Marco Zaroli's Testimony

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
DEPOSIZIONE DEL TÈSTE - ZAROLI MARCO

IL TESTE, AMMONITO AI SENSI DELL'ART. 497 DEL CODICE DI PROCEDURA PENALE, LEGGE LA FORMULA DI RITO.

Key to abbreviations
GCM Giancarlo Massei Judge Presidente
GM Giuliano Mignini Prosecutor Pubblico Ministero
MZ Marco Zaroli Witness being questioned Filomena Romanelli's then boyfriend
LM Luca Maori Sollecito defense lawyer Avvocato
LG Luciano Ghirga Knox defense lawyer Avvocato
CDV Carlo Dalla Vedova Knox defense lawyer Avvocato
FM Francesco Maresca Counsel for Kercher family (civil plaintiffs) Avvocato
MC Manuela Comodi Prosecutor Pubblico Ministero

GENERALITÀ: Zaroli Marco, nata a Assisi il 28/01/1982.

GCM:
Pubblico Ministero può procedere all'esame.

Contents

Pubblico Ministero Mignini

GM:
Lei è il fidanzato di Filomena Romanelli, no?
MZ:
Ex fidanzato.
GM:
Ex fidanzato, scusi. All'epoca, al 2 novembre, era fidanzato...
MZ:
Ero fidanzato con Filomena Romanelli, esattamente.
GCM:
Più ad alta voce, magari, perché non tutti riescono a sentire e anche più vicino al microfono.
GM:
Sì, lei quando l'aveva conosciuta, quando aveva iniziato a frequentare la casa di via della Pergola?
MZ:
Fin da quando firmarono il contratto, Filomena e Laura inizialmente, fino a quando entrarono loro in casa.
GM:
E poi ha conosciuto, ha avuto modo di conoscere, quindi, anche a Amanda Knox e Meredith?
MZ:
Sì.
GM:
E Sollecito, quando l'ha conosciuto?
MZ:
La mattina in cui è stata ritrovata...
GM:
Quindi la mattina del 2.
MZ:
Sì.
GM:
Ecco, io volevo tornare indietro un attimo di qualche giorno. La sera, cosa fece la sera del 31 ottobre?
MZ:
Cenai a casa di Filomena, di Meredith, e dopo uscimmo a vedere un film al cinema.
GM:
Ecco. Un attimo, prima di andare avanti. Avete cenato a che ora? Lei a che ora è andato a casa dei di via della Pergola? Quella sera del 31dico.
MZ:
In tarda serata, non mi ricordo l'orario preciso, tarda serata, intorno le otto, le sette e mezzo...
GM:
In casa chi c'era quella sera?
MZ:
C'era Meredith che uscì dopo, mentre stavamo mangiando insomma.
GM:
Ecco, quanto siete stati con Meredith quella sera?
MZ:
Pochissimo perché semplicemente è passata e ha detto che usciva, lei si stava preparando quando io e Filomena stavamo preparando la cena così, stavamo chiacchierando, lei si stava preparando credo di là per uscire, poi semplicemente ha salutato ed è uscita.
GM:
Senta, si ricorda se pioveva quella sera?
MZ:
Mi ricordo che pioveva. Sì, me lo ricordo...
GM:
Com'era, una pioggia intensa... quand’ è cominciata?
MZ:
Io mi ricordo che pioveva quando sono partito da ingegneria per andare a casa di Filomena e Meredith. Era abbastanza intensa, la pioggia, non mi ricordo altro.
GM:
Com'era vestita Meredith quella sera?
MZ:
Non mi ricordo.
GM:
Ecco, ache ora siete andati via? Siete andati, m'ha detto, al cinema se ho ben capito?
MZ:
Sì.
GM:
A che ora?
MZ:
Mi sembra fosse il secondo spettacolo.
GM:
Ma era lei, Filomena e qualcun altro?
MZ:
C'era anche Luca e Paola, Luca Altieri e Paola Grandi.
GM:
Ecco, l'ultima volta che vide Meredith quando è stato?
MZ:
Quella sera lì.
GCM:
L’ultima volta in assoluto? La domanda...
GM:
Lei, c’è stato poi... lei è stato quella sera, il 31, no? C'è stato anche..?
MZ:
Il giorno successivo seppi della sua presenza in casa ma tramite Amanda, non la vidi, passammo di là perché dovevamo prendere al volo...
GM:
Quindi era, era il primo novembre?
MZ:
Il primo novembre. Sì.
GM:
Che ora era?
MZ:
Ora di pranzo, l'una circa.
GM:
Ecco, quindi lei era... eravate a casa di via della Pergola.
MZ:
Sì, eravamo passati a casa.
GM:
Amanda... lei ha visto Amanda, come era vestita?
MZ:
Non me lo ricordo.
GM:
Andiamo alla... la notte<dove l'avete passata?
MZ:
La notte l'abbiamo passata a casa mia.
GCM:
La notte, magari se può specificare.
GM:
La notte dall'uno al due. Ecco, il due, che cosa è successo? Ci racconti...
MZ:
Il 2 in tarda mattinata mi sono svegliato, Filomena era già uscita, mi aveva svegliato per dirmi che prendeva la macchina e usciva per andare alla fiera dei morti, c'è stato un giro di telefonate tra... perchè Filomena era andata con Paola, sostanzialmente, e loro due chiamarono me e Luca, che a nostra volta ci sentimmo, non mi ricordo l'ordine preciso delle telefonate...
GM:
A che ora vi chiamo? Scusi, a che ora Filomena la chiamo, poi...
MZ:
Sugli orari, è passato così parecchio tempo quindi non ne sono sicuro. Non sono sicuro degli orari perché è passato parecchio tempo quindi non... era tarda mattinata, intorno a mezzogiorno e mezzo, ecco.
GM:
Ecco, e che cosa disse, cosa le disse Filomena?
MZ:
Che l'aveva chiamata Amanda, che con ogni probabilità c'era stato un furto a casa sua, ma che non era riuscita a capire bene perché Amanda aveva semplicemente accennato qualcosa, cioè che c'era una finestra rotta, del sangue ma non s'era capito cosa fosse successo e che gli aveva detto ad Amanda di richiamare al più presto per chiarire la situazione sostanzialmente.
GM:
Ecco, Filomena le disse a che ora aveva chiamato Amanda?
MZ:
No.
GM:
E allora lei che cosa ha fatto?
MZ:
D'accordo con Luca, che Luca mi passasse a prendere, visto che la mia macchina l'aveva Filomena, la mia automobile, abbiamo deciso di andare a casa a controlla' cosa fosse successo.
GM:
Ecco, si ricorda a che ora siete arrivati a via della Pergola?
MZ:
Non posso essere sicuro degli orari, vista la distanza del...
GCM:
Più ad alta voce, magari, se si riesce a dare più...
MZ:
Intorno a l'una, però non posso essere sicuramente preciso.
GM:
Ecco, è arrivato lei e Luca Altieri.
MZ:
Sì.
GM:
Filomena e Paola Grande...
MZ:
Arrivarono in un secondo momento.
GM:
Arrivarono in un secondo momento. Le macchine, l'avete parcheggiate da qualche parte, nella piazzola, oppure fuori?
MZ:
Nella piazzola antistante la casa, Luca la sua, io non ce 1'avevo.
GM:
Quanto tempo dopo arrivò Filomena?
MZ:
Non poco, non lo so quantificare, un quarto d' ora, non so.
GM:
È sicuro di questo? E" sicuro oppure ha dei dubbi su questo..?
MZ:
Ripeto, per quanto riguarda le questioni di orario essendo passato parecchio tempo, sono stato più attendibile quando sono stato sentito in precedenza, adesso non vorrei sbilanciarmi in cose di cui non sono troppo sicuro.
GM:
Quello che lei ricorda, poi eventualmente... Dunque, lei arriva quindi con Luca Altieri. No?
MZ:
Sì.
GM:
Verso le una ha detto.
MZ:
Sì.
GM:
Grosso modo.
MZ:
In maniera molto...
GM:
Che cosa vede?
MZ:
I due agenti della postale, Amanda e Raffaele nel corridoio della... antistante la camera di Amnada e di Meredith, e entrando c'era visibilmente un... quello che sembrava essere un furto, perché c'era... mi, mi sono subito, dato che non c'era Filomena e non c'era Laura, preoccupato per andare a vedere che era successo, c'era la camera di Filomena a soqquadro e camera di Laura c'era solo un cassetto aperto.
GM:
Lei ha esaminato bene che cosa... la situazione come si presentava nella camera di Filomena?
MZ:
Non accuratamente, però era tutto abbastanza a soqquadro.
GM:
Che cosa c'era, ecco, può descrivere.
MZ:
Vestiti per terra, tutto rovesciato fondamentalmente a terra o sul letto.
GM:
E poi che cosa c'era? La finestra?
MZ:
La finestra era rotta.
GM:
Ha visto... i vetri dove stavano?
MZ:
I vetri stavano stranamente, cosa che è stata diciamo valutata in un secondo momento perché lì per lì non era stata lampante, erano sui vestiti gettati a terra, ad esempio.
GM:
Cioè lei ha visto i vetri sopra i vestiti gettati a terra?
MZ:
Sì.
GM:
Cioè i vestiti sparsi per terra e sopra i vetri della finestra?
MZ:
Sì, sì.
GM:
Poi che cosa ha visto? Ha visto una pietra per caso?
MZ:
Ah, sì, sì, sì, sì, c'era un ammasso di queste dimensioni.
GM:
Quanto sarà pesato, all'incirca?
MZ:
Abbastanza, sicuramente non poco.
GM:
Senta, lei ha fatto un... appena arrivato, no, ha fatto un controllo?
MZ:
Non sapendo dove cono... dove teneva l'oro Filomena o i gioielli di valore diciamo, no, ho aspettato Filomena affinché lo facesse
GM:
Quindi lei non sapeva se era stato asportato, o meno qualcosa?
MZ:
No, no.
GM:
Che cosa...
MZ:
Ho visto il computer o altri beni che non erano stati toccati. Ma non conoscevo, diciamo...
GM:
Certo. Che cosa dicevano e facevano Amanda e Raffaele?
MZ:
Erano sostanzialmente in disparte mentre mi ricordo che io e Luca cercavamo tutti di cercare di capire, insieme agli agenti della postale cosa fosse avvenuto, perché c'erano delle cose oggettivamente strane, mi sembra che sostanzialmente fossero in disparte.
GM:
Se ne stavano in disparte.
MZ:
Non partecipavano attivamente alla cosa.
GM:
Cioè spiegavano che cosa era successo, quando avevano scoperto questa situazione, lo dicevano, voi come avete capito che..?
MZ:
Dagli agenti della posta, fondamentalmente ci hanno detto quello che hanno capito loro, cioè che avevano trovato dei cellulari, cioè che avevano trovato questa situazione, che sembrava essere un furto, e poi che la porta di una delle ragazze era chiusa a chiave.
GM:
Ecco, prima di andare avanti volevo una domanda, com'era vestita, com'erano vestiti Amanda e Raffaele quella mattina?
MZ:
Non mi ricordo.
GM:
Si ricorda se c'era una lavatrice in funzione?
MZ:
In quel momento non ci ho fatto caso.
GM:
Il discorso della camera chiusa, come venne fuori? Chi disse che la camera... c'era una camera chiusa.
MZ:
Credo che fosse uno degli agenti della postale che ce lo disse, lì per lì fu una cosa... dato che avevano trovato anche questi cellulari, la cosa che preoccupò abbastanza però dato che la risposta di Amanda fu che Meredith era usa, consuetudine che chiudesse la camera anche solo per fare una semplice doccia ci tranquillizzammo abbastanza.
GM:
Di fronte all'osservazione della... di fronte al commento della Polizia postale, di uno degli appartenenti alla Polizìa postale, che c'era una porta chiusa a chiave..?
MZ:
No, su esplicita richiesta di Luca, gli chiesi a Luca : "ma chiedigli come..."
GCM:
Ecco, scusi un attimo, cioè che cosa, se può concludere. Allora, Luca, che cosa chiede?
MZ:
Se Meredith era normale... se era normale che la porta di Meredith fosse chiusa. La risposta è: "sì, è normale, la chiude anche per andare a fare la doccia". Quindi, dato che in casa non c'era e poteva essere andata a fare la spesa, noi ci tranquillizzammo perché era plausibile che la porta fosse chiusa.
GCM:
Che la porta fosse chiusa chi l'ha scoperto per primo?,
MZ:
Non lo so, io l'ho già...
GM:
Ve l'hanno detto della Polizia...
MZ:
Sì, ce l'avevano già detto, quindi l'avevano evidentemente già scoperto.
GM:
In pratica viene scoperto da qualcuno, la Polizia postale ne prende atto, che c'è una porta, una camera chiusa.
MZ:
Sì.
GM:
Tutti si domandano che cosa possa esserci, Luca chiede, Luca, se ho ben capito, chiede ad Amanda ma come mai la porta..?
FM no ad Amanda  :
{{{2}}}
GM:
O Amand chiede a...
GCM:
Scusi, allora, sì, sentiamo. Prego.
MZ:
Io mi ricordo che chiesi a Luca: "Luca, chiedi appunto la..."
GCM:
Lei chiese a Luca?
MZ:
Sì. Ho detto : "senti...", perché in quel momento mi ricordo stavo parlando con Battistelli, "ma senti un po' 'sta porta" perché ci stavamo preoccupando della situazione.
GCM:
Un attimo, scusi. Sì.
MZ:
Ho chiesto e mi è stato risposto, sempre da Luca, che Amanda aveva detto che era normale che la porta fosse cKIussT. '
GCM:
Ecco. Scusi, magari per concludere su questo aspetto, ma...
MZ:
Perché, perché la chiudeva anche per fare una semplice doccia.
GCM:
Questo sì, ma queste informazioni Luca le apprese in quel contesto o come se Amanda glìel1 avesse detta in precedenza?
MZ:
No, in quel conte...
GCM:
In quel contesto.
MZ:
Gliel'ha chiesto in quel momento e in quel momento lei le gli ha risposto questo.
GM:
Mi faccia capire, ma lei non era... non ha sentito il momento in cui..?
MZ:
No.
GM:
Luca chiede ad Amanda e Amanda risponde?
MZ:
Non ne sono sicuro.
GM:
È Luca che glielo riferisce: "la Amanda ha detto che Meredith la chiude anche se va a fare la doccia" e quindi voi...
MZ:
Quindi tranquillizzati, sì.
GM:
Lei ha guardato, ha fatto un giro nelle stanze?
MZ:
Dato che mancavano Filomena e Laura ho semplicemente guardato le loro due stanze.
GM:
Solo le loro due stanze.
MZ:
Sì.
GM:
Non è andato nei bagni?
MZ:
No.
GM:
Qualcuno le ha detto che c’era del sangue nei bagni?
MZ:
No.
GM:
O in uno dei bagni?
MZ:
No.
GM:
E va bene. Quindi voi di fronte a questa risposta, che Amanda riferisce a Luca e Luca riferisce lei, vi tranquillizzate. Quando arriva Filomena?
MZ:
Dopo, appunto, un quarto d'ora circa che eravamo lì.
GM:
Sicuro, è certo, di questi..?
MZ:
Mh, c'è una precisione temporale che è troppo...
GCM:
Più ad alta voce.
MZ:
È una precisione temporale troppo scarsa per essere precisa,
GM:
Allora, arriva Filomena.
MZ:
Arriva Filomena.
GM:
Che succede?
MZ:
Ci informa che Meredith non si separava mai dai suoi cellulari perché aveva dei problemi familiari per i quali non se ne separava in nessun momento. Non aveva mai chiuso a chiave la porta della propria camera, se non in corrispondenza di un viaggio che aveva fatto di una settimana, insomma, che era tornata in Inghilterra, quindi di un periodo lungo. In più nel frattempo avevamo visto che non mancavano gli oggetti di valore, quindi anche il furto sembrava non esserci stato, quindi ci siamo totalmente preoccupati, abbiamo deciso di sfondare la porta sostanzialmente.
GM:
Chi l’ha deciso?
MZ:
Noi in un crescendo di preoccupazione, sostanzialmente.
GM:
Ma gli agenti della Polizia postale, gli agenti, gli elementi della Polizia postale, erano d'accordo oppure hanno..?
MZ:
Sì, sì, sicuramente.
GM:
Cioè sono loro che ve l'hanno detto oppure voi l'avete comunicato a loro?
MZ:
Loro ci... anche da loro leggevamo una certa preoccupazione, sostanzialmente, quindi già preoccupati eravamo noi, loro sicuramente lo erano anche lo... cioè vedevano una situazione strana.
GM:
Ecco, dopo quanto tempo dall'arrivo di Filomena, voi avete deciso di sfondare la porta?
MZ:
Non passò molto, appena abbiamo avuto chiara la situazione, cioè queste tre cose che ho detto, poco tempo.
GM:
Che ora era all'incirca?
MZ:
Non...
GM:
Mettiamo, ci siamo, lei si faccia mente locale, si trova di fronte alla porta della camera di Meredith, no? Era lei di fronte poi chi c'era dì fronte alla porta?
MZ:
Esattamente di fronte c'era Luca che era alla mia destra, io ero subito alla sua sinistra, Luca con dei calci e ha sfondato la porta.
GM:
Aspetti, prima d' andare avanti. Poi chi c’era vicino a voi?
MZ:
C'era alla mia sinistra Paola e Filomena e un po' dietro decentrato l’ispettore Battistelli.
GM:
Amanda e Sollecito dove erano?
MZ:
Io mi ricordo quando abbiamo aperto la porta e visto il corpo, passato l'impasse di qualche secondo di aver recepito la cosa mi sono girato per uscire fuori, ho -r-—«T—nrnr-m-— -? 1 visto Amanda al di là della porta della cucina, quindi sì trovava in cucina in quel momento.
GM:
In cucina. E Raffaele?
MZ:
Non lo so.
GM:
Non era comunque nel corridoio?
MZ:
No.
GM:
E neppure in cucina a questo punto, se lei non l'ha visto?
MZ:
Però c'avevo una visuale limitata alla porta.
GM:
Quindi come minimo era in cucina.
MZ:
Sì.
GM:
Allora, chi sfonda la porta?
MZ:
Luca.
GM:
Sfondata la po... e la Polizia postale era vicino a voi, m'ha detto?
MZ:
Sì, c’era l'ispettore Battistelli che era alla mia sinistra, un po’ decentrato.
GM:
Quindi Luca sfonda la porta e che succede?
MZ:
Niente, cioè ci rendiamo subito conto che è la scena di un delitto perché c'è del sangue, spunta un piede dal piumone per terra. Niente, io mi giro e dico: "fuori, fuori, fuori" perché c'era Filomena e Paola che non c’era bisogno che vedessero...
GM:
Chi è che ha visto per un attimo soltanto, che ha intravisto quello che c'era dentro la stanza?
MZ:
Io l'ho visto, sì.
GM:
Luca Altieri l'ha visto ovviamente?
MZ:
Anche Paola Grande perché ha urlato: "un piede" quindi lo deve aver visto.
GM:
Quelli della Polizia postale, l'hanno visto in quel momento?
MZ:
Non lo so, dopo Battistelli è rimasto ed è entrato, non so se...
GM:
Amanda e Sollecito?
MZ:
Amanda sicuramente no, Sollecito neppure perché non erano presenti nel corridoio.
GM:
Ecco qui. Quando avete trovato il cadavere avete... lei che cosa ha fatto? Avete urlato, m'ha detto prima.
MZ:
Sì, fuori, fuori, siamo usciti tutti fuori di casa.
GM:
E quindi tutti voi quattro, Amanda e Raffaele vi siete messi fuori dea casa.
MZ:
Sì.
GM:
Nello spiazzo, nella piazzola antistante?
MZ:
Sì.
GM:
Mentre quelli della Polizia postale sono rimasti dentro.
MZ:
Battistelli sicuramente, l'altro non ricordo.
GM:
Ecco, vi hanno ordinato di non entrare in casa o no?
MZ:
Certo, lo penso, non... non credo che qualcuno abbia provato a rientrare.
GM:
Ecco, ma c'era qualche, diciamo, avevate capito come era morta, qui, a parte...
MZ:
Nel modo assoluto, lì per lì c'era anche il dubbio che fosse lei, nel senso la speranza più che il dubbio, perché non si vedeva nel viso.
GM:
Che cosa facevano quando erano fuori Amanda e Raffaele?
MZ:
Per quello che ricordo sono stati tutto il tempo insieme, si accarezzavano, baciavano, parlavano, si sono messi a un certo punto in macchina di Luca perché, credo, avessero freddo e... basta, non lo so.
GM:
Si parlava di... che Meredith era stata sgozzata? Si diceva?
MZ:
Non nell'immediato, ma dopo un po' venne fuori uno scenario simile,
GM:
Dopo quanto tempo?
MZ:
Eravamo ancora nel piazzale, eravamo ancora nel piazzale di "casaV**non so quantificare^ pero non" subTto e naturalmente...
GM:
Ecco. Ma questo accadde in occasione dell’arrivo del 118 oppure..?
MZ:
Credo di sì, però era 'sta voce, non è che me l'abbia detto qualcuno del 118, non mi ricordo come mi sia pervenuta questa voce, mi ricordo che quando stavamo nel piazzale venne fuori.
GM:
Lei ne parlò con Raffaele e Amanda di questanotizia?
MZ:
Di questa qua in quel momento no. Non parlai con Raffaele e Amanda quando stavo nel piazzale di casa
GM:
Loro vi hanno... le hanno chiesto, vi hanno chiesto, a lei in particolare, che cosa c'era, cosa avevate visto, ve l’hanno chiesto?
MZ:
Successivamente, però eravamo già andati via dal piazzale.
GM:
Io dico in quel momento.
MZ:
In quel momento... non mi ricordo di aver parlato con loro, non lo so.
GM:
Ecco, poi che è successo, dove siete andati?
MZ:
Poi ci hanno portato in Questura.
GM:
In Questura. Ecco, in Questura, che cosa facevano Amanda e Sollecito?
MZ:
Io uscii dall'interrogatorio che c'era solamente Sollecito perché Amanda era ancora sotto interrogatorio. Mi ricordo Sollecito mi fece svariate domande sulla, sull'idea che mi ero fatto della situazione, su chi potesse essere stato, ricordo mi fece sostanzialmente un altro interrogatorio.
GM:
Che cosa le chiese Raffaele?
MZ:
Mi ricordo precisamente queste due domande: che idea ti sei fatto e secondo te chi è stato, però ce ne furono parecchie altre, non mi ricordo, erano tutte dello stesso tenore, tutte che puntavano a capire cosa avessi capito della questione.
GM:
E lei che cosa gli ha risposto?
MZ:
Che era stato sicuramente qualcuno che la conosceva come avevo detto agli agenti della mobile.
GM:
Si ricorda se Raffaele e Amanda hanno parlato al telefono con qualcuno in Questura?
MZ:
Sì. Raffaele sicuramente, mi ricordo una telefonata in cui diceva che era stata sgozzata la coinquilina di Amanda, disse che era la sorella, però non so.
GM:
Questo a che ora?
MZ:
Non so assolutamente definire gli orari.
GM:
Si ricorda se Raffaele parlò di particolari della... di oggetti che erano nella stanza dove c'era il cadavere?
MZ:
Qualche giorno dopo non parlò esattamente di oggetti ma parlò di una circostanza in cui era stato trovato il corpo, ovvero alcuni giorni dopo ci vedemmo io, Filomena, Laura, Amanda e Raffaele per decidere un po' il punto della situazione, come comportarsi con la situazione con i giornalisti. Mi ricordo che le ragazze, Filomena e Laura, si preoccupavano, si chiedevano come mai venivano fatte domande sulla vita sessuale di Meredith e Sollecito disse che era perché avevano trovato il corpo interamente cosparso di vaselina.
GM:
Questo lo disse quando?
MZ:
Due giorni dopo, credo fosse, sono stato più preciso nei verbali, sulla data, nei verbali che ho rilasciato, non mi ricordo precisamente
GM:
Lo disse alla presenza di Amanda?
MZ:
Sì.
GM:
Ma voi gliel'avete avete chiesto, ma come hai fatto a..?
MZ:
Lì per lì non sembrò una cosa strana, lì per lì mi ha colpì più la glacialità con cui lo disse che non la cosa in se sinceramente.
GM:
Scusi, lei ha raccontato, adesso per capirci, io cerco di... lei mi ha raccontato che eravate di fronte, la porta era chiusa, avete... uno di voi ha sfondato la porta, loro non hanno assolutamente visto la camera in quel momento, né l'hanno vista successivamente, perché la Polizìa postale l'ha impedito, due giorni dopo, se ho ben capito, Raffaele dice: "hanno trovato il corpo cosparso di vaselina". Lei gli ha chiesto: ma come fai a dire una cosa del genere?
MZ:
No, credo che in quel momento eravamo tutti parecchio turbati e quindi ad esempio una cosa simile non saltava all'occhio. A me, ad esempio, mi rimase molto impresso più per come fu detta che per il senso che aveva.
GM:
Cioè, come fu detta?
MZ:
In maniera molto fredda, molto glaciale, molto... mi colpì prevalentemente il tono dell'affermazione, non mi colpì il significato dell'affermazione, forse Lse non fosse stata detta in un certo modo non c'avrei fatto nemmeno caso, perché erano giorni in cui eravamo molto colpiti, diciamo.
GM:
Questa frase la pronunciò alla presenza di chi, oltre a lei?
MZ:
Filomena, Laura e Amanda, eravamo noi cinque.
GM:
E Amanda disse qualcosa, commentò questa uscita?
MZ:
Non so nemmeno se aveva sentito perchè ognuno parlava con un altro, nel senso, eravamo cinque persone in cui c'erano dei discorsi incrociati, tra virgolette, cioè ognuno magari... comunque non disse niente.
GM:
Io non ho altre domande.
GCM:
Le parti civili
FM:
Nessuna,
GCM:
Se hanno domande. Non ci sono. Non ci sono domande. Prego, difesa degli imputati. Prego.

Avvocato Difesa Bongiorno

GB:
Grazie. Avvocato Giulia Bongiorno. Innanzitutto, la mattina del 2, lei a che ora di preciso ha ricevuto la primissima segnalazione di questa anomalia, di questa situazione?
MZ:
Ripeto che sugli orari non mi sento di essere preciso perché è passato parecchio tempo.
GB:
Allora, in tutti i suoi verbali, faccio riferimento sia ai verbali riassuntivi, sia alle trascrizioni lei ha dato un orario preciso, che è 12 e 34.
MZ:
Sì.
GB:
Lo ricorda, lo conferma?
MZ:
Mi ricordo che sul cellulare, c’era scritto 12 e 34, sì.
GB:
Quindi lei alle 12 e 34 riceve per la prima volta questa segnalazione. Questa telefonata che le viene fatta, lei diceva, che le è stata fatta da? Paola Grande, no?
MZ:
Ripeto, è stato un giro di telefonate e quindi non... cioè non ricordo più l'ordine preciso delle telefonate.
GB:
A sua volta la persona comunque che l'ha chiamata per segnalarle questa cosa, le ha detto chi era la sua fonte iniziale?
MZ:
Quando Filomena mi disse del fatto, disse che era Amanda che aveva visto che forse c'era...
GB:
È giusto per ricostruire gli orari, se lei alle 12 e 34 riceve questa chiamata, la persona che l'ha chiamata aveva a sua volta ricevuto la chiamata di Amanda ancor prima.
MZ:
Sì.
GB:
Senta, quando invece siete arrivati lì... allora, lei con Raffaele Sollecito non ha mai avuto rapporti da quello che ho capito, non vi siete mai conosciuti.
MZ:
Io l'ho visto per la prima volta quella mattina.
GB:
Lei aveva frequentato casa di via della Pergola?
MZ:
Sì.
GB:
E Raffaele Sollecito non l'aveva mai visto?
MZ:
No
GB:
Sa da quanto tempo si frequentava con Amanda?
MZ:
No mi era semplicemente stato detto che Amanda frequentava un ragazzo e niente più.
GB:
Lei frequentava spesso via della Pergola?
MZ:
Non spessissimo, ma capitavo.
GB:
Quindi la prima volta che lei vede Raffaele è il giorno 2?
MZ:
GB:
In quell'occasione l'agente Battistelli nel dirle, nel dirvi, le ragioni per le quali erano lì faceva riferimento al fatto che avessero rinvenuto due cellulari?
MZ:
GB:
Lei ricorda se, sempre nell'immediatezza, quindi quando eravate sul posto, il 2 mattina, in realtà è stato proprio Battistelli che... lei sentì che a Battistelli veniva detto che era avvenuta la morte tagliando la gola a Meredith?
MZ:
Non ho capito. Battistelli... io sentì dire da Battistelli che era stata..?
GB:
Che lei sentì, sentì che qualcuno, in realtà uno del 118, aveva detto a Battistelli...
MZ:
Ripeto, era un giro di voci il fatto che fosse stata... che fosse morta in quel modo al quale non so dare una origine, sostanzialmente.
GB:
L'Avvocato Mauri mi segnala la pagina, così gliela leggo esplicitamente, che è pagina 37, lei proprio riferisce questa circostanza, e cioè...
GCM:
La data, avvocato?
GB:
Si tratta del verbale, le dico subito, 20 dicembre 2007 ed è un verbale Pubblico Ministero Mignini: "Volevo capire una cosa, avevate capito com'era morta la ragazza, in quel momento sapevate come era morta? qualcuno vi ha detto qualcosa?", Zaroli: " sì, sapevamo che gli era stata tagliata la gola", PM Mignini: "questo quando l'avete saputo?", Zaroli: "è difficile ricordarlo", Zugarini: "la sera che eravate in Questura o dopo, susseguentemente?", Zaroli: "no, quando stavamo là fuori, dopo avevamo scoperto il corpo, si, fuori dalla casa si pari , , a ià^di^ _una morte simile", "e quindi era stata colpita alla gola?", "sì, si parlava di una cosa simile", "chi lo diceva questo?", "mi sembra Battistelli, non lo so sinceramente, ma qualcuno lo ha detto, l'ho sentito, Luca o forse Battistelli". Poi prosegue e...
MZ:
Sì. Come...
GB:
Poi viene fuori. Ricorda questo passaggio del suo interrogatorio?
MZ:
Sì, sì, Luca forse Battistelli, infatti credo sia indicativo che nemmeno allora sapevo dare una provenienza certa a questa voce.
GB:
E quindi comunque nell'immediatezza si seppe questo?
MZ:
Ripeto, non nell'immediatezza ma quando stavamo ancora fuori, sul piazzale.
GB:
Perfetto. Senta, invece, tornando alla... a queste macchie di sangue che lei ha visto, lei è entrato, ha visto... chi gliel'ha mostrate le macchie di sangue nel bagno?
MZ:
Non mi sono state mostrate.
GB:
Lei le ha viste o no?
MZ:
No non ricordo.
GB:
Lei che cosa ha visto nella casa?
MZ:
Ho visto la cucina, il corridoio, la camera di Laura e la camera di Filomena.
GB:
Lei sa comunque che almeno uno dei poliziotti aveva visto delle macchie di sangue?
MZ:
Sì, già prima Filomena aveva detto che Amanda gli aveva detto che forse c'erano delle macchie di sangue, che forse era stata rotta la finestra...
GB:
Quindi questa circostanza lei l'aveva saputo addirittura telefonicamente da Filomena?
MZ:
GB:
Quindi lei dalle 12 e 34 già sapeva questa circostanza?
MZ:
Che probabilmente era successo questa cosa, sì.
GCM:
Anche delle macchie di sangue?
MZ:
Sì, sì.
GCM:
Quindi alle dodici e trentaquattro, dalla telefonata di Filomena lei apprende che furto e anche macchie di sangue, è così?
MZ:
Sì, ma la apprendo come una cosa non certa, perché Filomena mi ribadisce il fatto di come Amanda fosse totalmente vaga nel dire quello che era successo, cioè non l'aveva capito bene cosa fosse successo.
GCM:
Scusi, ecco, per concludere questo punto: con Amanda che lingua si parlava? Filomena parlava in italiano, in inglese?
MZ:
Solitamente italiano.
GCM:
In italiano.
MZ:
Quel giorno... da quel giorno principalmente inglese. Cioè quando ho sentito ad esempio il fatto che dicevo prima, che c'era Raffaele giorni dopo, Amanda parlava inglese, in Questura ho parlato inglese con Amanda.
GCM:
Filomena con Amanda in che lingua parlava?
MZ:
Credo, in italiano o in inglese, a seconda che quello che dovevano di'.
GCM:
Scusi, avvocato.
GB:
Volevo sapere un'altra cosa, quindi alle 12 e 34, si ha questa descrizione della situazione generica, ma quando lei arrivò in casa, quindi non... lei diceva prima i poliziotti parlarono di un furto, cosa è che dicevano di preciso a proposito di questo furto?
MZ:
Che era evidente a loro come a noi che era tutto a soqquadro e che quindi tutto lasciava presumere un furto.
GB:
Quindi i due poliziotti facevano una presunzione di furto.
MZ:
GB:
Ho capito. Senta, a lei le risulta che dopo che è stata aperta la porta, è stata sfondata la porta, Battistelli è entrato?
MZ:
GB:
Battistelli anche ha sollevato il piumone?
MZ:
Non lo so, io ero già uscito, è una circostanza che mi fu riferita da Luca dopo, Luca che era rimasto lì aveva visto Battistelli entrare nella stanza, quindi non so cosa abbia fatto Battistelli.
GB:
Lei ha il preciso ricordo che Luca le ha detto che Battistelli era entrato nella stanza?
MZ:
GB:
Senta, evidentemente questa cosa aveva sconvolto questo gruppetto di amici, eccetera, quindi tra voi, sia nell'immediatezza sìa nei giorni successivi, vi facevate delle domande chi è stato, chi non è stato, come è possibile? 0 eravate...
MZ:
Eravamo abbastanza colpiti dalla cosa, non pensavamo di sostituirci ai poliziotti nelle indagini, nel senso...
GB:
Io non sto dicendo se svolgevate indagini, sto dicendo se, essendo morta una ragazza giovane ed essendo stata trovata in queste circostanze, tra voi amici della stessa età, tra l'altro lei era fidanzato all'epoca con una coinquilina, se facevate delle ipotesi, se vi facevate delle domande.
MZ:
Sì, sicuramente ci facevamo delle domande
GB:
Quindi parlavate di questo fatto?
MZ:
Sì, se è riferito alla cosa che ho detto prima mi stupì che mi fece secondo interrogatorio, perché era nell'immediatezza degli interrogatori, fondamentalmente, in cui uno accettava la cosa... in cui in quel momento non era una cosa che faceva né io né nessun altro, insomma, è una cosa che è venuta dopo, perché dopo uno se lo chiede, naturalmente, ma nell'immediatezza, mi parve una cosa alquanto strana.
GB:
Quindi il fatto che le sembrò strano è stato il dato temporale non la domanda?
MZ:
Sì, il dato tempora... o il...

Avvocato Difesa Maori

LM:
Solo due precisazioni. Avvocato Maori, difensore di Raffaele Sollecito. Ci può dire com'erano i rapporti fra Mez e Amanda?
MZ:
Non frequentavo abbastanza la casa che per conoscerli, sostanzialmente, le poche volte che l'ho vista assieme peraltro le ho viste parecchio tempo prima che succedesse questa cosa, in cui sembrava un rapporto normale però era parecchio tempo prima che succedesse questa cosa e non l'ho mai viste più di tanto insieme.
LM:
Possiamo dire che i rapporti fra le due erano quasi idilliaci?
MZ:
Per quel poco che ho intravisto, all'epoca, quelle due o tre volte che l'ho viste, sì.
LM:
Lei ha dichiarato infatti al Pubblico Ministero, sempre nel verbale del 20 dicembre. Altra precisazione, lei sa se facevano uso, le due, di stupefacenti?
GCM:
Scusi, chi avvocato? riferimento a chi?
LM:
Sempre Mez e Amanda.
MZ:
Meredith non lo so, non l’ho mai vista fare uso di stupefacenti, Amanda mi ricordo che durante una festa data dai ragazzi del piano di sotto fumò dell'hascisc o della marijuana, una sostanza...
LM:
Chi erano i ragazzi del piano di sotto? Se può dare nome e cognome.
MZ:
Giacomo Silenzi e gli altri, non so chi... mi ricordo questo di nome.
LM:
In quell'occasione Amanda cosa ha fatto?
MZ:
Mi ricordo che fumò hascisc o marijuana, non so cosa....
LM:
Fumò o fece soltanto dei tiri?
MZ:
Fumò, quindi fece dei tiri.
LM:
Lei infatti ha dichiarato che fece qualche tiro e nulla più, sempre verbale del 20 dicembre 2007. Ultimo punto, lei ha avuto modo di notare se in quel periodo, il 2 novembre, Raffaella e Amanda avevano delle ferite alle manio in qualche parte del corpo?
MZ:
No, non ci ho fatto caso.
LM:
Non ha visto nessun tipo di..?
MZ:
Mi sembra di no, non ci feci caso comunque.
LM:
Grazie.

Avvocato Difesa Ghirga

LG:
Avvocato Ghirga difesa Knox. Ritorno a quando lei arriva a casa, in via della Pergola, chiamato da Filomena e incontra la Polizia postale. Non sono ancora arrivate Filomena e Paola Grandi, o erano arrivate, sì, perché parliamo della porta. Chi le riferisce la circostanza della porta chiusa, che la chiudeva, era Amanda o gliel'ha riferita qualcuno della Polizia postale che forse... la circostanza che la porta di Meredith oteva essere chiusa anche quando faceva la doccia, la camera di Meredith era chiusa a chiave, quella circostanza sulla quale poi Filomena ha eccepito e vedremo poi con Filomena Romanelli quello che dirà, sembra d' aver capito, domanda del PM... Anzi non ho capito bene, se l'ha sentita da Amanda nel corridoio la circostanza della porta chiusa cosa o se l'ha sentita da qualcuno della Polizia postale. Se riesce...
MZ:
Se la porta era chiusa o chi...
LG:
C'era una circostanza secondo la quale... c'era qualcosa, una dichiarazione di qualcuno, lei riferisce che...
MZ:
Luca mi ha....
LG:
...la porta della camera di Meredith era chiusa a chiave anche per esempio quando faceva la doccia.
MZ:
Sì, me lo riferisce Luca.
LG:
Poi viene la Romanelli e dice qualcosa di diverso.
MZ:
Sì, questo mi fu riferito.
LG:
Questa circostanza lei della porta chiusa...
MZ:
Non mi ricordo d'averla sentita in prima persona, mi ricordo che me la disse Luca.
LG:
Il Pubblico Ministero soccorre dicendo "da Luca". Io non ho capito bene, perché ha dato due risposte prima.
MZ:
No, ne ho data una e è stata sempre quella di... che me l’ha detta Luca. Ho chiesto a Luca di chiedere e Luca mi ha riportato che...
LG:
Ha chiesto a Luca di chiedere a. Perfetto. Quindi lei ha saputo da Luca?
MZ:
LG:
Sì. E non sa Luca da chi l'avesse appresa.
MZ:
Da Amanda perché l'aveva chiesto a lei.
LG:
Secondo lei Luca l'ha appresa da Amanda. Chiederemo a Luca da chi l'apprese.
MZ:
Sì, poi...
GCM:
Scusi, ma lei non era presente quando Luca chiese ad Amanda?
MZ:
No, ripeto che stavo, credo, parlando con l'ispettore Battistellielli.
GCM:
Però lo seppe in quella circostanza.
MZ:
Ci tranquillizzammo tutti a tal punto che era palese che Amanda avesse detto quelle cose, oltre al fatto... oltre al perché Luca me 1'avesse dette, anche perché tutti, da quelli della postale a noi, ci eravamo tranquillizzati per queste affermazioni.
GCM:
Scusi, perché non glielo ha chiesto lei ad Amanda questa circostanza?
MZ:
Perché il mio inglese è abbastanza scarso.
GCM:
Quindi, Luca invece aveva un inglese...
MZ:
Migliore del mio.
GCM:
E glielo chiese in inglese, questo.
MZ:
Presumo comunque non sarei stato in grado di...
LG:
E non sa se quella conversazione tra Luca e Amanda sia avvenuta in italiano o in inglese.
MZ:
No.
LG:
Non lo sa.
MZ:
No.
LG:
Poi Amanda credo che farà una dichiarazione/ vero Carlo, su questa circostanza della porta. Sì, col permesso della Corte. Vengo su una circostanza, lei dice il 2 novembre, il primo novembre, ora di pranzo, dice di aver visto Meredith e Amanda all'ora dì pranzo nella casa di via della Pergola. Oggi dice che l’ha salutata, non ha sentito la risposta, ha dedotto che ci fosse. Allora, il primo novembre, all'ora di pranzo...
MZ:
L'avevo già dichiarato l'altra volta.
LG:
No, no. Senta, risponda alla domanda.
GCM:
Ecco, aspetti, aspetti, che finisca la domanda e poi...
LG:
Il primo novembre, all'ora di pranzo, nella casa di via della Pergola, ha visto sì o no Meredith e Amanda in cucina?,
MZ:
No, vidi solamente Amanda e la porta della stanza- delia cucina era chiusa.
LG:
Allora, in una sua dichiarazione del 2 novembre alle 15 e 25, quindi due ore dopo...
MZ:
Sì, era...
GCM:
Aspetti, c’è una contestazione, mi pare di capire. Prego, avvocato.
LG:
Si dice che debbo contestare, così è la formula, insomma le rileggo quello che lei ha dichiarato due ore dopo i fatti. "L'ultima volta che ho visto la ragazza - che è Meredith - è stato ieri, primo novembre, verso le 13, presso la sua abitazione, in quanto ero passato dalla mia fidanzata per prendere della carta regalo per fare un pacco; in quella circostanza ho visto Meredith che stava in cucina con Amanda e l’ho soltanto salutata mentre uscivamo". Queste due ore dopo i fatti.
MZ:
Questa non è...
LG:
Al 2 0 dicembre viene risentito e corregge con quel saluto non risposto, ha pensato che fosse in casa. Qual è la..?
MZ:
La seconda, ovvero che c'era solamente Amanda e mi è stato detto che c'era anche Meredith. Il primo verbale che lei ha letto, quello riferito del 2, è un...
LG:
Falso.
GCM:
Ah, scusi, scusi, per favore, prego, prego, dica lei .
MZ:
È semplicemente un verbale redatto che contiene delle sfumature diverse da quello che... dalla sbobinatura, diciamo, dei successivi interrogatori sostanzialmente. La verità comunque è la seconda, mi sono corretto su una cosa nella quale ero stato impreciso.
LG:
Sarà questione di valutazione, come lei ci direbbe, Presidente, ma lo voglio... la precisione del racconto del 2 novembre alle 15 e 25 sta nel nelle dichiarazioni di cui chiediamo l'allegazione anche a fini della contestazione.
GCM:
Scusate, per favore, per favore, per favore.
LG:
Ma dice è frutto di una verbalizzazione dell'interrogatorio, è troppo chiaro, vuole che lo rilegga? No, sarà questione di valutazione.
GCM:
Scusi, ecco, le fa presente l'avvocato, nelle dichiarazioni del 2 novembre non si tratta di sfumatura, dice wl'ho vista".
MZ:
No, era...
GCM:
Viceversa...
MZ:
Facevo notare l'enfasi con cui di solito si redigono i verbali semplicemente, però era un mio errore in quel momento dichiarare una cosa simile perché mi sono successivamente ricordato che mi era semplicemente stato detto che c'era, ma io non la vidi, la salutai anche, magari, ciao...
GCM:
Scusi, chi è che le aveva detto che c'era?
MZ:
Amanda.
GCM:
Però lei... e in che occasione glielo disse?
MZ:
Perché eravamo passati là, appunto, per... Filomena doveva prendere delle cose, gli chiese tipo: "ma c'è Meredith?", "sì, c'è Meredith di là..."
GCM:
Lo stesso giorno primo novembre, all'ora di pranzo. Lei non vide Meredith ma...
MZ:
Mi riferì questa cosa, per cui questa cosa il 2 novembre mi trasse in inganno facendomi pensare che salutandola, uscendo, un ciao rivolta a una persona che magari stava di là e poteva sentirmi o non sentirmi, l’avevo dato a una persona che non avevo visto effettivamente, mi era solo stato riferito che c'era.
GCM:
Sabbiamo inteso.
LG:
Allora chiederemo...
GCM:
Poi l’acquisizione, se c'è il consenso, ma non mi pare che ci sia, l'abbiamo però ascoltate nella contestazione e con questo...
LG:
Allora, le rileggo.
GCM:
Prego.
LG:
Chiedo di essere autorizzato a rileggere la frase del verbale del 2.
GCM:
L'abbiamo, l'abbiamo sentito, avvocato. Sì, sì, sì, sì, abbiamo già contestato, abbiamo preso atto.
LG:
Senta, io volevo solo un chiarimento, la circostanza del fumo, del tiro, qualche tiro, qualche fumo. Quand' era quella festa dai ragazzi sotto al quale lei fa riferimento? Lei dice che ha visto Amanda fare qualche tiro o fumare una sera che c'era una festa, le prendo l’allegato.
MZ:
Esattamente, non ricordo il giorno, era il compleanno di uno dei ragazzi, ma non ricordo assolutamente che giorno fosse.
GCM:
Di chi ragazzo era il compleanno?
MZ:
No, non lo so, li conoscevo molto poco.
LG:
Potevano essere dei ragazzi marchigiani? no, non si ricorda la circostanza? Diche che Meredith...
MZ:
Era il compleanno di uno dei ragazzi della casa di sotto Marchigiani, sì, non mi ricordo, li frequentavo poco non mi ricordo di chi fosse.
LG:
In quel verbale lei dice che Meredith era a Londra, se non ricordo male.
MZ:
Sì.
LG:
C'era, tanto per dire, dei suoi ricordi, anche Rudy a quella festa dei ragazzi sotto?
MZ:
Assolutamente no,
LG:
E non sa indicare quale festa sia, no, gielo chiedo un'altra volta.
MZ:
Era l'unica festa che è stata fatta in quella casa e... no, non....
LG:
Quanti giorni prima del fatto?
MZ:
Non so assolutamente che giorno fosse.
LG:
Dieci, un mese?
MZ:
Non lo so.
GCM:
Prego.

Avvocato Difesa Dalla Vedova

CDV:
Avvocato Dalla Vedova. Soltanto un chiarimento. Lei come fidanzato col della coinquilina aveva mai frequentato Amanda prima del 2 novembre?
MZ:
L'aveva vista qualche volta, sì.
CDV:
Può essere più preciso? Dove l'aveva vista, in casa..?
MZ:
L'avevo vista in casa, ad esempio, quando andavo... una volta so' andato a cena a casa della ragazza oppure passavo semplicemente a trovarli e capitava che Amanda si trovasse in casa.
CDV:
Siete mai usciti insieme? In un ristorante, un'altra festa al di fuori?
MZ:
Mi ricordo questa festa che ho citato prima.
CDV:
Quale?
MZ:
Questa dove erano dei ragazzi del piano di sotto.
CDV:
Altri episodi dove vi siete frequentati?
MZ:
Una volta siamo andati a cena che c'era Filomena, Meredith e lei.
CDV:
Filomena, Meredith e lei Amanda?
MZ:
Sì, Amanda, a un ristorante cinese vicino casa.
CDV:
Ed è stata una sera ordinaria,
MZ:
Durò la cena e poi basta, ci salutammo, mi sembra Amanda andò via anche prima per lavorare, credo.
CDV:
Lei ha notato qualche rapporto particolare tra Meredith e Amanda?
MZ:
No.
CDV:
Quindi lo può definire una sera assolutamente normale, un rapporto normale, fra due ragazze?
MZ:
Non c’era niente che mi lasciasse pensa' diversamente, quella sera.
CDV:
Quindi assolutamente ordinario, assolutamente normale questo rapporto?
MZ:
Quella sera fu una serata, una cena normale, mangiammo e...
CDV:
In altre occasioni ha notato che ci fosse qualcosa di anormale?
MZ:
No, ripeto, le ho viste poche volte insieme, quelle poche volte che le ho viste no.
CDV:
Grazie. Invece volevo tornare sul fatto della porta chiusa.
MZ:
Sì.
CDV:
Esattamente chi è che le ha detto che la porta era chiusa?
MZ:
Non mi ricordo chi esattamente me lo disse.
CDV:
Ma lei ricorda di aver provato ad aprirla?
MZ:
Quando avevamo già deciso di sfondarla provammo ad aprirla con le altre chiavi e con... girando la maniglia ìnsomma normalmente.
CDV:
Ma perché parla al plurale? Io le ho chiesto se lei ha provato ad aprirla.
MZ:
Io ho provato ad aprirla, sì.
CDV:
Lei ha provato ad aprirla con le altre chiavi.
MZ:
Sì.
CDV:
E Filomena era già arrivata?
MZ:
Filomena era già arrivata ed avevamo già deciso di sfondare la porta, semplicemente per evitare di sfondare la porta io provai ad aprirla con le altri chiavi delle altre porte.
CDV:
Quando è arrivata Filomena era particolarmente agitata?
MZ:
Era sicuramente turbata dalla situazione, appena ha visto la propria camera lo è stata ancora di più, turbata dal fatto che la propria camera fosse a soqquadro.
CDV:
E lei aveva anche informato sulle altre irregolarità della casa, il bagno, qualcosa altro?
MZ:
No, no, non l'avevo informata di nulla
CDV:
La porta chiusa?
MZ:
Anche perché in quel momento non sapevamo nulla, cioè cercavamo semplicemente di capire con gli agenti della postale cosa fosse successo.
CDV:
Lei come si è comportato nei confronti di Filomena, ha cercato di rassicurarla?
MZ:
Mi preoccupavo più di capire cosa fosse successo che non di rassicurare Filomena.
CDV:
E anche dopo il ritrovamento del corpo, lei ha cercato di dare tranquillità a Filomena?
MZ:
Ma diciamo che ero abbastanza agitato io, quindi me la davo così poco a me stesso che sicuramente non sarei riuscito a darlo a lei, quindi no, non particolarmente.
CDV:
Poi solo una domanda ma in realtà è già stata risposta, che livello ha di conoscenza dell'inglese lei?
MZ:
Scarso.
CDV:
E quindi le conversazioni con Amanda non erano dirette, erano sempre indirette tra terze persone che comunque facevano la traduzione?
MZ:
No, comunque capisco e posso parlare un minimo di inglese ma in genere posso... mi sforzo di parlare inglese insomma.
CDV:
A questo punto le devo per forza chiedere: ma lei è sicuro che Amanda ha detto che era assolutamente normale che la porta di Meredith fosse chiusa e che lei...
MZ:
Quello che m'ha riferito Luca, e dal fatto che tu...
CDV:
No, lo devo fare perché lo ha detto in apertura.
GCM:
Prego, prego, scusate, scusate, per favore, per favore, il teste su questo ha già deposto, lei non ha sentito Amanda....
MZ:
Materialmente no, mi è stato riferito da Luca e in più era palese dal clima che si era instaurato successivamente a queste dichiarazioni.
GCM:
Sì, sì. Aveva già risposto.
CDV:
Basta, grazie.
GCM:
Prego, il Pubblica Ministero per...

Pubblico Ministero Comodi

MC:
Volevo fare solo una domanda. Visto che abbiamo sfiorato, diciamo, è stato solo sfiorato il tema dei rapporti tra Meredith e Amanda. Quante volte le ha visto insieme?
MZ:
Tre, quattro, cinque, poche.
MC:
Tre, quattro, cinque.
MZ:
In due mesi, insomma in parecchio tempo.
MC:
In due mesi. E in quei due mesi, lei era fidanzato con Filomena.
MZ:
Sì.
MC:
Per cui quando c1 erano Meredith e Amanda c'era pure Filomena?
MZ:
Molto probabilmente sì. Lei era presente in casa. Io mi vedevo con Filomena principalmente a casa mia. Quindi per questo frequentavo, tra virgolette, poco c di Filomena.
MC:
Ci andava per andarla a trovare qualche volta o a prenderla?
MZ:
Per andarla a trovare o a prenderla. Sì. Ma non stavo stabilmente lì, come invece si poteva quasi dire di Filomena, nel senso che...
MC:
Quindi a parte la cena al ristorante cinese, a parte la festa coi ragazzi di sotto... c'era Meredith alla festa in cui ha visto fumare Amanda?
MZ:
No, quella sera no. Mi fu detto che era in Inghilterra Meredith.
MC:
Quindi la sera in cui ha visto fumare Amanda non c'era Meredith.
MZ:
No.
MC:
Allora, dicevo, insieme, più di due minuti, quante volte l'ha viste Meredith e Amanda?
MZ:
Loro due insieme...
MC:
Mi spiego, in un tempo superiore al tempo necessario per entrare in casa di Filomena, salutare tutti, prenderla, prendere Filomena e portarla via.
MZ:
Credo una volta.
MC:
Come?
MZ:
Il tempo superiore a questa cosa una volta o due, insomma, non me ne sovvengono altre.
GCM:
Scusi, ma una volta o due comprensive ristorante cinese, la festa, sotto o..?
MC:
No, la festa sotto non c’era Meredith.
MZ:
La festa sotto c'era solamente uno, due, volendo mettere il ristorante cinese e un'altra sera in cui mi ricordo che c’era Meredith, ad esempio, che lavava i piatti e Amanda che comunque metteva in ordine.
GCM:
Quindi le ha viste anche in quelle...
MZ:
Non stavamo nemmeno dialogando.
MC:
Ecco, fatta questa premessa, che cosa intende lei per idilliaco, per rapporto idilliaco...
MZ:
Che non c'era assolutamente niente di strano, per quel poco che vedevo io non... non è che quando passavo a prendere Filomena si tiravano i piatti, quindi...
MC:
Ecco, quindi il suo è un giudizio, come dire, non un giudizio in positivo, di qualcosa che lei ha visto, cioè il concetto di idilliaco...
MZ:
Che non ho visto niente di male fondamentalmente.
MC:
Niente di male, ma si abbracciavano, ridevano insieme, si mostravano particolarmente confidenti ed amiche, si sorridevano.
MZ:
Non ho la più pallida idea,
MC:
E no, lui me deve fa finire la domanda e dopo comincia la risposta, cioè non è che sono stata io stavolta a interrompere il teste.
GCM:
Prego, prego, prego,
MC:
È il teste che ha interrotto me, mi spiego?.
MZ:
Sì.
MC:
Ecco, risponda.
GCM:
Prego. Allora, se può rappresentare un po'...
MC:
Si abbracciavano?
MZ:
Non l'ho mai viste abbracciate.
MC:
Ridevano? Quelle due volte che l'ha viste più di un secondo.
MZ:
Non... non interagivano socialmente, diciamo, più di tanto.
MC:
Non interagivano tra di loro.
MZ:
Più di tanto non interagivano.
MC:
Però non si tiravano i piatti.
MZ:
No.
MC:
Ecco, cioè lei quindi ha definito rapporto idilliaco...
MZ:
Semplicemente...
MC:
Rapporto di due persone che ha visto solo due volte, più di due minuti...
MZ:
Sì, sicuramente è un giudizio affrettato.
MC:
E che non si tiravano i piatti, e che non interagivano, benissimo, grazie.
MC:
MC:
Allora, Luca sfonda la porta.
MZ:
Sì.
MC:
Lei è a fianco di Luca.
MZ:
Sì.
MC:
Grida poi, fuori tutti, no?
MZ:
Grida Paola "oddio, un piede", sì, dico "fuori tutti, via, via"
MC:
Luca che fa?
MZ:
Essendo alla mia destra, quando io mi giro verso il corridoio, rimane alle mie spalle, quindi non so cosa fa.
MC:
Non sa cosa fa. Quando è uscito Luca era con lei?
MZ:
No.
MC:
Dove stava Luca.
MZ:
Stava dentro, stava dietro de me.
MC:
Quando è uscito siete usciti all'esterno.
MZ:
Dopo un po’ è uscito anche lui naturalmente, è uscito dopo di me.
MC:
Dopo quanto tempo?
MZ:
Dopo poco, comunque non ho badato a quanto tempo, evidentemente dopo poco, 6 0 secondi, 3 0 secondi, non lo so.
MC:
Battistelli dove stava? E' uscito con voi?
MZ:
Battistelli è uscito per ultimo, dopo... ancora dopo Luca, due minuti, tre minuti dopo Luca.
MC:
È uscito con voi praticamente, poco dopo...
MZ:
È uscito, me lo ricordo sulla soglia, non so se è proprio uscito, era comunque a fare da valico sulla soglia, me lo ricordo...
MC:
Sulla soglia esterna della casa.
GCM:
Della stanza o della casa?
MZ:
Sull'entrata della casa.
GCM:
Della casa.
MC:
Quindi Luca è alle sue spalle, voi scappate verso l'esterno...
MZ:
Esattamente, sì.
MC:
Esce fuori con lei, lei si accorge dopo trenta secondi, ha detto, che c'è Luca e Battistelli si pone all'esterno e blocca l'ingresso, questa è la sequenza.
MZ:
Sì.
MC:
Non ho altre domande.
GCM:
Sì. Dunque, il Teste. Sì. La parte civile è teste comune anche alla parte civile, prego.

Avvocato Parte Civile Maresca

FM:
Si ricorda se quando lei entra nella casa di via della Pergola vi fosse disordine o era tutto più o meno al suo posto?
MZ:
La camera di Filomena era totalmente a soqquadro...
FM:
Chiedo scusa, ho fatto male la domanda io. La cucina, 1'ingresso, la cucina e il corridoio.
MZ:
La cucina e il corridoio non presentavano tracce evidenti e manifeste di caos, diciamo.
FM:
No, a parte il caos, prima del caos c'è il disordine.
MZ:
Nemmeno particolarmente disordine.
FM:
Dopo la sera del 3, il pomeriggio del 3, che tornate dalla Questura, vi siete rivisti fra di voi a casa di qualcuno?
MZ:
A casa di un amico di Laura.
FM:
Chi c'era in quell'occasione?
MZ:
Eravamo io, Laura, Filomena, Amanda e Raffaele.
FM:
E chi era quest'amico di Laura?
MZ:
Non ricordo il nome, era un amico che la ospitava non avendo più casa, insomma, non potendo dormire più a casa la ospitava per dormire.
FM:
Ecco, come nasce questa riunione? In modo spontaneo, vi date appuntamento...?
MZ:
In modo spontaneo sostanzialmente Filomena, io, Laura, pensammo tutti che bisognava fare un punto della situazione essendo successa una cosa imprevedibile che ci aveva colpito e che avrebbe portato delle conseguenze, dal fatto di non avere più l'abitazione, i giornalisti, ad altre cose che andavano comunque discusse un minimo insieme, credo.
FM:
Ecco, gli imputati vennero con voi in questa abitazione della..?
MZ:
No, arrivarono successivamente a me e Filomena autonomamente.
FM:
Che cosa vi siete detti, se avete chiacchierato dell'accaduto, che cosa ha notato di particolare in quell'occasione? Se ha notato qualcosa di strano oppure no.
MZ:
Eravamo tutti abbastanza colpiti dalla versione, diciamo, strana che Amanda ci aveva detto, mi ricordo che gli chiedemmo di... se ce la poteva...
FM:
Che aveva detto quella sera dall'amico...
MZ:
Che aveva detto, riportato in Questura, aveva... anche al telefono, insomma, che era entrata con la porta aperta, aveva visto il sangue ma s'era fatta la doccia, erano una serie di circostanze che destavano delle perplessità. Mi ricordo che le chiedemmo il perché, cosa... di chiarire meglio questa situazione che appariva alquanto strana, però mi ricordo anche che rispose in inglese e quindi capimmo, in quelle situazioni in cui eravamo tutti un po' concitata, almeno io personalmente ben poco. Parlammo principalmente di questo mi ricordo, mi ricordo nitidamente della affermazione che riportato prima e poco più.
FM:
Quindi delle spiegazioni di quella sera del quattro dall'amico di Laura non ne venne fuori nulla dalla...
MZ:
Non ho capito scusi.
FM:
Queste spiegazioni che vi diede la Knox...
MZ:
Sostanzialmente rimase la vecchia versione, perché almeno io l'avevo capita, nel senso in quel momento non riuscii a capire praticamente niente.
FM:
E Sollecito vi diede delle spiegazioni in quella serata o no?
MZ:
Non aggiunse, a parte quello che ha detto, nient1 altro di...
FM:
Ecco, le ricordo, faccio la contestazione per il ricordo del teste, Presidente, lei ha risposto nel verbale del 20 dicembre: "rispose Sollecito che lei lo ha fatto soprappensiero", si ricorda questa risposta?
MZ:
Sì.
FM:
Carte 44 della trascrizione dell'interrogatorio 20 dicembre 2007.
MZ:
Sì, c’era questa... mi ricordo che c'era questa...
FM:
Lei risponde esattamente nello stesso modo, dicendo che eravate perplessi della versione Amanda Knox, che chiedete spiegazioni ma che risponde Sollecit al posto della Knox.
MZ:
No... risponde la Knox, solamente che non la capiamo, perché parla inglese e come... sì, come riassunto della situazione diciamo disse questo, disse che la... lo fece con distrazione...
GCM:
Scusi un attimo avvocato. Dica pure, disse? Concluda.
MZ:
Che lo fece distrattamente, fece queste azioni distrattamente, che era il modo in cui anche prima però si era giustificata sostanzialmente. Già in precedenza quando gli chiedevamo "ma come mai, come hai potuto fare la doccia con la porta aperta e il sangue in casa, sembrava che l'avesse fatto distrattamente". Per questo forse.
FM:
Sì, ma ripeto la domanda è : in questa occasione vi rispose Sollecito di questo pensiero?
MZ:
Su questa cosa sì, me la ricordo, che rispose Amanda ma in inglese.
FM:
Quindi entrambi, uno in italiano e uno in inglese?
GCM:
Scusi, allora, chi è che rispose a questa..?
MZ:
Rispose innanzitutto la Knox, non capendo cosa stesse dicendo, Sollecita aggiunse sostanzialmente questa frase.
GCM:
E cioè che cosa aggiunse?
MZ:
Che l'ha fatto soprappensiero.
GCM:
Quindi prego. Ci sono altre domande?

Avvocato Difesa Bongiorno

GB:
Per concludere questo pezzettino. Sollecito stava traducendo Amanda?
MZ:
No, perché il discorso di Amanda fu estremamente lungo, estremamente ìncomprensibile quindi...
GB:
Ma se lei non ha compreso quello che diceva Amanda come fa a dire se Sollecito stava traducendo o no?
MZ:
Perché uno era un discorso de venti minuti l'altra era una frase o due.
GB:
Come può escludere che un discorso di 20 minuti, possa essere tradotto in una frase, se non ha capito il discorso di venti minuti?
MZ:
Perché mi era parso che Amanda si riferisse alle varie dinamiche dell'accaduto mentre le frasi riportavano un sunto personale dello stesso.
GCM:
Un sunto..?
MZ:
Un sunto personale della spiegazione, perché la spiegazione...
GCM:
Il sunto fatto da Raffaele Sollecito nei termini prima detti. Questo lei pensò?
GB:
Bisogna un attimo chiarire. Allora, mi dica per intero come lei aveva tradotto il discorso di Amanda e le differenze tra la traduzione di Sollecito... cioè se Sollecito faceva una sua considerazione o, in sintesi, traduceva Amanda. Questo vorrei capire.
MZ:
Sì, in sintesi, traduceva non lo so.
GB:
Non lo sa, appunto, perché non capendo il discorso uno non...
MZ:
Uno, ripeto, durava mezz'ora e l'altro durava due righe, quindi evidentemente non poteva essere la traduzione esatta, questo lo escludo categoricamente.
GB:
Sì. Senta, poi volevo sapere una cosa. Quando Luca Altieri le disse... perché lei ha detto questa non è una circostanza che ho visto direttamente ma me l'ha detto Luca che Battistelli entrò nella stanza.
MZ:
Sì.
GB:
Dopo quanto tempo le è stato detto? Subito, dopo, nei giorni successivi?
MZ:
Non mi ricordo assolutamente.
GCM:
Sì, ma nei giorni successivi, lo stesso giorno quando eravate fuori dalla casa?
GB:
Quando l'ha appreso?
MZ:
Che ho ricordo che Luca mi ha detto questa cosa è nei giorni successivi.
GCM:
Nei giorni successivi, non lo stesso giorno.
MZ:
Potrebbe avermelo detto lo stesso giorno, ma in questo momento non me lo ricordo.
GB:
E come mai si è parlato di questa cosa qui? Come mai è venuto fuori l'argomento?
MZ:
Perché eravamo usciti e Luca era rimasto dentro e ho detto: "ma che è successo?", dopo anche, diciamo così, curiosità di sapere quello che è successo, lì per lì non me lo sono chiesto perché. Ero uscito, punto. Poi ricostruendo tutti gli eventi, mi sono chiesto: "ma che è successo dentro? Niente, so' rimasto a guardare, è entrato Battistelli dentro la stanza", punto.
GB:
Quindi lei ha fatto questa domanda a Luca quando ha ricostruito il fatto che lei era uscito per prima e loro due erano rimasti dentro?
MZ:
Quando ricostruivo l'intera vicenda, sì.
GB:
Va bene, grazie. Lei conosceva Rudy Gede?
MZ:
No, non l'avevo mai visto.

Avvocato Difesa Maori

LM:
Avvocato Maori. Allora, tornando alla domanda dell'avvocato Ghirga, 12e 34 focalizzato l'orario in cui lei riceve la telefonata di Filomena.
MZ:
Sì.
LM:
Ci racconta che cosa ha fatto e con chi è andato poi a casa di Meredith? Orari, tempi.
MZ:
Gli orari non posso essere preciso, ripeto, perché è passato parecchio tempo, ho semplicemente sentito Luca e gli ho detto che doveva passarmi a prende' al più presto, visto che non avevo l'auto, per andare a casa di Filomena. Ho aspettato che Luca arrivasse, sono sceso, sono andato insieme a lui a casa di Filomena.
LM:
Ci può dire dove abita lei e dove abita Luca?
MZ:
Luca abita in via Antinori. Io abito in via Fonti Coperte.
LM:
Vìa Antinori dove si trova? Io lo so, ma per conoscenza della Corte.
MZ:
Via Antinori all'Arco di Giurisprudenza, diciamo,
LM:
E lei invece in via Pellai, quanti chilometri dista?
MZ:
Io Fonti Coperte, non lo so quanti chilometri dista.
LM:
Comunque Luca è venuto a prenderla insieme?
MZ:
È venuto a prendermi e poi insieme siamo andati lì.
LM:
Bene. Qui mi è arrivato verso?
MZ:
Ho detto prima l'orario, 11 una circa, ma non posso essere più preciso.
LM:
Che tragitto avete fatto per arrivare..?
MZ:
Mi ricordo che 11 ho detto in un precedente verbale ma non me lo ricordo in questo momento.
LM:
Siete per caso passati per la galleria?
MZ:
Non mi ricordo in questo momento.
LM:
Allora, quando Battistelli vi ha parlato di due cellulari rinvenuti...
MZ:
Sì.
LM:
Ve li ha mostrati poi?
MZ:
Che io mi ricorda no.
LM:
Ultima considerazione,
MZ:
Comunque non me lo ricordo.
LM:
Non si ricorda o non gliel'ha mostrato?
MZ:
Non mi ricordo che me li abbia mostrati, non lo so, no.
LM:
Quando è arrivato nella casa, vi erano tracce di sangue?
MZ:
Che io abbia percepito o abbia notato o abbia volutamente cercato e trovato no.
LM:
Le ha viste o non l'ha viste?
MZ:
Non l'ho viste.
LM:
Va bene.

Presidente

GCM:
Sì, prego. Ci sono delle domande? Non ci sono altre domande. Scusi, quando lei prima ha riferito che Amanda Knox e Raffaele sono entrati nella macchina di Luca, lei ricorda se sono entrati insieme a Luca o da soli?
MZ:
Prima da soli se non sbaglio.
GCM:
Prima da soli?
MZ:
Sì, perché se non sbaglio avevano freddo, dopo un po' sono entrati anche Luca e Paola in macchina.
GCM:
Non ci sono altre domande per il teste che quindi possiamo congedare. C'erano delle dichiarazioni spontanee? No, non ci sono. Possiamo sentire il prossimo teste o chiedono le parti una sospensione? Possiamo andare avanti.