Francesco Tavernese's Testimony

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
DEPOSIZIONE DEL TESTE - TAVERNESE FRANCESCO -
Key to abbreviations
GCM Giancarlo Massei Judge Presidente
GM Giuliano Mignini Prosecutor Pubblico Ministero
CP Carlo Pacelli Lumumba civil lawyer Avvocato
LM Luca Maori Sollecito defense lawyer Avvocato
DR Daniela Rocchi Defense Counsel for Raffaele Sollecito Avvocato
GM Giuliano Mignini Prosecutor Pubblico Ministero
FT Francesco Tavernese Witness being questioned Principal of the Onaosi college where Sollecito studied
CRT Corte "The Court" (Individual not identified by name in transcript)

IL TESTE, AMMONITO AI SENSI DELL'ART. 4 97 CODICE DI PROCEDURA PENALE, LEGGE LA FORMULA DI RITO.

GENERALITÀ: Tavernese Francesco, nato a Crotone il 24 dicembre 1961, residente a Perugia.

GCM:
Prego Pubblico Ministero.

Contents

Pubblico Ministero - Dott. Mignini

GM:
Lei che attività svolge?
FT:
Io sono il responsabile della sezione universitaria del collegio maschile Onaosi dal 2000.
GM:
Lei conosce Sollecito Raffaele?
FT:
Sì, certo. Raffaele è stato ospite da noi dal 2003 al 2005, 31 luglio 2005.
GM:
Come se lo ricorda? Cioè lei l'ha conosciuto, c'ha parlato?
FT:
Sì. È un ragazzo taciturno, introverso, schivo, con delle comprensibili difficoltà iniziali di adattamento dovuto ovviamente all'allontanamento dal nucleo familiare, un ragazzo che comunque abbiamo sostenuto e che comunque in collegio ha, secondo noi, fatto un buon percorso di crescita fin quando è stato con noi.
GM:
Altre caratteristiche? Era presente sempre quando ci parlavate oppure era distratto?
FT:
Una delle prime cose che mi colpì di Raffaele è che a volte era sovrappensiero, a volte sembrava non dico stralunato però che pensasse a qualche altra cosa quando si parlava, non sempre attento a quello che dicevamo. Però con il passare del tempo ci è sembrato a noi un po' una componente, una caratteristica della sua personalità, quindi qualcosa che poi per noi è diventata un po' la norma ma che, ripeto, è andata poi comunque migliorando, si è aperto molto.
GM:
Di che cosa si interessava?
FT:
Raffaele ricordo che vedeva molti film, ricordo che faceva molto sport.
GM:
Che tipo di sport?
FT:
Faceva kickboxing mi sembra perché che si infortunò anche durante un allenamento. Frequentava comunque una palestra esterna, ma anche molto la palestra che c'è in collegio, quindi faceva molto, molto sport. Mi ricordo che suonasse anche uno strumento musicale.
GM:
Anche altre palestre, si ricorda?
FT:
No, non ricordo che palestra frequentasse.
GM:
Lei ha dichiarato il 22 maggio 2008 che le sembra che frequentasse la palestra di Rosi.
FT:
Forse sì, può darsi.
GM:
Faceva arti marziali?
FT:
Sì, kickboxing è abbastanza... è box tailandese.
GM:
Poi ha parlato di film?
FT:
Sì, lui vedeva molti molti film, sì, nella deposizione si era indicato un film che ha colpito gli educatori in particolare, un film abbastanza hard.
GM:
Si ricorda che film era?
FT:
Io ho visionato in maniera molto molto leggera questo film perché era un film dove c'erano scene di sesso con animali, però poi...
GM:
C'erano anche scene violente?
FT:
Violente non ricordo sinceramente.
GM:
Non si ricorda il titolo del film?
FT:
No, no, perché diciamo noi abbiamo rinvenuto questo filmato e poi in seguito al filmato abbiamo attivato un monitoraggio sul ragazzo per cercare di capirlo oltre tutto.
GM:
Ma c'erano anche altri film che lui vedeva?
FT:
No, poi si è fermato soltanto a questo evento e quindi noi abbiamo dato carattere di casualità, estemporaneità, cioè l'abbiamo legato più che altro alla curiosità.
GM:
Lei ha fatto riferimento però, si è riferito a questi film al plurale.
FT:
No, no, è un film soltanto.
GM:
Lei ha detto il 22 maggio 2008: "avevamo scoperto che visionava film dal contenuto erotico".
FT:
Sì, però in particolare questo...
LM:
È al singolare Pubblico Ministero, se avesse detto plurale...
GM:
No, se lei mi lascia finire vado avanti, "lo stesso giovane, che lo ha riferito, rimase turbato dall'esplicita violenza che aveva colto nel visionare questi film - che è al plurale, come ben si sente - e possono definirsi di sesso estremo".
FT:
Questo il ragazzo che ci parlò, perché fu un ragazzo del piano sul quale alloggiava Raffaele.
GM:
Chi era questo ragazzo?
FT:
Non mi ricordo se era...
GM:
Lei ha dichiarato che era Francesco De Robertis.
FT:
Sì, forse Francesco era, mi pare.
GM:
E lui che vi disse?
FT:
Che vedeva film un po' strani, particolari.
GM:
Quindi erano (..) questi film?
FT:
Sì, sì, ci disse questa cosa qui, un po' generico.
GM:
Li ha descritti che argomenti avevano?
FT:
No, no, a me non li ha descritti.
GM:
Un po' strani in che senso?
FT:
Nel senso che non era il solito film hard era un qualcosa di diverso.
GM:
Se lei non scende un pochino più in dettaglio...
FT:
Come dicevano c'erano queste scene di animali coinvolti in atti sessuali.
GM:
Accoppiamenti uomini - animali?
FT:
Sì, sì.
GM:
E poi che cosa gli piaceva anche? Altri tipi di film? Filmati?
FT:
Io mi ricordo... adesso non so, ripeto, vedeva un po' di tutto.
GM:
Lei ha dichiarato: "filmati inediti di Marilyn Manson e la musica".
FT:
Sì, di quello però non ho visto nulla né visionati, cioè riferiti dagli educatori, da chi era lì sul piano.
GM:
Fumetti?
FT:
Fumetti manga, ricordo.
GM:
Lei ha saputo qualcosa della vicissitudine familiare di Raffaele?
FT:
Si riferisce alla madre di Raffaele? Raffaele parlava molto, molto poco delle sue cose, anche quando morì la mamma non disse nulla, partì direttamente, non parlò con nessuno né della sua situazione familiare... d'altronde entrò in collegio...
GM:
Sa com'è morta la madre?
FT:
C'era questa voce in collegio...
GCM:
Sulle voci non può riferire, se lo sa.
FT:
No, non lo so.
GM:
L'ultima volta che ha visto Raffaele quando è stato?
FT:
Raffaele l'ho visto il 31 ottobre alla laurea di Francesco De Robertis.
GM:
Ah proprio questo ragazzo di cui... quindi lo conosceva bene? Francesco De Robertis stava nella camera con Raffaele?
FT:
No, no, alloggiava sullo stesso piano, cioè è un piano dove ci sono varie camere.
GM:
Quando l'ha visto ci racconti che cosa...
FT:
No, l'ho visto molto sereno, mi è venuto incontro, ci siamo salutati, mi ha invitato alla...
GM:
Che era la mattina del 31 ottobre?
FT:
Sì, mi ha invitato alla discussione della sua tesi di laurea.
GM:
Poi non l'ha più rivisto?
FT:
No, no, poi non l'ho più rivisto.
GM:
A conoscenza del fatto, se lei è a conoscenza, che potesse fare uso di sostanze stupefacenti Raffaele?
FT:
Abbiamo avuto dei sospetti sull'uso di cannabis, però non abbiamo mai avuto riscontri.
GM:
Sono stati fatti controlli?
FT:
Sì, abbiamo fatto controlli in collegio e non abbiamo mai avuto riscontro.
GM:
Come mai questi controlli?
FT:
Qualche odore sospetto diciamo.
GM:
C'erano anche sensori antifumo?
FT:
Sì, abbiamo anche sensori antifumo, in un'occasione ne scattò uno però non c'erano odori in camera sospetti, non riscontrammo niente, insomma.
GM:
Le hanno parlato di lui poi successivamente i suoi amici, in particolare un certo Leonardo Fazio?
FT:
Con Leonardo abbiamo parlato di qualcosa, mi ha detto... Beh Leonardo era molto colpito, ricordo, per quello che era accaduto e mi disse che...
GM:
Quello che era accaduto cioè l'omicidio di Meredith?
FT:
Sì. Mi disse che lui era stato insieme a Raffaele per vedere una partita di calcio.
GM:
A Raffaele e anche...
GM:
E Amanda, sì.
GM:
Quando questo?
FT:
Mi sembra il 4.
GM:
Il 4 novembre?
FT:
Mi sembra il 4 novembre.
GM:
Che cosa aveva notato?
FT:
No, mi disse che l'aveva visto sereno, abbracciato con Amanda, per conto suo con Amanda, avevano visto la partita insieme ed è finita lì.
GM:
E c'era stato il delitto qualche giorno prima.
FT:
Sì.
GM:
Lei Amanda non l'ha mai vista?
FT:
No, non l'ho mai vista.
GM:
Poi ha lasciato l'Onaosi Raffaele quando, nel settembre 2005?
FT:
Sì, nel settembre 2005 partì per l'Erasmus, aveva presentato un'istanza per poter rientrare poi, è previsto dopo un semestre poter rientrare nella struttura, ma non è rientrato l'1 marzo 2006, lui praticamente non si fece sentire allora e quindi io ne ho persi un po' le tracce. Si presentò molto più tardi, non ricordo se era forse luglio, comunque molto più tardi chiedendo di poter rientrare e gli dissi che i termini erano scaduti e quindi non era possibile rientrare.
GM:
Nessun'altra domanda.
CP:
Nessuna domanda.

Difesa - AVV. Maori

LM:
Nelle domande che le ha rivolto il Pubblico Ministero lei ha affermato di essere una persona che conosce bene la realtà dell'Ondosi, ha seguito per molto tempo i ragazzi e quindi ha una conoscenza generale della situazione, soprattutto di molte persone.
FT:
Sì.
LM:
Ha affermato anche che Raffaele ha palesato una certa difficoltà di adattamento sia per il distacco da casa sia per una sua difficoltà a relazionare.
FT:
Sì, certo.
LM:
Ci può dire se altri ragazzi hanno manifestato questo tipo di problematiche? Se sono comuni ad altre persone questi atteggiamenti di Raffaele?
FT:
No, è frequentissimo. È frequentissimo il distacco da casa, l'adattamento all'ambiente nuovo, l'adattamento all'ambiente universitario, alla scelta universitaria, sì, è molto...
LM:
Diciamo che è una costante abbastanza comune da parte di giovani ragazzi?
FT:
Sì, certo. Ovviamente nelle matricole, certo.
LM:
In relazione al fatto dell'eventuale uso di cannabis che il Pubblico Ministero le ha fatto la domanda, lei dice: "abbiamo avuto un sospetto perché c'era un sensore antifumo". Questo sensore antifumo era riferito alla stanza di Raffaele o ad altre stanze?
FT:
Mi sembra la stanza di Raffaele, adesso è passato tanto tempo.
LM:
È sicuro di questo?
FT:
Guardi onestamente non ricordo.
LM:
Lei è sicuro comunque che è scattato l'allarme antincendio?
FT:
Sì, mi ricircondò che scattò l'allarme, odore di cose sì, ma non ricordo se era la sua camera, comunque scattò quest'allarme e c'era comunque anche lui presente.
LM:
Se ci fosse stato più che un sospetto, un qualcosa di più effettivo voi avreste dato corso a degli eventuali provvedimenti di carattere disciplinare?
FT:
Beh certo, sì.
LM:
È mai stato adottato un provvedimento di carattere disciplinare per questa ragione o per altre nei confronti di Raffaele Sollecito?
FT:
No, assolutamente no.
LM:
Lei ha riferito poi, sempre a domanda del Pubblico Ministero, che Raffaele avrebbe visionato questo film di carattere erotico.
FT:
Sì.
LM:
È una costante comune con altri ragazzi? Cioè altri ragazzi avevano questa... lei ha definito prima queste curiosità oppure è un qualche cosa che ha scoperto solo il Raffaele?
FT:
No, nella comunità maschile capita la visione di filmati.
LM:
Ha avuto modo di constatare che anche altri soggetti, anche altri ragazzi hanno...
FT:
Sì, sì, capita.
LM:
Come credo che qualsiasi di noi da ragazzo l'abbia fatto. Lei sapeva che Raffaele doveva laurearsi?
FT:
Sì.
LM:
L'ha invitato Raffaele alla sua tesi di laurea?
FT:
Sì, sì, mi ha invitato alla discussione.
LM:
Quindi i rapporti fra voi erano rapporti...sono sempre rimasti ottimali?
FT:
Sì, sì, assolutamente. L'ho perso di vista, ma comunque si crea sempre un legame con i ragazzi, comunque è un ragazzo che è stato due anni con noi.
LM:
Sempre rispondendo alle domande del Pubblico Ministero in relazione agli sport praticati da Raffaele e cioè sport tipo kickboxing, palestra di Rosi, quindi significherebbe pugilato e cose del genere, ha mai avuto conoscenza di aggressioni, minacce o comportamenti sconsiderati fatti dal Sollecito sia all'interno del collegio che fuori?
FT:
No, no, assolutamente no.
LM:
Come lo può considerare, dal suo punto di vista, il carattere di Raffaele Sollecito?
FT:
Ripeto un ragazzo ...
CP:
Presidente c'è opposizione perché è un giudizio.
GCM:
Sì, è vero che il teste è stato indicato sul carattere, ma il carattere quale emerge da circostanze ai quali progressivamente il teste riferisce. Comunque lei è un educatore?
FT:
Sì, sì, coordino gli educatori.
GCM:
Quindi per la qualità dello stesso sul carattere che cosa può dire?
LM:
Mite o aggressivo?
FT:
No, no, un carattere mite. Io ricordo nelle rarissime occasioni in cui ho dovuto rimproverarlo ma su banalità, tipo la macchina parcheggiata male o altre sciocchezze. È un ragazzo che arrossiva anche molto spesso, spesso imbarazzato.
LM:
Lei si ricorda, dato che questa foto ha fatto un po' il giro del mondo e quindi sicuramente l'avrà vista, una foto di Raffaele Sollecito che veniva ritrattato con una mannaia in mano e ricoperto di carta igienica.
FT:
Sì.
LM:
Ci può riferire che tipo... come mai è stata fatta questa foto e in che contesto, che cosa rappresentava?
FT:
Una foto goliardica, ho riconosciuto la camera del collegio.
LM:
Quindi era una...
FT:
Puramente goliardica, sì.
LM:
Era un qualche cosa di aggressivo oppure un qualche cosa di...
FT:
No, no.
GCM:
Lei l'aveva già vista questa foto?
FT:
No, l'ho vista su internet e ho riconosciuto comunque il collegio, poi sul blog di Raffaele vidi alcune altre foto del collegio ma sempre molto goliardiche.
LM:
Grazie.

Difesa - AVV. Rocchi

DR:
Per capire, quante volte è scattato l'allarme nel collegio, l'allarme antifumo?
FT:
Quella volta o in generale?
FT:
No, scatta con frequenza. Abbiamo i sensori comunque molto sensibili e basta un fumo anche di una sigaretta, il fumo va in alto e scatta il sensore.
DR:
Lei dice che per voi è stato un buon percorso di crescita quello di Raffaele durante il suo soggiorno nel collegio. Per noi chi e che significa questo buon percorso di crescita?
FT:
Per noi del pool educativo, cioè nel senso che il ragazzo è entrato in un certo modo ed è uscito in un altro modo, nel senso che è uscito un ragazzo comunque più aperto, è uscito un ragazzo comunque più comunicativo di come si è verificato all'ingresso e poi un ragazzo che ha socializzato bene sul piano, un ragazzo che è stato accolto da quella porzione di comunità con la quale lui praticamente condivideva le giornate.
DR:
Grazie.

Pubblico Ministero - Dott. Mignini

GM:
Scusi, vorrei tornare su questi film. Lei ha detto prima, adesso non c'è la registrazione e non vorrei dire cose, ma mi sembra di avere capito che erano film un po' particolari.
FT:
Sì.
GM:
Quindi non solo film erotici, film erotici va bene, ma che tipo di film erotici? Lei ha dichiarato, io le ho chiesto anche sul discorso della violenza, lei ha dichiarato che: "lo stesso giovane, Francesco De Robertis, che lo ha riferito rimase turbato dall'esplicita violenza che aveva colto nel visionare questi film che possono definirsi di sesso estremo". Poi ad una mia domanda lei ha fatto un riferimento che vorrei che venisse approfondito. Questi film o questo, non so se tutti o parte di questi film, a che tipo di rapporti alludevano? Io le ho fatto la domanda e lei mi ha parlato di rapporti di tipo bestiale fra persone umane ed animali.
FT:
Io ho visto...
GM:
Questo lei l'ha detto.
FT:
Sì, ho visto.
GM:
Ce lo dica, cerchi di ricordare.
FT:
Innanzitutto ho fatto una grande fatica perché è una cosa accaduta quattro o cinque anni fa, è una cosa che poi diciamo è un flash così e non mi sono messo a visionare l'intero film, oltre tutto ripeto, noi all'interno di quella che è stata la permanenza di Raffaele in collegio noi abbiamo dedotto, noi parlo sempre del pool educativo, che si sia trattata di una curiosità.
GM:
Scusi tanto. Ho chiesto prima e lei mi ha detto che erano film al plurale.
FT:
Si, ma era un film.
GM:
Allora un film. Prima vediamo com'era questo film e poi vediamo com'erano gli altri.
FT:
Sì.
GM:
Questo film che cosa rappresentava? Ce lo dica.
FT:
Le ribadisco ...
GM:
Ci può esserci dell'imbarazzo ma lo deve dire.
FT:
No, non c'è imbarazzo, le ribadisco che ho semplicemente visionato io questo film, ma per pochissimi secondi, una scena praticamente di sesso con un animale.
GM:
Fra una donna e un'animale?
FT:
Sì, una donna e un'animale, carezze, neanche proprio un atto e basta.
GM:
Lei ha aperto a caso e ha visto questa scena?
FT:
Sì, sì, ho aperto e basta.
GM:
E che titolo aveva questo film?
FT:
Non me lo ricordo, non mi sono messo a visionare il film.
GM:
Lei ha detto che questo aveva queste caratteristiche.
FT:
Sì.
GM:
Gli altri film perché hanno colpito? Se fossero stati film erotici così normali non...
FT:
Io, ripeto, non ho visto...
GM:
Come mai ha colpito?
FT:
Spiego, io non ho visto niente altro, abbiamo fatto poi dei controlli in camera di Raffaele in sua assenza e non abbiamo rilevato niente altro poi.
GM:
Ma questo De Robertis le ha detto che film erano questi altri?
FT:
No, è rimasto molto sul vago. Assolutamente. Era così colpito, ma anche lui un ragazzo introverso, taciturno, molto per conto suo.
GM:
De Robertis Francesco?
FT:
Sì, quindi ci ha dato quest'indicazione così, ma sa, quelle cose dette a mezza bocca, non è che... è una persona molto parca di parole.
GM:
Le ha detto che lui li aveva visti questi film?
FT:
Francesco?
GM:
Sì.
FT:
Ci ha fatto capire che aveva intravisto qualcosa, non che si era messo lì a visionare.
GM:
Quindi che Raffaele li vedeva di nascosto?
LM:
Sono dichiarazioni del Pubblico Ministero e deduzioni.
GM:
No, domando.
LM:
Quindi mi oppongo alla domanda.
GCM:
A lei risulta come li vedeva questi film?
FT:
Lui visionava molti film.
GCM:
Ma li visionava dove?
FT:
In camera.
GCM:
Con cassette registrate?
FT:
In camera.
GCM:
Ma erano?
FT:
Erano DVD.
GCM:
Li vedeva da solo o in compagnia?
FT:
Qualcosa vedeva anche in compagnia, ma ripeto...
GCM:
Lei questo come lo sa che qualcosa in compagnia e qualcosa...
FT:
Quando si passava sul piano o gli educatori passavano sul piano a dare un'occhiata ai ragazzi.
GCM:
A lei è capitato che passando sul piano l'ha visto?
FT:
Io personalmente no perché passo poco sui piani, i miei collaboratori sì.
GM:
Ma le è stato riferito da qualche altro educatore che passando ha notato questa?
FT:
Questo tipo di film no, ecco perché noi a questo film non abbiamo dato una grande valenza, ribadisco, proprio perché si è trattato di un'unica copia che noi abbiamo trovato.
GM:
E questo è quello unico di cui lei parla.
FT:
Esatto. E non abbiamo, ripeto, da una serie di controlli poi effettuati in assenza di Raffaele trovato alcunché potesse, quindi abbiamo in qualche modo... abbiamo concluso in qualche modo che si trattasse di una curiosità del momento.
GM:
Però lei ha fatto delle dichiarazioni diverse, lei conferma queste dichiarazioni o no?
GCM:
Magari, scusi, se possiamo leggere il passo.
GM:
"Era appassionato di film dell'orrore" e già qui abbiamo un genere di cui lei non ha parlato, qui parla di dichiarazioni del 22 maggio 2008 .
FT:
Sì, questi sono riferimenti che sono stati fatti, non li ho visti io.
GM:
"Era appassionato di film dell'orrore, e su confidenza di un compagno di collegio, Francesco De Robertis - qui c'è il numero di telefono, cellulare etc. - avevamo scoperto che visionava film dal contenuto erotico. Lo stesso giovane che lo ha riferito rimase turbato dall'esplicita violenza che aveva colto nel visionare questi film - quindi plurale, non si discute in queste dichiarazioni - che possono definirsi di sesso estremo". Lei ha dichiarato, ha firmato, questa è la sua firma?
FT:
Sì, sì, ci mancherebbe.
GM:
Ora lo conferma questo?
FT:
"Abbiamo" intanto mi riferisco sempre ad un pool educativo nel senso che non vado io...
GCM:
Prego.
FT:
Sì, certo è la mia firma. Dicevo "abbiamo" mi riferisco sempre ad un pool educativo.
GM:
Lo produciamo.
GCM:
Sentiamo il consenso delle altre parti, se c'è.
GM:
Visto che c'è questa produzione a questo punto...
LM:
Non al momento, vorrei dopo fare delle domande e dopo vedremo.
MC:
Ma è stato utilizzato per le contestazioni.
GCM:
Sì, un conto è l'utilizzo per le contestazioni e un conto è l'acquisizione.
MC:
(Incomprensibile - fuori microfono).
GCM:
Con il consenso delle parti li produciamo ai fini dell'utilizzabilità. Prego Pubblico Ministero.
GM:
Comunque io chiedo di poter produrre questo visto che è stato utilizzato per le contestazioni.
GCM:
Poi prendiamo atto dell'eventuale consenso ai fini dell'utilizzabilità.
GM:
"Amava inoltre la musica e visionava i filmati inediti di Marilyn Manson".
FT:
Sì.
GM:
Questo come lo sa?
FT:
Sempre riferito dagli educatori.
GM:
Ma che filmati erano?
FT:
Non...
GCM:
Lo sa che filmati erano?
FT:
No, no.
GM:
Comunque lei ha fatto qui delle dichiarazioni che sono in contrasto con quello che dice oggi.
FT:
No, perché scusi.
GM:
Lei oggi ha parlato di film e poi qui erano film dell'orrore e anche... che film dell'orrore erano, se lo ricorda?
FT:
No, non ricordo. Mi perdoni, se posso, lo spaccato di vita di un ragazzo è uno spaccato molto complesso, non siamo, senza offendere nessuno, dei secondini, assolutamente. Nel senso andiamo ad esaminare alcune cose, non andiamo certo a catalogarle, facciamo una serie di analisi, approfondimenti, verifichiamo un percorso etc., sinceramente film dell'orrore ce ne sono a bizzeffe.
GM:
Lei lo dice come cosa per conoscenza sua diretta?
FT:
No, no, io quando dico era, abbiamo, ci riferiamo al pool educativo, cioè non sono andato io fisicamente in camera a vedere questi film, ma questo qui è una cosa che io ho già evidenziato anche a chi mi è intervistato.
GM:
Io le ho fatto la contestazione, dopo lei...
FT:
Sì, sì, ma questa è una cosa che già...
GM:
Chiedo che vengano prodotte.
GCM:
Comunque le parti utilizzate per la contestazione rimangono alla registrazione, quindi vale sulla base anche delle risposte acquisite poi se c'è il consenso all'acquisizione ai fini dell'utilizzabilità del verbale si prenderà atto e ci si determinerà di conseguenza. Non è teste comune...
CP:
Era anche della Parte Civile ma non ci sono domande Presidente.
GCM:
Si, nessuna delle Difese degli imputati ha chiesto...
LM:
Per dare il consenso volevo però poter svolgere altre domande nei confronti del signor Tavernese, altrimenti non diamo consenso.
MC:
(Incomprensibile - fuori microfono).
LM:
Va bene, allora non diamo il consenso.

Corte

CRT:
Lei ha detto che ha visionato questo film per pochissimi secondi.
FT:
Sì.
CRT:
Per pochissimi secondi perché si è fermato? Perché era sufficiente, perché era turbato anche lei?
FT:
Era sufficiente l'argomento e avevo capito di che cosa si trattasse, in questo senso qui.
CRT:
Lei ha fatto prima cenno ad un buon percorso educativo.
FT:
Sì.
CRT:
Quanto è durato?
FT:
Dal 2003 al 2005, due anni.
CRT:
E la visione di questi film si è verificata quando, nell'ambito di questo percorso educativo che lei...
FT:
Sì.
CRT:
All'inizio, a metà, alla fine?
FT:
No, diciamo agli inizi.
CRT:
Lei lo situa all'inizio?
FT:
Sì, tant'è vero ribadisco che noi non abbiamo dato una grande valenza a questa cosa perché l'abbiamo inserita in un discorso di curiosità morbosa o meno che possa essere.
CRT:
Avete trovato, oltre ai film, anche dei giornali, fumetti, libri aventi le stesse connotazioni?
FT:
Fumetti giapponesi... no, con le stesse connotazioni no, fumetti giapponesi, però non con queste connotazioni.
CRT:
Lei poi ha fatto prima riferimento a questo ragazzo Francesco che le parla di questi filmati, della visione.
FT:
Sì.
CRT:
Come viene fuori, come mai questo Francesco e non altri?
FT:
In collegio le cose avvengono così, diciamo Francesco ha sussurrato un qualcosa all'educatore, l'educatore si è attivato ed è intervenuto.
CRT:
Quindi è partita l'iniziativa da Francesco che ha parlato con un educatore?
FT:
Sì, diciamo i ragazzi sono sempre dei referenti importanti perché comunque vivono lì.
CRT:
Comunque spontaneamente c'è stata questa confidenza?
FT:
Ci sono sempre le confidenze con i ragazzi, sono un po' la natura del lavoro.

Difesa - AVV. Maori

LM:
Con riferimento a queste sue domande Presidente. Le domande del Pubblico Ministero...
GCM:
Scusi, sulle domande del Pubblico Ministero no, eventualmente sulle mie.
LM:
Presidente mi scusi, ho sbagliato. Alle domande del Presidente lei dottor Tavernese ha detto che ha parlato appunto dei manga, dei fumetti manga che sono stati trovati.
GCM:
Fumetti giapponesi ha parlato.
LM:
Giapponesi manga. Soltanto Raffaele o anche altri ragazzi all'interno?
FT:
No, è un genere molto diffuso.
LM:
Quindi diciamo che c'era un interesse generale da parte...
FT:
Sì.
LM:
Queste sue parole che lei ha detto a verbale, che prima le sono state lette...
GCM:
Scusi Avvocato.
LM:
Sempre riferito a quello che diceva lei Presidente. Lei le ha dette alla Polizia Giudiziaria perché veramente voleva dirle oppure sono state verbalizzate forse in maniera un po' troppo forte?
GCM:
Scusi Avvocato, questa domanda non viene ammessa. Non ci sono altre domande, va bene. Su questa produzione non c'è il consenso?
LM:
No.

Pubblico Minister - Dott Mignini

GM:
Lei ha parlato di fumetti manga.
FT:
Sì.
GM:
Che descrivevano? Che cosa descrivevano questi fumetti?
FT:
Non li ho sfogliati.
GM:
Quindi non ne sa nulla di questi fumetti?
FT:
No, no, fumetti manga, ma non li ho sfogliati.
GM:
Lei si è limitato a vedere il titolo e basta?
FT:
No, io non sono andato proprio in camera dal ragazzo, assolutamente.
GM:
Le hanno detto che lui aveva questi fumetti manga?
FT:
Sì, riferito dall'educatore che era un appassionato di fumetti manga. Ripeto, non andiamo a catalogare.
GM:
Lei non li ha visti?
FT:
No, no.
GM:
Non ho altre domande.
GCM:
Può andare.