Laura Mezzetti's Testimony

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
DEPOSIZIONE DELLA TESTE - MEZZETTI LAURA -

LA TESTE, AMMONITA AI SENSI DELL'ART. 497 DEL CODICE DI PROCEDURA PENALE, LEGGE LA FORMULA DI RITO

Key to abbreviations
GCM Giancarlo Massei Judge Presidente
GM Giuliano Mignini Prosecutor Pubblico Ministero
LM Laura Mezzetti Witness being questioned Meredith's housemate
CDV Carlo Dalla Vedova Knox defense lawyer Avvocato
DR Daniela Rocchi Defense Counsel for Raffaele Sollecito Avvocato
MC Manuela Comodi Prosecutor Pubblico Ministero
MB Marco Brusco Raffaele Sollecito's defense lawyer Avvocato
LG Luciano Ghirga Knox defense lawyer Avvocato
FM Francesco Maresca Counsel for Kercher family (civil plaintiffs) Avvocato
SS Sabrina Scaroni Counsel for civil plaintiff Patrick Lumumba Avvocato

GENERALITÀ: Mezzetti Laura, nata A Viterbo il 9 maggio 1980 e residente a Montofiascone in Via Secononi, 74.

GCM:
È teste comune a tutte le parti il Pubblico Ministero può procedere all'esame.


Contents

Pubblico Ministero - Dottor Mignini

GM:
Avevo fatto fare copia dì un verbale... Quando avrò bisogno chiedo un minuto di pausa. Dunque lei abitava nell'appartamento di Via della Pergola numero 7?
LM:
Sì.
GM:
Quando è andata ad abitare in questo appartamento?
LM:
Sono andata gli ultimi di agosto.
GM:
2007.
LM:
2007 ed al momento eravamo solamente io e Filomena, poi abbiamo...
GM:
Si è trovata insieme con Filomena?
LM:
Con Filomena sì.
GM:
Quindi eravate prima, eravate voi due.
LM:
Sì.
GM:
Poi, chi è arrivato?
LM:
Poi abbiamo messo degli annunci per cercare degli altri coinquilini sia sul cerco e trovo che direttamente all'università per stranieri che abbiamo trovato Meredith ed Amanda.
GM:
E chi è arrivata per prima?
LM:
È arrivata per prima Amanda, Amanda che è arrivata ai primi di settembre, ha visto 1'appartamento, le è piaciuto, però non è stata direttamente in casa con noi perché doveva andare in Germania per cui ha preso la stanza ma è entrata effettivamente in casa gli ultimi di settembre.
GM:
E quindi gli ultimi giorni di settembre Amanda definitivamente...
LM:
Definitivamente è entrata in casa sì.
GM:
E Meredith?
LM:
E Meredith è entrata la seconda settimana di settembre, non ricordo • esattamente il giorno ma metà settembre è entrata in casa effettivamente con noi.
GM:
Senta il canone di locazione quanto era?
LM:
1200 Euro, 300 Euro a persona.
GM:
E quando lo dovevate versare?
LM:
Lo dovevamo versare entro il 5 di ogni mese.
GM:
Senta le chiavi del portone esterno, della porta esterna che dava sulla piazzola e quindi sul cancello chi ce 1'aveva?
LM:
Tutte le coinquiline.
GM:
Tutte quante, aveva problemi quella porta?
LM:
Sì, si era rotta dovevamo necessariamente chiuderla a chiave altrimenti il portone sarebbe rimasto aperto.
GM:
Sì, e quindi per chiuderla dovevate per forza chiuderla a chiave.
LM:
A chiave sì.
GM:
E succedeva sempre così che se non si chiudeva a chiave rimaneva aperta oppure qualche volta...
LM:
No, all'inizio no, poi ha cominciato a darci dei problemi intorno a metà ottobre, abbiamo lamentato questo problema per cui dovevamo chiudere a chiave il portone.
GM:
Senta e le chiavi invece delle varie camere ce le avevate tutte?
LM:
No, Romanelli non ce l'aveva la chiave della stanza sua, io, Meredith e Amanda ce l'avevamo.
GM:
Ognuna della sua stanza?
LM:
Sì, ognuna la propria stanza.
GM:
Quindi quella di Filomena rimaneva sempre aperta necessariamente?
LM:
Sì.
GM:
Ecco, volevo sapere questo, voi tenevate le camere aperte o chiuse, le porte delle camere?
LM:
Le tenevamo sempre aperte ad eccezione di quando andavamo via, Meredith quando andò in Inghilterra chiuse la propria stanza a chiave-ma solo in quell'occasione. Anche io una volta andando dai miei genitori a Viterbo chiusi la porta a chiave, ma solitamente ecco quando ci allontanavamo per un periodo abbastanza lungo, altrimenti le lasciavamo aperte.
GM:
In particolare Meredith la lasciava sempre aperta.
LM:
Sempre aperta.
GM:
Salvo...
LM:
Salvo ecco che...
GM:
Quando doveva assentarsi per alcuni giorni...
LM:
Sì, assentarsi per un periodo lungo.
GM:
Andando all'estero se ho ben capito.
LM:
Chiaro, sì.
GM:
E Amanda la...
LM:
No, Amanda non la chiudeva a chiave, la lasciava aperta.
GM:
Senta volevo sapere i rapporti tra Amanda e Meredith come erano, se ce li può descrivere, se sono stati sempre gli stessi o se sono cambiati e in che senso. Me cosa diceva l'una dell'altra, se parlavano con voi, se parlava con voi che cosa diceva dell'altra, 1'una o l'altra, questo volevo sapere.
LM:
In tutta onestà io non stavo molto tempo in casa per via della pratica che sto facendo, ad ogni modo i rapporti tra le ragazze mi sembravano buoni nel senso che sono delle ragazze che avevano una età molto vicina l'una all'altra, entrambe che parlavano l'inglese per cui pensavo che i rapporti tra le ragazze fosse buoni, ad ogni modi nessuna mi ha mai parlato dei rapporti con l'altra.
GM:
Non c'era qualche sfogo una delle due sull'altra?
LM:
No.
GM:
Ecco ma questi rapporti tra le due sono rimasti sempre gli stessi o ad un certo punto sono un po' cambiati?
LM:
Inizialmente notavo che • le ragazze uscivano più t empo ins ieme, a volte si allont anavano, andavano al centro insieme, facevano delle passeggiate insieme, poi ho visto che ognuna aveva preso un po' di più la propria strada, si erano un po' allontanate ma senza particolari screzi o senza motivi particolari, ognuna cercava di fare la propria vita, ma non penso ci fossero stati problemi tra le ragazze, o perlomeno io non ero a conoscenza.
GM:
Senta lei Raffaele Sollecito l'ha conosciuto e quando?
LM:
L'ho conosciuto una decina di giorni prima dell'incidente occorso a Meredith, non ricordo esattamente il giorno, ricordo che ero rientrata dal lavoro e uscita dal bagno vidi questo ragazzo che stava cucinando nella cucina e quindi gli chiesi chi fosse e si presentò, mi disse che si chiamava Raffaele e mi ricordo che stava cucinando la pasta per Amanda e poi quel giorno si unì anche Meredith a pranzare con 1oro.
GM:
Lei è rimasta lì per il pranzo anche lei?
LM:
No no, io avevo pranzato.
GM:
Però è rimasta in casa?
LM:
Sono rimasta in casa un altro poco, il tempo di un caffè e poi sono riuscita per ritornare a studio.
GM:
Sa se Meredith si è ferita quel giorno?
LM:
No no, non mi risulta.
GM:
Senta quante volte ha visto in casa dì Via della Pergola Raffaele? Lei ha detto che l'ha visto una decina di giorni prima.
LM:
Sì.
GM:
Lei poi ci dirà quando è andata via, ma insomma quante volte l'ha visto?
LM:
Guardi non lo so indicare con precisione penso due o tre volte, quattro, però ripeto non stando molto tempo in casa e non ricordo bene quante volte l'ho visto, direi intorno a-4 volte.
GM:
Senta e in quel periodo in cui lei è stata nella casa di Via della Pergola aveva conosciuto Raffaele quindi che è stato una decina di giorni grosso modo, un margine di tempo di una decina di giorni, lei era rimasta lì, eravate tutti lì e lei aveva conosciuto Raffaele che ogni tanto veniva lì a Vìa della Pergola se...
LM:
Sì.
GM:
In quel periodo Amanda dormiva nella casa di Via della Pergola?
LM:
No, molto spesso dormiva a casa di Raffaele.
GM:
Si ricorda grosso modo in quali giorni?
LM:
No.
GM:
Senta ma lo diceva quando doveva andare da Raffaele, vi avvertiva, vi salutava?
LM:
No no.
GM:
E lei come se ne accorgeva che...
LM:
Beh, mi accorgevo perché notavo che non c'era la sua presenza. C'è da dire che Amanda era molto mattiniera, per cui la mattina se era in casa molto spesso faceva colazione con me e Filomena per cui ci accorgevamo se aveva dormito a casa oppure no e del resto era anche una presenza che si sentiva, una ragazza molto gioviale, che faceva un po' di confusione, quindi ci accorgevamo se era in casa o meno.
GM:
In quel periodo quante volte ha dormito a casa di Raffaele?
LM:
Non lo so dire.
GM:
Non si ricorda. Senta lei quando ha visto Meredith per l'ultima volta?
LM:
L'ho vista il 31, all'ora di pranzo.
GM:
Ecco, verso che ora quindi?
LM:
Verso le. 3, anche prima, le 3 è stato l'ultimo momento in cui ho lasciato la casa per andare a lavoro e poi mi sarei avviata a casa dei miei genitori.
GM:
Ecco che cosa faceva Meredith?
LM:
Chiedo scusa?
GM:
Che cosa faceva Meredith?
LM:
Quella giornata?
GM:
Sì, quando lei l'ha vista.
LM:
Si era alzata, stava pranzando, era l'ora di pranzo.
GM:
Era da sola o con qualcuno?
LM:
Era da sola.
GM:
Si ricorda se ci fosse Filomena?
LM:
No, non mi ricordo.
GM:
Lei nel verbale in data 2 novembre ha detto che c ' era Filomena, come è un particolare non rilevante, ma insomma comunque lei ha dichiarato che c'era Filomena, che pranzava con Filomena, se lo ricorda ora, verbale 2 novembre.
LM:
Dico la verità, non mi ricordo, ma ad ogni modo con Filomena pranzavamo sempre insieme, -perché—avevamo gli stessi orari di lavoro.
GM:
Senta quindi come era vestita Meredith quel giorno?
LM:
Non lo ricordo.
GM:
Quindi lei l'ha salutata, ha salutato tutti?
LM:
Ho salutato sì le ragazze.
GM:
E dove è andata?
LM:
Sono andata al lavoro.
GM:
Studio legale, lei andava in uno studio legale?
LM:
Sì, lo studio legale dell'Avvocato Orlando.
GM:
E quando è rimasta nello studio dell'Avvocato Orlando?
LM:
Sono rimasta immagino fino verso alle 6 per poi partire e andare a Viterbo dai miei genitori.
GM:
Lei ha guardato, è andata nel bagno, nel vostro bagno, quello più grande.
LM:
Sì.
GM:
C'erano due bagni in casa.
LM:
Sì.
GM:
Voi quale usavate?
LM:
Noi usavamo quello attiguo alla cucina, quello più grande. Noi, io e Filomena.
GM:
Lei ha guardato se il bagno fosse pulito o se ci fossero feci nel water?
LM:
No, il bagno era pulito.
GM:
Senta quindi lei poi è andata a Viterbo.
LM:
Sì.
GM:
Chi l'ha avvertita e quando della morte di Meredith?
LM:
Mi avvertì Filomena il 2 mattina intorno a mezzogiorno e 40, mi chiamò al telefono.
GM:
A mezzogiorno e 40?
LM:
Sì.
GM:
Lei ha dichiarato alle 13.40, il verbale è in data 5 dicembre 2007 se vuole glielo leggo.
LM:
Sì.
GM:
"13.35 del 2 di novembre, ho ricevuto la telefonata di Filomena, parlava molto lentamente", etc., quindi lei ha dichiarato il 5 dicembre che erano le 13.35 ora se lo ricorda?
LM:
Sì.
GM:
Cioè è come ha detto allora oppure è come dice oggi?
LM:
È come ho detto allora.
GM:
Quindi è stata avvertita e che cosa le ha detto Filomena?
LM:
Filomena mi ha detto che erano entrati dei ladri in casa e che avevano ucciso Meredith.
GM:
Avevano ucciso Meredith. Senta si ricorda con che cosa, quali erano i prodotti della pulizia di casa, quante volte facevate la pulizia, come vi organizzavate se c'era un turno?
LM:
Non ricordo i prodotti che utilizzavamo per casa e per quanto riguarda le pulizie era un motivo un po' di screzio con le ragazze, c'è da dire che io sono molto precisa da questo punto di vista, un po' quasi fissata e le ragazze non è che pulissero molto, tanto è veroche io gli ultimi giorni di ottobre avevo fatto, avevo scritto un turno per le pulizie e l'avevo appeso nel portone di casa nel quale addirittura prevedevo una sorta di multa di 5 Euro per chi non avesse rispettato 10 turno delle pulizìe e quindi gran parte delle volte lo facevo io o Filomena.
GM:
Ecco, lei o Filomena grosso modo che facevate...
LM:
Sì, maggiormente noi.
GM:
Lei si ricorda, quindi ha detto di non ricordarsi quali prodotti usavate per la pulizìa.
LM:
No.
GM:
Le domande: usavate candeggina o lisoform?
LM:
No, questo no, sono sicura.
GM:
Cioè è sicura che non usavate né...
LM:
No, non ce l'avevamo.
GM:
Né candeggina né lisoform.
LM:
No.
GM:
E lei ha detto delle pulizìe vi occupavate generalmente voi.
LM:
Maggiormente sì, io e Filomena..
GM:
Ha visto gualche volta Amanda e Meredith pulire, in quale occasioni?
LM:
Sì, alcune volte sì, raramente ma sì.
GM:
E che usavano?
LM:
La scopa, il mocio, ma i prodotti che avevamo erano tipo, ora non posso dire il nome esattamente, ma tipo fabuloso, questi saponi liquidi, profumati.
GM:
Senta si ricorda... E dove stavano i prodotti che c'erano, con che cosa pulivate casa, c'erano dei mocio?
LM:
Sì, un mocio.
GM:
Dove erano questi mocio?
LM:
Uno era nel giardino, ma chiaramente non lo utilizzavamo perché era sporchissimo, pieno di foglie, spesso con degli animali anche, e l'altro stava dentro casa dietro una porta, la porta nell'ingresso che collegava le camere delle ragazze, di Meredith e di Amanda, lì dietro c'era un mobiletto dove tenevamo il mocio, la scopa e i vari prodotti per fare le pulizie.
GM:
Senta prima che vada avanti, si ricorda nella camera di Amanda se c'erano delle lampade?
LM:
Sì.
GM:
Che lampade c'erano?
LM:
C'era una abajour nera con un pulsantino rosso.
GM:
Senta e dove stava, dove era posizionata?
LM:
Stava sopra il comodino di Amanda.
GM:
Senta e per quanto riguarda l'alimentazione si ricorda che cibi preferiva Meredith, che tipo di... Che cosa acquistava preferibilmente, le piacevano i funghi?
LM:
Sì, i funghi champignon.
GM:
Quindi li mangiava spesso?
LM:
Si
GM:
E voi invece che preferenze avevate? Amanda per esempio.
LM:
Amanda mangiava spesso mozzarella, tonno, pomodori, questi alimenti così freschi.
GM:
Si ricorda se ogni tanto arrivavano dei ragazzi, o delle persone strane in casa?
LG:
Strane non va bene.
LM:
Sì, alcune volte arrivava Amanda in compagnia di un amico Yuva, soprattutto all'ora di pranzo, lo vedevo questo ragazzo e era un ragazzo che lavorava con lei al bar, al Pub Le Chique.
GM:
C'era qualcun altro che accompagnava Amanda qualche volta?
LM:
Non saprei dirlo, una mattina ho visto che Amanda stava facendo colazione con un ragazzo di nome Daniel che era un amico dei vicini di casa, ma altri ragazzi non saprei -dire, tra l'altro ripeto noi non è che eravamo molto in casa, per cui non so se...
GM:
Ma si ricorda i nomi di altri ragazzi che sono venuti da voi, si ricorda com'è che sono entrati, chi li ha portati, chi li ha invitati?
LM:
No.
GM:
Lei nel verbale in data 15 dicembre 2007, non si ricorda i nomi?
LM:
No, non me li ricordo.
GM:
Comunque si ricorda di questo Daniel?
LM:
Sì.
GM:
Si ricorda quando l'ho visto far colazione con Amanda?
LM:
Il giorno esattamente no, non lo ricordo, mi ricordo che 1 ragazzi erano andati a ballare al Redzone e svegliandomi quella mattina notai che Amanda stava facendo colazione con questo ragazzo.
GM:
Senta ma i nomi di un certo Pace, di Russo, un certo Giuliano Pignatelli?
LM:
Questi sono degli amici miei.
GM:
Senta lei ha conosciuto Rudy Herman Guede?
LM:
L'ho visto in un'occasione a casa dei ragazzi, ero scesa per salutarli, era domenica e ricordo che questo ragazzo era seduto in camera dei ragazzi a guardare il Gran Premio, ricordo che era l'ultima domenica in cui correva la Ferrari però ecco ci dicemmo a malapena Ciao perché ricordo che questo ragazzo...
GM:
Grosso modo che periodo era?
LM:
Era ottobre, non ricordo esattamente che giornata fosse. Ricordo che era l'ultima giornata in cui correva la Ferrari, vinse il Gran Premio.
GCM:
Quando lei dice a casa dei ragazzi a chi si riferisce?
LM:
Ai vicini di casa, al piano di sotto.
GM:
I vicini di casa del piano di sotto. Senta vpi, fra voi c'era chi faceva uso di stupefacenti?
LM:
Sì.
GM:
Ecco, se ci può dire...
LM:
Alcune volte è successo che abbiamo fumato in casa tutti dell'hascisc in un paio di occasioni.
GM:
Tutti quanti?
LM:
Tutti quanti.
GM:
Cioè anche con i ragazzi di sotto?
LM:
Sì.
GM:
Voi quattro e i ragazzi di sotto?
LM:
Sì.
GM:
Si ricorda in che periodo?
LM:
Sempre ad ottobre, ma non saprei indicarlo con esattezza.
GM:
Senta ma Rudy lo vide solo in quell'occasione?
LM:
Sì.
GM:
Senta si ricorda se, lei ripeto ha visto Raffaele una decina di giorni prima, quindi in un arco dì tempo di una decina di "giorni in quell ' arco di “tempo si ricorda se Meredith andò a'casa di Raffaele?
LM:
No, non mi risulta.
GM:
Come erano i rapporti Meredith e Raffaele Sollecito?
LM:
Non saprei riferire.
GM:
Cioè erano in confidenza oppure si salutavano e basta, insomma ci sono tanti modi, l'avrà conosciuto sicuramente, però dico era, li ha visti parlare, oppure si salutavano e basta, questo volevo sapere.
LM:
Si saranno parlati sicuramente, però non penso ci fosse un legame molto forte tra i ragazzi, ma chiaramente si saranno parlati vedendo Raffaele in casa è normale e poi qualche parola si scambiavano, ci si scambiava.
GM:
Senta lei ha mai visto in casa vostra questo coltello che le viene mostrato? È il reperto 3 6 che è stato mostrato, poi eventualmente lo posso produrre anche in quest'occasione.
GCM:
L'abbiamo già acquisito.
GM:
Sì, è stato già acquisito.
LM:
No, non l'ho mai visto.
GM:
Non l'ha mai visto. Senta quando Raffaele veniva a casa in Via della Pergola, lei l'ha visto... Quante volte l'ha visto, mi ha detto circa 3-4 volte.
LM:
Sì.
GM:
In quelle occasioni come si comportava con Amanda, che facevano?
LM:
Era molto vicino ad Amanda nel senso che notavo che ogni passo che faceva Amanda Raffaele le stava dietro abbracciandola, coccolandola molto affettuoso nei confronti di Amanda.
GM:
La seguiva sempre?
LM:
Sì.
GM:
Senta Amanda si sfogava con voi, parlava con voi del suo lavoro, che cosa diceva, se era soddisfatta, se non era soddisfatta? I vari punti di vista.
LM:
Sì, a volte parlava con noi del proprio lavoro e non era molto contenta perché non veniva retribuita come avrebbe desiderato nel senso che nonostante era molto presente al Pub le Chique non veniva retribuita...
GM:
Sa quanto prendeva?
LM:
No.
GM:
Sa qual era l'orario lavorativo di Amanda di solito?
LM:
Io vedevo partirla quasi tutte le sere alle 9 e mezza e non so a che ora rientrasse perché chiaramente dormivo, però...
GM:
Quasi tutte le sere?
LM:
Quasi tutte le sere sì, comunque era molto presente a questo pub, lavorava quasi sempre.
GM:
C'era diciamo un giorno alla settimana in cui non andava sicuramente al Pub Le Chique?
LM:
Non lo ricordo.
GM:
Senta quindi lei riceve il 2 novembre, andiamo al 2 novembre, riceve la telefonata di Filomena alle 13.35 circa.
LM:
Sì.
GM:
Cosa fa?
LM:
Ho richiamato altre volte Filomena e poi intorno alle 5 e mezza sono arrivata a Perugia con mio padre, mia sorella ed il fidanzato di mìa sorella, sono venuta a Perugia.
GM:
Quindi lei è arrivata in Via della Pergola?
LM:
Sì.
GM:
È entrata?
LM:
No.
GM:
È rimasta fuori?
LM:
Sono entrata nel giardino e lì mi hanno fermato immediatamente, mi ha fermato immediatamente la Polizia chiedendomi chi fossi e risposi che ero una delle ragazze abitava lì in quella casa e poi sono andata in Questura.
GM:
Senta e quando si trovava, quando è arrivata c'erano anche Raffaele ed Amanda?
LM:
In Questura?
GM:
Anche al momento dell'arrivo...
LM:
No, al momento in cui io sono arrivata in casa non c'era nessuno, tutti erano già stati portati in Questura. Io arrivai per ultima.
GM:
In Questura invece?
LM:
In Questura ricordo che c'erano, sì, Raffaele, Amanda, c'erano tutte le amiche di Meredith, Filomena, Marco Zaroli, sì, erano tutti lì in una saletta di attesa.
GM:
Mi sa descrivere il comportamento tenuto da tutte queste persone che erano in Questura? Mi descriva un po' .
LM:
Chiaramente eravamo tutti sotto shock, allarmati per quanto era accaduto e vidi Amanda e Raffaele spesso farsi delle coccole anche in quella circostanza, darsi molti abbracci, molti baci e questo.
GM:
Senta si ricorda prima di andare avanti, se nella camera di Meredith o in un'altra camera, comunque nell'appartamento vi fosse della vaselina?
LM:
No.
GM:
Non c'era.
LM:
Che io sappia no.
GM:
Che lei sappia quindi non c'era nell'appartamento, ma in particolare nella camera di Meredith.
LM:
No, non lo so.
GM:
Cioè non lo sa, non se lo ricorda o le sembra di no.
LM:
No, direi di no.
GM:
Senta lei ha detto che parlavano... Amanda e Raffaele parlavano tra di loro no?
LM:
Sì.
GM:
E parlavano anche con voi, cioè facevano, parlavano tra loro e poi parlavano anche con voi, che cosa dicevano?
LM:
Non saprei riferirlo, eravamo un po' tutti scioccati da quanto era accaduto, ma non saprei ecco riferire che cosa fu detto in quella circostanza.
GM:
Quindi lei ha parlato in quell'occasione con Filomena?
LM:
Sì.
GM:
Filomena le ha riferito qualcosa che le era stato riferito da altre persone?
LM:
Beh, mi dissero che quel giorno... Sì, mi riferirono che Amanda si era fatta la doccia e nonostante ci fossero delle macchie di sangue in casa, un comportamento che lì per lì ci sembrò un po' strano anche perché noi probabilmente non avremo fatto una doccia, ci saremmo allarmate nel trovare delle macchie di sangue in casa. Sì, ricordo ecco questo.
GM:
Senta ma Amanda diceva delle cose che l'hanno colpita in Questura?
LM:
Non ricordo.
GM:
Senta lei in data, io quando le contesto se non se lo ricorda, in data 5 dicembre 2007, pagina 15, dovrebbe corrispondere, questo è il verbale fatto in Procura, lei dice: "Amanda a volte si lamentava che con lei la Polizìa era piuttosto brusca, che dicevano che lei mentiva, mi sorprese in particolare che sapeva delle cose, poi non lo so gli interrogatori sono diversi chiaramente da persona a persona, mi sorprese che sapeva dei particolari che so la Polizia mi ha chiesto se Meredith faceva sesso anale, un particolare che a me rimase un po', mi sembrò un po' forte". Ecco si ricorda?
LM:
Sì.
GM:
Ora se lo ricorda?
LM:
Sì, me lo ricordo.
GM:
Quindi è così o come...
LM:
È così.
GM:
Cerchi di ricordare ancora... C'erano altre cose...
LM:
Questa cosa che ho riferito ora me la ricordo però non la sentì esattamente quel giorno in Questura, la sentì alcuni giorni dopo da Amanda che sì ricordo che... Ecco, mi colpì che sapeva alcuni particolari se Meredith aveva fatto sesso anale o... Che a me in tutta onestà mi sembrarono un po' forti anche perché io non ero a conoscenza di queste cose, però ecco come riferì nella circostanza pensai magari ogni interrogatorio è assestante, ognuno riferisce su delle cose però mi sembrava che sì sapesse, riferisse dei particolari che noi non conoscevamo.
GM:
C'erano altri particolari oltre a questo che voi non conoscevate, che lei riferì?
LM:
Riferì della presenza di vaselina in casa, che noi non sapevamo.
GM:
Quando lo disse questo?
LM:
Sempre in quell'occasione, ricordo che era una domenica.
GM:
Quindi se era domenica doveva essere il 4?
LM:
Sì.
GM:
Perché il 2 era venerdì me lo ricordo bene. Quindi domenica 4 dove eravate?
LM:
Eravamo a casa di Maurizio Pace che era un ragazzo che mi stava ospitando.
GM:
Quindi scusi mi faccia capire, in quell'occasione come mai lei è entrata in questo argomento, Amanda?
LM:
Perché quel giorno ci incontrammo con Amanda, Raffaele, Filomena e Marco un po' per parlare, per sentire un po' come stavamo, perché chiaramente eravamo tutti scioccati un po' per farci forza a vicenda diciamo e ognuno parlava delle cose che stavano accadendo, Amanda ci disse che la Polizia era particolarmente pressante nei suoi confronti e ci disse questi particolari.
GM:
Ma volevo sapere questo: il fatto che lei disse la Polizia mi ha chiesto se Meredith faceva sesso anale, cioè non è una sua affermazione, lei l'ha detto come domanda rivoltale dalla Polizia, questo volevo capire. Cioè questo particolare non è che lei dice, io so che lei faceva, etc., no, lei ha detto la Polizia mi ha chiesto se Meredith facesse sesso anale, è questo?
LM:
Sì.
GM:
Il particolare della vaselina che era in casa l'ha riferito nello stesso modo, cioè ha detto la Polizia mi ha detto che c'era la vaselina oppure l'ha detto così?
LM:
Guardi in tutta onestà non me lo ricordo anche perché poi in quel giorno Amanda parlava molto in inglese e avevo un po' di difficoltà a capirla bene, ricordo ecco e disse questo particolare della vaselina, ma ora esattamente il contesto in cui...
GM:
Ecco, si ricorda però disse che c'era la vaselina?
LM:
Sì.
GM:
Lei capisce l'inglese?
LM:
Abbastanza bene, sì.
GM:
Si ricorda come era la frase detta...
LM:
No, non me la ricordo.
GM:
Senta un'altra cosa, quando eravate in Questura qualcuno dei presenti, chiunque ha parlato del fatto che Meredith potesse aver subito una violenza sessuale e che avesse urlato, avesse gridato?
LM:
Non lo ricordo.
GM:
Cioè non lo ricorda o le sembra di no?
LM:
Non mi ricordo proprio, non saprei rispondere.
GM:
Senta un'altra cosa, si ricorda quali vestiti, tutti i vestiti che aveva Amanda da portare a fine ottobre?
LM:
No, ricordo solo come era vestita il 2, aveva a una gonna bianca, un magi ione ino blu, ma no.»
GM:
Quindi lei non si ricorda che vestiti potesse avere Amanda, che non so, soprabiti?
LM:
Spesso sì ricordo solo una cosa che era una felpa grigia molto grande con il cappuccio e la ricordo perché gliel'aveva inviata il suo fidanzato dall'America e la metteva spesso questa felpa.
GM:
Però non è che lei— Lei la vedeva tutti i giorni Amanda?
LM:
Sì.
GM:
Ma la vedeva fuori anche come era vestita quando usciva?
LM:
La vedevo in casa ma era già vestita, ma...
GM:
No, quando si metteva qualcosa, un soprabito per esempio.
LM:
No.
GM:
Non l'ha vista, non la vedeva. La vedeva in casa senza, come stava in casa?
LM:
Sì.
GM:
Senta un'altra cosa, lei ha visto se Amanda avesse qualche lesione, qualche graffio, qualche ferita?
LM:
Mi accorsi quel giorno che Amanda aveva una ferita nel collo e mi accorsi che quando stavo in Questura si sapeva che insomma Meredith era morta a causa di una ferita al collo per cui mi impressionai tanto, ero molto attenta a vedere come stesse Amanda, ero molto preoccupata per lei perché mi rendevo conto che era una ragazza anche lei fuori sede, quindi ero molto preoccupata per lei e mi accorsi che aveva questo graffio nel collo e sì notai questo.
GM:
Senta poteva essere qualcosa legato a rapporti sessuali?
LM:
No, non mi sembrava.
GM:
Questo graffio, lei l'ha chiamato così, ce l'aveva il 31 quando lei la vide per l'ultima volta?
LM:
No, non lo ricordo.
GM:
Io vorrei produrre, se è questo, se lo può indicare poi chiedo di poter produrre questa... Se era quésto il graffio che lei ha visto.
GCM:
Le parti conoscono questo... Possiamo far vedere anche alle parti.
LG:
Le foto bianco e nero, anche il coltello, non in aiutano a capire, a comprendere, bisognerà produrre le foto a colori, come è stato fatto anche per la felpa...
GCM:
Sì, comunque quella foto l'abbiamo acquisita.
LG:
Ma qui non si vede nulla.
GCM:
Va bene, insomma questa è quella che il Pubblico Ministero chiede di sottoporre alla teste, a questo stiamo.
CDV:
Il Pubblico Ministero sa dirci la data di questa fotografia? Cioè quando è stata presa questa fotografia?
GM:
L'ha fatta il dottar Lalli. Si dà atto a verbale che è stato fatto il giorno dell'ispezione personale che quindi corrisponde al 6 novembre.
GCM:
Possiamo mostrare alla teste quindi la foto.
LM:
L'ho vista.
GCM:
Ed allora?
LM:
Sì, coincide con quello che ho visto, con il graffio che aveva il 2.
GM:
E che non aveva il 31?
LM:
No.
GCM:
Scusi, però su questo magari se poteva completare, il 31 lei ricorda come era vestita Amanda se aveva?
LM:
Aveva una gonnellina bianca ed un maglioncino blu a "V" .
GCM:
E quindi lasciava scoperto...
LM:
Lasciava scoperto il collo sì si vedeva.
GM:
Scusi tanto, lei l'ha vista, la prima volta che ha visto "Amanda il 2, aveva il collo scoperto o aveva la sciarpa?
LM:
Il 2?
GM:
Il 2.
LM:
Aveva il collo scoperto.
GM:
In Questura, cioè io volevo dire se lei l'ha vista anche fuori se stava con la sciarpa?
LM:
Io l'ho vista in Questura perché sono arrivata più tardi di tutti, sì era a collo scoperto.
GM:
Non ho altre domande.
GCM:
Le Parti Civili se ci sono domande. Nessuna domanda. Le difese degli imputati.

Difesa - AVV. Rocchi

DR:
Per quanto riguarda quando lei è venuta a sapere della morte di Meredith ci può riferire esattamente le parole che ha usato Filomena?
LM:
Filomena mi disse che,, preciso che non ricordo proprio esattamente le parole, però mi disse che erano entrati dei ladri in casa e che Meredith era stata uccisa.
DR:
Glielo ha ripetuto più volte?
LM:
No.
DR:
Allora le devo contestare quello che lei ha riferito il 5 dicembre 2007, lei dice: "Sì, alle 13.35 del 2 novembre allo ricevuto la telefonata di Filomena, parlava molto lentamente e con una voce molto bassa tant'è che io ero in mezzo alla strada e non riuscivo a sentirla bene e mi disse che erano entrati dei ladri in casa e che avevano ammazzato Meredith e naturalmente io non c'ho creduto, quindi ho chiesto a Filomena di ripetere".
LM:
Sì, gliel'ho chiesto io certo, ma lei cioè prima che io le ripetessi, perché io le dissi "Filomena ma che stai dicendo, stai scherzando?" e lei mi .ha ripetuto le stesse cose.
DR:
Cioè ha detto: "Ma che dici, ripeti" e Filomena mi ha ripetuto "Guarda sono entrati i ladri in casa, hanno ammazzato Meredith" e questo ecco come ho saputo della morte.
LM:
Sì.
DR:
Invece per quanto riguarda la candeggina lei ha escluso che in casa usavate candeggina.
LM:
Sì.
DR:
Le risulta che ultimamente fosse stata acquistata della candeggina proprio da Filomena?
LM:
No, non mi risulta.
DR:
Le devo contestare allora quanto lei ha riferito nel verbale del 15 novembre, a domanda risponde "Di solita a casa pulivamo più io e Filomena che le altre, utilizzavamo un prodotto di un flacone celeste di cui non ricordo il nome, esclusa che possa trattarsi di candeggina o Lisoform. Ultimamente Filomena aveva comprato della candeggina di cui non ricordo la confezione, ma ne avevamo versato solo un po' nel water del bagno grande", l'ha riferito lei.
LM:
Non me lo ricordo.
DR:
Non se lo ricorda.
GCM:
Ora lo ricorda?
LM:
No, non lo ricordo.
GCM:
Però queste sono dichiarazioni del?
DR:
Del 15 novembre.
GCM:
Quindi lei in quell'occasione diceva la verità, ecco, quello che ricordava.
LM:
Certo.
DR:
Se posso poi chiedere l'acquisizione di questo verbale per queste dichiarazioni.
GCM:
Sì, c'è il consenso di tutte le parti, l'ha utilizzato per la contestazione, ma sentiamo il Pubblico Ministero e le altre parti eventualmente.
DR:
Invece ci può riferire esattamente, già ci ha detto qualcosa, sui rapporti che c'erano tra Amanda e Raffaele, come può definirli? Li aveva definiti specificatamente in un'occasione, cioè che cosa facevano quando stavano insieme.
LM:
Beh, era una coppia che nei primi giorni chiaramente dimostravano, si dimostravano molto affetto, erano continuamente abbracciati l'uno all'altra, dei piccioncini, diciamo, in particolar modo ricordo Raffaele che era particolarmente tenero, a me a volte sembrava quasi un po' possessivo, a me perlomeno avrebbe dato fastidio, molto attaccato ad Amanda.
DR:
Quindi come due piccioncini?
LM:
Sì.
DR:
Senta ed invece le volevo chiedere se il 7 maggio e l'il aprile lei ricorda se è stata sentita da sola quando ha reso dichiarazioni.
LM:
Non lo ricordo.
DR:
Non è stata sentita insieme a Filomena?
LM:
No, non mi ricordo.
DR:
Allora io chiedo la produzione di questi due verbali che sono verbali che possiamo dire cumulativi nel senso che la signorina Mezzetti è stata sentita insieme a Romanelli Filomena.
GCM:
Questo è il verbale del?
DR:
Verbale del 7 maggio e dell'11 aprile 2008.
MC:
Mi pare che fossero già stati prodotti...
DR:
Sì, sono stati prodotti, io ne richiedo comunque...
GCM:
Come fatto storico lei...
DR:
Come fatto storico.
GCM:
E 1'altro verbale invece ne chiede l'acquisizione, l'altro sulla candeggina che ha utilizzato ai fini dell'utilizzabilità.
DR:
Ai fini dell ' utilizzabilità di quella parte, è possibile?
GCM:
Quella parte ne ha fatto oggetto di contestazione e quindi ha confermato il punto e ha detto è così come aveva dichiarato per cui se chiede di produrlo ai fini dell'utilizzabilità delle intere dichiarazioni. Su quello alla fine dell'esame della teste magari faremo il riassunto delle produzioni di cui si chiede l'acquisizione di cui si valuterà e si deciderà. Prego l'Avvocato Brusco.

Difesa - AVV. Brusco

MB:
Andiamo proprio al 3 0 ottobre, quindi due giorni prima dell'l, lei ricorda se avete passato il pomeriggio insieme a Meredith e caso mai Amanda?
LM:
No, non lo ricordo, ricordo che la sera siamo usciti io, Filomena e Meredith, ma il pomeriggio non lo ricordo.
MB:
Appunto nel verbale dell'11 aprile che lei ha reso insieme a Romanelli Filomena, siete in due a dichiarare, parlate proprio del pomeriggio in cui, parlate dell'affitto, di tradimenti, di tante cose e sì ricorda adesso?
LM:
Sì, mi ricordo.
MB:
Ci può dire ecco cosa è avvenuto quel pomeriggio, fino a che ora siete rimaste insieme?
LM:
Non era esattamente pomeriggio, era l'ora di pranzo, per questo non ricordavo, e ricordo che c'era Amanda che stava, era particolarmente giù di morale che si sentiva un po' in colpa nei confronti del fidanzato americano perché diceva che gli voleva bene, ma nello stesso tempo era molto presa da Raffaele cui parlammo un po' di tradimento in generale e dicemmo "Va bene, però...", cercammo un po' di tirarla su di morale.
MB:
Perfetto comunque... No no, scusi.
GCM:
Prego.
LM:
Cercammo un po' di tirarla su di morale, ricordo che Meredith fu l'unica che dimostrò la propria contrarietà al tradimento, disse che lei non aveva mai tradito in vita sua, che era una cosa che disprezzava particolarmente e poi alla fine della discussione comunque dicemmo che bisognava pagare l'affitto entro i primi del mese successivo e quindi invitammo le ragazze a prelevare i soldi, a ritirare e Meredith ci disse che aveva già ritirato i soldi dell'affitto e che l'aveva in casa, ricordo questo della conversazione.
MB:
Sì, qui dite "Vogliamo entrambe aggiungere spontaneamente una cosa che non avevamo mai riferito e cioè che in data 3 0 ottobre nel primo pomeriggio" e poi questo qua...
LM:
Sì.
MB:
Ci può dire fino a che ora siete rimaste insieme?
LM:
Saranno state le 3 e mezza, 3, perché io poi verso quell'ora, sia io che Filomena ci allontanavamo per rientrare a studio.
MB:
E sapete dopo quali erano i programmi delle due ragazze?
LM:
No.
MB:
Non sapete se dovevano incontrare qualcuno, se dovevano andare all'università o altro?
LM:
No, non lo so.
MB:
Ho capito, quel giorno c'erano altre persone o loro aspettavano qualche persona a casa?
LM:
Non glielo so dire.
MB:
Non se lo ricorda.
LM:
No, eravamo noi quattro in quell'occasione, ma se poi aspettavano qualcuno non lo so.
MB:
Non ve ne hanno parlato comunque?
LM:
No.
MB:
Un'altra cosa, come mai questo verbale è stato fatto cumulativo fra voi due, c' era qualche problema dell'ufficio oppure voi avete chiesto di venir sentite insieme o cos'altro?
LM:
Non lo ricordo per quale motivo.
GM:
C'è opposizione a questa domanda.
MB:
Opposizione perché chiedo scusa?
GCM:
Se a lei risultava, non gli risulta.
MB:
Glielo chiedo perché non è usuale insomma.
GCM:
Prego Avvocato, evitiamo le valutazioni facciamo solo le domande.
GM:
Si chiederà alla Polizia comunque qual è il motivo.
MB:
Lo chiederemo sicuramente.
GCM:
Prego Avvocato.
MB:
Sempre il 3 0 poi invece siete uscite la sera mi ha detto, si ricorda chi eravate?
LM:
Eravamo io e Filomena e poi ci ha raggiunto Meredith con altre ragazze inglesi, siamo andate alla Tana dell'Orso perché faceva un concerto un ragazzo che faceva la scuola forense con me che alcune volte mi insegnava a suonare la chitarra e quindi andammo a sentire questo concerto.
MB:
Amanda c'era?
LM:
No, non c'era.
MB:
Ricorda se Amanda, se diciamo fra il suo abbigliamento, aveva un cappotto rosso?
LM:
No, non lo ricordo.
MB:
E per quanto riguarda lo stendino che avevate in casa, era comune a tutte o ne avevate di più?
LM:
No, era comune a tutte le ragazze.
MB:
Cioè era uno solo e lo utilizzavate tutte?
LM:
Sì.
MB:
Per quanto riguarda la frequentazione sua invece con Amanda e Meredith mi è parso di capire che non era molto diciamo intensa se ho capito bene, se no mi corregga.
LM:
Alcune volte siamo andate, in due occasioni credo di ricordare che siamo andate a cena fuori insieme, però avendo anche interessi diversi e età diverse non è che ci frequentavamo moltissimo.
MB:
Perfetto, è proprio questo il punto, quindi quando lei ha detto non mi risulta che Meredith sia mai andata a casa di Raffaele, cioè lo dice nel senso che gli risulta ma non lo può escludere oppure è sicura che non sia andata?
LM:
Sono sicura perché credo me lo avrebbe riferito Meredith nel senso almeno di queste cose sono andata a pranzo da questo amico o dall'altro, parlavamo insomma.
MB:
Però siccome dice che avete vite un pachino diverse, separate.
LM:
Sì, certo.
MB:
Lei è in grado di dire tutte le persone che frequentavano, anche casa vostra in vostra assenza, amiche loro ovviamente, amici o amiche loro.
LM:
Meredith sostanzialmente frequentava delle ragazze, non ho mai sentito parlare dì ragazzi o di altre persone, vedevo sempre quattro o cinque ragazze inglesi, stava sempre con loro.
MB:
Io le dico questo perché nel verbale del 15 gennaio 2008 a pagina 2 dice "Preciso che sia io che Filomena stavamo a casa molto poco pertanto non possiamo dire chi realmente frequentasse la nostra abitazione in nostra assenza", era questo quindi il motivo.
LM:
Sì sì, confermo che effettivamente stavamo fuori gran parte della giornata per fare pratica, stavamo entrambe a studio, però ecco...
MB:
Andiamo al punto Rudy Guede, lei quant e voi te e se l'ha visto e quante volte l'ha visto e dove?
LM:
Ho riferito anche prima, l'ho visto in una sola occasione a casa dei vicini di casa di sotto, era una domenica e l'avrò visto per 10 minuti il tempo in cui io sono andata a salutare i ragazzi.
MB:
Chi c'era lì oltre ai ragazzi di sotto, se c'era qualcun altro? C'era solo Rudy ed i ragazzi di sotto o c'era qualcun altro?
LM:
No, c'era Rudy e i ragazzi di sotto ricordo.
MB:
Quando dice che erano andati, a ballare, cioè chi è che era andato a ballare per quello che sa lei ovviamente?
LM:
Io ricordo che una volta erano venuti alcuni amici dei vicini di casa, in particolare ricordo Daniel e.~ Erano diversi ragazzi.
MB:
Erano diciamo non del vostro appartamento, cioè era andato a ballare Rudy con i ragazzi di sotto e altre persone, non con voi.
LM:
No, non penso ci fosse Rudy ad ogni modo non posso certificare perché io quella sera non c'ero, c'erano i vicini di casa con degli altri, mi ricordo (voci sovrapposte) Giorgio.
MB:
Ho capito, allora lo chiederemo ai vicini.
MB:
Un'altra cosa, ha già riferito prima sulla telefonata, riguardo alla telefonata intercorsa con Filomena il giorno del ritrovamento del cadavere, lei ha detto appunto che l'ha avvisata alle 13.35 di uh furto e dell'omicidio, quindi Filomena non le ha mai parlato di simulazione di reato o di altro, parlava solo di furto in quel momento.
LM:
Sì.
MB:
Quando eravate in Questura ricorda se Raffaele diceva qualcosa riguardo all'omicidio?
LM:
No, non me lo ricordo.
MB:
Andiamo al graffio, alla questione graffio, io vedo che lei ha già riferito il 2 novembre, il 15 novembre 2007, 5 dicembre 2007, 11 aprile 2008, 7 maggio 2008 ed infine 6 novembre 2008. Quindi diciamo al sesto tentativo diciamo così si ricorda di questo graffio, io mi chiedo come mai...
GCM:
Magari può riprendere la domanda che...
FM:
Sì, ma la domanda è formulata senza commenti perché se no si influenza il teste...
GCM:
Scusi Avvocato, per favore parli... Evitiamo questi dialoghi tra le parti, dica Avvocato. Aspetti prima di rispondere e vediamo, visto che c'è il preannuncio forse di una opposizione, prego.
MB:
Allora dicevo che è stata sentita 6 volte, soltanto nel sesto verbale parla di questo graffio.
FM:
C'è opposizione.
GCM:
Per favore, facciamo la domanda Avvocato.
FM:
Scusi c'è opposizione, io vorrei verbalizzare l'opposizione.
GCM:
Infatti stiamo registrando quindi viene automaticamente impressa, però Avvocato facciamo la domanda.
MB:
Faccio direttamente la domanda, come mai non ne aveva parlato prima, dico ne ha parlato il 6 novembre 2 0 08 e non ne ha parlato prima, come mai dico?
LM:
Non ne ho parlato prima perché pensavo che questo graffio fosse stato evidente per tutti, come lo notai io, io quel giorno lo notai immediatamente, ripeto, proprio per il fatto che Meredith era stata uccisa con un taglio alla gola per cui notai questo graffio di Amanda e non lo riferì perché ero convinta che si fossero accorti tutti. Poi so che Stefano Bonassi, uno dei ragazzi che viveva al piano di sotto, fu chiamato durante 1'udienza preliminare a testimoniare, in quella circostanza parlò con 1'ispettrice Napoleoni alla quale riferì di questo graffio che io avevo notato sul collo di Amanda, al che mi hanno richiamato gli agenti sgridandomi perché... Dicendomi come avevo fatto a non riferire di questo graffio e mi hanno richiamato per riferire questa circostanza, riferire che io al 2 mi ero accorta di questo graffio. Ecco, se magari non l'ho riferito subito è perché...
GCM:
Ma il 2 lei ne aveva già parlato con qualcun altro dei ragazzi che aveva visto questo graffio?
LM:
No no, questo parlai successivamente con Stefano perché è fidanzato con una ragazza del mio stesso paese e un giorno facendo ritorno in macchina...
GCM:
Che giorno siamo, quand'è che ne parla?
LM:
Non lo ricordo Presidente, non lo ricordo.
GCM:
Allora parla con questo ragazzo che lei aveva visto questo graffio...
LM:
Questo graffio e lui lo riferisce all'ispettrice Napoleoni prima di testimoniare durante l'udienza preliminare, al che 1'ispettrice mi richiama dicendomi se era vera questa cosa del graffio, io dissi:"Sì, è vero, io l'avevo notato" e quindi mi hanno richiamato per riferire questa circostanza.
GCM:
Prego.
MB:
Sì, ma lei di questa circostanza ne aveva parlato con gli altri ragazzi, dico...
LM:
Ne avevo parlato con Stefano.
MB:
Ma quando?
LM:
Una volta mentre ritornavamo in macchina insieme a Montefiascone, non so come uscì il discorso, in tutta onestà non me lo ricordo, chiaramente quando vediamo, ci incontriamo con i vicini di casa sovente esce fuori questo discorso perché ahimè ci lega tutti e quindi spesso parliamo di questa...
MB:
Quindi né con le ragazze inglesi, né con Filomena, né con gli altri, cioè solo con Stefano ne ha parlato?
LM:
Ne ho parlato con Stefano sì.
MB:
Lei è sicura che al 31 ottobre non ce l'avesse questo graffio? Cioè sicuramente lei l'ha visto il giorno che l'ha visto, ma il 31, mi ha detto che l'ha visto, il 2...
MC:
No, il 31 non ce l'aveva...
MB:
Scusi facciamola rispondere.
GCM:
Scusi Avvocato, ha già risposta...
MC:
Il controesame non significa riformulare le stesse domande.
MB:
No no, non è la stessa.
GCM:
Lei conferma che il 31 non ce l'aveva?
LM:
Sì, non ce l'aveva.
GCM:
E lei il 31 ha avuto modo di vedere Amanda Knox...
LM:
Sì, comunque nell'arco della giornata capitava che la vedevo sempre, la mattina sì, non ce l'aveva.
GCM:
Lei può dire fino a quando il 31 la vide, cioè l'ultima volta che la vide il 31 se se lo ricorda.
LM:
In mattinata non ce l'aveva.
GCM:
E come era vestita in mattinata?
LM:
Non me lo ricordo.
GCM:
Aveva il collo scoperto o coperto insomma quando lei la vedeva? Cioè il graffio nella posizionein cui lo vide il 2 novembre lo poteva vedere incontrando Amanda Knox nell'occasione del 31? Cioè magari la vedeva aveva la sciarpa sul collo...
LM:
Io comunque la incontravo dentro casa, per cui in casa non è che stavamo con sciarpe o coperte.
MB:
Quindi poi il 31, dopo la mattinata e l'I non l'ha vista Amanda era quella la mia domanda. Il 31 diciamo dopo la tarda mattinata e tutto l'I con Amanda non vi siete viste?
LM:
No, io sono andata a Montefiascone quindi io non c'ero.
GCM:
Sì, l'ha già riferito prima, prego Avvocato.
MB:
L'ultima domanda riguardo semplicemente alla vaselina, lei ha detto appunto che ricorda di non averla mai vista, ma nel senso, è sicura che non vi fosse, nel senso che ne parlavate con le coinquiline oppure semplicemente non l'ha mai visto oppure ritiene che non vi fosse?
LM:
Io sinceramente non l'ho mai vista e tanto meno abbiamo mai parlato di queste cose, però vedendo, cioè conoscendo Meredith insomma mi sembra strano che ci fosse vaselina in casa, però...
MB:
Per tanti usi, non è che si usa...
LM:
Ma per carità; assolutamente però mi sembra che non ci fosse, tanto meno...
GCM:
Né ne avete mai parlato?
LM:
No, non abbiamo mai parlato.
MB:
Io ho finito grazie.
GCM:
Non ci sono altre domande.

Difesa - AVV. Ghirga

LG:
Lei ha visto l'ultima volta Amanda quando rispetto al fatto?
LM:
La mattina del 31.
LG:
Ma in che circostanza?
LM:
Ci incontravamo sempre durante la prima colazione perché Amanda come ho detto prima era molto mattiniera, si svegliava presto, quindi capitava che facevamo colazione insieme.
LG:
Perché fino ad oggi risulta che per quella che riguarda il..., lei avesse visto Amanda il 3 0 pomeriggio in quei colloqui a quattro che fate lei, Amanda, Filomena e Meredith sui tradimenti e qualcos'altro e lei ha detto prima che quel pomeriggio, ha parlato di un golfetto, guardi il Presidente.
GCM:
Sì, continui a guardare il microfono.
LM:
Chiedo scusa.
LG:
Ha parlato di... Quando vede questo segno lei da Amanda?
LM:
Questo segno di Amanda lo vedo il 2, in Questura.
LG:
Lo vede il 2 in Questura e non lo aveva il 31?
LM:
No.
LG:
Ma da altri atti che poi leggo, lei l'ha vista il 3 0 Amanda l'ultima volta, il 31 le ho chiesto in che circostanze, lei ha detto a fare... Non lo so, la sua attenzione è stata cristallizzata nell'immediatezza novembre 20 07 in un colloquio diretto il 3 0 ottobre, non il 31 ottobre e il 31 ottobre lei riferisce che all'ora di pranzo vede Meredith e Filomena...
FM:
Presidente c'è opposizione, io vorrei la domanda non una premessa.
LG:
La domanda è qual è l'ultima volta che ha visto Amanda prima della serata in Questura, ha detto il 31 mattina.
LM:
Mi sembra di ricordare ripeto...
GCM:
Sì, lei ha già detto il 31, può meglio precisare il 31 cosa era? Era colazione?
LM:
Era colazione, io ricordo...
GCM:
Verso che ora se lo ricorda?
LM:
La locazione la facevamo intorno alle 8 di mattina.
GCM:
E lei dopo colazione lascia la casa?
LM:
Dopo colazione sì, mi facevo la doccia, mi preparavo e verso...
GCM:
A che ora?
LM:
E verso le 8 e tre quarti, 9, lasciavo la casa per rientrarvi all'una ed un quarto, all'una e 20.
GCM:
Dopo dì questa occasione Amanda Knox lei la rivede in Questura...
LM:
La rivedo il 2.
GCM:
Ecco, il 2 in Questura.
LM:
Il 2 novembre.
GCM:
L'ultima volta, questo chiedeva l'Avvocato, la vede il 31 mattina in questa occasione.
LM:
Sì.
GCM:
Si ricorda come era vestita il 31 mattina?
LM:
No, non mi ricordo.
GCM:
In pigiama, come era...
LM:
Non mi ricordo. No, comunque quando la vedevo Amanda era sempre vestita, non era mai in pigiama, ma non ricordo comunque che abiti indossasse, non lo ricordo.
GCM:
Prego Avvocato.
LG:
Io comunque alla luce delle precedenti dichiarazioni, verbali che poi chiedo di produrre emerge soltanto oggi che l'ha vista il 31 mattina...
GCM:
Insomma la prova si forma in dibattimento e quindi siamo...
LG:
Certamente che si forma in dibattimento.
GCM:
Prego Avvocato.
LG:
Adesso io con il permesso del Presidente e delle Parti le mostro le due foto a colori invece di questa graffio che chiama lei e questa è valutazione per cui ne prendiamo atto, saranno altri modi per accertare la natura, e del 2 novembre e del 6 novembre, perché la dottoressa Mezzetti quando il 6 novembre viene chiamata alla Questura...
GCM:
Sì, magari se facciamo la domanda Avvocato. La domanda qual è? Le foto vuole mostrare?
LG:
No, mi deve scusare, perché le hanno dato una foto in bianco e nero che non si vede nulla.
FM:
Presidente la domanda se no c'è opposizione ad ogni domanda.
GCM:
Per favore, la foto è in bianco e nero...
LG:
No, io chiedo di poter mostrare alla teste le due foto di Amanda una del 2 novembre e una del 6 novembre come dice il Pubblico Ministero presa durante l'ispezione corporale dal dottor Lalli, posso?
GCM:
Sì, facciamo vedere le foto e la domanda.
LG:
Il 2 novembre, sono stato interrotto me ne dispiace, la dottoressa Mezzetti, è la domanda: vero che l'8 novembre 20 08 dopo il decreto che dispone il_ giudizio in quella deposizione che fa su questo graffio lei dice di aver riconosciuto...
FM:
No, opposizione Presidente, deve fare la domanda, non può riferire un verbale...
GCM:
Scusi Avvocato, magari facciamo la domanda se poi la risposta non è tale da...
LG:
Lei ha fatto riferimento alla foto di Amanda il 2 novembre 2007 nel giardino antistante la cas per individuarne un segno che prende da internet? E produco foto. Lo esibisco. La domanda è questa.
GCM:
Noi non abbiamo ancora capito, abbiamo capito solo che vuole mostrare alla teste delle foto, su queste foto che cosa...
LG:
Ci sono due foto, la dottoressa Mezzetti l'8 novembre 2008 dopo il rinvio a giudizio degli imputati, si presenta alla Questura e parla di un graffio che lei individua in internet di Amanda il 2 novembre nel giardino...
FM:
Ma non è così, ma perché si legge il verbale prima della domanda Presidente, non è il modo.
LG:
La domanda è: è vero questo che lei ha visto la foto di Amanda su internet del 2 novembre?
GCM:
Questa è una domanda e la possiamo porre, però facciamo le domande. Allora lei ha visto la foto?
LM:
Il graffio io lo ricordavo, poi in Questura ho detto che questo graffio, questo graffio alla gola era presente anche in una foto, si poteva vedere chiaramente anche da una foto presente su internet della giornata del 2, ma non è che ho guardato prima la foto e poi ho detto "Ah sì", io ricordavo questo graffio...
GCM:
Lei ha visto quindi in internet una foto... Lei ha la foto Avvocato?
LG:
Certamente, ma lei in Questura che foto ha visto, questa è la seconda domanda.
GCM:
Scusi, in Questura lei ha visto una qualche foto?
LM:
In Questura ho fatto vedere ai poliziotti una foto in cui ritraevano Amanda e Raffaele dalla quale era possibile evincere questo graffio.
GCM:
Scusi, lei dice ho fatto vedere questa foto già ce...
LM:
L'ho fatta vedere e c'era su internet quindi abbiamo aperto internet ed abbiamo...
GCM:
In Questura avete aperto internet...
LM:
Sì, l'ho fatta vedere e ho detto "Guardate peraltro questo graffio si vede anche da una foto che ritrae Amanda e Raffaele" e lì l'ho aperta io.
GCM:
Ho capito. Quindi tanto per ricostruire lei aveva visto già in internet questa immagine riportante questo graffio, questo segno al collo?
LM:
Sì, l'abbiamo visto.
GCM:
Va in Questura e dice si vedeva anche in internet.
LM:
Sì, si vedeva in internet.
GCM:
Ed in quel momento lei ha aperto internet e rintracciato questa foto.
LM:
Sì.
LG:
Possiamo far vedere se è questa?
GCM:
Certo, certo. Dunque viene mostrata questa foto, cioè la domanda qual è su questa foto? È questa la foto?
LM:
Sì, è questa.
GCM:
Dove si vede il graffio al collo. Ce l'abbiamo Avvocato, d'accordo. È questa insomma la foto. Le altre parti...
LG:
Ce l'hanno.
GCM:
Sì sì, certo che ce l'hanno, è ima foto abbastanza... Le parti conoscono, sì.
LG:
Seconda domanda: lei ha visto un'altra foto del 6 novembre in Questura?
GCM:
Con riferimento sempre a questo graffio.
LG:
Certamente.
GCM:
Con riferimento sempre a questo graffio lei in Questura ha visto anche un'altra foto, se se lo ricorda.
LM:
Mi hanno mostrato la foto che ho visto prima in bianco e nero, sì.
GCM:
Le hanno mostrato una foto in bianco e nero o a colori?
LM:
No, lì era a colori, stessa foto che...
GCM:
Possiamo vedere? È questa la foto che le hanno mostrato a colori?
LM:
Sì.
GCM:
Vengono prodotte queste foto Avvocato, chiede la produzione?
LG:
Sì sì.
GCM:
È questa la foto, sì. Poi all'esito magari ce le mette a disposizione queste due foto, anche per rileggerle unitamente alla testimonianza della...
FM:
Possiamo verbalizzare, chiedo scusa, quella a colorì è del dottor Lalli, è giusto? Completiamo magari il pensiero.
LG:
Non ho mica capito la domanda io.
GCM:
No, non è una domanda, è una puntualizzazione.
FM:
È una puntualizzazione. Perché altrimenti si puntualizza a metà e non va bene, puntualizziamo tutto.
GCM:
Comunque è una foto o se ne dà atto, noi non sappiamo se è quella del dottor Lalli, quando sentiremo il dottor Lalli gliela mostreremo e vedremo se è quella, ecco.
LG:
Chiedo scusa Presidente, non ho capito la domanda, perché queste foto io le ho estratte in copia autentica dal fascicolo del Pubblico Ministero. No, perché dice di chi sono...
GCM:
No no, era solo una puntualizzazione. Scusate per favore, evitiamo questi momenti che non servono. Se ci sono altre domande le poniamo alla teste che abbiamo qua di fronte.
LG:
Sulla circostanza del cosiddetto graffio ho finito.
GCM:
Prego.
LG:
Senta la circostanza della vaselina perché è un particolare, lei l'apprende nei giorni successivi al 2 novembre quando vi incontrate qualcuno di voi a casa dell'amico che la ospitava?
LM:
Sì.
LG:
È sicura che la circostanza della vaselina fosse stata riferita da Amanda Knox in quella serata?
LM:
Sì, lo riferì Amanda.
GCM:
Sì, ne ha parlato già prima, domenica 4 novembre ha detto l'occasione.
LM:
Sì.
GCM:
Prego Avvocato.
LG:
Abbiamo sentito altri testimoni.
GCM:
Prego Avvocato.
LG:
Ha detto che si ricorda che la frase su pronunciata da Amanda, ha detto sì, risulta diversamente. Senta lei ha un cappotto rosso?
LM:
Io?
LG:
Sì, al momento dei fatti, a novembre 2007.
LM:
No.
LG:
Volevo sapere questo: lei è mai tornata in Vìa della Pergola dopo... Lei dice che il pomeriggio torna da Montefiascone, va in Via della Pergola poi la portano in Questura.
LM:
Sì.
LG:
Successivamente al 2 novembre è mai tornata in Via della Pergola?
LM:
Sì, sono ritornata in due occasioni una volta con la Polizia perché ci fecero controllare che dalle stanze non mancass e nient e e di veri f i care come era l'appartamento ed _un' altra volta che sono rimasta però nel giardino, era il 18 dicembre e in quell'occasione ci restituirono alcuni effetti personali.
LG:
Se io le dico che la prima volta è il 4 novembre perché lo desumo da un verbale, questa data se la ricorda?
LM:
Sì.
LG:
Ricorda se è andata con l'ispettore Gubbiotti e Napoleoni?
LM:
Sì.
LG:
Quando lo verbalizzò questo accesso lei, se lo ricorda? Quando rese deposizioni su questo accesso del 4.
LM:
No, non lo ricordo.
LG:
15 novembre, e chiedo di produrre verbale di sommarie informazioni. Che cosa fece allora, lei, l'ispettore Gubbiotti e la dottoressa Napoleoni, che cosa fece se lo ricorda?
LM:
Prima di entrare in casa ci fecero mettere delle coseper riparare le scarpe, dei guanti, entrammo in casa, mi fecero controllare la mia abitazione dicendo che cosa era stato modificato e notai che era aperto, era rimasto aperto un cassetto della biancheria in camera mia e erano state spostate le chitarre, gli agenti mi riferirono che...
GCM:
Erano state spostate scusi?
LM:
Le chitarre, delle chitarre che erano in camera mia perché ricordavo perfettamente come avevo lasciato la mia abitazione, quindi mi dissero che quelle cose le avevano spostate loro e verificammo degli oggetti in cucina, ci fecero vedere, ci fecero controllare dei coltelli in cucina.
LG:
A proposito dei coltelli, sto terminando...
GCM:
Scusi, lei ha guardato tutto l'appartamento o solo questi due ambienti?
LM:
No no, sono entrata nella stanza mia e solo rimasta ferma in cucina, non c'hanno fatto... Nelle stanze dove stavano loro assolutamente no.
GCM:
Bene, per completare questo aspetto prego Avvocato.
LG:
Venivo ai coltelli, lei usa un' espressione a pagina 5... Quanti coltelli avevate in casa e come erano distribuiti nel mobile di cucina?
LM:
Ce n'avevamo moltissimi e lo so perché quando sono entrata in casa ho avuto cura io di pulire tutte le stoviglie e di risistemare i coltelli, quelli che utilizzavamo noi erano celesti e blu e altri li avevo riposti neri e grandi nel cassetto, erano riposti così, quindi li utilizzavamo sempre...
LG:
Quindi nel... Scusi, pensavo che avesse finito, scusi.
LM:
Quelli che utilizzavamo sempre erano nel lavandino, nel portaposate e ripeto erano celesti e blu e tanti altri, tante altre posate erano riposte nel secondo cassetto della cucina.
LG:
Allora i moltissimi coltelli sono distribuiti nel lavandino, nel secondo cassetto della cucina, quello di uso frequente se non ho capito male e nell'ultimo cassetto come abbiamo appreso, c'erano tanti coltelli neri, del manico nero come dice lei?
LM:
Sì, coltelli però che avevamo in casa con il manico nero, erano tutti con delle seghette per tagliare la carne.
LG:
C'erano coltelli che non usavate, nell'ultimo cassetto...
LM:
Sì, c'erano coltelli...
LG:
C'erano coltelli che non usavate?
LM:
C'erano dei coltelli che non usavamo, sì.
LG:
E lei da quella fotocopia in bianco e nero esclude che un coltello con il manico nero di quel tipo sia stato nell'ultimo cassetto?
LM:
No, io quello in casa non l'ho mai visto perché quelli che erano riposti nell'ultimo cassetto erano comunque dei coltelli molto grandi per tagliare la carne.
LG:
Questo era. Per ora nessuna domanda.

Difesa - AVV. Dalla Vedova

CDV:
Io volevo prima di tutto dei chiarimenti circa i fatti temporali del suo arrivo alla casa, poi le farò altre richieste di chiarimento. Lei ha detto oggi che alle 12.40 lei ha ricevuto la telefonata dì Filomena, poi ha anche detto che, poiché a verbale risulta alle 13.35, questo dovrebbe essere l'ora corretta, si ricorda che cosa le ha detto Filomena, la prima telefonata, che cosa le ha detto?
LM:
Ripeto Avvocato che mi ha detto che erano entrati dei ladri in casa e avevano uccìso Meredith.

INTERVENTO - (Fuori microfono).

CDV:
No, ho chiesto un chiarimento... Non è la stessa domanda, mi scusi, io ho fatto una premessa, ho detto: "Voglio dei chiarimenti sulle dichiarazioni che ha fatto pocanzi, se lei cortesemente mi può chiarire quello che è stato il contenuto della telefonata di Filomena alle ore 12.40 o 13.35".
GCM:
Ha già precisato comunque a contestazione del Pubblico Ministero che la telefonata avvenne alle 13.35.
CDV:
La domanda non era quella, la domanda era che cosa ha detto Filomena.
GCM:
Sì, beh tutte e due le cose, e che cosa le disse Filomena Romanelli.
LM:
A me disse che erano entrate delle persone in casa, dei ladri in casa e avevano ucciso Meredith.
CDV:
Avevano ucciso Meredith, le ha anche raccontato come avevano ucciso Meredith?
LM:
No.
CDV:
Lei l'ha chiesto se...
LM:
No, non...
CDV:
Ha chiesto chi è stato? Che reazione ha avuto a questa telefonata?
LM:
Io lì per lì ho detto a Filomena "Filomena non mi prendere in giro, che stai dicendo". E Filomena mi disse: "Laura ti ripeto che sono entrati dei ladri in casa e hanno ucciso Meredith".
CDV:
Filomena le ha detto dove stava?
LM:
No.
CDV:
Lei gli ha chiesto "Dove stai in questo momento quando mi stai chiamando? Da dove mi chiami?"
LM:
No, non gliel'ho chiesto perché ero scioccata, poi l'ho richiamata in seguito e le ho chiesta dove era, mi ha detto che stava in casa, che alcune cose in camera sua non mancavano degli oggetti nonostante la camera fosse stata messa a soqquadro, che comunque c'erano tutti, c'erano dei gioielli, c'era il computer, però lì no, nella prima telefonata non le chiesi niente.
GCM:
Lei a che ora la richiamò?
LM:
Non me lo ricordo, di lì ad un'oretta, forse anche meno.
CDV:
Poi lei prende la macchina e viene a Perugia?
LM:
Sì.
CDV:
Da sola?
LM:
No, mi ha accompagnato mio padre, mia sorella ed il fidanzato di mia sorella.
CDV:
E arriva a Via Pergola?
LM:
Sì.
CDV:
E lei ha detto che i ragazzi non c'erano più?
LM:
No, c'era la Polizia.
CDV:
Poi va in Questura?
LM:
Sì.
CDV:
Mi scusi, se forse...
GCM:
No, prego
CDV:
Che forse ripeterò...
GCM:
Sì, ripercorriamo l'aveva già riferito questo, arriva in casa, la Polizia dice "Tu che cosa vieni a fare", così, comunque ripercorriamo.
CDV:
E fino a che ora è rimasta poi in Questura?
LM:
Fino alle 6 della mattina.
CDV:
Ma è rientrata in casa?
GCM:
Quando dice in casa Avvocato fa riferimento...
CDV:
Casa a Via Pergola?
LM:
No, sono rientrata nella giornata di domenica insieme alla Polizia per verificare lo stato della casa.
GCM:
Di cui ha già rispondendo.
CDV:
In quell'occasione le hanno chiesto di verificare la lavatrice?
LM:
No. Ci chiesero se avevamo fatto la lavatrice, ma in bagno non entrammo, no, non lo so della lavatrice, non mi ricordo Avvocato.
CDV:
Chi vi chiese se avete fatto la lavatrice si ricorda?
LM:
No, la Polizia ci chiese se avevamo fatto la lavatrice o io e Filomena, ma non l'avevamo fatta, quindi non...
CDV:
Le hanno fatto vedere anche la lavatrice o dei panni?
LM:
No.
CDV:
Neanche in altre occasioni?
LM:
No.
CDV:
Lei aveva un portatile, un computer?
LM:
Sì.
CDV:
E dove ce l'aveva, con sé?
LM:
No, ce l'avevo posizionato nella scrivania della mia camera.
CDV:
E è rimasto lì?
LM:
È rimasto lì fino al 18 di dicembre quando me 1'hanno restituito sì, insieme a degli altri oggetti, ai vestiti e alle scarpe che erano rimasti in casa.
CDV:
E lei ha fatto un'istanza per avere questi beni indietro?
LM:
Sì.
CDV:
Ha fatto una richiesta scritta?
LM:
Sì.
CDV:
Il computer lei sa se è stato analizzato dalla Polizia Scientifica oppure postale immagino, il suo computer.
LM:
Non lo so Avvocato, direi di no, però non lo so.
CDV:
Il computer era funzionante?
LM:
Sì.
CDV:
Senta dopo lei ha incontrato Amanda la domenica, il 4, ed ha riferito della questione della vaselina e del sesso anale, abbiamo sentito prima. La mia domanda è precisa: lei si ricorda se Amanda le ha detto che mi hanno chiesto, riferendosi al fatto che lei era stata interrogata e quindi alle autorità, mi hanno chiesto se avevo fatto sesso anale o se c'era vaselina oppure...
LM:
Guardi Avvocato io in tutta onestà non ricordo bene come fu questa discussione, perché come ho anticipato prima la discussione fu portata avanti in inglese, Amanda era un po' anche un po' annoiata, stufa di continui andirivieni in Questura, ricordo che si parlò in quell'occasione di vaselina e di sesso anale ma non ricordo esattamente in che termini, come uscì fuori insomma questo discorso. Io rimasi, ribadisco che rimasi un po' perplessa perché con me non erano uscite fuori queste cose, tanto meno la Polizia mi aveva riferito nulla al riguardo, però non saprei riferire esattamente con quali parole uscirono fuori questi argomenti.
GCM:
Chi eravate in questa occasione?
LM:
Eravamo io, Filomena, Marco Zaroli, Amanda e Raffaele.
GCM:
Con in particolare _ Amanda in guest a occasione, lei dice parlava in inglese, con chi parlava? Parlava con tutti?
LM:
Con tutti noi.
GCM:
Quindi tutti voi avevate modo di interloquire su quello che...
LM:
Sì sì.
GCM:
Non è che lei parlasse di questi argomenti con qualcuno in particolare?
LM:
No no.
GCM:
Eravate insieme?
LM:
Stavamo parlando, ecco, in quell'occasione in cui ci incontrammo parlammo un po' tutti delle impressioni che avevamo avuto, di come stavamo, di come stavamo reagendo all'evento e lei disse queste informazioni.
GCM:
Ecco, parlando di queste due informazioni in particolare sulle quali il difensore ora le chiede, lei ricorda se qualcuno chiese spiegazioni ulteriori al riguardo, parlo di questi due argomenti, se interloquì in particolare l'uno o l'altro?
LM:
Non ricordo.
GCM:
Chiese ulteriori spiegazioni? Si manifestò particolarmente interessato a queste circostanze?
LM:
No no.
GCM:
Non lo sa dire. Lei ricorda queste due circostanze dette...
LM:
Esatto.
GCM:
Prego Avvocato.
CDV:
Chi era presente quella mattina, c'era per esempio Sollecito?
GCM:
Quella mattina, scusi Avvocato?
CDV:
Del 4, stiamo parlando la domenica del 4 quando lei, comunque la sera, il giorno 4.
GCM:
Ha già detto, sono loro cinque mi sembra.
CDV:
C'era Sollecito anche?
LM:
Sì.
GCM:
l'ha detto ora.
CDV:
E lei parlava con tutti e due?
LM:
Sì, erano discussioni in cui eravamo tutti presenti...
CDV:
In italiano ed in inglese?
LM:
Sì.
CDV:
Con Amanda parlava in inglese?
LM:
Sì.
CDV:
Ho capito, grazie. Senta soltanto un chiarimento lei ha riferito della questione dell'affitto che Meredith era pronta a pagare l'affitto, esattamente ha tirato fuori i soldi e ve li ha fatti vedere?
LM:
No, ha detto, ci disse se volevamo già i soldi, ha detto "Io ce li ho in casa, se volete ve li do" e sia io che Filomena dicemmo "Non è necessario perché noi non li paghiamo oggi".
CDV:
Lei ha visto la borsa con i soldi o il portafogli?
LM:
No, non l'ho vista, ma Meredith mi disse che aveva già prelevato i soldi ed erano in casa che se noi...
CDV:
Senta lei ha riferito che avevate una lavatrice, avevate anche un ascìugatore?
LM:
No.
CDV:
E quindi asciugavate su uno stendino?
LM:
Sì.
CDV:
Sullo stendino mettevate i panni dì più ragazze insieme, capitava?
LM:
Sì.
CDV:
Anche uno sopra 1'altro? Poteva capitare anche che facendo la lavatrice insieme...
LM:
Solitamente insomma lo mettevamo... Uno sopra all'altro no, perché non si sarebbero neanche asciugati bene, sistemati tutti nello stendino ma non uno sopra all'altro.
CDV:
Senta lei ha detto che fa pratica forense presso un Avvocato?
LM:
Sì.
CDV:
Ancora adesso?
LM:
Sì, ho fatto l'esame ma sto continuando ad andare, sì.
CDV:
Comunque la mia domanda era riferita, lei ha mai parlato con qualcuno del suo ufficio di questa questione dell'omicidio, nell'immediatezza soprattutto.
LM:
In che senso chiedo scusa?
CDV:
Lei ha parlato con l'Avvocato presso il quale fa pratica?
LM:
Beh lo chiamai per riferire "Sì, Avvocato hanno ucciso la mia coinquilina non so" Certo, ero senza casa, non...
CDV:
Quando questo?
LM:
Lo chiamai il giorno stesso.
CDV:
Il 2?
LM:
Sì.
CDV:
Verso che ora?
LM:
Verso l'ora di pranzo lo chiamai per riferirgli quanto era successo e infatti lui mi chiese se avevo necessità di stare da lui, di un appoggio, di un qualsiasi cosa, io dissi "No, risalgo con mio padre, la ringrazio" e lui mi chiamò per tutta la giornata per sapere se avevo bisogno di qualcosa, sì.
GCM:
Quindi lo chiamò quando stava ancora a Viterbo lei?
LM:
Sì, ancora stavo a Viterbo per dirgli cosa era successo.
GCM:
dopo la telefonata fattale da Romanelli Filomena, questo?
LM:
Sì.
GCM:
Prego Avvocato.
CDV:
Quindi prima di arrivare da casa, l'ha chiamato addirittura da Viterbo?
LM:
L'ho chiamato da Viterbo,
CDV:
La prima cosa che ha fatto ha chiamato l'Avvocato?
LM:
Non l'ho chiamato come prima cosa, ma io avevo preso un appuntamento... Cioè con lui il 5 dovevo fare una cosa a studio.
GCM:
Prego, prego Avvocato, proseguiamo, scusi Avvocato.
LM:
Il 5 dovevo essere presente ad un'udienza avevo reso questo impegno io con l'Avvocato e siccome non sapevo poi che cosa sarebbe successo lo chiamai e mi dissi "Avvocato è successo questa", mi sfogai un po', piansi un po', per organizzarci anche a lavoro.
CDV:
Ma anche successivamente si è consultata con l'Avvocato, si è fatta consigliare sugli sviluppi di questa questione?
LM:
No, questo no.
CDV:
Senta chiarimento sulla condizione di Rudy, lei ha riferito che aveva visto Rudy nella casa dell'appartamento sottostante, quella sera insieme agli altri ragazzi, come era Rudy Guede, in che condizione era, il suo stato d'animo come era...
LM:
Non lo so perché ci scambiammo a malapena un ciao.
CDV:
Aveva bevuto?
LM:
Mi sembra di no.
CDV:
Io le contesto questa circostanza perché lei nel verbale di assunzioni di informazioni del 5 dicembre a pagina 2 dice "Al piano di sotto insieme a Meredith, Amanda e Rudy, si aggiunse che tornati a casa Rudy era ubriaco".
LM:
Chiedo scusa, mi può riferire questa circostanza? Perché io l'ho visto solo una volta Rudy e era una domenica, non c'erano né Meredith, né Amanda...
GCM:
Lei ha detto che l'ha visto una domenica al piano di sotto...
LM:
Una domenica sola, in una sola occasione, era 1 ' ultima gara della Ferrari, quando l'ho visto non c'erano le ragazze assolutamente, c'erano solamente i vicini di casa. Non posso aver riferito il contrario perché non è così.
GCM:
Questo è un verbale Avvocato ha detto del?
CDV:
Del 5 dicembre 2007, leggo testualmente "Uno dei ragazzi che abitava al piano di sotto verso (ine.) ci disse di essere stato in un pub insieme ad altri del piano di sotto, insieme a Meredith, Amanda e Rudy e aggiunse che tornati a casa Rudy era ubriaco", si ricorda?
LM:
Sì.
MC:
Ma non c ' entra... Presidente quando si fanno le contestazioni non si può, voglio dire, confondere anche il teste oltre che la Corte, questo è tutta un'altra circostanza.
GCM:
Scusate, scusate per favore.
CDV:
Innanzitutto io non ho confuso nessuno, ho letto sul verbale proprio per dare un chiarimento.
MC:
Come no, questa è una contestazione sbagliata e quindi non legittima.
CDV:
Io ho chiesto un chiarimento circa le condizioni di Rudy in base alle conoscenze della teste, la quale per via traversa perché ha saputo da un'altra persona che era ubriaco, tutto qua.
GCM:
Evitiamo di una voce che cerchi di sovrastare le altre. Abbiamo inteso Avvocata, però la testimone ha riferito di aver visto Rudy Guede di domenica nel piano sottostante, almeno questo è quanto io ho inteso, nell'occasione di una corsa automobilistica, la Ferrari che gareggiava e in quella circostanza non c' erano le ragazze e Rudy appariva normale. Qua sembra una cosa un po' diversa, non riferita a questa circostanza come esposta dalla teste quindi la contestazione sulla contestazione formulata così sembra da accogliere, però se ci sono ulteriori domande magari.
CDV:
Chi era questo ragazzo che lei riferisce qui nel verbale che le avrebbe detto che Rudy era ubriaco e poi prosegue...
GCM:
Scusi Avvocato, magari facciamo la domanda. Lei ricorda se ci fu un qualche ragazzo che le parlò di Rudy?
LM:
Sì, Stefano del piano di sotto.
CDV:
Stefano Bonassi.
GCM:
Cosa le disse scusi?
CDV:
Si ricorda anche raccontò che si addormentò sul water?
LM:
Sì, mi disse che i ragazzi erano andati non mi ricordo bene dove se in un pub o in una discoteca, Rudy aveva bevuto, aveva un alzato un po' il gomito e si era addormentato nel water.
GCM:
Anche perché siamo in fase di esame da parte dell'Avvocato quindi evitiamo domande cosiddette suggestive, solo la domanda, eventualmente le contestazioni...
CDV:
No, però era un controesame sul fatto che lei...
GCM:
Anche in esame.
CDV:
Sì, però lo facciamo dopo.
FM:
No, questo è l'esame dopo il controesame
GCM:
D'accordo Avvocato, andiamo avanti. Si ricorda cosa le disse?
LM:
Mi disse che Rudy Guede aveva alzato il gomito, era abbastanza ubriaco e usufruendo del bagno dei ragazzi si era addormentato sul water, mi riferì questa circostanza.
GCM:
E lo vidi, era la stessa occasione della gara automobilistica?
LM:
No no.
GCM:
Era un'altra occasione.
LM:
Era un'altra occasione.
GCM:
Precedente o successiva?
LM:
Credo che fosse precedente.
GCM:
Precedente alla visione della gara automobilistica?
LM:
Sì.
CDV:
Io ritengo di essere in controesame giusto per precisare perché io ho sempre fatto così, io ho sempre fatto anche nei giorni successivi, l'esame...
GCM:
È contemporaneo, perché è esame...
CDV:
Sulla circostanza che lei ha riferito di aver visto un maglione a strisce, le posso mostrare una fotografia e chiedere se conferma, questo è il maglione... Quando ce l'aveva questo maglione?
LM:
Lo portava spesso.
GCM:
Chi è che ce l'aveva?
CDV:
Amanda Knox.
LM:
Lo portava spessissimo perché le ricordava il fidanzato quindi...
CDV:
L'ultima volta che l'ha visto se lo ricorda?
LM:
Non me lo ricordo Avvocato, no.
CDV:
Senta il giorno 3 0 voi eravate insieme alle ragazze insomma del vostro appartamento a discutere di questioni personali, se lo ricorda?
LM:
Sì.
CDV:
Fino a che ora?
LM:
Fino alle 3, 3 e mezza perché poi dovevamo tornare a lavoro sia io che Filomena.
CDV:
Lei sa se Meredith andava all'università?
LM:
No no, non lo so Avvocato, che intendeva fare dopo, non lo so.
CDV:
Quindi non sa che cosa ha fatto.
LM:
No.
CDV:
Per ora è tutto, grazie.
GCM:
Per esaurire il teste...

Pubblico Ministero - Dottoressa Comodi

MC:
Dunque Presidente io chiedo l'autorizzazione visto che è stato diciamo contestato il fatto che abbiamo mostrato alla teste una foto in bianco e nero, io ho a disposizione la foto relativa al fascicolo fotografico della Polizia Scientifica, però ce l'ho al computer e non lo posso staccare in questo momento, quindi la teste dovrebbe avvicinarsi...
GCM:
Sì, ma forse è la stessa foto che ha fatto vedere...
MC:
A colori?
LG:
Sì, Pubblico Ministero.
MC:
Ma il coltello?
GCM:
No, il coltello no, la foto del graffio.
MC:
No, non il graffio, il coltello.
GCM:
Intanto se ci sono altre domande, così...
MC:
L'ho trovata.
GCM:
Anche le parti magari possono vederlo.
MC:
Comunque se lo volete vedere. Era in dotazione a casa vostra, lo riconosce come un coltello in dotazione a casa vostra questo coltello?
GCM:
Prego. Magari se poi possiamo anche dare indicazione e specificazione della foto, quale viene mostrata utilizzando il computer in dotazione alla Procura, la quale si riserva di produrre...
LM:
No, non avevamo quel coltello.
GCM:
Quindi quel coltello non era in dotazione alla casa.
LM:
No, non era in casa quel coltello.
MC:
Solo un'altra domanda Presidente, lei prima parlando dei rapporti di Raffaele e Amanda, che si erano messi insieme da poco, ha parlato di Raffaele molto affettuoso, molto presente, le stava sempre dietro e ha detto anche, mi corregga se sbaglio, che la sua impressione era che fosse molto possessivo?
LM:
Sì.
MC:
E che lei avrebbe dato fastidio.
LM:
A me sì.
MC:
Invece Amanda aveva lo stesso atteggiamento, corrispondeva questo tipo di attaccamento diciamo molto forte?
LM:
A me sembrava fosse contenta insomma di questi atteggiamenti di Raffaele però non era altrettanto presente come lui diciamo, lui era tu tenerone, continuava a baciarla, non lo so a me faceva impressione che un giorno mentre lei puliva i piatti, lavava i piatti lui le stesse dietro abbracciandola, dandole i bacini. Lei non aveva lo stesso comportamento diciamo.
MC:
Quindi alla domanda erano due piccioncini era un piccioncino?
LM:
No no, anche lei era presa comunque, dormiva spesso a casa di Raffaele.
MC:
Voglio dire la definizione piccioncino non è del Pubblico Ministero Presidente.
GCM:
Prego, proseguiamo.
MC:
I piccioncini erano due o solo uno?
GCM:
Come può descrivere questo rapporto?
LM:
Anche lei era presa da Raffaele, oddio in maniera forse meno possessiva di lui, ma immagino, a me sembrava felice di frequentare questo ragazzo, vedevo che spesso dormiva da lui, erano...
MC:
Ma lei aveva le stesse attenzioni per Raffaele?
LM:
No, un po' di meno.
MC:
Grazie.
GCM:
Le Parti Civili?

Parte Civile - AVV. Maresca

FM:
La domenica 4 vi ritrovate nell'abitazione dell'amico per riordinare un po' le idee, ci furono comportamenti strani da parte di Sollecito e della Knox che lei ricorda di rientro ognuno dalla Questura insomma?
LM:
No.
FM:
Oppure a parte le domande che le ha già fatto la difesa Knox, Quindi il fatto che Amanda Knox fosse stata sentita sui rapporti sessuali dì Meredith, sulla vaselina, etc., si ricorda altre cose che avvennero?
LM:
No, Avvocato non ricordo, peraltro non mi sembravano dei comportamenti strani, erano semplicemente un po' scocciati dalle continue richieste da parte della Polizia di andare in Questura, lamentavano un po' questo fatto che erano...
FM:
Ma c'eravate andati tutti in Questura in quei giorni, a ripetizione?
LM:
Noi perlomeno parlo per la mia posizione, io passai la giornata del 2 in Questura e riandai spontaneamente la domenica a riferire dei coltelli, se poteva essere utile e ricordavamo con Filomena che - tipo di coltelli utilizzavamo in casa, però noi non ci chiamarono così assiduamente mentre per contro Amanda e Raffaele venivano spesso richiamati in Questura per informazioni, non so bene per che tipo di attività, ma erano richiamati spesso.

Parte Civile - AVV. Scaroni

SP:
Senta un chiarimento su quanto, su una affermazione che lei ha fatto prima, lei ha detto che la Polizia non mi riferì nulla, volevo sapere: quando lei è andata a fare la sua deposizione in Questura, diciamo c'è stata tutta la notte tra il 2 ed il 3, che informazioni le dettero gli ispettori, la Polizia, chi la interrogò, insomma chi la sentì, le disse qualcosa in merito all'evento? Cioè le dissero che era morta Meredith, che era stata uccisa?
LM:
Le uniche informazioni che ho ricevuto quel giorno è che sapevo che Meredith era stata uccisa con un taglio alla gola, ma questo 1'avevo saputo perché mi era arrivata una telefonata da alcuni amici del mio paese che avevano letto la notizia...
SP:
Su internet?
LM:
Su internet sì, ma lì non ci dissero niente.
SP:
Niente, nessun dettaglio, nessun particolare?
LM:
No no.
SP:
Nei giorni successivi lei apprese qualche particolare, questo parlo ovviamente prima dell'arresto e del fermo degli odierni imputati?
LM:
No, se ho appreso qualche dettaglio era semplicemente dai giornali o da internet ma non dalla Polizia.
SP:
Di che genere, dettagli di che genere?
LM:
Che Meredith era stata violentata e uccisa con un taglio alla gola.
SP:
Questo quando lo apprese?
LM:
Già dal giorno dopo immagino, dai giornali, ora non ricordo con esattezza ma stavo comprando continuamente i giornali e leggendo la notizia su internet chiaramente per essere informata...
SP:
Quindi diciamo lei non lo sa collocare il momento in cui apprese i dettagli?
LM:
No.
SP:
Dalla Polizia non seppe assolutamente nulla?
LM:
No, non ci dissero questi dettagli, no.
SP:
Grazie non ho altre domande.

Difesa - AVV. Rocchi

DR:
Senta in riferimento a quando lei è tornata a Via della Pergola il 4 novembre e poi anche successivamente, mi può riferire come è stata convocata, in che modo è stata convocata, come le hanno detto di recarsi in Via della Pergola?
LM:
Quando io sono ritornata è stato domenica che siamo andate spontaneamente in Questura sia io che Filomena perché ritenevamo di essere sufficientemente informate sui coltelli che avevamo in casa per cui andammo lì dicendo se potevamo essere utili in questo modo perché sapevamo assolutamente bene quali coltelli avevamo in casa e di lì la Polizia ci disse di aspettare, che eventualmente sì sarebbe stato utile vedere se mancava qualche coltello dalla cucina e...
DR:
Quindi è stata una vostra iniziativa?
LM:
Sì, siamo andate noi.
DR:
E a che ora vi siete recate in Questura?
LM:
Non lo ricordo.
DR:
Solo lei e Filomena?
LM:
Mi sembra di sì. Ci accompagnarono perché entrambe siamo senza macchine, quindi probabilmente ci accompagnò il suo fidanzato ma non ricordo bene, ma sì in casa andammo solo io e Filomena.
DR:
In casa siete entrate solo voi due?
LM:
Sì, e la Polizia.
DR:
In quell'occasione avete firmato dei verbali?
LM:
Non lo ricordo.
DR:
Voi con quali modalità siete entrate?
LM:
Ci hanno fatto mettere dei parascarpe diciamo e dei guanti.
DR:
Anche guanti?
LM:
Anche guanti, ci hanno detto di non toccare niente semplicemente così.
DR:
Anche i poliziotti avevano i guanti?
LM:
Non saprei riferire proprio al 100 cento a ma credo di sì, perché tutti ci stavamo mettendo queste cose fuori il portone, quindi riferirei anche loro, però ecco non saprei rispondere proprio al 100 per cento ma direi di sì.
DR:
Ma altre persone sono entrate in altre stanze?
LM:
No.
DR:
Lei in quale stanza è entrata?
LM:
Nella mia stanza.
DR:
E Filomena?
LM:
Filomena l'ha vista da fuori, non l'hanno fatta entrare, la vedeva dalla porta.
GCM:
Lei scusi è entrata prima diceva nella sua stanza e nel soggiorno?
LM:
Io sono entrata nella mia stanza e nella cucina, la cucina era la stanza per accedere a tutte le camere poi per cui era necessario entrare lì.
DR:
E Filomena in quale stanza è entrata?
LM:
Filomena è entrata in cucina ed ha visto la sua stanza dalla cucina.
DR:
Grazie.

Difesa - AVV. Brusco

MB:
Solo due precisazioni, una riguarda i coltelli, ha detto appunto che c'erano tanti coltelli alcuni li usavate e altri no, in tutto come numero se lo ricorda più o meno, orientativamente?
LM:
No.
MB:
Erano 10, 20, 3 0?
LM:
Direi 30, ma non mi ricordo, ne avevamo tanti.
MB:
E questi coltelli erano facilmente reperibili, cioè mi spiego, se uno aveva bisogno di un coltello apriva il cassetto e lo trovava o erano nascosti da qualche parte?
LM:
Apriva il cassetto e lo trovava.
MB:
Erano così, non erano nascosti? Perfetto. L'altro chiarimento riguarda invece, aveva accennato prima ad un certo fastidio diciamo nei continui, nelle continue convocazioni della Questura che qualcuno di voi aveva maturato.
LM:
Non noi, Amanda e Raffaele...
MB:
Ecco, a quello mi riferivo. No, dico ha avuto modo di capire se questo diciamo un pochino di disappunto era dovuto al fatto che Raffaele era prossimo alla laurea, si stava per laureare, diciamo toglieva tempo allo studio oppure no? Se ha sentito qualcosa del genere.
LM:
No, questa circostanza non era uscita fuori.
MB:
Sapeva che Raffaele si laureava di lì a poco o non lo sapeva?
LM:
Direi di però non lo ricordo con esattezza, probabilmente avrò anche chiesto che cosa studiava, quindi... Ora non lo so.
MB:
Quindi non se lo ricorda, può essere che magari l'ha saputo dopo i fatti, quindi questo non me lo sa dire. Va bene grazie, finito.

Difesa - AVV. Dalla Vedova

CDV:
Tornando al discorso del graffio lei quando ha notato questo graffio ad Amanda le è venuto in mente di chiedere ad Amanda come mai...
LM:
No, gliel'ho chiesto Avvocato.
CDV:
L'ha chiesto a qualcun altro?
LM:
No, a nessuno, l'ho guardato tantissimo quel giorno perché avevo paura per lei, avevo paura che stesse male, che...
CDV:
Ma l'ha riferito a qualcun altro nell'immediatezza "Guarda che strano c'ha un graffio"?
LM:
No.
CDV:
Neanche a Sollecito ha chiesto come mai?
LM:
No.
CDV:
Quindi dopo, soltanto dopo 1'udienza preliminare le è tornato in mente questo graffio?
LM:
Io questo graffio lo ricordavo, soltanto dopo l'udienza preliminare è affiorato alle orecchie della Polizia perché riferito da Stefano, io non pensai di riferire questa circostanza, lì non mi venne in mente e peraltro dopo non mi ricordai di riferire...
CDV:
Stefano l'ha saputo da lei?
LM:
Sì.
CDV:
Glielo disse in macchina?
LM:
Sì.
CDV:
Andando a Viterbo?
LM:
Sì.
CDV:
Perché lei esclude, l'ha detto nel verbale quando l'ha dichiarato, perché esclude che quel graffio potesse essere un succhiotto, l'ha definito? Conosciamo tutti che cos'è un succhiotto, ma perché lo esclude?
LM:
Perché ho visto dei succhiotti e comunque si differenziano da un graffio, il graffio solitamente è... La pelle è rialzata, arrossata, un succhiotto tende ad essere violaceo, è di una forma quasi rotonda, quindi saprei un po' distìnguerlo.
CDV:
Le posso far rivedere la fotografia che è già stata depositata la quale... 0 comunque le è stata mostrata ingrandita dove si vede questo graffio? Lei questo lo considera un graffio?
MC:
Scusi ma quella non è la fonte dell'informazione diretta della teste.
GCM:
Scusate...
MC:
La fonte è propria il collo di Amanda.
GCM:
Scusate, ha esposto la teste, però...
CDV:
Però hanno fatto riferimento a questo documento che fra l'altro è allegato al verbale.
MC:
L'ha fatto l'Avvocato, lei ha fatto riferimento alla visione diretta del graffio.
GCM:
D'accordo scusate, però abbiamo tutti ascoltato, la teste ha detto "Io avevo visto questo graffio anche sulla foto che ho visionato su internet, presso la Polizia, ho ricordato ed insieme abbiamo un po' ritrovato questa foto".
CDV:
Io le sto chiedendo se in questa foto secondo lei è un graffio o è un succhiotto.
MC:
No, la domanda è inammissibile.
LM:
Avvocato secondo me è un graffio ma anche perché ricordo bene che era un graffio per cui in questa foto vedo assolutamente un graffio.
CDV:
Io questo ho chiesto.
GCM:
Le acquisiamo queste foto.
CDV:
Sì.
LG:
Mi faccia produrre...
GCM:
Sì, certo alla fine, se ci sono altre domande Avvocato e poi alla fine acquisiamo le produzione a cui è stata fatta menzione anche da parte della Difesa Sollecito e quindi insieme disponiamo.
CDV:
Io volevo chiedere: lei era a conoscenza che Meredith avesse un ragazzo, aveva un rapporto?
LM:
Sì.
CDV:
Frequentava Giacomo Silenzi e Meredith?
LM:
Sì, si frequentavano i ragazzi, io lo vedevo spesso...
CDV:
E lei frequentava insieme a loro?
LM:
Io li vedevo, chiaramente i vicini di casa, ci frequentavamo spesso.
CDV:
Ma uscivate al cinema, frequentati...
LM:
No.
CDV:
Non è mai andata al ristorante insieme a loro?
LM:
Siamo andati sì una volta al ristorante tutti insieme.
CDV:
Quindi vi siete frequentati?
LM:
Sì.
CDV:
C'era anche Amanda?
LM:
Sì.
CDV:
C'era anche Sollecito?
LM:
Non lo ricordo forse no.
CDV:
Lo può escludere o non lo ricorda?
LM:
Potrei escluderlo però non lo ricordo con precisione.
CDV:
Lei è stata nell'appartamento di sotto, lo conosce l'appartamento di sotto?
LM:
Sì.
CDV:
Lei sapeva che c'erano delle piantine di marijuana nell'appartamento?
LM:
No, non lo sapevo.
CDV:
Lei l'ha visitato tutto l'appartamento, lo conosce?
LM:
L'appartamento sì, ad eccezione di una stanza di Riccardo, quella stanza non l'ho mai vista, ma sì l'appartamento lo conosco, l'ho visto.
CDV:
L'ha visto tutto?
LM:
Sì.
CDV:
Chiedo di poter mostrare un filmato di 8 secondi dove si vede la stanza dove ci sono queste piantine, giusto per chiedere se l'aveva mai vista questa stanza.
GCM:
Sì, utilizzando il suo computer, magari... È la stanza Avvocato?
CDV:
È una delle stanze dell'appartamento sottostante. Sono 8 secondi, magari se lo vuole vedere anche lei Presidente, poi anche l'Accusa. Lei si ricorda di averla vista questa stanza?
LM:
No, non l'ho vista questa stanza.
GCM:
Quindi è inutile che la vediamo. Non l'ha vista, è la stanza dove ci sono delle piantine, vediamo delle piante, piante grandi.
LM:
Avvocato chiedo scusa, però la stanza non si vede, si vedono solo due muri e non ho visto altre...
CDV:
No no, si vede benissimo, come non si vede?
GCM:
Quindi questa stanza con queste piante verdi non l'ha vista?
LM:
No, non l'ho vista. Avvocato si vedono due pareti, però non si vede un letto...
FM:
Presidente, chiedo scusa, ha risposto la teste, ma non si può fare un dialogo su una risposta, non è il modo. Ho capito ma ha risposto di no, non si può fare un dialogo con il teste, Presidente, non lo prevede il Codice.
GCM:
La teste ci ha dato risposta che non l'ha vista. Non ha visto la teste questa stanza, questa parte dell'appartamento sottostante, non l'ha vista.
CDV:
Posso chiedere alla teste se ha visto nel video queste piantine?
LM:
Sì, che le vedo, certo.
GCM:
Nel video che ora le è stato mostrato.
CDV:
Sì, perché ha detto che ha visto solo dei muri.
LM:
No, ho detto ho visto solo dei muri che non mi fanno identificare una stanza, non capisco che tipo di stanza possa essere.
GCM:
Le piante le ha viste, non ricorda...
LM:
Le piante le vedo.
CDV:
L ' importante è che ha visto le piante...
GCM:
Lei ricorda di aver visto nell'appartamento sottostante delle piante?
LM:
No, non le ho mai viste.
GCM:
Piante così fatte?
LM:
No, non le ho viste.
CDV:
Lei è a conoscenza dell'uso di stupefacenti da parte dei ragazzi del piano di sotto?
LM:
Li avevo visti in alcune occasioni fumare hascisc sì.
CDV:
Anche Meredith?
LM:
Meredith la vidi solamente un'occasione.
CDV:
E anche lei partecipava queste...
LM:
Io ho partecipato un paio di volte sì.
CDV:
E anche Amanda?
LM:
Sì.
CDV:
Quindi era una cosa normale, una delle vostre attivita
LM:
Non era normale, è successo in alcune occasioni, non era normale.
GCM:
Due occasioni, quante occasioni?
LM:
Due occasioni sì.
GCM:
Poi sul normale magari valuteranno.
CDV:
Il normale era riferito all'attività che non era straordinaria, era una cosa in normale un po' come bere, come vedere un film, fare una cosa.
GCM:
Li ha visti in due occasioni, bere quante volte li ha visti?
LM:
Magari se facevamo una cena si poteva aprire una bottiglia di vino, ma insomma bere...
GCM:
Stiamo alle cose che ci vengono dette dai testi e poi magari le valutazioni sì faranno successivamente, prego.
CDV:
Senta lei, sempre su questo punto, lei sapeva chi approvvigionava i ragazzi di queste sostanze?
LM:
No.
CDV:
Lei se n'è mai occupato di questo?
LM:
No.
GCM:
Scusi Avvocato, però teniamo sempre conto anche dell'articolo 198 comma 2.
CDV:
Certo, c'è un limite, però è la testimone che può decidere di non rispondere se c'è una circostanza che può...
GCM:
Beh, se lei approvvigionava, prego Avvocato, comunque non è a conoscenza di questo aspetto.
CDV:
No, io ho chiesto se lei conosceva come avveniva l'approvvigionamento visto che è un fatto...
GCM:
E su questo ha detto di no, poi c'è stata una successiva domanda sulla quale si richiama il 198, prego.
CDV:
Io ho finito allora su questo, grazie.
GCM:
Avvocato, non ci sono altre domande.

Presidente

GCM:
Il 4 novembre lei ha rivisto Amanda Knox in quell'occasione, lei ricorda se vide se aveva ancora il graffio?
LM:
No, non lo ricordo, non mi concentrai su quel graffio perché in quell'occasione ebbi un crollo, piansi tutto il pomeriggio e non...
GCM:
Nell'occasione del 4 novembre?
LM:
Sì, e non ricordo niente.
GCM:
Ricorda come era vestita Amanda Knox se aveva un magi ione ino a "V".~
LM:
No, non lo ricordo.
GCM:
Non se lo ricorda. Lei quando vide questo graffio nell'occasione del 2 novembre in Questura a che distanza si trovava da Amanda Knox, era vicina, lontana?
LM:
Pressappoco quella distanza che possiamo avere...
GCM:
Due o tre metri, tre?
LM:
Perché stavamo tutti in una stanzina.
GCM:
A distanza di tre metri. Può descrivere questo..., lei l'ha chiamato graffio, se lo può descrivere, era verticale, orizzontale, lungo?
LM:
Era verticale, abbastanza spessa e...
GCM:
Cioè spesso...
LM:
Meno di un centimetro, ma comunque si vedeva.
GCM:
E la colorazione come era?
LM:
Rosso.
GCM:
Rosso vivo oppure rosso... Rosso?
LM:
Rosso sì.
GCM:
Era lungo quanto, se lo ricorda. Più lungo che largo?
LM:
Più lungo che largo.
GCM:
E lei pensò ad un graffio?
LM:
Pensai ad un graffio sì, mi sembrava un graffio, ripeto focalizzai tanto l'attenzione perché avevo paura che anche Amanda potesse essere stata ferita, cioè non sapevo bene che cosa fosse successo in casa ed ero preoccupata e per questo notai, lo guardai quasi assiduamente quel graffio, però ecco non...
GCM:
Il graffio dove era posizionato, alla fine del collo oppure...
LM:
All'incirca qui.
GCM:
Quindi abbastanza vicino al mento insomma, sotto al metto?
LM:
Sì.
GCM:
Poi le volevo anche chiedere, sulla candeggina lei prima ha riferito a seguito di apposita contestazione che ad un certo punto ci fu l'acquisto di candeggina?
LM:
Guardi io Presidente dico la verità, non ricordo questo...
GCM:
Oggi non se lo ricorda?
LM:
No, non lo ricordo, non ricordavo della candeggina, ero sicura che non l'avessimo mai comprata e se lì ho riferito che Filomena l'ha comprata probabilmente sarà andata così, ma adesso non ricordo.
GCM:
E non sa dire quando questa candeggina poteva essere stata acquistata?
LM:
No.
GCM:
Le chiavi delle singole porte delle varie camere chi è che le custodiva, ognuna custodiva la propria?
LM:
Ognuno sì...
GCM:
Tranne la Filomena che non ce l'aveva?
LM:
Che non ce l'aveva, erano all'interno di ogni abitazione.
GCM:
Non c'era qualcuno che aveva le chiavi, un luogo di custodia non c'era?
LM:
No.
GCM:
E la chiave del portone principale?
LM:
Ognuno una chiave del portone, quella sì chiaramente per entrare...
GCM:
in cui lei vide Rudy che vedeva la partita, può riferire qualche circostanza con chi in particolare si rapportava, era amico in particolare di qualcuno, là nel gruppo?
LM:
Era amico soprattutto di Marco uno dei ragazzi che stavano di sotto e Giacomo, specie perché questi ragazzi erano soliti giocare a basket nel campetto sopra l'università per stranieri e anche Rudy per cui ecco si frequentavano per questo, perché lì giocavano a pallacanestro.
GCM:
E lei l'avevo visto anche precedentemente con questi ragazzi?
LM:
No, io l'ho visto solamente in quell'occasione per la prima volta.
GCM:
Però che si frequentassero su quel campetto davanti 1 ' università...
LM:
Sì, ogni tanto li vedevo, ma sapevo quando non erano in casa, andiamo a giocare, ce lo- dicevano magari anche a noi.
GCM:
E aveva visto con loro anche Rudy in quelle occasioni, l'aveva visto?
LM:
No, in quelle occasioni non l'avevo visto, non ho mai focalizzato l'attenzione su Rudy, quindi non so.
GCM:
Quando in quella occasione della domenica venne fuori il discorso della vaselina, lei chiese con Filomena con la quale magari... Rimaneste un po' stupite di questo riferimento?
LM:
Io rimasi stupita Presidente ma non chiesi niente perché ripeto quella domenica...
GCM:
Lei non chiese nulla, qualcuno...
LM:
No.
GCM:
La Filomena Romanelli le disse qualcosa?
LM:
No, ascoltammo semplicemente quello che aveva da dire Amanda un po' anche come uno sfogo, una liberazione, ma non è che facemmo domande o entrammo nel dettaglio insomma.
GCM:
Voi non entraste nel dettaglio, ma Amanda Knox ne parlò con riferimento nella camera stava o stava su qualche luogo particolare o in non disse nulla, ecco rimane questo termine usato ma non sa...
LM:
Sì, ecco non...
GCM:
Solo Amanda Knox ne parlò o anche Raffaele Sollecito di questa?
LM:
No, Amanda.
GCM:
Solo Amanda. Bene. In che termini ne ha parlato di questa vaselina, cioè all'improvviso venne fuori questo termine, ma inserito in quale discorso, in quale contesto?
LM:
Io non lo ricordo bene Presidente, mi ricordo che si parlava di come era stata trovata Meredith che la Polizia era intervenuta, ma non ricordo bene Amanda che cosa disse, disse che la Polizia aveva riferito che in casa-c'era questa vaselina, c'era la vaselina, ma non lo ricordo bene esattamente come...
GCM:
Però ora sta dicendo che la Polizia disse che in casa c'era la vaselina?
LM:
io su questa circostanza non so riferire bene.
GCM:
E del' rapporto anale al quale pure ha fatto lei cenno, questo come venne fuori?
LM:
Probabilmente ecco riferì Amanda che era servita questa vaselina per un rapporto anale, ma Presidente ricordo io non posso riferire con esattezza che cosa è stato detto.
GCM:
Quindi anche questo che sta dicendo un po' lo arguisce, lo desume ma comunque non ha ricordo preciso.
LM:
Sì.
GCM:
Lei sa se le chiavi, ha detto che venivano chiuse, lasciate aperte, le chiavi di chi aveva, delle camere di...
LM:
Le camere solitamente erano lasciate tutte aperte, venivano chiuse solamente in occasione di allontanamenti lunghi, almeno due o tre giorni, allora in quel caso si chiudevano le stanze, ma altrimenti erano sempre aperte.
GCM:
A lei risulta in qualche occasione in cui una qualche camera fu chiusa?
LM:
Sì, quando Meredith andò in Inghilterra chiusi la stanza, e una volta anche io scendendo a Viterbo chiusi la mia stanza a chiave.
GCM:
Lei questo lo sperimentò che la porta era effettivamente chiusa oppure glielo disse?
LM:
No, ce lo disse, ma non lo sperimentai ma...
GCM:
Vi disse che aveva chiuso...
LM:
Sì, non avevo motivo insomma di dubitare.
GCM:
Se non ci sono altre domande la teste viene congedata. Ci sono le produzioni...
LG:
Verbale di sommarie informazioni Mezzetti del 6 novembre 2 008 con due foto allegate che abbiamo ? visto e verbale di sommarie informazioni Mezzetti 15 novembre 2007.
DR:
Il verbale del 15 novembre è lo stesso della candeggina che avevo chiesto prima l'acquisizione e poi due verbali uno del 7 maggio e l'altro dell'11 aprile.
GCM:
Su questi verbali ai fini della loro utilizzabilità non ci sono opposizioni. Può andare grazie. L'udienza viene sospesa. L'udienza riprende.
GCM:
Alle 11.30 si riprende 1 ' udienza con il teste Appuntato Ceppitelli. Lei è stato citato come teste, come teste ha l'obbligo di dire la verità, a questo obbligo è richiamato, deve rendere la dichiarazione che trova e dire le sue generalità.