Raffaele Sollecito's Massei Trial Closing Statement

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
DICHIARAZIONI SPONTANEE DELL’IMPUTATO - SOLLECITO RAFFAELE IMPUTATO -
RS:
Signor Giudice, Presidente Signori Giudici popolari scusatemi il tono ma è un po’ difficile perché scegliere le parole per questo intervento è stato un po’ difficile, infatti utilizzo questa scaletta per non perdermi nelle parole sarebbe molto facile, voi state per decidere della mia vita, qualsiasi parola io posso dire in questo momento sarà meno di quello che sento dentro, io non sto vivendo un incubo sto in realtà sopravvivendo a una situazione drammatica. Sono stato coinvolto in una vicenda assurda di cui non so nulla, ho ascoltato quello che dicono i Pubblici Ministeri e ho capito... e non ho capito ancora quale sarebbe il mio ruolo in questa situazione, in questa vicenda, sento dire che Amanda ha ucciso Meredith perché litigavano per ragione di igiene o per diversità di vedute rispetto agli uomini, un quadro che stento anche ad immaginare, comunque vorrei capire oggi che non mi è affatto chiaro io perché avrei dovuto partecipare all’omicidio. Non trovando nessun motivo che poteva spingermi ad uccidere dicono che sono una specie di cane al guinzaglio, infatti mi hanno definito parole del Mignini “Amanda dipendente” io vorrei che alla Corte fosse chiaro che avevo conosciuto Amanda pochi giorni prima del delitto, sicuramente le ero molto affezionato ma certamente questo significa solo ed esclusivamente che esisteva un legame appena nato ancora tutto da verificare, erano i primi tempi, i primissimi ma in un rapporto di questo genere non esiste alcuna dipendenza e in ogni caso se Amanda mi avesse chiesto di fare qualcosa che non condividevo avrei detto tranquillamente di no, no, come è sempre stato con tutte le persone che conosco e chiunque può darmi ragione figuriamoci se mi avesse chiesto di fare qualcosa di terribile come uccidere una ragazza, ribadisco io non sono un violento non lo sono mai stato e né lo sarò mai, io non ho ucciso Meredith e io non ero in quella casa la sera del delitto, ogni giorno che passa spero che il vero colpevole confessi, adesso è finito questo processo ormai, vi chiedo di restituirmi la mia vita, so che lo farete perché nonostante tutto quello che sto vivendo che è molto pesante ho ancora fiducia nella giustizia. Per me è tutto, vi ringrazio per l’attenzione.
GB:
Grazie Presidente.



Next up:Carlo Pacelli's Massei Trial Rebuttal on Behalf of Civil Party Patrick Diya Lumumba