Carmela Occhipinti's Testimony

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
Key to abbreviations
GCM Giancarlo Massei Judge Presidente
LM Luca Maori Sollecito defense lawyer Avvocato
CO Carmela Occhipinti Witness being questioned Occupant of broken-down car
CDV Carlo Dalla Vedova Knox defense lawyer Avvocato
GM Giuliano Mignini Prosecutor Pubblico Ministero
FM Francesco Maresca Counsel for Kercher family (civil plaintiffs) Avvocato

IL TESTE, AMMONITO AI SENSI DELL’ART. 497 CODICE DI PROCEDURA PENALE, LEGGE LA FORMULA DI RITO.

GENERALITÀ: Carmela Occhipinti, nata a Roma il 20.10.71.

LM:
Avvocato Maori, difesa Sollecito. Buongiorno, signora.
CO:
Buongiorno.
LM:
Ci riferiamo al fatto successo il 1° novembre del 2007, allorquando lei, unitamente ai suoi amici Coletta e Salsiccioli e suo marito uscite dal parcheggio di Sant’Antonio. Ci può raccontare che cosa è successo?
CO:
Sì, ci trovavamo a Perugia in vacanza, eravamo andati in un agriturismo vicino Perugia, eravamo andati a cena a Perugia, appunto, con i miei amici. Uscendo dal parcheggio, la loro macchina si è fermata.
LM:
Che macchina era?
CO:
Una Avensis, una Toyota. Quindi anche noi ci siamo fermati per vedere di che cosa si trattasse.
LM:
Con l’autovettura?
CO:
Una Citroen, una C4 Picasso.
LM:
Colore?
CO:
Blu. Io sono rimasta in macchina con i bambini, mentre loro stavano un pochino più lontano per vedere appunto perché la macchina non ripartisse, perché si fosse fermata. Poi abbiamo atteso... hanno chiamato il carroattrezzi e abbiamo atteso che il carroattrezzi venisse.
LM:
Lei era ferma... lei era all’interno della sua autovettura insieme a suo figlio, mi sembra.
CO:
Sì, ai miei due figli e alla figlia dei miei amici.
LM:
E a suo marito anche?
CO:
Mio marito, sì, stava in macchina o comunque... è stato un po’ in macchina con noi aspettando, poi è sceso, è andato dai nostri amici per vedere insieme a loro.
LM:
Suo marito come si chiama?
CO:
Giampaolo Fiorentino.
LM:
Fiorentino.
CO:
Esatto.
LM:
Quanto tempo siete rimasti lì?
CO:
Sarà stata una mezz’oretta a occhio e croce, una mezz’oretta, tre quarti d’ora, adesso di preciso non ricordo. Però, ecco, il tempo che abbiamo aspettato il carroattrezzi, quindi sarà stata una mezz’oretta.
LM:
Dopo vedremo bene gli orari. In questo periodo di tempo che lei è rimasta all’interno dell’autovettura e poi, mi sembra, sia stata anche raggiunta dalla sua amica all’interno dell’autovettura...
CO:
Non ricordo. La bambina stava... qualcuno mi ha portato la bambina, adesso non ricordo se è stata la mia amica, mio marito, qualcuno comunque mi ha portato in macchina la bambina, la figlia loro, che stava in macchina con loro, e la bambina è stata in macchina con me tutto il tempo.
LM:
Lei ha notato qualcosa di particolare che è successo in quel luogo?
CO:
C’era un viavai di persone, c’era gente che usciva dal parcheggio, gente che passava chiaramente con la macchina. Però proprio qualcosa in particolare no.
LM:
Ha visto persone che camminavano, schiamazzi di ragazze?
CO:
Sì, c’erano persone che parlavano.
LM:
Diciamo, la via era molto trafficata?
CO:
Passavano le macchine, io ero in una posizione per cui avevo, se non ricordo male, l’uscita del parcheggio di fronte e vedevo persone che uscivano dal parcheggio, persone adulte, ragazzi, insomma persone un po’ di tutte le età.
LM:
La casa di via della Pergola, che lei avrà naturalmente visto mille volte in televisione, era di fronte a lei?
CO:
No, credo che fosse... io vedevo un cancello e credo che fosse sulla mia sinistra, ma un po’ verso... dietro insomma.
LM:
Possiamo far vedere... Allora lei, signora, lì davanti a lei ha un puntatore laser.
CO:
Sì.
LM:
Pigiando, c’è una lucina rossa. Questo è il parcheggio, dove c’è il mouse c’è il parcheggio.
CO:
Sì.
LM:
Lei sa indicare più o meno dove si trovava la sua autovettura, tenendo presente che sulla destra è la casa di via della Pergola, questa è casa di via della Pergola...
CO:
Sì.
LM:
Lì c’è il cancello più avanti e lì c’è lo stop, dove poco sopra si sarebbe fermata l’autovettura del signor Coletta.
CO:
Esatto.
LM:
La vostra Citroen dove si trovava parcheggiata?
CO:
Si trovava, se non ricordo male... aspetti che non riesco a trovare...
LM:
C’è quell’altro pulsante rosso.
CO:
Okay. Più o meno mi trovato qui con l’auto.
LM:
Quindi si trovava proprio di fronte, diciamo così, all’entrata, al passo carrabile del...
CO:
Esatto, diciamo che io vedevo l’entrata... questa è l’entrata del parcheggio?
LM:
Sì, esatto.
CO:
Quindi la macchina era direzionata in questo modo, per cui io avevo davanti a me l’entrata del parcheggio.
LM:
Lei si trovava a pochi metri quindi.
CO:
Sì.
LM:
La parte opposta della strada, di fronte all’entrata...
CO:
Io vedevo il cancello, ripeto, mi sembra che fosse sul mio lato sinistro, però leggermente... dovevo girarmi insomma per vederlo, non bastava che mi voltassi, dovevo leggermente girarmi per vederlo, mi sembra di ricordare.
LM:
Lei ha notato visivamente qualche cosa in quell’abitazione?
CO:
No.
LM:
Luci?
GCM:
L’abitazione l’ha notata, se c’era l’abitazione?
CO:
No, io non ho notato che ci fosse un’abitazione. Ho notato il cancello, ripeto, c’era un cancello, però non ho notato che ci fosse un’abitazione.
LM:
Ha sentito urla strazianti?
CO:
No.
LM:
Qualcosa di particolarmente forte che l’ha colpita, oltre allo schiamazzo che prima ha raccontato?
CO:
No, anche perché era inverno, quindi avevamo... credo che avessimo i finestrini chiusi. Comunque era inverno, insomma immagino che... non ricordo bene, ma sicuramente faceva freddo, quindi avevamo sicuramente i finestrini chiusi, quindi comunque difficoltà a sentire...
LM:
Naturalmente i finestrini erano chiusi, però gli schiamazzi della gente che passava li sentiva?
CO:
Molto vicini sì, se passavano vicini sì. Non sentivo quello che dicevano chiaramente, però le voci sì, si sentiva se c’erano persone che passavano vicino alla macchina, sentivo le voci.
LM:
Ho capito. Poi, quando ve ne siete andati, i suoi amici sono venuti con voi nella stessa autovettura?
CO:
Sì.
LM:
Nient’altro, grazie.
GCM:
Ci sono domande? Prego.
CDV:
Signora, buongiorno, avvocato Dalla Vedova per la Knox.
CO:
Buongiorno.
CDV:
Senta signora, solo una conferma dell’orario. Lei esattamente da quando la notte del 1° novembre è stata nella posizione che ci ha indicato nella sua macchina, più o meno come orario?
CO:
Noi siamo andati a cena, sicuramente non era tardissimo perché con i bambini piccoli sicuramente non era tardissimo. Perfettamente l’orario non lo ricordo, saranno state le dieci e mezza.
CDV:
Per quanto tempo siete rimasti in quella zona?
CO:
Una mezz’oretta, quaranta minuti, il tempo che ha impiegato il carroattrezzi ad arrivare, quindi una mezz’oretta, una quarantina di minuti.
CDV:
Si ricorda il carroattrezzi che è arrivato che tipo era, com’era fatto? Aveva il gancio o aveva una di quelle pedane posteriori dove si tiravano le macchine su?
CO:
Quello che ricordo, se non sbaglio, è che la macchina è stata caricata sul carroattrezzi, quindi forse aveva una pedana? Non lo so bene.
CDV:
Si ricorda il colore?
CO:
No, questo proprio no.
CDV:
Senta, si ricorda se nel periodo in cui lei è rimasta lì nella macchina c’è stato un incidente, una macchina ha colpito un sacco, una macchina ha colpito delle persone?
CO:
No, non lo ricordo.
CDV:
Si ricorda qualche episodio particolare, una macchina scura...
CO:
No.
CDV:
...che ha fatto un sinistro? C’è stata una discussione fra persone per strada?
CO:
No.
CDV:
Lei ha detto di aver visto il cancello.
CO:
Sì.
CDV:
Davanti al cancello c’erano macchine parcheggiate?
CO:
Non ci ho fatto caso, non posso dire né di sì e né di no, non ci ho fatto proprio caso. Almeno, quando io ho visto il cancello, non ho guardato accuratamente. Non ci ho fatto caso.
CDV:
Quella zona, signora, era illuminata o era buia? Si ricorda?
GCM:
Scusi avvocato, quando dice “quella zona”...
CDV:
La zona dove stata lei con la macchina.
GCM:
Non il cancello.
CDV:
Mi sembra di capire... io le faccio vedere con il mouse, qui o qui o qui, non ho ben capito. Questa è l’entrata del parcheggio, questa è l’uscita.
INT:
No, l’uscita non c’è.
CDV:
Questa è l’entrata e questa è l’entrata, sono due entrate.
CO:
Dove ci trovavamo noi?
CDV:
Allora, questa è l’entrata superiore e questa è l’entrata...
CO:
Qua, accanto a questa ringhiera. Qui c’è una ringhiera forse?
CDV:
Sì.
CO:
Okay, quindi qua, accanto alla ringhiera eravamo. Credo che ci fossero le luci del parcheggio, però se intorno c’erano luci non lo ricordo.
CDV:
Ho capito. Senta, nel periodo in cui è stata a risolvere il problema della macchina, lei ha avuto modo di vedere Amanda Knox che è qui seduta accanto a me?
CO:
No.
CDV:
Non ho altre domande per ora, grazie.
GCM:
Per il controesame, prego Pubblico Ministero.
GM:
Lei ha detto che è rimasta ferma con la macchina, con i finestrini chiusi.
CO:
Probabilmente con i finestrini chiusi.
GM:
Probabilmente. E che, solo girandosi verso sinistra, lei poteva vedere il cancello della...
CO:
Mi sembra di ricordare, sì, che avrei dovuto girarmi.
GM:
Dal punto dove lei stava poteva vedere la casa di via della Pergola?
CO:
Io non ho proprio fatto caso che ci fosse una casa.
GM:
Voglio dire, cerchi di ricordare, lei poteva vedere solo una parete, la parete che dà verso l’incrocio o anche l’ingresso della casa?
LM:
Mi oppongo alla domanda perché la teste ha detto chiaramente che non ha visto la casa.
GM:
Io la domanda la faccio, se non l’ha vista... lei non l’ha vista, non ha guardato la casa.
CO:
No.
GM:
Non l’ha mai guardata.
CO:
No, io non ci ho fatto proprio caso che ci fosse una casa.
GCM:
Ci sono altre domande? La difesa di parte civile?
FM:
Signora, senta, un chiarimento che non ho capito. La macchina su cui si trovava lei era direzionata... lo vede quello stop in cima alla strada?
CO:
Sì.
FM:
Era direzionata verso lo stop o nel senso opposto?
CO:
Io vedevo l’entrata o l’uscita del parcheggio, quindi nel senso opposto. Cioè, il muso della macchina era verso l’entrata o l’uscita del parcheggio insomma, di qua.
FM:
Quindi era in giù la sua macchina? Cioè, la macchina dei suoi amici si trovava davanti o dietro di lei, la macchina ferma?
CO:
Dietro.
FM:
Okay. Non ho altre domande.
LM:
Dietro... dipende qual è il davanti.
GCM:
Ci sono altre domande? Prego, avvocato.
LM:
Volevo chiedere proprio questo, se può visivamente indicare con...
CO:
Sì. Allora, la macchina si trovava più o meno qui, io ricordo una ringhiera, quindi credo qui o qui insomma, e diciamo che la mia visuale era in questa direzione.
LM:
Quindi verso l’interno del parcheggio.
CO:
Verso l’interno del parcheggio, io vedevo le macchine che uscivano dal parcheggio, ecco, uscivano o entravano, adesso non lo ricordo, però quello era quello che vedevo.
INT:
Entravano o uscivano?
CO:
Non lo ricordo se entravano o uscivano, però io vedevo il parcheggio di fronte a me insomma.
LM:
Lei ricorda l’uscita del parcheggio dov’è?
CO:
No.
LM:
Non se la ricorda.
CO:
No.
GCM:
Non ci sono altre domande? Sì, prego.
CDV:
Di nuovo l’avvocato Dalla Vedova. Ma la macchina del suo amico, la macchina in panne dov’era esattamente?
CO:
Esattamente non lo ricordo, però più o meno, se non sbaglio, doveva essere da questa parte. C’era un incrocio.
GCM:
Verso l’incrocio lei segnala con il puntatore.
CO:
Sì, più o meno doveva essere da quella parte, precisamente adesso non è che me lo ricordo.
GCM:
Quindi non ci sono altre domande, possiamo congedare la teste.

Non ci sono altre domande; il teste viene licenziato.