Piero Sbardella's Testimony

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
Key to abbreviations
GCM Giancarlo Massei Judge Presidente
MC Manuela Comodi Prosecutor Pubblico Ministero
PS Piero Sbardella Witness being questioned Assistant Chief, Violent Crime Analysis Unit, Rome Scientific Police
LG Luciano Ghirga Knox defense lawyer Avvocato
GB Giulia Bongiorno Sollecito defense lawyer Avvocato
MC Manuela Comodi Prosecutor Pubblico Ministero
MDG Maria Del Grosso Defense counsel for Amanda Knox Avvocato
DIF Unknown Unidentified Defense lawyer Avvocato

(si fa presente in questa registrazione che il microfono del Presidente aveva problemi tecnici, quindi alcuni parole risulteranno incomprensibili o non chiare)

GCM:
Alle ore 09.30 viene chiamato il processo di Corte di Assise, udienza del 5 giugno gli operatori che hanno apparecchi per riprese sono inviati a consentire l'inizio della udienza stessa, processo a carico di Amanda Knox e Raffaele Sollecito entrambi presenti assistiti dai rispettivi difensori avvocati Bongiorno e dell'avvocato Mauri, Avvocati Ghirga e Dalla Vedova per Amanda Knox per la quale è anche presente l'interprete già nominato, presenti per l'ufficio del pubblico ministero dottoressa Comodi e dottor Mignini, presenti le parti civile costituite gli avvocati Magnini, e Perna.
MC:
Presidente prima di chiamare il primo teste, volevo sciogliere la riserva relativamente alla produzione del dvd che è stato proiettato alla scorsa udienza da parte della Dottoressa Stefanoni e contemporaneamente produrre quel fascicoletto fotografico che volevo produrre già l'altra volta se la corte si ricorda, ma che è stato oggetto di eccezione in relazione ad una foto, che è la foto del pezzetto di stoffa con gancetti foto eseguita nel secondo sopralluogo in quanto la difesa aveva dedotto la novità di quella foto perché non presente nel fascicolo del Pubblico Ministero, in realtà poi abbiamo fatto una ricerca purtroppo queste ricerche sono sempre difficilissime da fare in udienza, quindi l'abbiamo fatto in procura e abbiamo ritrovato sia la lettera di trasmissione che il cd delle foto, non c'è un fascicolo fotografico stampato delle foto, ma c'è il cd delle foto del sopralluogo del 18 dicembre che era stato trasmesso dalla Polizia Scientifica unitamente ai tre dvd del filmato relativo allo stesso sopralluogo, di conseguenza l'ufficio di procura non ha ritenuto necessario fare l'avviso di deposito così come aveva preannunciato in quanto questo dvd era già presente agli atti del fascicolo ed è questo qua, io quindi lo produco in originale, produco l'originale che è contenuto nel fascicolo del pubblico Ministero insieme alla lettera di trasmissione se mi 4 consente anche la copia dell'elenco, se vuole lo produco tutto, la copia della pagina dell'indice in cui si da conto indice ovviamente fatto prima della richiesta di rinvio a giudizio, quindi alla fine delle indagini in cui si da conto che all'interno del volume nono lettera A con il numero 102 affogliazione 5990, 6034 vi è la descrizione sopralluogo abitazione via Della Pergola del 18 .12. 2007 (contiene cd originale, cd foto sopralluogo del 18 .1 2. , cd sopralluogo 18. 12.07, dvd della DAC sopralluogo 18. 12. 2007 terza parte). Poi c'era stata un'altra eccezione che io credo sia infondata, non è assolutamente come dire indispensabile secondo la valutazione dell'ufficio di procura che vengano prodotti i così detti sal, lo stato di avanzamento lavori che si usa anche in edilizia, cui ha fatto riferimento la Dottoressa alla scorsa udienza, la dottoressa ha fornito le stampate di questi sal, io ritengo di poterli produrre come documenti, non sono accertamenti nuovo, ma sono documenti che come la parola stessa dice, documentano un attività che è stata svolta tempestivamente su incarico del pubblico ministero nel corso delle indagini preliminari. (l'intervento della difesa Bongiorno risulterà parzialmente trascritto in quanto ci sono problemi tecnici al microfono, i puntini stanno a significare che le parole che vengono dette non sono chiare)
GB:
In merito a questo fascicolo fotografico come avevamo detto prima, credo abbia anche la difesa della Knox ... le difese hanno fatto una fotocopia dell'intero fascicolo, hanno fatto la fotocopia di tutto non selezionando misteriosamente alcuni dischetti e altri no, tanto è vero che noi ci ritroviamo sia la difesa Sollecito sia difesa Knox un punto interrogativo perchè non c'erano queste foto e quindi .... , detto questo adesso ... l'eccezione formale per confermare la mia eccezione la prossima udienza. Invece mi sembra importante, punto numero uno per quanto concerne il sal ribadire quello che documenti, per documenti si intende qualsiasi atto contenente una documentazione di un fatto storico che può essere ovviamente messo in altro di verso concetto quello di attività integrativa di indagine, perchè l'attività integrativa dell'indagine è un tipo di attività svolta da organi o anche da consulenti del Pubblico Ministero, che su indicazione del pubblico ministero svolgono un approfondimento investigativo, nell'ambito della mansione che ne determina l'attività di indagine, a mio avviso vi è una .... secondo me, che vengono fatti dei prospetti e che poi vengono via via normalmente depositati al fascicolo del Pm, per il quale è necessario l'avviso. Come abbiamo già rilevato nelle precedenti udienze è già capitato che invece i consulenti che vengono qui a deporre portano del materiale che è stato oggetto quindi che è una. . . atti vi tà investigati va e che viene per la prima volta mostrata in aula. Quella non è un documento è un approfondimento investigativo che necessariamente le difese devono conoscere con anticipo, proprio perchè il principio basilare del diritto di difesa è quello di poter conoscere le attività investigative prima di poter contro dedurre. Per altro ad esempio ieri alle ore 12.15 presso il mio studio è arrivato un fax con un avviso di deposito di una 430 (attività investigativa), ovviamente lo studio Mauri che si trova a Perugia e sono quindi più pronti di me a fare le fotocopie, hanno cercato di ottenere rapidamente questa fotocopia per capire se il materiale poteva essere utile o meno per l'udienza, io non so, ho avuto un colloquio con la Dottoressa Comodi che ora a breve ci dirà ufficialmente che cosa contiene, però ripeto ove si trattasse di materiale necessario per il nostro contro esame, a me non interessa che venga depositato dopo il mio contro esame io devo avere il tempo materiale per esaminarlo, farlo vedere ai miei consulenti, e quindi fare delle domande che vertono in considerazione di questo materiale. L'avviso di deposito ... a mettere in condizione la difesa di difendersi, quindi vale per oggi, vale per il passato, e io mi riserverò a questo punto di fare una memoria specifica con tutti questi rilievi, però cerchiamo di mettere la difesa in condizioni, anche perchè poi sono tutti oggetto di nostri rilievi finali ... , qual'ora questo avviso quindi si dovesse riferire a qualcosa di nuovo che deve essere oggi utilizzato, questo avviso avrebbe dovuto essere fatto almeno credo una settimana fa, cinque giorni fa.
LG:
I documenti per cui si chiede la produzione confermo che i cd della Stefanoni non li ho mai visti, va bene, però sulla produzione al di là del sal non ci sono obiezioni. Invece siccome ricorda Presidente e signori della Corte signori Lapella quel signore della polizia con una macchinetta va a vedere le celle telefoniche, in via Sperandio, a quel momento io mi permisi di obiettare la violazione del 430 con una risposta ovviamente negativa, ma di questo noi rispettiamo il 100% ma come a dire "ma che c'entra il 430". Io ricordo a memoria Boemia la Scarpasi che dopo un anno e un mese di ricerche nei negozio dove il tacco sarebbe più stretto della pianta Boemia, masticava sempre qualche cosa e diceva che tutto si poteva fare, lo ricorderete bene, una giornata pesante. Oggi siamo a un 430 del quale parleremo qui a poco sul cd che verrà proiettato credo penso io dal ... non lo sappiamo, bene, intanto voglio dire, noi per la produzione odierna confermiamo solo che non abbiamo mai visto i 3 dvd della Dottoressa Stefanoni, però io al momento mi riservo di vederli. Proseguo dicendo che il 430 vituperato che non c'entra nulla invece oggi assume atto relativo alla udienza di oggi, quindi ne parleremo qui a poco, ma insomma il problema sollevato dall'avvocato Bongiorno come vedo per attività del Pm diventava abbastanza violatore del contraddittorio e del diritto di difesa.
MC:
Presidente su questo avviso ex 430 quindi non è una replica rispetto a quello sul quale ho già dedotto, l'avviso 430 c. p. p. che io ritengo non fosse necessario neppure in relazione al dvd di presentazione che verrà proiettato oggi, abbiamo deciso di farlo proprio per evitare qualunque tipo di eccezione o polemica o cose di questo genere, quindi l'abbiamo fatto non appena abbiamo avuto a disposizione appunto una copia del dvd che verrà proiettato in data odierna, ma nonostante abbiamo deciso di fare così per evitare qualunque eccezione, le eccezioni ci sono state, perchè adesso l'avviso ex articolo 430 c. p. p. avrebbe dovuto essere diciamo più distante dall'udienza, ma ovviamente l'avviso si fa nel momento in cui il pubblico ministero ha a disposizione gli atti che intende deposi tare, in realtà ribadisco che non ci sarebbe stato una adempimento che abbiamo voluto fare per evitare questioni o polemiche, perchè questo dvd così come tutti gli altri che sono già stati proiettati, offerti alla conoscenza della Corte, non sono altro che la elaborazione grafica di accertamenti fotografie, filmati e argomentazioni tecnico scientifiche, quindi non sono fatti in senso stretto proprio, ma la rappresentazione grafica quindi di accertamenti fatti all'epoca e quindi la rappresentazione in video delle argomentazioni tecnico scientifiche, che non necessariamente devono rimanere anche, come dire dal punto di vista delle parole usato, dei termini usati in relazione in maniere cristallizzate, perchè credo che anche i consulenti di parte quando verranno sentiti, a parte che noi non conosciamo le consulenze perchè le conosceremo solo dopo il deposito, se siamo parti anche noi, dovremmo essere messi in grado anche noi in anticipo, in realtà non sarà così', perchè è normale che non sia così, conosceremo le consulenze di parte dopo aver ascoltato i consulenti, che non saranno certamente legati alle parole, alle espressioni, agli avverbi, ai superlativi, ai diminutivi, agli aggettivi che hanno utilizzato all'interno della consulenza, quindi se come io ritengo tutti i dvd proiettati e prodotti sono lo sviluppo di ciò che è stato accertato all'epoca, e sviluppo vuol dire anche evoluzione del ragionamento tecnico scientifico, offerto alla corte, non vedo quale novità e quale violazione del diritto di difesa si possa essere concretizzato con la proiezione di questi video. abbiamo anticipatamente metto a disposizione della difesa il dvd che verrà proiettato oggi, lo abbiamo per comodità chiamato "avviso ex articolo 430 c. p.p." perchè ovviamente è un attività non codificata quella che ha svolto ieri il pubblico ministero per comodità delle difese.
GB:
Non è stato messo a disposizione, noi non l'abbiamo fisicamente perchè l'avviso è stato fatto ieri, siamo andati in cancelleria e non ce lo hanno dato, quindi non ce lo abbiamo, quindi dire l'ho messo a disposizione. Abbiamo un avviso che io produco con scritto ore 12.1 5 studio Bongiorno.
MDG:
Io credo che il principio sia, se va fatto l'avviso ai sensi dell'articolo 430 come è stato fatto anche a noi alle 12. 21 della giornata di ieri, si deve correttamente applicare la norma, nel senso quanto meno che le parti hanno facoltà di prenderne visione ed estrarne copia, quindi qui non stiamo nemmeno parlando di metterla a disposizione dei nostri propri consulenti e si tratta di argomenti strettamente tecnici, stiamo parlando proprio di non avere avuto la possibilità fisica, quando meno di guardare il supporto, e questo ritengo che si un elemento che impedisca l'utilizzo in questa sede. La corte si ritira in camera di consiglio.
GCM:
Il Presidente dà lettura dell'ordinanza che si allega al presente verbale. Sì dà atto che sono presenti i consulenti. professor Francesco Vinci e Francesco Introva per la difesa Sollecito.
SP:
Presidente mi scusi, siccome credo che nel video che verrà proiettato oggi ci siano delle immagini relative ovviamente alla ragazza se dovesse essere in tal senso, ovviamente sarebbe richiesta come già agli atti di procedere a porte chiuse per le motivazioni che già sono state dedotte.
MC:
C'è ne un o due di foto.
GCM:
La parte civile faceva presente una esigenza di tutela per la vittima di questo processo, nel senso che se dovesse durante il suo esame dover proiettare immagini in qualche modo ....


ESAME TESTE SBARDELLA PIERO
GCM:
La parte civile faceva presente una esigenza di tutela per la vittima di questo processo, nel senso che se dovesse durante il suo esame dover proiettare immagini in qualche modo ....
PS:
Lo dico prima.
GCM:
Chiedere che si proceda a porte chiuse, magari lo fa presente.
PS:
Prima di proiettare lo dico prima.
MC:
C'è sicuramente la questione del cuscino sicuramente, quando proietterete appunto le slide con il cuscino a quel punto credo che ...
PS:
Certo.
GCM:
Prima di proiettare tale immagini lei lo fa presente di modo che si prenderà atto della esigenza della difesa della parte civile si interpreteranno le altre parti e si deciderà se procedere per questa parte della sua ...
PS:
Certo.

Fornisce generalità Assistente Capo Sbardella Piero nato a Roma il 29 giugno 63. addetto all'unità analisi crimine violento del servizio polizia scientifica di Roma.

Consapevole della responsabilità morale e giuridica che assumo con la mia deposizione mi impegno a dire tutta la verità ed a non nascondere nulla di quanto è a mia conoscenza.

MC:
Può riferire alla corte quale è stata la sua attività, quindi se ha partecipato ad attività tecniche ai sopralluoghi e quale è stato l'esito della sua attività.
PS:
La mia attività è iniziata diciamo contestualmente al sopralluogo effettuato proprio inizialmente al rinvenimento della vittima.
MC:
Quindi del 2.
PS:
Però a Roma, noi abbiamo esaminato i giorni successivi il periodo successivo le immagini, noi come unità analisi crimine violento analizziamo le immagini che ci vengono poi portate dai colleghi che sono stati sulla scena del crimine sia video che foto.
MC:
Quindi avete sin sa subito cominciato ad acquisire immagini e fotografie che vi sarebbero poi servite per elaborare il vostro lavoro.
PS:
La nostra analisi successiva, poi mi sono recato il 18 dicembre successivo, nel sopralluogo successivo che è stato svolto a Perugia.
MC:
Quindi lei ah partecipato al sopralluogo del 18 dicembre 2007.
PS:
Sì.
MC:
Quale è stato il suo ruolo in quel sopralluogo.
PS:
Era quello di ricercare, partecipare attivamente al sopralluogo e ricercare quegli elementi che avevamo visionato dai video e dalle foto che potevano essere utili per ulteriori indagini.
MC:
Nel sopralluogo del 18 quale unità della polizia scientifica hanno partecipato, sono entrate in casa.
PS:
È intervenuta l'unita video, sempre del servizio che effettuava le riprese all'interno dell'abitazione per permettere la visione diciamo ai consulenti, da parte di una regia mobile posizionata all'esterno e se volevano non entrare dentro l'abitazione, diciamo che riprendevano tutte le attività all'interno dell'appartamento. Poi c'erano esperti di fotografia che dovevano comunque documentare le attività, e poi c'erano i biologi che partecipavano alla repertazione di tracce biologiche e c'erano noi dell'unità Anticrimine.
MC:
Biologia quindi Dottoressa Stefanoni.
PS:
Sì.
MC:
Lei ha dato assistenza alla dottoressa Stefanoni
PS:
Sì, nella fase di repertazione davo assistenza alla dottoressa Stefanoni certo.
MC:
L'uomo bardato con la tuta della polizia scientifica che è nel video che noi abbiamo già visto si vede a fianco della Dottoressa Stefanoni che indica la Dottoressa Stefanoni il gancetto diciamo più o meno sotto la scrivania.
PS:
Sì, ero io.
PS:
Sì, ho rinvenuto il gancetto e successivamente l'ho mostrato
MC:
Quindi è lei che ha avvistato ... alla dottoressa Stefanoni e poi lo abbiamo repertato.
MC:
Prima della repertazione è stato fotografato oltre che filmato.
PS:
Sì.
MC:
Quindi è lei che lo ha raccolto materialmente nelle mani?
PS:
Allora io l'ho rinvenuto sotto il tappetino, poi l'ho mostrato, l'ho indicato alla Dottoressa Stefanoni che lo ha raccolto e poi, cioè lo abbiamo prima fotografato e poi lo abbiamo anche rifotografato anche successivamente apponendo una lettera che non era stata apposta inizialmente perchè non l'avevamo lì a disposizione, comunque è stato fotografato sia prima che dopo.
MC:
Quindi la prima fotografia è stata fatta non appena è stato trovato il pezzetto di stoffa.
PS:
Filmato anche e ripreso fotograficamente.
PS:
Sì.
MC:
Poi lo avete preso in mano.
MC:
E poi lo avete riposizionato con la lettera.
PS:
Sì, lo abbiamo riposizionato per indicare il reperto, facente riferimento a quella lettera.
MC:
Il Dottor Camala faceva parte della sua unità o di altra unità.
PS:
Fa sempre parte del servizio polizia scientifica si doveva occupare nel caso della blood pattern analisi, cioè esaminare la proiezione di sangue sulla scena per poi fare una consulenza.
MC:
Ma la il suo ruolo la sua assistenza, ha dato anche assistenza.
PS:
Sì, io ho collaborato con lui, perchè con la stazione totale ho posizionato, è una strumentazione che abbiamo in uso, è praticamente un teodolite che usano in ingegneria i Geometri anche per i rilevamenti catastali e cose varie, noi lo usiamo per dare una valenza metrica alle tracce che repertiamo sulla scena, io ho battuto punto per punto ogni schizzo di sangue che intendeva riprendere il Dottor Camana, poi gli ho prodotto successivamente la nuvola di punti metricamente posizionati e poi lui ha tratto le sue conclusioni con l'analisi.
MC:
Poi lei ha partecipato alla elaborazione della relazione diciamo denominata ...
PS:
Sì, con vari compiti perchè eravamo più di una persona, vari compiti ognuno ha collaborato, per quello che posso dire io con quei compiti che mi sono stati assegnati a me.
MC:
Cioè, dica.
PS:
Ho prodotto il fascicolo ho rilegato il fascicolo abbiamo fatto le diverse analisi all'interno del fascicolo con il dottor Codispodi e l'ispettore capo Politi.
MC:
Quindi diciamo chi meglio potrà riferire dell'intera analisi contenuta nella relazione sia l'ispettore Codispodi e Politi.
PS:
Sì.
MC:
Lei invece si è occupato di un analisi diciamo specifica, cioè del posizionamento del cuscino giusto?
PS:
Sì.
MC:
Del cuscino sotto il corpo della vittima.
PS:
Sì.
MC:
Se vuole mostrare le immagini che ritiene utili.
PS:
Sono immagini un po' ...
GCM:
Il teste evidenzia che trattasi di immagini che potrebbero rilevare, secondo quanto evidenziato dalla difesa della parte civile, in relazione a (incomprensibile) le parti vengono interpellate circa il proseguire dell'udienza a porte chiuse.
PC?:
Insiste.
MC:
Sì.
DIF?:
Si rimettono alla valutazione della corte.
GCM:
La Corte D'Assise tenuto conto di quanto già evidenziato nelle precedenti udienze che in presenza di immagini possano rilevare ex articolo 171 del codice di procedura penale, dispone che si proceda a porte chiuse per questa parte dell'esame del teste, si invitano le persone che non possono essere presenti a uscire dall'aula.
MC:
Vogliamo chiarire chi ha fatto questo tipo di lavoro, cioè la posizione del cuscino è importante in relazione a che cosa alle impronte.
PS:
Sulla scena del crimine abbiamo la prima fotografia dove si rinviene la vittima adagiata sopra al cuscino, successivamente da analisi si rinviene sul cuscino nella parte, foto successiva, nella parte in basso a sinistra contrassegnata dal quadrato verde un impronta di scarpa attribuita a Raffaele Sollecito e in alto a destra nel quadrato rosso un frammento di impronta papillare.
MC:
A Raffaele Sollecito la scarpa?
PS:
No, no, è un impronta di scarpa e in alto a destra un frammento di papillare, abbiamo fatto una ricostruzione usando il foto schock un riposizionamento del cuscino e abbiamo visto che le impronte ricadevano proprio sotto il cadavere, perciò abbiamo dedotto che la vittima è stata riposizionata in quella posizione successivamente, visto che le impronte stavano proprio sotto al cuscino.
MC:
Quindi impronta di scarpa credo che si veda bene.
PS:
Il quadrato nero ricade proprio sulla gamba sinistra.
MC:
E' un impronta di scarpa.
PS:
Sì.
PS:
È l'impronta papillare.
PS:
A Rudy Ghedè.
PS:
Sì, qui noi ne abbiamo evidenziata una.
MC:
Il quadrato rosso più piccolino.
MC:
Papillare che è stata attribuita.
MC:
C'è n'era solo una di impronta di scarpa.
MC:
Io non avrei altre domande, perchè il dottor Codispodi ci descriverà compiutamente la relazione.
LG:
È irrituale Presidente ma mi lasci completare, vorrei verificare quelle persone in piedi, si potrebbe avvicinare questa immagine ingrandire, lo so che non tocca a noi, ma avendo l'immagine.
GCM:
Il Pubblico ministero ha detto di aver esaurito, quindi la parte civile?
PC?:
Nessuna domanda.
GCM:
Può iniziare la difesa Amanda Knox e poi la difesa Sollecito che ha i testi in comune.
GB:
Lei diceva rispondendo al pubblico ministero che ha partecipato al sopralluogo del 18.
PS:
Sì.
GB:
A che ora è entrato lo ricorda?
PS:
Siamo entrati la mattina, io proprio personalmente successivamente alla Dottoressa Stefanoni perchè abbiamo suddiviso diciamo il sopralluogo in varie entrate perchè eravamo diverse persone allora abbiamo diviso il sopralluogo in varie fasi, sono entrati prima gli operatori video e fotografici, successivamente è entrata la Dottoressa Stefanoni per gli esami biologici e poi sono entrato quasi subito io, perchè dovevo preparare la stazione totale per l'analisi con il Dottor Camana e dare assistenza.
GB:
Noi guardando il video avremmo individuato, lei ci dirà se è vero o no, nella stanza di Meredith fra l'altro della vittima quindi, che a un certo punto, ha presente che c'era il letto con le doghe e degli abiti sopra.
PS:
Sì.
GB:
È lei il soggetto che prende questi abiti che si vede nel video.
PS:
Penso di sì.
GB:
No, se lei ricorda di aver fatto questa attività.
PS:
Sì, abbiamo trovato sul letto c'erano diversi indumenti, perchè noi siamo andati per cercare determinate cose che avevamo visto nel primo sopralluogo e praticamente avendo trovato queste cose sul letto abbiamo cercato di levarle, per poi osservare meglio la scena.
GB:
Quindi lei ricorda che era il soggetto che prendeva questi abiti.
PS:
Era uno dei soggetti, non l'ho fatta solo io quell'attività.
GB:
Lei ricorda che ora era quando faceva questa attività?
PS:
No. L'ora precisa non mi ricordo.
GB:
Quando lei poi ha scostato appunto questi oggetti e si vede nel filmato, dopo di che lei si è spostato secondo quello che si vede del filmato appunto vicino la scrivania, ricorda ...
PS:
No, non era questa la fase, io mi ricordo benissimo che abbiamo levato prima, ed era molto prima di quella fase lei si riferisce poi al rinvenimento del gancetto vicino alla scrivania.
GB:
Volevo sapere dopo che ha fatto questo rinvenimento dei vestiti cosa ha fatto.
PS:
Abbiamo riempito una valigia con questi indumenti, l'abbiamo spostata e poi c'è stato il rinvenimento della borsa da parte della Dottoressa Stefanoni che ha rinvenuto la borsa, però non era sicura che era la borsa che cercavano, infatti io avevo un computer nell'altra stanza nel soggiorno, dove sono andato a rivedermi le fotografie del primo sopralluogo, per vedere se la borsa che aveva rinvenuta la Dottoressa Stefanoni era proprio quella che cercavamo noi, perchè c'era più di una borsa, la fase dopo quella fase lì sono andato.
GB:
Quindi lei è nella stanza della vittima, fa questo spostamento di abiti perchè comunque erano tutti accatastati.
PS:
Sì, poi spostiamo la valigia, poi è una fase molto successiva, sì.
GB:
C'è questo discorso della borsa, poi lei esce e va in soggiorno.
PS:
Sì. ho fatto un'attività lì al computer.
GB:
Che attività ha fatto al computer?
PS:
Ricercavo questa fotografia proprio che mi indicasse se la borsa era proprio quella che cercavamo, dopo di che ricordo che avevo messo a posto la stazione quella che facevo i rilievi con il Dottor Camana, poi una fase successiva stavo ricercando sempre la foto di dove poteva essere il gancetto che non c'era lì vicino al letto praticamente.
GB:
Voi cercavate questo gancetto.
PS:
Certo, cercavamo questo gancetto.
GB:
Lei lo sapeva dove era stato rinvenuto questo gancetto la prima volta.
PS:
Sì, c'avevamo la fotografia, stava vicino al cuscino, diciamo stava fra la vittima il cuscino e poco a sinistra del tappetino, quello blu, stava da quelle parti lì.
GB:
Stava sotto il cuscino quando è stato rinvenuto il gancetto no.
PS:
Sì, abbiamo la fotografia sì.
GB:
In quella posizione non c'era più il 18.
PS:
Non era in quella posizione.
GB:
Perchè voi avete guardato per vedere se c'era.
PS:
Certo, allora ho visto ho cercato la fotografia per vedere un atto, per cercare di capire dove potesse essere andato.
GB:
E questa fotografia cosa faceva vedere?
PS:
No, dove era posizionato, ho visto che oggetti c'erano vicino per vedere, ho visto il tappetino, sono andato ho detto "il tappetino dove sta", mi sono cambiato i guanti, ho riposizionato prima la stazione perchè ...
GB:
Cos'è la postazione.
PS:
No, la stazione che uso poi successivamente per dare ausilio al Dottor Camana nella sua analisi, siccome stava posizionata dietro dove io operavo con il computer è passato qualcuno, mi ricordo ci aveva dato una botta e l'aveva un attimo scansato ho fatto un operazione lì e poi sono entrato successivamente nella stanza sono andato vicino alla ...
GB:
Chi c'era nella stanza quando lei è rientrato?
PS:
C'era ...
GB:
C'erano i consulenti della difesa?
PS:
Mi pare di sì perchè c'erano quasi, almeno due persone erano sempre presenti.
GB:
Poi chi c'era, solo polizia scientifica o altro.
PS:
Polizia scientifica, ci stavano mi pare il fotografo, non so se in quel momento c'era la dottoressa Stefanoni all'interno. perchè lei mi pare che stava ancora imbustando la borsa, non so stava facendo quelle operazioni lì, non so se stava all'interno o all'esterno della stanza direttamente del corridoio, io sono entrato e mi sono diretto a cercare il tappetino, l'ho visto che sta ...
GB:
Questo tappetino innanzi tutto era un po' spostato rispetto dove l'aveva visto o era nella stessa posizione.
PS:
No, era spostato.
GB:
Di quanto era spostato.
PS:
Un metro, penso un metro perchè stava posizionato originariamente dalle foto del primo sopralluogo vicino alla mensola di fronte all'armadio quasi, un po' spostato verso il centro della stanza, successivamente invece è stato rinvenuto quasi sotto la scrivania.
GB:
Questo spostamento è avvenuto prima che lei tornasse, cioè quando lei era entrato la prima volta nella stanza della vittima, già il tappetino era spostato.
PS:
Sì.
GB:
Quindi lei entra vede questo tappetino spostato.
PS:
Vedo il tappetino ho scansato il tappetino ho visto subito il gancetto che stava sotto al tappetino.
GB:
Quindi lei alza il tappetino lo sposta o lo srotola.
PS:
Lo sposto, lo srotolato mi pare dopo, perchè per vedere se c'era qualcos'altro dentro.
GB:
Dopo che tocca il tappetino per spostarlo cambia i guanti oppure no.
PS:
No, perchè non l'ho afferrato il tappetino l'ho spostato proprio così per vedere se c'era qualcosa sotto in quella fase mi ricordo bene, poi l'ho visto l'ho indicato l'ho fatto fotografare, poi ho fatto chiamare la dottoressa Stefanoni che nel mentre non era in stanza, è venuta e abbiamo dato seguito alle operazioni.
GB:
Dopo che l'ha indicato lei lo ha anche preso questo gancetto, è un pezzettino di stoffa con due gancetti.
PS:
Sì.
PS:
Successivamente alla dottoressa Stefanoni, lo ha preso prima
GB:
L'ha preso o non lo ha preso. la Dottoressa Stefanoni per esaminarlo e mi faceva notare la Dottoressa, "ma siete sicuri che è stato tagliato e non strappato" io gli facevo notare "no, guardi c'è un lembo tagliato di netto è indice proprio che è stato tagliato".
GB:
Ma visto che lei non aveva cambiato i guanti, non ha ritenuto di cambiarli prima di riprendere questo pezzettino in mano.
PS:
Io ancora non avevo toccato niente praticamente, perchè avevo solo scansato il tappetino con la mano, con il dorso della mano avevo scansato, non avevo, me li ero appena cambiati prima dall'attività precedente che avevo fatto.
GB:
Ma ovviamente su questo pezzettino ci poteva essere del DNA. Lei ha avuto cura di toccarlo da una certa parte questo pezzettino di stoffa ricorda dove lo ha toccato.
PS:
Mi ricordo dove l'ho toccato non mi ricordo, l'attenzione nelle tracce biologiche, su una scena comunque vecchia di un mese e mezzo non è che, noi quando andiamo a repertare tracce biologiche su una scena del crimine diciamo, ma anche dopo tre o quattro giorni dobbiamo comunque raschiare la superficie oppure agire con un lembo imbevuto di sostanza fisiologia andiamo ad ammorbidire non è che c'è questa, cioè è molto difficile se non impossibile proprio la contaminazione.
GB:
C'era stata già una perquisizione prima del vostro intervento che le risulti?
PS:
Sì, c'era stata perquisizione della squadra mobile che comunque che io sappia sempre con le dovute modalità di preservazione diciamo.
GB:
Quando lei dice che io sappia con le dovute modalità di preservazione mi dice da dove ricava questi dati e cosa intende per modalità di preservazione.
PS:
Perchè ho visto più volte la squadra mobile intervenire in perquisizioni, in questi casi usano sempre guanti, calzari.
GB:
E' quindi un dato che lei ricava.
PS:
Non li ho visti chiaramente no, perchè non c'ero io quando hanno fatto questa perquisizione, so che l'hanno fatta, lo do per scontato però non li ho visti assolutamente.
GB:
Mi interessa quando si fa un affermazione se lei era lì, se ...
PS:
Non ero lì.
GB:
Quindi lo deduce dalle modalità.
PS:
Lo deduco dall'esperienza li ho visti sempre, sarebbe la prima volta che vedo fare una perquisizione sena le dovute cautele.
GCM:
Possiamo riprendere l'udienza pubblica.
GB:
Quando lei diceva che era andato al computer che era sul tavolo della cucina quando era uscito dopo la refertazione dopo la borsa lei era uscito mi diceva ed era andato al computer a cercare delle foto.
PS:
Sì.
PS:
Sì, si vedono le immagini.
GB:
Questo computer dove era, era sul tavolo della cucina?
GB:
Sul tavolo della cucina è il posto deve è stato trovato il portacenere con dei mozziconi di sigaretta.
PS:
Non ricordo, questa non è un attività che ho svolto io.
GB:
Poi lei mi diceva rientra sposta questo tappetino e prende questo pezzettino di stoffa.
PS:
No, lo prendeva la dottoressa Stefanoni e poi lo prendevo
GB:
Allora da terra chi lo prende.
PS:
La dottoressa Stefanoni.
GB:
Poi lo passa a lei?
PS:
Sì, perchè lei non era ... "da dove lo vedete che il gancetto non è stato strappato ma è stato tagliato", io gli indicavo i lembi tagliati di netto praticamente e poi lei me lo passa e glielo mostravo con la luce.
GB:
Infatti la mia domanda era questa, lei diceva non ricordo da dove l'ho preso, lei può escludere di avere preso addirittura proprio dai gancetti dove è stato poi rinvenuto il DNA afferrato con i guanti i gancetti dove c'era questa stoffa, lo può escludere.
PS:
Penso di averlo preso dalla stoffa non credo dai gancetti.
GB:
Dal filmato in realtà se vuole glielo posso fare vedere si vede che lei lo prende dai gancetti.
MC:
Mi pare che l'altra volta non eravamo d'accordo sull'interpretazione delle immagini.
GB:
Allora glielo facciamo vedere.
GCM:
Stiamo guardando il filmato del 18. 12.
GB:
Sa dire se riconosce queste immagini sa lei chi è di queste persone.
PS:
Penso che quello accucciato sia un consulente perchè vedo che c'è una macchinetta.
GB:
Lei chi è di questi?
PS:
Non lo so così non mi riconosco, forse sono quello accucciato lì dietro, il collega lo sta fotografando come dicevo io prima.
GB:
Lo indica, questa è la dottoressa Stefanoni.
PS:
Sì.
GB:
Lei indica, indica, qua abbiamo un primo passaggio del gancetto adesso lo sarà di nuovo a lei, da dove sta prendendo adesso il pezzo di ...
PS:
Guardi i gancetti sono sopra.
GB:
Sono sopra?
PS:
Sono sotto i gancetti io lo tengo però laterale.
GB:
Ritiene di non toccare i gancetti in questo momento.
PS:
Sono coperto non lo so se li tocco onestamente.
GCM:
Possiamo dare indicazione dell'immagine del filmato.
GB:
35 minuti e 46 secondi. Quindi lei non ritiene che sta afferrando il reperto dai gancetti.
PS:
Onestamente forse sto in mezzo, sono coperti i gancetti perchè sono dalla parte sotto del tiro, però non lo so se lo tocco, penso di non toccarli.
GB:
E da dove lo tiene quindi questo pezzettino?
PS:
Dal lembo di stoffa e poi ci sono i gancetti e mi pare mancava il gancetto centrale.
GB:
Mancava un gancetto quindi.
PS:
Mi pare era un po' largo e lo tenevo ... chiaramente ...
GB:
Lo teneva da dove questo ...
PS:
C'è il pezzo di stoffa qui ci sono i gancetti io lo tenevo così.
GCM:
Se lo può descrivere questo segno che fa con le dita.
PS:
Lo tenevo così chiaramente il primo dito e le altre dita sotto nascondono i gancetti, però io non penso di toccare i gancetti lo tocco dalla parte della stoffa quasi sull'estremità in fondo.
GB:
Dopo questa immagine lei si cambia i guanti, visto che aveva toccato un reperto, questo poi sarà repertato come lei sa.
PS:
Penso di sì.
GB:
Possiamo andare avanti.
PS:
Non mi ricordo che altra attività ho fatto.
GB:
Ogni volta che voi toccavate qualcosa che poi veniva repertato, vi cambiavate i guanti per evitare appunto possibili contaminazioni o no.
PS:
Ma non necessariamente, la cosa che le avevo spiegato prima, li cambiavamo molto spesso i guanti, però per la cosa che gli avevo spiegato prima, che la contaminazione è impossibile diciamo, su una scena vecchia di un mese e mezzo dove le tracce sono secche e hanno bisogno di essere sia grattate che diluite con la sostanza. E' questo.
GB:
Premesso che lei dice la scena era secca ba bene, nonostante la scena fosse secca avevate scelto di cambiare guanti, troveremo nelle immagini il cambio di guanti o no.
PS:
Non lo so se lo troviamo nelle immagini, perchè le immagini non è che le giriamo per documentare tutte le fasi delle repertazioni e tutte le fasi del sopralluogo, perchè non dobbiamo farlo questo, in molti sopralluoghi non si fa in quasi tutti i sopralluoghi non si fa.
GB:
Le sto chiedendo dopo che lei ha toccato questo reperto, visto che è stato messo in un sacchetto, dopo ha toccato qualcos'altro ci sono stati ulteriori reperti, ha avuto cura di cambiarsi i guanti.
PS:
Onestamente non ricordo, però ecco si vedrà dalle immagini.
GB:
Sì, che si vedrà lo so, mi interessa se lei visto che ricostruisce quando cambia i guanti, se sa che qui li ha cambiati?
PS:
Mi ricordavo preciso la fase che le avevo detto prima, perchè risale a un attività che avevo fatto diversa dalla ... in questa fase non mi ricordo.
GB:
Andiamo avanti, adesso, perchè lo mettete a terra questo gancetto.
PS:
Perchè dovevamo posizionare una lettera che dava riferimento al referto.
PS:
No.
GB:
Non avevate campionato per terra vero?
GB:
Adesso si vede questo pezzettino di stoffa con i gancetti, comunque i gancetti sono due.
PS:
Mi pare che avevo detto due, dicevo che forse uno mancava.
GCM:
Quando dice mancava cosa significa che c'è n'erano all'inizio tre. Che significa uno mancava.
PS:
No, forse perchè c'erano sicuramente quelli laterali, il laterale destro e quello sinistro.
GCM:
Qual'è che mancava.
PS:
Forse quello centrale non l'ho verificato onestamente.
GB:
E' lei questa persona di cui si vedono i calzari, questo inquadrato adesso.
PS:
Sì, questo sì, mi pare di sì.
GB:
Vede che lei qui incomincia a toccare un po' di oggetti, non ritiene di cambiare guanti, guardi quanti oggetti tocca.
PS:
Non li ho cambiati qui, però sempre per quella motivazione lì che le ho detto prima, qui rinvenivamo un calzino all'interno del. ..
GB:
Ma almeno cambiava i guanti quando riteneva che comunque un reperto doveva essere, un qualcosa doveva essere repertato.
PS:
Qualcosa di interessante, qui non li ho cambiati.
GB:
Le sto chiedendo, ovviamente mi interessa la sua ricostruzione poi vediamo se combacia, lei mi diceva prima, c'era 1 'ambiente secco però li cambiavamo quando lo ritenevamo importante.
PS:
Quando uscivamo dall'ambiente, quando facevamo altre cose.
GB:
Cambiavate guanti quando uscivate dall'ambiente?
PS:
Dalla stanza?
GB:
Eh.
PS:
Io li ho cambiati prima perchè ho operato sul computer, poi dovevo operare sulla stazione, mi sono levati i guanti, perchè avendo tastini piccoli non riuscivo a
GB:
Ma nell'ambito della stanza, qui stiamo vedendo che lei tocca degli oggetti, quando lei sta dentro la stanza.
PS:
Non mi ricordo, noi abbiamo i guanti che li portiamo anche dietro, ogni tanto prendiamo e cambiavamo i guanti, li infiliamo sugli stessi, se lei mi dice se in questa fase li ho cambiati, io non mi ricordo se li ho cambiati onestamente.
GB:
Quindi lei non si ricorda se li ha cambiati.
PS:
Qui no.
GB:
Siamo al minuto 38. Almeno lei ha ricordo se cambiava i guanti quando un dato oggetto diventava reperto, perchè un oggetto se viene insacchettato diventa reperto, quindi può avere un significato processuale, quanto meno troveremo un cambiamento dei guanti, magari tagliato dal filmano non lo so, da reperto a reperto o no.
PS:
Se l'hanno ripreso sì.
GB:
Quindi lei esclude invece di avere preso con lo stesso guanto più oggetti che poi sono stati repertati.
PS:
Non mi ricordo, penso di averli cambiati i guanti, però se mi dice proprio in quella fase lì se li ho cambiati non mi ricordo.
GB:
Mi interessa se da reperto a reperto lei mi può dire, io ho il preciso ricordo e le posso escludere di avere tenuto gli stessi guanti, se lo può escludere se non lo ricorda o se ...
PS:
Da tutti i reperti che ho repertato, penso in questa fase questo reperto qui non mi pare, perchè faccio una repertazione che poi inizialmente sembrava una cosa che stava in mezzo al tappetino così, poi l'abbiamo repertata e un calzino mi pare, mi pare che lo abbiamo imbustato non mi ricordo bene.
GB:
La risposta è?
PS:
Non ho cambiato i guanti in questa situazione qui.
GCM:
Per repertare il calzino.
PS:
Per repertare il calzino mi sembra sì.
GB:
In altri passi del filmato li possiamo vedere salvo che lei non mi dà invece una risposta di carattere generale, nell'ambito di questa registrazione, se quando appunto, ovviamente non è che è sempre ripreso lei, però spesso anche lei, noi troveremo che lei cambia i guanti ogni qualvolta tocca oppure troveremo che vari reperti sono stati repertati con gli stessi guanti.
PS:
No, penso di no, perchè tendevamo comunque a cambiarli se vedevamo che il reperto era un reperto importante.
GB:
Allora andiamo un po' avanti, questo è il calzino.
PS:
Il calzino che dicevo prima.
GB:
Ha visto che non ha cambiato i guanti.
PS:
Sì, glielo avevo detto infatti.
GB:
Il calzino era sporco di qualcosa anche visivamente.
PS:
Ma c'era una striatura però erano calzini, la dottoressa diceva che stavano comunque vicino dove era la zona del sangue dell'imbrattamento iniziale, perciò erano poco indicativi.
GB:
C'è un calzino che sta vicino l'imbrattamento iniziale è poco indicativo?
PS:
C'era tanta sostanza ematica nella scena è stato spostato eventualmente poteva essere sangue o non sangue non so, c'erano delle striature sporche, non era attribuibile diciamo lì per lì a sostanza ematica, poi comunque lo abbiamo repertato il calzino.
GB:
Continuiamo a vedere.
PS:
Sono io mi pare quello.
GB:
Quello è un suo collega.
PS:
Io sto indicando diciamo una sporcatura del calzino che non so se, al momento non poteva essere ricondotta a sostanza ematica.
GB:
Questo tappettino lei ricorda se aveva delle macchie.
PS:
Era sporco, c'aveva, infatti penso che successivamente lo indico, però ...
PS:
Il tappetino non è stato repertato.
GB:
Lo avete esaminato.
GB:
Chi ha scelto di non repertarlo e per quali ragioni.
PS:
Beh, siccome era la dottoressa Stefanoni che a capo diciamo dell'indagine come esperta biologa e più alta in grado, noi ogni cosa che refertavamo o dovevamo repertare chiedevamo a lei era opportuno e lei non ha ritenuto opportuno repertare.
GB:
Perchè siccome voi cercavate questo gancetto e lei mi dice l'ho trovato sotto il tappetino, il tappetino tra 1 'altro si vede che è sporco, non avete pensato di repertare questo tappetino per vedere, visto che è stato trovato il gancetto sotto il tappetino.
PS:
No, le ripeto la Dottoressa Stefanoni ha ritenuto non opportuno repertarlo, l'esperta biologa era lei, era anche la più alta in grado e responsabile del sopralluogo perciò ...
GB:
Qui è stato repertato questo calzino.
PS:
Sì.
GB:
Adesso nonostante abbiamo avuto questa repertazione come vede lei non cambia i guanti e tocca di nuovo il tappetino.
PS:
Sì.
GB:
Siccome lei mi diceva che cambiava i guanti quando, ci sono stati due reperti presi e nessun cambio di guanti.
PS:
Non lo abbiamo repertato il tappetino.
GB:
Fin'ora è stato repertato sotto il registratore, il pezzettino di stoffa i guanti e questi guanti sono sempre gli stessi che lei ha?
PS:
Sì.
GB:
Perchè non ha cambiato i guanti.
PS:
Gliel'ho spiegato non è che cambiavamo i guanti ogni 5 minuti perchè dovevamo toccare qualsiasi cosa lì, perchè sennò dovevamo cambiare 800 paia di guanti, in questa fase non abbiamo ritenuto opportuno cambiare i guanti sempre per quella cosa che le ho spiegato prima.
GCM:
Ce la può ridire questa cosa.
PS:
Che su una scena diciamo vecchia di un mese e mezzo due mesi quasi, non è possibile la contaminazione di sostanze biologiche in nessun modo, noi quando facciamo queste repertazioni andiamo a raschiare, oppure a portare via la sostanza imbevendo la carta bibula con ...
GCM:
Ma questo dato lei come lo ha appreso dalla sua esperienza ...
PS:
Dall'esperienza.
GCM:
Sì, ma l'esperienza confrontata di quale nozione scientifica, cioè ...
GB:
Noi lavoriamo a stretto contatto con i biologi infatti in questa fase il mio diretto superiore la dottoressa Stefanoni che è un esperto biologo, sono cose che ci dicono loro.
GB:
Lei aveva in mano una torcia.
PS:
Sì.
GB:
Ognuno di voi ha una torcia?
PS:
Sì.
GB:
La torcia è sempre la stessa anche quando si cambiano i guanti.
PS:
La torcia sta dentro la valigetta di sopralluogo che in dotazione a persona.
GB:
La torcia che si utilizza è sempre la stessa io cambio guanti e riprendo la stessa torcia?
PS:
È una torcia c'è una torcia.
GB:
Adesso le fa rivedere, ovviamente per chiarezza questo è precedente come minuto, il teste prima faceva riferimento a un attività che aveva compiuto prima della repertazione del gancetto questa attività esattamente al minuto 17 e 12, questa attività queste sono le doghe del letto, se il teste si riconosce e se mi dice che attività sta svolgendo.
PS:
Stavamo facendo quell'attività che le dicevo prima, cercavamo di levare questi panni che stavano sopra al letto e li mettevamo.
GB:
Adesso quindi nello spostare i panni si vedrà che lei si cambia i guanti o no.
PS:
Penso di no.
GB:
GCM:
Che minuto siamo.
GB:
17 e 26. Scusi lei mi diceva che prima con riferimento a quella parte sotto la scrivania non era un momento in cui ritenevate di cambiarvi i guanti, ma nemmeno in questo momento in cui avete scostato abiti confusi ha ritenuto di cambiarsi i guanti.
PS:
Esatto ci sono sul letto centinaia di abiti, io ogni abito che prendo cambio guanti?
GB:
Ma io glielo sto chiedendo.
PS:
No, non li ho cambiati in questo momento, perchè mettevamo gli abiti all'interno di una valigia per portarli all'esterno poi, per fare un po' di ordine dentro la stanza perchè non riuscivamo a osservare.
GB:
Oltre gli abiti troveremo che lei ha toccato altre cose senza cambiarsi i guanti.
PS:
Adesso in questa fase sto toccando gli abiti, poi dopo questa fase io metto gli abiti all'interno della valigia, portiamo fuori la valigia e poi vado a fare quell'attività che le dicevo prima di ricerca sul computer di rilievo fotografico effettuato nel primo sopralluogo dove si vedeva la borsa repertata dalla Dottoressa Stefanoni che non era sicura che era quella che noi cercavamo.
GB:
Facciamo un ultima domanda sui filmati, questo è lei?
PS:
Mi pare di sì, sto mettendo nella valigia i vestiti.
GB:
Qui è corretto dire che non c'è cambio di guanti.
PS:
Sì, correttissimo.
GB:
Chi aveva messo tutti questi indumenti su questo letto.
PS:
Li abbiamo trovati lì quando siamo arrivati.
GB:
Questi oggetti che sono stati poi messi in questa valigia sono stati oggetto di analisi?
PS:
No.
GB:
Lei ricorda se ci sono stati oggetti in questa fase che dall'esterno della stanza sono entrati dentro la stanza può escluderlo.
PS:
Oggetti in che senso.
GB:
Qualcosa che è stato portato da fuori a dentro.
PS:
Tranne le attrezzature.
GB:
Quali erano le attrezzature.
PS:
Erano la stazione totale che ho usato io nella fase successiva per battere i punti sull'armadio.
GB:
Quando è entrata questa stazione totale.
PS:
Nella fase quasi finale, prima che facevamo il luminol che ci stava la parte del luminol che c'è stato il Dottor Camana che ha eseguito quell'analisi sulle ante dell'armadio.
GB:
Altri oggetti che lei ricorda?
PS:
Non mi ricordo, penso c'era un ostativo dei colleghi di fotografia.
GB:
Cos'è uno stativo?
PS:
Era dove, praticamente si mette un cavallettino, hanno cercato di fotografare inizialmente le impronte che erano sul pavimento.
GB:
I calzari li cambiavate ogni qualvolta usciva dalla stanza, ogni qualvolta uscivate dalla casa.
PS:
No, dalla casa veramente non siamo mai usci ti perchè chi è entrato siamo stati sempre dentro la casa e chi usciva fuori la casa doveva ricambiarsi tuta, calzari, i calzari non sono separati dalla tuta, sono, almeno i nostri.
GB:
Quindi quando lei è andato a fare quell'attività al pc ed è rientrato ovviamente.
PS:
Quando uscivamo dalla stanza e andavamo nel corridoietto e nel soggiorno non è che cambiavamo la tuta, perchè effettivamente ...
GB:
Con riferimento a questo lavoro che voi avete depositato a tre Politi, Codispoti e Sbardella.
PS:
Relativo al cuscino.
GB:
Quello di cui abbiamo parlato oggi cioè la vostra analisi del crimine la ricostruzione, lei ricorda anche che avete analizzato delle impronte di piedi.
PS:
Su questa attività poi, perchè io ho partecipato, io lì l'ho redatto però l'analisi e altre cose all'ispettore Politi e il Dottor Codispodi.
GB:
Quindi lei non è in grado di darmi delle risposte sulle impronte dei piedi mi interessano per ora.
PS:
No.
GB:
Sulle impronte dei piedi nudo no.
PS:
No.
GB:
Lei quindi esclusivamente solo su quell'impronta che ha fatto vedere prima al PM è in grado di rispondere tutte le altre domande relative a impronta del coltello eccetera lei non è in grado di rispondere.
PS:
No, risponderà l'ispettore Politi successivamente.
GB:
Nessun'altra domanda.
LG:
Ispettore ho capito che lei non ha partecipato direttamente al sopralluogo del 2 e 3 novembre.
PS:
No.
LG:
Però ho capito che riceveva in diretta i risultati.
PS:
Abbiamo fatto l'analisi delle immagini e dei video che ci sono successivamente giunti da noi, noi facciamo quello non è ...
LG:
Quando ha parlato del cuscino erano foto che lei aveva ricevuto e analizzava a Roma.
PS:
Sì.
LG:
Questa la relazione vostra firmata depositata all'udienza preliminare esattamente il 27 settembre 20 08 è corretto dirlo.
PS:
Sì.
LG:
Sa perchè glielo chiedo, perchè al 16 settembre il pubblico ministero deposita una vostra, un lavoro analogo non firmato perchè mandato via mail, depositato il 16 settembre 2008.
PS:
Non ricordo le date.
LG:
Siamo a settembre 2008 , siamo all'udienza preliminare che si è svolta davanti al G. U. P. di Perugia, dagli atti risulta un deposito non firmato dell'analisi del crimine violento depositata al Dottor paolo Micheli in udienza il 16 settembre, quindi la domanda, si ricorda che avevate fatto un elaborato?
PS:
Sì, mi ricordo, se lei mi dice la data precisa onestamente non me la ricordo.
LG:
Le date servono a noi per altre cose, le mostro una riga non firmata, che è il primo elaborato scritto sempre da voi tre Codispoti, lei e Poli ti, volevo solo sapere se storicamente ricorda che prima avete mandato un lavoro.
PS:
Questo guardi lo può chiedere al Dottor Codispodi, perchè il lavoro lo abbiamo fatto, io non ricordo questa fase, se è stato inviato precedentemente via mail o via fax o che sia, non lo ricordo onestamente.
LG:
La cerco di aiutare, siamo sempre all'udienza, la data non le interessa, il pubblico ministero chiede di produrre la relazione servizio scientifica pervenuta in data odierna, via mail e per questa non firmata, relativo a una ricostruzione della dinamica, lo ricorda?
PS:
Mi ricordo che l'abbiamo fatto, non mi ricordo questo passaggio, onestamente non me lo ricordo.
LG:
Ricorda che ne avete inviata una successiva sottoscritta? Firmata? Gliela mostro.
PS:
Ma non me la ricordo, ho capito che me la mostra, le dico che l'abbiamo fatta non mi ricordo se l'abbiamo inviata, perchè effettivamente non lo avrò fatto io l'invio lo avrà fatto qualcun altro.
LG:
Senz'altro pongo male le domande io. Lei Codispoti e Politi inviate un primo elaborato scritto al Pubblico Ministero non firmato, questo se lo ricorda lasciamo stare le date.
PS:
Non me lo ricordo, mi ricordo che lo abbiamo fatto, ma che lo abbiamo inviato non me lo ricordo questo passaggio.
LG:
Tra i due, allora la domanda gliela faccio, ma conosco la risposta, c'erano differenze nelle analisi delle conclusioni tra il primo elaborato e il secondo.
PS:
Io mi ricordo che l'abbiamo fatto quell'elaborato, non mi ricordo l'invio precedente.
GCM:
C'erano differenze che lei possa ora ricorda e riferire se sono stati due elaborati e se sì ...
PS:
Io non mi ricordo se ci sono stati due elaborati che uno è stato inviate precedentemente.
LG:
Non ho altre domande.
MDG:
Senta io volevo capire che tipo di accertamenti quindi lei ha compiuto che sono confluiti in questa relazione che riporta la sua firma, cioè di che parte si è occupato.
PS:
Io mi sono occupato del sopralluogo del 18, abbiamo fatto l'analisi della scena del crimine in base ai video e alle foto che ci hanno portato i colleghi che sono stati nel primo sopralluogo e ho fatto il sopralluogo del 18 e abbiamo fatto l'attività quella relativa al cuscino che abbiamo visto prima.
MDG:
Che noi troviamo in questa relazione?
PS:
No, è stata depositata mi pare successivamente.
PS:
Non ricordo le date.
MDG:
Comunque in questa relazione che riporta le firme di Codispoti, Sbardella e Poli ti Unità per L'Analisi del Crimine Violento noi non ritroviamo la prospettazione che ci ha ...
PS:
No, non c'era in quella no.
MDG:
Dove si trova?
PS:
È un'altra ne abbiamo depositata un'altra dottoressa.
MDG:
Senta che tipo di competenze lei ha?
PS:
Sono video foto segnalatore al servizio polizia scientifica dal 91 ci occupiamo di sopralluogo e varie altre cose, faccio l'istruttore ai corsi di Polizia Scientifica.
MDG:
Quando?
MDG:
Che lei sappia è stato repertato in sede di 18 dicembre il cuscino del quale ha parlato.
PS:
È stata repertata prima la federa.
MDG:
18 dicembre ricorda che era ancora all'interno della casa, era stato prelevato, era stato sottoposto ad esami.
PS:
Era stata repertata al federe del cuscino, non era stato repertato il cuscino, il cuscino era ancora all'interno delloa casa, la federa però era stata repertata.
MDG:
Non ho altre domande.
MC:
Una domanda a conclusione dell'esame, abbiamo visto e lei ha confermato che con gli stessi guanti che aveva appena cambiato come ha già riferito, con gli stessi guanti con i quali ha toccato e repertato il gancetto, ha toccato anche il calzino.
PS:
Sì.
MC:
Lei è a conoscenza dei risultati delle analisi biologiche compiute sul calzino.
PS:
Sul calzino non è stato trovato niente riconducibile a ... niente.
MC:
Nessun'altra domanda.
GCM:
Riconducibile a che cosa?
PS:
A tracce sia ematiche che biologiche riconducibili a persone interessate.
GCM:
Non ci sono altre domande il teste viene congedato.