scambio di messaggi ci sono dei riscontri. Ovviamente quella è la prova regina, è l'elemento che prova il modulo oppugnabile che un certo evento è avvenuto perché appunto non è l'utente che può modificare le tracce di questo evento, ma è il gestore che ha in mano questo dato.

Difesa - AVV. Bongiorno

GB:
Scusi Presidente su queste ultime domande. Il Presidente le ha detto: quindi io sui tabulati a prescindere dai contenuti vedo tutto?
ST:
Tranne le informazione di contenuto delle comunicazioni.
GB:
Scusi dicevamo le telefonate perse che non hanno un costo vengono registrate nei tabulati?
ST:
Le ripeto io faccio un discorso di carattere generale, però (voci sovrapposte) non lo so.
GB:
Sì, però lei al Presidente ha risposto, quindi risponda anche a me, vengono effettuati o no sui tabulati?
ST:
L'ho detto prima, io non so di preciso, ritengo di no.
GB:
Va bene.
ST:
Ma io non parlavo con il Presidente, non parlavo di telefonate senza risposta. Allora mi è stato chiesto...
MC:
La telefonata persa non costituisce traffico tecnicamente, per cui è ovvio che non viene...
GCM:
Se c'è un'ultima domanda su questo momento finale da parte del Pubblico Ministero.
MC:
No.
ST:
Posso dire solo una cosa?
GCM:
Prego, ci mancherebbe.
ST:
Se noi parliamo di traffico, io forse dovevo fare prima un glossario dei termini che utilizzavo, se io parlo di traffico non comprendo le telefonate che non sono avvenute. Cioè il traffico significa che c'è un contenuto informativo veicolato, cioè per me significa questo traffico, quindi diciamo la sua osservazione è corretta ma non ho detto qualcosa di erroneo, non parlavo di questo, non parlavo di telefonate senza risposta, parlavo di traffico, quindi telefonate che si sono perfezionate diciamo.
GCM:
D'accordo, però scusi ma le telefonate anche senza risposta che portano come durata zero, nei tabulati così spesso si vede, stanno ad indicare almeno un tentativo di chiamata, è così?
ST:
Questa è una cosa, è una domanda di dettaglio che deve chiedere ai gestori, comunque diciamo non lo escludo, però ripeto faccio una congettura perché io non sono, non lavoro...
GCM:
Sì.
ST:
Non escludo che non ci possano essere dei gestori che magari le hanno, altri che non li hanno, non lo so sinceramente diciamo questo fatto, cioè le ripeto io mi occupo di accertamenti forensi sui referti, però è una conoscenza di carattere generale frutto dal fatto che ascolto quelli che operano, talvolta ho fatto anche degli incroci ma non nello specifico in questo caso.
GCM:
C'era la relazione che ha redatto?
MC:
Sì, la relazione preliminare la produrrei. Vi sono allegati i verbali di acquisizione dei telefoni e le operazioni di estrapolazione dei dati alle quali hanno partecipato anche i consulenti di parte, sul messaggio Patrick - Amanda, in sostanza la relazione.
GCM:
Per il teste non ci sono altre domande, quindi viene congedato. Grazie. Possiamo fare una breve sospensione e poi riprendiamo. L'udienza viene sospesa. L'udienza riprende.
GCM:
Si acquisisce la relazione tecnica, alla quale ha fatto riferimento il teste da ultimo esaminato ed il testo del messaggio mostrato al teste stesso. Si prosegue con l'esame dei testi del Pubblico Ministero.