Giorgio Cocciaretto's Testimony

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
Key to abbreviations
CDV Carlo Dalla Vedova Knox defense lawyer Avvocato
GC Giorgio Cocciaretto Witness being questioned Friend of downstairs occupants of cottage
MC Manuela Comodi Prosecutor Pubblico Ministero
SP Serena Perna Counsel for Stephanie Kercher Avvocato
LM Luca Maori Sollecito defense lawyer Avvocato
DR Daniela Rocchi Defense Counsel for Raffaele Sollecito Avvocato
GM Giuliano Mignini Prosecutor Pubblico Ministero
ESAME DEL TESTE COCCIARETTO GIORGIO

Viene introdotto il testimone Cocciaretto Giorgio:

Consapevole della responsabilità morale e giuridica che assumo con la mia deposizione mi impegno a dire tutta la verità e a non nascondere nulla di quanto a mia conoscenza.

Cocciaretto Giorgio nato a Porto San Giorgio ilo 13.05.83.

CDV:
Signor Cocciaretto noi l'abbiamo chiamata come testimone perchè lei risulta aver rilasciato delle sommarie informazione e poi conoscere i ragazzi che abitavano nell'appartamento di via della Pergola, i ragazzi che abitavano al piano terra
GC:
Sì.
CDV:
Può confermare questo?
GC:
Sì.
CDV:
Esattamente quale è la sua professione.
GC:
Studio qua a Perugia scienza della comunicazione.
CDV:
Lei conosceva gli abitanti della casa di via Pergola?
GC:
Sì, perchè sono de mio stesso paese quindi siamo amici da anni.
CDV:
Quindi frequentava regolarmente sia l'appartamento dei suoi amici e anche l'appartamento sopra abitato dalle ragazze.
GC:
In primis l'appartamento sotto, poi quando abbiamo fatto conoscenza con le ragazze sopra anche l'appartamento sopra.
CDV:
Ci può riferire più o meno in che periodo frequentavate l'appartamento di sopra.
GC:
Fine agosto settembre 2007 ottobre.
CDV:
Quindi lei conosceva Meredith Kercher.
GC:
Sì.
CDV:
Come l'ha conosciuta?
GC:
L'ho conosciuta a casa dei ragazzi una sera in una cena tra amici e ci siamo conosciuti
CDV:
Lei dove abita a Perugia.
GC:
Abito in via Fabretti.
CDV:
Anche a quel tempo abitava.
GC:
Sì.
CDV:
Meredith Kercher partecipava a questa cena.
GC:
Non ricordo bene, mi sembra che sia arrivata dopo e non partecipava alla cena e appena arrivata abbiamo fatto subito amicizia.
CDV:
Lei parla un po' inglese.
GC:
Poco era più diciamo a gesti e poi piano piano lei ha imparato la lingua ed è stato più facile.
CDV:
Chi c'era a quella cena?
GC:
Che mi ricordo sicuramente i ragazzi sotto, e credo anche quasi tutte le ragazze sopra a parte Filomena forse, ma non mi ricordo bene.
CDV:
Quindi lei oltre a Meredith Kercher conosceva Amanda Knox Filomena Romanelli e Laura Mezzetti.
GC:
Sì.
CDV:
Sempre per via della frequentazione della casa o c'erano dei motivi particolari.
GC:
No, ci eravamo conosciuti per via che loro erano le vicine di casa dei miei amici e quindi abbiamo fatto conoscenza.
CDV:
Ma lei ha frequentato in particolare Meredith e Amanda insieme da qualche altra parte rispetto a questa festa è capitato.
GC:
Sì, è capitato varie volte anche in centro, in giro per Perugia comunque sia è capitato anche altre volte di frequentarci.
CDV:
I rapporti tra Meredith e Amanda come erano, ci può dire qualcosa di particolare erano, ha mai visto un episodio.
GC:
Da quello che vedevo io mi sembrava tranquilla, mi sembrava una situazione tranquilla.
CDV:
Quindi un buon rapporto.
GC:
Credo di sì.
CDV:
Lei ha mai saputo di fatti specifici in relazione a possibili conflitti contrasti fra le due ragazze?
GC:
No.
CDV:
Neanche per sentito dire da parte degli altri.
GC:
No.
CDV:
L'ultima volta che lei ha visto Meredith e Amanda insieme se lo ricorda quando era?
GC:
È stato una sera nella quale eravamo in centro e siamo stati insieme quasi tutta la sera in giro in centro e poi a casa dei ragazzi.
CDV:
Si ricorda la data rispetto al primo novembre, primo o due novembre.
GC:
No, prima, 20 ottobre, circa metà ottobre.
CDV:
Le altre due ragazze invece Filomena Romanelli e Laura Mezzetti la domanda è la stessa di prima, lei ha notato qualche conflitto particolare tra la Knox e la Kercher e la Romanelli e la Mezzetti.
GC:
No.
CDV:
Ha mai saputo di qualche conflitto qualche problema di gestione della casa per esempio, hanno mai parlato di queste cose.
GC:
A me personalmente no.
CDV:
Lei conosceva il Giacomo Silenzi.
GC:
Sì.
CDV:
Ed era a conoscenza che Giacomo Silenzi aveva un rapporto intimo con Meredith Kercher era affettuoso.
GC:
Sì, ne ero a conoscenza.
CDV:
Lei Silenzi come lo conosce?
GC:
Lo conosco perchè siamo dello stesso paese e ci conoscevamo già prima di frequentare l'università qui a Perugia eravamo già amici, poi ci siamo ritrovati qui a Perugia insieme.
CDV:
Lei ha conoscenza di quando il Silenzi ha conosciuto la Meredith Kercher.
GC:
Credo sicuramente prima di me, perchè loro da quando stavano lì in quella casa avevano conosciuto le ragazze prima di me.
CDV:
Lei ha mai visto in casa dei coltelli, sia nella casa dei ragazzi che nella casa delle ragazze.
GC:
Sì.
CDV:
Può essere più specifico che tipo di coltelli?
GC:
Classici coltelli da cucina.
CDV:
Questi coltelli venivano utilizzati dagli occupanti per fare delle feste per un uso particolare oppure lei li ha solo visti in cucina.
GC:
No, per mangiare tagliare il pane queste cose qua.
CDV:
Ha mai assistito a dei giochi con questi coltelli qualcuno che si divertiva.
GC:
No, no.
CDV:
Quando ha saputo lei della morte di Meredith Kercher.
GC:
L'ho saputo il giorno dopo credo, io non ero a Perugia ero a Porto San Giorgio.
CDV:
Da chi lo ha saputo dai ragazzi.
GC:
L'ho saputo prima ho visto il tg però non ero sicuro di quello che era successo, ho telefonato a Stefano che è uno dei ragazzi e lui mi ha confermato che Meredith era morta.
CDV:
Poi lei è stato, ha sentito dagli inquirenti? Lei è stato sentito dalla polizia, è stato...
GC:
Sì.
CDV:
Quante volte?
GC:
Una.
CDV:
Conosceva Rudy Ghedè?
GC:
Sì, lo conoscevo.
CDV:
E in che occasione lo ha conosciuto e che tipo di frequentazione.
GC:
L'ho conosciuto al campetto da basket di Piazza Grimana e giocavamo spesso insieme a Basket.
CDV:
Quand'è la prima volta che lo ha conosciuto rispetto al 2007
GC:
L'ho conosciuto diciamo più o meno in quel periodo perchè era ancora abbastanza caldo e ancora andavamo a giocare a basket al campetto, quindi l'ho conosciuto più o meno in quel periodo.
CDV:
E lei è mai stato presente a delle feste dove c'era anche il Rudy Ghedè nella casa di via Pergola.
GC:
Sì, una volta.
CDV:
Ci può raccontare in che occasione.
GC:
Una sera mentre eravamo in centro, in giro per il centro, abbiamo incontrato Rudy con dei suoi amici e siamo stati nei pressi della birreria Rock Astol lì davanti e poi dopo quando hanno chiuso i pub verso le due di notte siamo tornati a casa dei ragazzi e Rudy è venuto con noi si è aggregato a noi, poi la festa è continuata a casa dei ragazzi fino credo le 4 e poi io sono andato a casa.
CDV:
Ma Rudy Ghedè era amico di qualcuno in particolare nella caso o...
GC:
No, avevamo fatto amicizia sia io che Marco Marzan perchè giocando insieme a basket ogni giorno avevamo coltivato questa amicizia, poi lui si era presentato anche qualche volta a casa, a casa dei ragazzi.
CDV:
A casa, sempre nella villetta di via Della Pergola.
GC:
Sì.
CDV:
Ha notato mai qualche cosa di particolare in lui quando si presentava, lui si presentava.
GC:
No, cioè era perchè lo vedevo spesso solo quindi forse cercava un pò di compagnia dei nuovi amici.
CDV:
Quindi non aveva amici o ragazze.
GC:
Io tutte le volte che lo vedevo lo vedevo o al campetto oppure solo.
CDV:
Ha mai visto episodi di violenza lei all'interno della casa di via Pergola.
GC:
No.
CDV:
Anche le feste sono mai degenerate in... ragazzi ubriachi oppure qualche...
GC:
No, no.
CDV:
Non ho altre domande.
MC:
Nessuna domanda.
SP:
Nessuna domanda.
LM:
Signor Cocciaretto lei dei ragazzi del piano di sotto con quali di questi ragazzi lei era più amico, aveva più frequentazione.
GC:
Sia Giacomo che Marco.
LM:
Stefano?
GC:
Stefano un po' meno perchè frequenta, cioè frequenta ancora una ragazza e quindi stava spesso con lei.
LM:
Comunque vedeva spesso anche Stefano?
GC:
Sì. Però ero più amico di Giacomo e Marco, cioè sono tutt'ora.
LM:
Prima alla domanda dell'avvocato che mi ha preceduto ha risposto dicendo che andava spesso nella casa, presso la casa di via Via Della Pergola al piano di sotto, lei si ricorda di un episodio particolare successo verso la seconda metà del mese di ottobre una sera mentre lei entrava in questa casa? Non le sovviene nulla di particolare, nulla che possa aver attirato la sua attenzione di cui poi ha raccontato ai suoi amici in particolare a Stefano Bonassi.
GC:
No.
LM:
Chiedo di rinfrescare la sua memoria, faccio riferimento al verbale dell'udienza del 14 febbraio nel quale è stato sentito Bonassi Stefano a pagina 143 dice testualmente "sia il mio amico Giorgio Cocciaretto che Meredith in due distinte circostanze circa 10 giorni fa rispetto al 2 di novembre, hanno notato una persona di entrare nel nostro giardino, il Cocciaretto dieci giorni fa venne a casa nostra, verso le ore 21 e 30 circa e ci comunicò di aver intravisto una persona che stazionava vicino alle (non di capisce bene)ubicata nel giardino e poichè era buio non ero riuscito a vederlo in faccia, intimidito entrò subito a casa nostra e come detto si trova nella parte sotto stanze" questo è quello che ha dichiarato alla corte in data 14 febbraio 2009 il suo amico Bonassi, lei ci conferma questa circostanza.
GC:
Mi sembrava di aver visto qualcuno ma non ne avevo la sicurezza e poi non era notte era giorno.
LM:
Ci spieghi, qui si parla delle 21.30 c'è una certa discrepanza siamo alla seconda metà del mese di ottobre, quindi 21.30 è sicuramente buio, secondo quello che ha dichiarato Bonassi.
GC:
Sì, mi sembrava di aver visto qualcuno ma ecco era come cioè averlo visto con la coda dell'occhio, quindi non ne ero proprio sicuro che fosse una persona.
LM:
Allora ci racconti per bene dove era successo questo fatto, dove ha visto questa persona, che ore erano.
GC:
Mi trovavo in casa dei ragazzi era più o meno pomeriggio, quindi era ancora giorno, e stavo in...
LM:
Scusi se la interrompo, conferma che è verso la seconda metà del mese di ottobre?
GC:
Credo di sì.
LM:
Prego.
GC:
Stavamo in camera di Giacomo, dalla quale si intravede dalla finestra tutta la vallata circostante la casa, in quel momento mi è sembrato perchè non ne ho la sicurezza al 100% di qualcosa che si muovesse tra...
LM:
Sia più preciso, qualcosa, qualcuno e dove? Lei sta parlando con delle persone che conoscono tutti com'è l'ubicazione della casa di via Della Pergola quindi.
GC:
In particolare verso la vallata sotto stante.
LM:
Vicino a quella casetta a mò di ripostiglio.
GC:
Più in basso, più o meno cinquanta metri più in basso.
LM:
Che cosa ha visto se ci spiega.
GC:
Ho visto qualcosa che si muoveva e tipo un giubbotto una giacca a vento mi è sembrato, mi sembra blu, ma non ricordo bene.
LM:
Qualcosa che si muoveva è una giacca a vento, metta in correlazione.
GC:
Mi sembrava che fosse una persona ma con questo cappotto addosso, ma non ne ho la sicurezza al 100%.
LM:
Lei prima ha detto, ho visto una giacca a vento, quindi significa che ha visto un qualcuno che indossava una giacca a vento.
GC:
Mi sembrava che fosse una giacca a vento, ma ecco siccome non è che ho fissato quella persona se era una persona, ma come dicevo prima con la coda dell'occhio mi è sembrato di vedere che quella era una persona.
LM:
E che cosa stava facendo questo soggetto questa persona.
GC:
Si aggirava lì tra le fronde, la prima cosa che ho pensato è che nascondesse qualcosa.
LM:
Lei lo ha visto in faccia ha potuto vedere se era italiano se era straniero.
GC:
No.
LM:
Non ha potuto vedere a questo punto neanche l'altezza.
GC:
No.
LM:
E per quanto tempo l'ha visto?
GC:
Più o meno 20 secondi, è stata una cosa breve.
LM:
Poi dopo lei è tornato in casa a chi lo ha detto?
GC:
L'ho detto ai ragazzi, adesso precisamente non ricordo a chi per primo, ma lo ha subito detto agli altri ragazzi.
LM:
Lo ha detto anche a Bonassi?
GC:
Sì, sì.
LM:
Era impaurito di questa circostanza, di quello che...
GC:
Io?
GC:
Sì, per lo meno intimorito non impaurito, diciamo intimorito dal fatto di aver visto questa persona.
GC:
Non troppo.
LM:
Lo ha più visto poi?
GC:
No, è successo solo in quella occasione.
LM:
Lei sa se la povera Meredith abbia visto anche lei una qualche figura che si aggirava.
GC:
Lei aveva accennato un giorno.
LM:
Ci spieghi allora.
GC:
Però non lo disse direttamente a me.
LM:
Ci dica come fa a sapere questa circostanza che io le ho...
GC:
Sì, perchè poi i ragazzi me lo riferirono questa cosa.
LM:
Quando parla di ragazzi si riferisce a Bonassi e...
GC:
Sia a Bonassi che Marzan che Silenzi.
LM:
Quindi uno di questi tre o tutti e tre le hanno riferito che cosa?
GC:
Che anche Meredith aveva visto qualcuno che si aggirava intorno alla casa.
LM:
Sempre con riferimento al periodo seconda metà del mese di ottobre 2007.
GC:
Non ricordo bene, forse qualche giorno prima che io vedessi quella persona.
LM:
E le avevano detto i ragazzi se Meredith si era spaventata di questa circostanza.
GC:
Era rimasta un po' turbata.
LM:
Passiamo a un altro argomento, lei ha detto che conosceva Rudy Ghedè.
GC:
Sì.
LM:
Con lui aveva delle frequentazioni per il basket o anche per altre situazioni.
GC:
Principalmente al campetto, poi un giorno lui mi disse che voleva organizzare una cena a casa dei ragazzi e in quella occasione ci siamo scambiati il numero di telefono.
LM:
Quindi lei conosceva il numero di cellulare.
GC:
Sì, lo avevo salvato nel mio telefono.
LM:
Ce lo ha ancora?
GC:
No.
LM:
Lo ha cancellato?
GC:
No, ho cambiato telefono e ho perso la maggior parte dei numeri.
LM:
Si ricorda se era un numero tim, omnitel o wind.
GC:
No, non ricordo.
LM:
Non ricorda neanche il prefisso?
GC:
No.
LM:
Lei con quale telefono lo ha chiamato?
GC:
Con il mio numero tim.
LM:
Ce lo può dire.
GC:
3386014296.
LM:
Quante volte lo ha chiamato?
GC:
Lui mi lasciò il suo numero prima di andare via dal campetto da basket.
LM:
Ci riferiamo a che periodo?
GC:
Fine settembre 2007.
LM:
E vi siete sentiti regolarmente.
GC:
No, io ho provato a chiamarlo solo quel giorno ma circa dopo mezz'ora che lui mi aveva lasciato il numero, ma il cellulare era spento e da lì non ho più riprovato a chiamarlo.
LM:
Senta lei per il periodo del ponte della festa dei morti è ritornato a casa?
GC:
Sì, sono tornato a casa mia dalla mia famiglia.
LM:
Lei si era sentito poco prima con Rudy.
GC:
No.
LM:
Quanto tempo prima di andarsene aveva parlato con Rudy.
GC:
L'ultima volta credo due o tre giorni prima di partire sempre al campo.
LM:
E aveva detto a Rudy che se ne sarebbe andato a trovare i suoi genitori che sarebbe ritornato a casa per...
GC:
No, non credo.
LM:
Ne è sicuro?
GC:
Sì.
LM:
Di che cosa avete parlato quel giorno al campetto.
GC:
Ma delle solite cose, come andava l'università e principalmente comunque parlavamo di basket.
LM:
Grazie.
DR:
Difesa Sollecito. Con quale assiduità frequentava Via Della Pergola?
GC:
Ci capitavo spesso.
DR:
Tutti i giorni una volta a settimana.
GC:
C'è stato un periodo tutti i giorni, poi comunque sia sempre spesso, quindi almeno una volta al giorno ci passato.
GCM:
Se può anche specificare quale periodo ci andava tutti i giorni e quale...
GC:
Assiduamente da settembre.
DR:
Fino a...
GC:
Fino a quando non è successo l'omicidio.
DR:
Lei aveva le chiavi dell'appartamento del piano di sotto dei ragazzi?
GC:
No.
DR:
Sa se le ragazze avessero queste chiavi?
GC:
Non credo.
DR:
Lei quando è stato sentito il 15 novembre ha dichiarato che era a conoscenza del fatto che una volta lasciarono le chiavi a Meredith se lo ricorda?
GC:
Sì.
DR:
In quale occasione non se lo ricorda?
GC:
Prima di partire per il ponte dei morti e dei santi.
DR:
Perchè, per quale ragione?
GC:
Credo perchè i ragazzi sotto avevano due gatti per poter dargli da mangiare avevano lasciato le chiavi alle ragazze sopra.
DR:
Alle ragazze o specificatamente a Meredith.
GC:
Penso a Meredith.
DR:
Grazie.
GCM:
Scusi che significa penso a Meredith.
GC:
Credo che Giacomo abbia lasciato le chiavi a Meredith.
GCM:
Credo, cioè lo ha visto glielo ha detto era presente?
GC:
No, non l'ho visto però me lo disse Giacomo prima di partire.
GCM:
Che cosa le disse?
GC:
Che aveva lasciato le chiavi di casa a Meredith per poter dare da mangiare ai gatti.
DR:
Lei conosce Raffaele Sollecito.
GC:
No.
DR:
Non lo aveva mai conosciuto.
GC:
No.
DR:
Non lo ha mai visto a casa di via Della Pergola.
GC:
No, non lo avevo mai visto a casa.
DR:
Grazie.
CDV:
Senta, circa i due appartamenti di via Della Pergola, ma le porte dei due appartamenti erano aperte o chi apriva, quando lei ci andava tutti i giorni.
GC:
Siccome era ancora abbastanza caldo la porta dei ragazzi sotto spesso rimaneva socchiusa oppure era aperta, quindi perchè poi usavamo tirare fuori il tavolo anche per cenare o per pranzare fuori al giardino.
CDV:
Anche l'appartamento sopra c'era la porta aperta?
GC:
No, l'appartamento sopra vedevo sempre la porta chiusa quando arrivavo a casa dei ragazzi.
CDV:
Lei ha partecipato a delle cene dove sono stati cucinati dei biscotti per esempio, avete mangiato il cioccolato all'appartamento sopra, se lo ricorda.
GC:
Ho partecipato a delle cene sì, ma quella dei biscotti non credo.
CDV:
Senta, lei ha dichiarato a verbale che Meredith Kercher aveva un atteggiamento un po' altezzoso e invece di Amanda Knox l'ha definita una espansiva e socievole, lo conferma questo.
GC:
Sì.
CDV:
Erano diverse come carattere quindi?
GC:
Meredith era più chiusa caratterialmente non dava molta confidenza.
CDV:
Lei conosceva le amiche di Meredith.
GC:
Ne avevo conosciuta una però non ricordo il nome in una occasione in cui siamo andati in discoteca una sera, e ho conosciuto la sua amica, ma sennò le altre amiche non le ho mai conosciute.
CDV:
Ma lei la sera del 31 ottobre 2007 la sera di Halloween era a Perugia.
GC:
No, ero giù a casa mia nella Marche.
CDV:
Non ho altre domande.
GCM:
Lei ha detto che era amico dei ragazzi di sotto, siete partiti insieme prima del...
GC:
Siamo partiti io Stefano e Giacomo.
GCM:
Gli altri due lo sa quando sono partiti?
GC:
Riccardo credo che era partito prima.
GCM:
E chi rimaneva? Non rimaneva più nessun altro.
GC:
No, in casa non era rimasto nessun altro.
GCM:
Lei quand'è che è partito.
GC:
Sono partito il 30 pomeriggio.
GCM:
Gli altri erano partiti già prima.
GC:
Credo di sì, sì.
GCM:
Lei ha detto che era un assiduo frequentatore della casa di via Della Pergola con riferimento all'appartamento occupato dai ragazzi, che è l'appartamento sottostante.
GC:
Sì.
GCM:
Quante volte in questo appartamento ha visto Rudy Ghedè?
GC:
Due o tre volte.
GCM:
In queste occasioni lo ha visto Rudy Ghedè che era insieme agli altri ragazzi o c'era anche qualcuna delle ragazze del piano di sopra.
GC:
In una occasione c'era anche Meredith e Amanda.
GCM:
Lei ricorda se Rudy Ghedè parlava con l'una o con l'altra o con tutte e due.
GC:
Sì, parlava sia con Amanda che con Meredith molto tranquillamente.
GCM:
Lei ha sentito fare degli apprezzamenti da Rudy Ghedè nei confronti di Amanda Knox o di Meredith Kercher o dell'una o dell'altra.
GC:
Rudy una volta mi disse che gli piaceva Amanda, però me lo disse solo una volta, poi non ne abbiamo più parlato.
GCM:
Lei sa se questa chiamiamola confidenza fu partecipata ad altri.
GC:
Non lo so.
GCM:
Lei non lo disse a nessuno.
GC:
Ne abbiamo parlato anche con gli altri ragazzi ma una cosa normale.
GCM:
Lei è stato mai al piano occupato dalle 4 ragazze?
GC:
Sì.
GCM:
Come mai?
GC:
Per cene, poi comunque sia o sotto o sopra a volte era poca la differenza.
GCM:
Lei sa se Rudy Ghedè andò mai al piano delle ragazze nell'appartamento occupato dalle ragazze.
GC:
Quando c'ero io mai.
GCM:
Riguardo quella figura sulla quale prima si è soffermato può dire a che distanza si trovasse?
GC:
Più o meno circa una cinquantina di metri dalla casa verso la vallata in basso.
GCM:
Questa figura lei ricorda se la vide se la notò stando nella casa e quindi dalla finestra o all'esterno della stessa finestra.
GC:
No, precisamente ero sopra il letto di Giacomo affacciato alla finestra e da lì ho potuto vedere questa figura.
GM:
Lei ha parlato con i ragazzi non so con Giacomo, le hanno detto se avevano preavvertito la loro partenza in quei giorni alle ragazze del piano superiore.
GC:
Credo che glielo avevano detto alle ragazze che sarebbero partiti.
GM:
Chi glielo ha detto?
GC:
Alle ragazze.
GM:
No a lei chi glielo ha detto.
GC:
Sia Giacomo che Stefano e anche Marco.
GCM:
Le dissero a chi l'avevano detto, in che termini?
GC:
No, mi dissero solamente che avevano parlato con le ragazze sopra e gli avevano detto che....
GCM:
Senza altra specificazione? Con le ragazze sopra.
GC:
Sì.
LM:
Non era per caso in occasione della circostanza che erano state date da parte dei ragazzi le chiavi a Meredith per determinati incombenti di gatto o innaffiare delle piante.
GC:
Quando sono state consegnate le chiavi a Meredith io non c'ero quindi io non ho visto l'atto della consegna delle chiavi.
LM:
Questa poteva essere la circostanza.
GC:
Come?
GCM:
Chiede l'avvocato, lei sa se la notizia della partenza dei ragazzi per il primo due o tre novembre fu data nella stessa occasione in cui lei ha riferito Giacomo Silenzi le disse che aveva consegnato la chiave dell'appartamento sottostante a Meredith oppure sono due cose diverse.
GC:
No, penso che sono la stessa.
GCM:
Pensa o lo sa.
GC:
Sì, che nel momento in cui i ragazzi hanno accennato alle ragazze sopra di partire avevano lasciato anche le chiavi.
GCM:
Questo lo sa lo desume, pensa che sia andata così ma non è sicuro.
GC:
No, perchè poi comunque sia il pomeriggio siamo partiti quindi.
GCM:
Il pomeriggio del 30 ottobre.
GC:
Sì.
GCM:
Non ci sono altre domande, il teste viene congedato.