Carlo Maria Scotto di Rinaldi's Testimony

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
DEPOSIZIONE DEL TESTE - SCOTTO DI RINALDI CARLO MARIA -
Key to abbreviations
GCM Giancarlo Massei Judge Presidente
CS Carlo Maria Scotto di Rinaldi Witness being questioned Owner of clothing store
INT Intervention
GM Giuliano Mignini Prosecutor Pubblico Ministero
LM Luca Maori Sollecito defense lawyer Avvocato
CDV Carlo Dalla Vedova Knox defense lawyer Avvocato
MC Manuela Comodi Prosecutor Pubblico Ministero
FM Francesco Maresca Counsel for Kercher family (civil plaintiffs) Avvocato

GENERALITA: Carlo Maria Scotto di Rinaldi, nato a Roma il 10 Aprile 1977.

GCM:
Il Pubblico Ministero ha fatto presente che è pendente un procedimento connesso a quello per il quale stiamo ora procedendo.
CS:
Sì.
GCM:
E quindi ex Art. e quindi il procedimento è così, è vera questa?
CS:
Sì sì.
INT:
Eventualmente collegato.
GCM:
Collegato sì. Quindi magari il signor Scotto di Rinaldi, deve essere assistito da un difensore, è stato individuato. Lei ha un difensore di fiducia?
CS:
Sì, ma non è presente oggi in aula, perché mi hanno chiamato come teste, quindi io non... non sono stato informato della...
GCM:
Possiamo nominare un difensore di ufficio immediatamente reperibile...
INT:
Fuori microfono.
GCM:
Sì, sì, certo. Magari possiamo richiedere il difensore di ufficio di turno che venga, sospendiamo questa attività e, magari, possiamo procedere a sentire altri, ecco, magari la richiamiamo non appena abbiamo reperito un difensore... Il dottor Lalli.
INT:
fuori microfono. Facevo presente se la difesa di Rudy può assistere al dibattimento a porte chiuse.
GCM:
Sono solo le parti che possono presenziare, sono solo le parti di questo processo che o chi per motivi di servizio deve restare in aula, quindi l'interprete ovviamente sì, i difensori, i consulenti abbiamo dato atto, i sostituti, anche i praticanti in quanto fanno parte dello studio, non ci sono questioni. E poi la... il personale di Polizia che è presente, ovviamente il cancelliere e ufficiale giudiziario, prego. Sì, dobbiamo spegnere sia l'audio che il video, quindi si procede a porte chiuse.
INT:
Presidente c'è una collaboratrice del professor (inc.) dello studio.
GCM:
sì sì d'accordo fa parte.
DEPOSIZIONE DEL TESTE - CARLO MARIA SCOTTO DI RINALDI -

GENERALITA: Carlo Maria Scotto di Rinaldi, nato a Roma il 10/4/1977 .

GCM:
Sì. Ecco, lei è stato citato come testimone, le è stata fatta già presente, che è pendente il procedimento collegato a quello attualmente in corso, in questa fase, procedimento a suo carico, quello collegato in relazione a tale situazione lei è assistito dal difensore, presente, Avvocato?
INT:
Fuori microfono.
GCM:
Difensore di ufficio o di fiducia?
INT:
Fuori microfono.
GCM:
Di ufficio oggi, le sue generalità le ha già indicate.
CS:
Sì, Carlo Maria, Scotto di Rinaldi, nato a Roma il 10/4/1977 .
GCM:
Lei in relazione alla situazione prima, che prima le è stata accennata cioè l'esistenza di un procedimento collegato a questo in corso a suo carico, ha la facoltà di astenersi, le si fa comunque presente quanto previsto dal 64, lettera c) cioè se lei decide di non avvalersi della facoltà di astenersi, ove dovesse rendere dichiarazioni relative a circostanze che possano integrare elementi di responsabilità a carico di altri, in relazione a queste circostanze lei potrà assumere l'ufficio di testimone con le garanzie e le incompatibilità di cui agli articoli 197 e 197 bis del Codice di Procedura Penale. Quindi lei intende avvalersi della facoltà di non rispondere o viceversa non si avvale di questa facoltà? Cioè intende risponde oppure dice: no, io mi avvalgo delle facoltà che la legge mi consente e, quindi, come le...
CS:
Posso rispondere, rispondo, rispondo.
GCM:
Quindi non si avvale della facoltà.
CS:
No assolutamente.
GCM:
Non si avvale di questa facoltà. Quindi, lei è testimone e come testimone deve dire la verità, deve leggere la formula.

IL TESTE A QUESTO PUNTO LEGGE LA FORMULA DI RITO.

GCM:
Prego, Pubblico Ministero.

Contents

Pubblico Ministero

GM:
Senta, lei è titolare della, di negozio d'abbigliamento?
CS:
Sì.
GM:
In Perugia, come si chiama?
CS:
Bubble.
GM:
Come?
CS:
Bubble.
GM:
Non è Discovery S.a.s.?
CS:
Sì. È la società.
GM:
Ecco, e dove si trova in che...
CS:
È in via Calderini 10.
GM:
Senta, da quanto tempo è titolare di questo?
CS:
Da dieci anni.
GM:
Senta, lei ha mai visto i due imputati, Amanda e Sollecito??
CS:
Sì.
GM:
Ecco, ci dica quando l'ha visti per la prima volta.
CS:
Li ho visti per la prima volta, quantomeno per quanto io ricordi, perché...
GM:
Sì.
CS:
Il giorno dopo, mi sembra... Anzi li ho riconosciuti il... due giorni dopo che praticamente sono venuti all'interno del mio negozio perché li ho visti in televisione. E li avevo visti, appunto, al negozio, mi sembra il giorno dopo che fossero stati accusati o quantomeno, anzi... pardon, spiego meglio, li ho visti il giorno dopo che è avvenuto l'omicidio, però non... mene sono... diciamo li ho riconosciuti dopo due giorni che sono stati arrestati.
GM:
Quindi li ha visti...
CS:
Esattamente.
GM:
Ecco, li ha visti il sabato 3 Novembre?
CS:
Esatto sì.
GM:
E a che ora circa?
CS:
Guardi, da quello che ricordo io sinceramente è passato parecchio tempo, era il tardo pomeriggio, verso le 18 non ricordo, perché sinceramente è passato tanto tempo, quello che diciamo sta a verbale, insomma quello che è l'orario preciso.
GM:
Lei ha dichiarato che sono entrati intorno alle 19...
CS:
19 okay.
GM:
Conferma?
CS:
Sì, sì, confermo, confermo.
GM:
Nel verbale, in data 8 Novembre...
CS:
Sì sì sì, no, confermo.
GM:
Per quanto tempo sono o rimasti all'interno?
CS:
Ma guardi, all'incirca, da quello che ricordo sinceramente, non posso essere preciso, perché purtroppo io il verbale, non ce l'ho, quindi da quello che ricordo io erano stati una mezz'oretta, all'incirca dentro al negozio.
GM:
Senta si ricorda che cosa, hanno fatto degli acquisti oppure?
CS:
Sì, hanno... Appunto Amanda ha provato dei vestiti.
GM:
Che cosa ha preso, si ricorda?
CS:
No, sinceramente i vestiti che ha provato, no anche perché io mi trovavo alla cassa e il negozio, praticamente, è due stanze divise.
GM:
Lei ha dichiarato, sempre in quel verbale, che ha acquistato una maglia e un perizoma.
CS:
Sì.
GM:
Lo conferma?
CS:
Sì, sì sì lo confermo.
GM:
Si ricorda ora?
CS:
Sì sì, no, sicuramente hanno acquistato ora nel dettaglio non, non ricordo cosa.
GM:
Comunque si ricorda di questa cosa?
CS:
Sì, sì, sì mi ricordo se è quello che dichiarai allora, sicuramente corrisponde a vero.
GM:
Ma ora, ora lei deve... quello che vale è quello che dice ora.
CS:
Sì sì è quello che hanno acquistato, sicuramente hanno acquistato questo.
GM:
E poi che cosa...
CS:
Ho una buona memoria ma purtroppo è passato tanto tempo, vedo tante persone ogni santo giorno quindi.
GM:
Ho capito, e che cosa è successo poi? Quindi, hanno pagato questi...
CS:
Sì, hanno pagato.
GM:
E hanno fatto queste spese, e poi?
CS:
Nulla, hanno semplicemente... Me li ricordo perché, appunto, dentro al negozio, si comportavano in maniera abbastanza tranquilla, disinibita, si abbracciavano, si baciavano come due fidanzati, insomma. Niente di...
GM:
Parlavano tra loro?
CS:
Ma io li ho visti soltanto davanti al bancone della cassa, io non... Non mi occupo della vendita, quindi.
GM:
Parlavano tra loro?
CS:
Sì sì tra di loro parlavano .
GM:
O in inglese?
CS:
No no inglese, inglese.
GM:
E che cosa dicevano?
CS:
Dicevano...
GM:
Quali parole ha colto lei?
CS:
Io mi ricordo soltanto quella parola che poi è uscita purtroppo su, su tutti i giornali, mio malgrado, nel senso che non...
GM:
Sì.
CS:
Non... quella parola che appunto è stata riportata sui giornali, cioè...
GM:
Ce la riferisca, ce la riporti.
CS:
Amanda aveva preso questo, questo perizoma, questo slip dalla... e mi ricordo che, appunto, Raffaele gli aveva risposto: "ah, okay so we can have good sex at home" o "hot sex at home" qualcosa del genere insomma.
GM:
Ce lo traduca.
CS:
Cioè che avrebbero fatto del sesso caldo, insomma del sesso a casa, insomma.
GM:
Ma quindi...
CS:
Tutto ciò però, diciamo, ammiccando insomma come...
GM:
Sì.
CS:
Nel senso non mi sembra niente di...
GM:
Si ricorda la frase esatta? Perché... Provi a ricordarsela se no.
CS:
Mi sembra che fosse proprio questa. Se non ricordo male.
GM:
Lei ha dichiarato, sempre in quel verbale, riferendosi all'acquisto: "dopo te le metti a casa e facciamo sesso selvaggio". È così?
CS:
Sì, va beh, questa è stata una traduzione, probabilmente che avevo fornito allora, però io le parole che mi ricordo sinceramente erano proprio queste "hot sex" però quello che mi ricordo io, cioè sinceramente è una traduzione...
GM:
Va bene, va bene.
CS:
Un'interpretazione ecco.
GM:
Va bene, senta e prima li aveva visti, lei li aveva... oltre...
CS:
No, prima di quel giorno, non li avevo mai visti.
GM:
No, prima nel negozio, ha detto che li aveva visti...
CS:
Sì, li avevo visti nel senso che la mia commessa, mi aveva fatto notare, scherzosamente, che appunto si stavano abbracciando, baciandosi, io guardi, io sinceramente ne ho viste tante dentro il negozio, quindi non mi è sembrato una cosa, diciamo, fuori dal comune.
GM:
E poi che cosa è successo?
CS:
Il loro atteggiamento.
GM:
Quindi lei li ha visti, ha detto il 3 Novembre.
CS:
Esatto.
GM:
Sabato 3 Novembre.
CS:
Sì.
GM:
Poi?
CS:
Poi è successo che praticamente, niente, il lunedì successivo, chiacchierando, col vigile di quartiere che è un mio caro amico, gli confidai: "ah guarda sono venuti quei ragazzi che avete arrestato." "ah, davvero!" "Sì" dice: "Ma tu hai le telecamere di sorveglianza?" ho fatto: "Sì ho le telecamere di sorveglianza" e niente, mi sono venuti a prendere, io ero tornato a casa a pranzo, mi sono venuti a prendere con la volante a casa. E sono stato tutto il giorno a disposizione della Polizia.
GM:
Era stato registrato questo, questo particolare?
CS:
Sì, esatto sì.
GM:
Cioè quello del pagamento oppure, oppure tutto quanto?
CS:
No, no no, solo la questione del pagamento perché io ho un'altra telecamera, nell'altra stanza, ma sinceramente non ripre... cioè non registra, riprende e basta.
GM:
Ho capito. E chi è che pagò quella sera? Si ricorda?
CS:
Oddio! Questa è una bella... una bella domanda perché...
GM:
Se ha pagato in contanti o meno?
CS:
No mi sembra in contanti. In contanti se non sbaglio.
GM:
Se lo ricorda?
CS:
Ma guardi, non ci giurerei perché purtroppo il verbale non... non l'ho più riguardato è passato ormai quasi un anno e mezzo, quindi.
GM:
Lei ha dichiarato che la ragazza ha pagato, in contanti.
CS:
Sì, sicuramente è così. Se lo dichiarai, allora, ero diciamo fresco di memoria, quindi.
GM:
Io non ho altre Domande.
GCM:
La difesa di Parte Civile?
FM:
Nessuna.
GCM:
Non ci sono domande. Il teste è comune alla difesa di Amanda Knox, mi sembra di rilevare. Prego, Avvocato.


Difesa - AVV. Maori

LM:
Signor Scotto di Rinaldi, che importo era? L'importo dell'acquisto.
CS:
Era un importo abbastanza esiguo, non... Non ricordo sinceramente, guardi io purtroppo il verbale non so se è dichiarato sul verbale, ma il verbale non ne ho una copia, quindi non posso.
LM:
No lei non ha dichiarato niente.
CS:
Abbia pazienza ma...
LM:
Parliamo di 10/15 euro?
CS:
Sì una cosa del genere, sì, penso.
LM:
Allora, parliamo adesso delle telecamere. Lei ha un sistema di telecamere a circuito chiuso?
CS:
Sì.
LM:
Ecco, ci può spiegare come funziona.
CS:
Sì.
LM:
Se c'è un macchinario che registra e se... e chi può prendere la registrazione.
CS:
La registrazione, che io sappia, possono appunto prenderle soltanto l'autorità.
LM:
No no mi deve dire il suo, il suo macchinario.
CS:
Sì, sì sì che io sa... sì è circuito chiuso, cioè non è collegato all'esterno, non ha connessioni Internet o cose delle genere.
LM:
E ci spieghi come funziona, cioè nel senso c'è una registrazione continua?
CS:
Sì, c'è una registrazione su un hard disk, è una registrazione, c'è un programma che praticamente fa funzionare due telecamere che registra, questi file su hard disk.
LM:
E lei signor Scotto di Rinaldi lo cambia questo hard disk oppure è continuò?
CS:
Pardon...
LM:
Cioè nel senso se cambia l'immagine, cioè nel senso se ogni giorno lei prende l'hard disk e lo rimuove, ne metto un altro?
CS:
No no assolutamente, l'hard disk, praticamente il programma autocancella le immagini dopo tre giorni dalla registrazione, a meno che non vengano fermate. Cioè nel senso non vengono bloccate.
LM:
Allora, nel caso di specie...
CS:
Come è stato in questo caso.
LM:
Nel caso di specie, lei ha detto al Pubblico Ministero che è stato, ha parlato con un suo amico.
CS:
Sì.
LM:
Gli ha fatto presente...
CS:
Un vigile di quartiere, un poliziotto.
LM:
Gli ha fatto presente del fatto che i due ragazzi erano arrivati.
CS:
Sì esatto.
LM:
Bene. Ecco, ci dica e ci spiega come poi è avvenuto l'incontro con la Polizia, chi è della Polizia che è arrivato, che cosa hanno fatto.
CS:
Sì. E niente, praticamente io sono... ho parlato con questo, con il vigile di quartiere, dopodiché sono tornato a casa a pranzo, mi hanno chiamato sul cellulare dicendomi che sarebbero... che stavano venendo a prendermi a casa, a prelevarmi a casa per andare a prelevare le immagini. Sono venuti a prelevarmi a casa, mi hanno portato al negozio e, c'era, appunto, mi sembra due agenti e un, un Commissario. Con una chiavetta hanno prelevato le immagini, hanno prelevato i file dell'immagine ovviamente delle registrazioni vere e proprie. Dopodiché sono... Mi hanno richiamato il pomeri... cioè dopo un'oretta, all'incirca, e sono dovuto andare in Questura perché non riuscivano a leggere i file. Non riuscivano a leggere i file perché il programma che appunto leggeva questi file era un programma che avevo io, cioè era un programma.
LM:
Sì.
CS:
Ho cercato di spiegargli come fare, insomma, a scaricare semmai il programma madre, da Internet, invece niente mi hanno riportato su un'altra volta con un, un poliziotto, con un agente della Polizia Postale e un Commissario di cui sinceramente non ricordo il nome. E praticamente l'agente della Polizia Postale ha riprelevato le immagini con un computer portatile suo. E niente.
LM:
E lei signor Scotto di Rinaldi ha per caso prelevato anche lei, personalmente, queste immagini?
CS:
No, assolutamente no, anche perché non so neanche come si fa. Cioè io personalmente...
LM:
Allora mi scusi, lei avrà visto, come ha visto penso la totalità di italiani e anche oltre che sono state trasmesse, mi sembra il 5 di Novembre.
CS:
Sì.
LM:
Da parte di numerosissimi reti, televisive, Italia1, eccetera le immagini all'interno del suo negozio.
CS:
Esatto.
LM:
Ecco, quindi, come sono arrivate alla...
CS:
Questo lo ignoro, guardi, io sinceramente...
INT:
Fuori microfono.
LM:
Beh non è irrilevante. Allora o le ha date il signor Scotto di Rinaldi o le ha date la Polizia non ce ne sono altri.
GCM:
Comunque, ecco, vale pur sempre l'articolo 198 comma 2, quindi, prego.
LM:
Certo. Lei sa signor Scotto di Rinaldi se è stato denunziato, se qualche Avvocato le ha scritto una lettera?
CS:
A seguito di questa...
LM:
A seguito di questo fatto?
CS:
Sì sì lei.
LM:
Lo dica.
CS:
Sì.
LM:
Certo, lo so perfettamente.
CS:
Sì.
LM:
E per quale...
INT:
Fuori microfono.
GCM:
D'accordo.
INT:
Fuori microfono.
LM:
Depositeremo poi la querela che abbiamo presentato nei confronti del signor Scotto di Rinaldi.
GCM:
Sì, ci sono altre domande.
LM:
Allora altra cosa, i due ragazzi, lei li ha sentiti parlare in maniera forte, in maniera decisa su quello che volevano fare?
CS:
No no parlavano tranquillamente tra di loro, mi sembravano... Parlavano come due fidanzati qualunque, insomma.
LM:
Cioè davano adito ad effusioni spinte? Facevano qualche cosa di particolari oppure...
CS:
No, sinceramente no, questo purtroppo è stato una interpretazione giornalistica, nel senso di quello che...
GCM:
Cioè se può dare descrizione del comportamento dagli stessi avuto nell'occasione.
CS:
Niente, si abbracciavano, si baciavano all'interno del locale, punto e basta. Cioè ho detto... sinceramente non, non mi è sembrato che dessero diciamo a...
GCM:
Si baciavano sulle guance, si baciavano?
CS:
Si baciavano anche sulle labbra, ma comunque per due fidanzati mi sembra una cosa del tutto comune, ecco.
GCM:
Quello che lei...
CS:
Niente di particolare.
LM:
Ma allora che cosa è che l'ha colpita tanto da avvertire il poliziotto di quartiere?
CS:
Io non ho avvertito il poliziotto di quartiere ho semplicemente...
LM:
Per cui ha parlato con...
CS:
È semplicemente venuto al negozio, perché è un poliziotto di quartiere che gira appunto per il centro storico e è stata una... tipo un pour parler, abbiamo detto: "oh, guarda sai sono venuti anche a comprare da me questi ragazzi che avete voi arrestato." dice: "ah, davvero?" "Sì" "Ah tu hai le telecamere di sicurezza" cioè è lui che se n'è accorto, io neanche ci avrei fatto caso sinceramente, è davvero così.
LM:
Poi in ordine alle esatte parole in lingua inglese, poi lascerò la parola al collega Dalla Vedova che molto meglio di me conosce l'inglese e potrà dire. Allora, la difesa Sollecito deposita la querela, che è stata presentata nei confronti di Scotto di Rinaldi per i reati di violazione della legge sulla privaci e altro, e è rubricato il procedimento alla Procura di Perugia, numero 9856 del 2007, PM Dottor Mignini.
GCM:
Si chiede di produrre poi le altre parti... Non ci sono altre domande Avvocato? Non ci sono. Prego se ci sono delle domande, dalla difesa di Amanda Knox. Prego.

Difesa - AVV. Dalla Vedova

CDV:
Sì. Senta signor Scotto di Rinaldi esattamente può dirci la data in cui lei si è accorto di avere questo video, del...
CS:
La data esatta non la ricordo. Il lunedì successivo... lunedì... Loro sono venuti il sabato è il lunedì successivo. Mi sono accorto di avere il video, cioè mi sono accorto, ho parlato con l'agente mi sembra.
CDV:
E lei si riferisce a che periodo? Non può essere più preciso? La data non se la ricorda?
CS:
Fine Novembre, no sinceramente no, la data precisamente non me la ricordo perché...
CDV:
A fine di Novembre?
CS:
Sì, quando praticamente furono arrestati, fu a pochi giorni dopo che furono arrestati.
CDV:
"Pochi giorni dopo che... Lei si ricorda quando ha fatto queste informazioni presso la Questura di Perugia?
CS:
Il giorno esatto?
CDV:
Sì.
CS:
No, sinceramente no.
CDV:
E lei si ricorda però che i due ragazzi avrebbero detto una frase in inglese?
CS:
Sì, quello me lo ricordo, sinceramente.
CDV:
E lei ha detto che la frase in inglese era riferita a hot sex?
CS:
Sì.
CDV:
Lei come la traduce in italiano, hot sex?
CS:
Sesso caldo.
CDV:
E come mai nel verbale però c'è scritto: facciamo sesso selvaggio, chi ha tradotto questa?
CS:
Guardi, sinceramente, probabilmente è stata anche una mia produzione allora, però nel senso è una traduzione sbagliata, però comunque io l'ho riferita in inglese, cioè agli agenti che mi... che mi interrogarono quel giorno gliela riferì in inglese.
CDV:
Senta, lei quando li ha sentiti parlare esattamente dove stava? Ha detto che stava vicino al bancone della cassa?
CS:
Sì, si vede anche dalle immagini non... Non so se ci avete adesso le immagini della telecamera, comunque.
CDV:
Che cosa si vede dalle immagini?
CS:
Dove stavo, quale era la mia posizione rispetto agli imputati.
CDV:
E cioè dove era?
CS:
Era vicino, sarà stato a 50 centimetri/60 centimetri non più, la distanza del bancone.
CDV:
Quindi lei conferma che era al di là del bancone quando loro erano di fronte a lei e lei ha sentito parlare?
CS:
Sì, esatto, esatto.
CDV:
Questo?
CS:
Sì.
CDV:
E questo risulta dalle immagini?
CS:
Risulta dalle immagini, nel senso che si vede dall'immagine la distanza, che intercorre tra me e gli imputati.
CDV:
Va bene.
CS:
Cioè potevo sentire, insomma.
CDV:
Senta, lei ha anche riferito che la sua commessa le ha riferito che i ragazzi si scambiavano delle effusioni nel...
CS:
Sì, sinceramente non l'ho vis... Cioè l'ho visto personalmente, dopo che la mia commessa me l'ha fatto notare, nel senso che io ero nella prima stanza, il negozio è diviso in due stanze.
CDV:
Come si chiamava la sua commessa?
CS:
Elisa.
CDV:
E il cognome?
CS:
Aspetti.
CDV:
Non se lo ricorda.
CS:
Proietti Vittore.
CDV:
Ma ancora adesso è commessa?
CS:
Sì sì come no.
CDV:
Senta, ma quindi la sua commessa, a un certo punto, viene da lei e le dice: ci sono dei ragazzi che si baciano?
CS:
Sì, cioè sì nel senso, ha detto: "uh, guarda quei du... " cioè nel senso non, non me lo ricordo più esattamente la frase che mi riferì.
CDV:
Non se lo ricorda.
CS:
Però mi fece notare appunto che c'erano due ragazzi che si stavano sbaciucchiando, ha detto "uh guarda". C'era, c'era parecchia gente all'interno della stanza, quindi ha detto: "uh, guarda ci sono... " Sinceramente non mi ricordo a che merito, però me lo fece notare così, nel senso... Poi c'era anche parecchia gente quindi probabilmente andai anche nella seconda stanza per notare, cioè per vedere se ci aveva bisogno di aiuto anche la commessa.
CDV:
C'era parecchia gente nel negozio?
CS:
Sì sì c'era parecchia gente, era un sabato pomeriggio, per fortuna...
CDV:
Lei ha anche la musica nel negozio?
CS:
Sì, però non è molto alta, non è altissima, una volta la tenevamo abbastanza alta adesso...
CDV:
Quel giorno era alta.
CS:
Onde tutelare le nostre... Non era altissima, sicuramente anche perché se no non avrei potuto sentire quello che si dicevano tra di loro o.
CDV:
Senta, invece i rapporti con i giornalisti ci può raccontare esattamente che cosa è successo?
CS:
I rapporti con i giornalisti, niente io mi sono trovato praticamente a... Io dopo che praticamente sono andato via dalla, dalla Questura mi hanno detto: "guarda mi raccomando... " era, diciamo tarda serata, stanco morto, perché tutto il giorno praticamente ero stato a disposizione loro, "mi raccomando (inc.) ti devi dimenticare assolutamente di quello che è successo", ho detto: "guardi io sinceramente prima mi mandate a casa meglio sto". Poi dopo una decina di giorni all'incirca mi arrivano i giornalisti a negozio, dentro il negozio, il negozio tra l'altro era pieno di confusione, perché ero andato il giorno prima a comprare, la sera prima a comprare, e quindi ero... dovevo sistemare, dovevo cercare di sbrigarmi insomma, e avevo parecchio lavoro da fare, da svolgere, e mi trovo tutti questi giornalisti davanti al negozio. Io a quel punto ho detto: "oddio che è successo?". Non ho... Non ho l'abitudine diciamo avere a che fare con la stampa, quindi non...
CDV:
Certo.
CS:
E niente, mi sono trovato i giornalisti davanti al negozio, e non sapevo cosa fare, e questi hanno incominciato a dire: "guarda che c'è il tuo verbale, è stato reso pubblico. Io ho detto: "ma reso pubblico che vuole dire?" "ah, sì sì guarda" e mi facevano vedere, la parte che era già stata pubblicata su un giornale, non mi ricordo quale se il Correre della Sera, sinceramente.
GM:
Ma c'è opposizione, queste sono domande che riguardano altri aspetti di questo... Non... Non sono domande che riguardano la vicenda per cui c'è il processo.
GCM:
Facciamo terminare.
LM:
È importante per capire la regolarità dell'indagine.
CDV:
Presidente, io la domanda se hanno avuto rapporti con i giornalisti l'ho fatta a tutti i testimoni che ho oggi.
GCM:
Sì, infatti.
CDV:
Oggi ho fatto la domanda: se aveva avuto rapporti con i giornalisti.
GCM:
Infatti, la domanda ha avuto accesso e il teste sta rispondendo. Concluda pure, quindi allora trova tutti questi giornalisti.
CS:
Non sapevo come fare a mandarli via sinceramente, mi avevano garantito di...
CDV:
Scusi, se la interrompo, ma lei ha detto che era stata pubblicata sui giornali, che cosa era stato pubblicato sui giornali?
CS:
Il mio verbale.
CDV:
Il suo verbale?
CS:
Sì, quello che avevo rilasciato alla Polizia.
CDV:
E come mai? Lei se lo sa spiegare?
CS:
No, sinceramente no.
GCM:
Prego, ci sono altre domande Avvocato?
CDV:
Sì.
GCM:
Prego.
CDV:
E poi il video è stato invece trasmesso anche, no? Il video.
CS:
Sì.
CDV:
Anche questo, chi ce l'aveva? Lei l'ha consegnato... Lei ha fatto una copia.
CS:
Io non ho consegnato niente a nessuno, non ho fatto copie, personalmente non ho fatto copie, cioè io quello che mi si dice di fare faccio.
GCM:
E su questo...
GM:
Qui si sta procedendo per... Qui si sta procedendo per omicidio...
INT:
Fuori microfono.
GM:
Io veramente...
INT:
Fuori microfono.
GCM:
Scusate, però magari Avvocato dovrebbe parlare al microfono altrimenti non viene, però se è questa opposizione se ne dà atto. Scusate, Avvocato. Scusi Avvocato su questa domanda comunque aveva già dato risposta nelle modalità relative a come la registrazione è stata... è stata acquisita attraverso la chiavetta e la copia effettuata.
CDV:
Io gli stavo chiedendo se e come mai lui, se era a conoscenza di come mai questo video è stato anche mandato in onda su varie testate televisive, lei non lo sa.
INT:
Scusi voglio formalizzare l'opposizione, a questa domanda. Riguarda il procedimento connesso per il quale lui è assistito oggi da me ex Art. 210.
GCM:
Il procedimento che reato riguarda, per?
INT:
Credo che il teste ce lo può precisare diffamazione a mezzo...
GCM:
Diffamazione e violazione della privacy.
GM:
Su querela fatta da loro.
GCM:
Sì sì, ha detto che ancora non l'abbiamo acquisita e comunque non ne abbiamo avuto lettura, abbiamo solo dato atto che c'è questo procedimento per diffamazione, quindi, e violazione della privacy. Quindi, ecco, su magari aspetti che possano riflettersi non ammettiamo le domande.
CDV:
Senta, lei avuto favori da parte dei giornalisti?
GCM:
Scusi Avvocato? Ha avuto?
CDV:
Ha avuto qualche favore da parte di questi?
CS:
Assolutamente no. Assolutamente no.
CDV:
Senta lei, ha riferito che si ricorda che la ragazza ha acquistato una maglia e un perizoma.
CS:
Sì.
CDV:
Si ricorda che colore era la maglia?
CS:
Guardi, sinceramente non so se l'ho riferito sul verbale, a un anno e non so quanti mesi dalla mia dichiarazione non posso ricordarmi io il verbale non ce l'ho.
CDV:
Ma lei si ricorda che ha comprato una maglia?
CS:
Dovrei andare a leggermi il giornale con il mio verbale pubblicato.
GCM:
No, scusi quello che ora ricorda, non si preoccupi.
CS:
No, non me lo ricordo.
GCM:
Non se lo ricorda.
CS:
Sinceramente no.
CDV:
Ma lei si ricorda, oggi, che hanno comprato una maglia?
CS:
Io ricordavo soltanto un paio di slip, perché è quello che è uscito su tutti i giornali. La maglia non me la ricordo più.
CDV:
E lei si ricorda che il paio di slip, era un paio di slip tipo tanga un perizoma?
CS:
Sì, un tanga, un perizoma sì, quello me lo ricordo.
CDV:
Lei si ricorda che colore era questo perizoma?
CS:
No, sinceramente no, il colore no.
CDV:
Senta, lei conosceva Patrick Lumumba?
CS:
No no, precedentemente no.
CDV:
Io leggo qui, dal verbale 8 Novembre 2 007, che lei invece ha dichiarato che "voglio precisare che Patrick lo conosco da diverso tempo, poiché frequentatori di locali pubblici di vista anche perché alcune volte è venuto al negozio...
INT:
C'è opposizione Presidente.
GCM:
Scusate, scusate.
INT:
Non c'è nessuna pertinenza, non c'è nessuna rilevanza, ma che significano queste domande?
GCM:
D'accordo ma evitiamo che le opposizioni vadano a interrompere la domanda che viene formulata. Quando la domanda è terminata magari ci sarà l'opposizione, altrimenti c'è un sovrapporsi di voci che non aiuta. Quindi, aspettiamo che la domanda termini e magari il teste viene fin d'ora avvertito di aspettare per rispondere, visto che c'è questo preannuncio, un preannuncio.
CDV:
Allora le ripeto, lei conosce Patrick Lumumba?
CS:
Conosco? Presente?
CDV:
Sì.
CS:
Sì.
CDV:
Quindi lei si ricorda anche di aver dichiarato nel verbale che lo conosceva?
CS:
Conoscere sì, di vista comunque, allora.
CDV:
E invece i due imputati li conosceva? Allora?
CS:
No, assolutamente.
CDV:
Quindi lei li ha riconosciuti come?
CS:
Li ho riconosciuti dalla... dalle immagini delle teleca... cioè dai telegiornali.
CDV:
Esattamente che cosa è successo, quando ha visto le telecamere, le immagini sulle telecamere le è venuto in mente un ricordo?
CS:
Sì, mi è venuto in mente che... cioè è stata una cosa abbastanza veloce, nel senso che loro sono stati arrestati ed io mi sto ricordato che il giorno prima erano venuti in negozio da me, tutto qua. Nel senso ho riconosciuto le facce, tutto qua.
CDV:
Ho capito.
CS:
Amanda era vestita nello stesso modo, quindi mi è venuta in mente per questo motivo.
CDV:
Ho capito. Senta, un'ultima circostanza che...
GCM:
Scusi, magari... Scusi Avvocato possiamo far precisare, cioè quando è entrata nel suo negozio e quando l'ha vista nelle immagini che la televisione mandava, era vestita allo stesso modo?
CS:
Allo stesso modo, esatto.
GCM:
È questo?
CS:
Sì.
GCM:
Prego Avvocato.
CDV:
E lei si ricorda come erano vestiti?
CS:
Mi ricordo che Amanda aveva una gonna, mi sembra bianca, larga, stile etnico se non ricordo male, sopra non mi ricordo più. Raffaele, sinceramente non, non me lo ricordo proprio, io ho riconosciuto più che altro lei, perché era proprio vestita allo stesso modo, da quello che mi ricordo io, e mi ricordo quello che mi ha fatto ricordare.
CDV:
Ho capito. Per ora io ho finito. Grazie, Presidente.
GCM:
Non ci sono altre domande. Se non ci sono domande...

Pubblico Ministero - Dr. Mignini

GM:
Riconosce, riconosce questi due ragazzi?
CS:
Sì sì.
GM:
Qui?
CS:
Certamente.
GM:
Sono i due imputati?
CS:
Certamente sì.
GM:
Va bene.
GCM:
Non ci sono altre domande... Prego, prego Pubblico Ministero.

Pubblico Ministero - DR.ssa Comodi

MC:
Volevo solo capire quanto tempo è passato da quando il poliziotto di quartiere, ha parlato con lei, cioè da quando lei ha fatto quella...
CS:
Sì.
MC:
Diciamo confidenza al poliziotto di quartiere, a quando la Polizia poi è venuta a prenderla.
CS:
Pochissimo.
MC:
Cioè lo stesso giorno?
CS:
Sì sì, lo stesso giorno.
MC:
Lo stesso giorno?
CS:
Sì, però non ricordo sinceramente, però mi scusi, se è il lunedì o il martedì, perché è passato troppo tempo, comunque era...
MC:
No no a me interessa solo il lasso di tempo intercorso da quando...
CS:
No no all'incirca un'oretta. Un'oretta da quando ho parlato con il poliziotto di quartiere.
MC:
Cioè, quindi lei ha parlato al poliziotto di quartiere...
CS:
Esatto.
MC:
... di questo episodio.
CS:
Sì.
MC:
Di aver visto, quindi Amanda e Raffaele il sabato precedente.
CS:
Sì.
MC:
Lo stesso giorno in cui poi la Polizia è venuta a prenderla...
CS:
Sì sì.
MC:
Ed è stato sentito?
CS:
Sì.
MC:
È stato sentito lo stesso giorno in cui è stato preso con la volante?
CS:
Esattamente sì. Sì la mattina ho visto il poliziotto di quartiere e, diciamo, subito dopo pranzo, anzi durante il pranzo, mi sono venuti a prelevare a casa e quindi sono rimasto fino alla sera poi in Questura.
MC:
Allora posto che il verbale è stato redatto l'8, è dell'8 Novembre, quindi, al poliziotto di quartiere ha fatto la confidenza l'8 Novembre?
CS:
Sì sì l'8 Novembre, assolutamente.
MC:
E prima di allora?
CS:
No no assolutamente nulla.
MC:
Grazie.
GCM:
Il teste è comune alla difesa di Amanda Knox, se ci sono domande, ma se non ci sono il teste viene congedato.
INT:
Presidente, sulla richiesta di acquisizione della querela.
GCM:
Certo, sì è rimasto in sospesa.
FM:
Io mi oppongo all'acquisizione della querela, perché ritengo che non sia collegata e connessa a questo procedimento. Ad ogni buon conto, siccome qualche udienza fa abbiamo parlato di altre querele presentate dalla famiglia Kercher e per il quale vi è un procedimento da cui ho ricavato in questi giorni dai giornali essere stato notificato in corso di notifica, avviso di conclusione indagini. Quindi, ritengo che per una sorta di par condicio se si acquisisce la querela satellitare a questo procedimento, di fatti diversi, comunque di informazione esterna di atti di questo procedimento si debbano acquisire tutti. Per cui, evidentemente, mi riservo la produzione di copia delle querele per cui vi è procedimento ormai al 415 bis, all'esito dell'acquisizione anche di questa querela che riguarda persona diversa ma che ha la stessa genesi, ovverosia l'ipotizzata diffusione e notizie all'esterno di questo procedimento di atti di indagine, grazie.
GCM:
Sì, la Procura se vogliono interloquire. Prego.
GM:
Non ha rilevanza, giustamente, però... Quindi, noi ci opponiamo comunque alla produzione della querela.
LM:
È un atto, è un documento che abbiamo prodotto e che ha rilevanza in quanto è stato sentito il testimone.
GCM:
Va bene, però evitiamo le repliche.
LM:
Non è replica.
GCM:
Va bene. Quindi l'atto di querela viene acquisito ex Art. 234, alla richiesta di acquisizione di altri documenti, la Corte si determinerà, si riserva di determinarsi alla messa alla richiesta di produzione di altri eventuali documenti.
INT:
Che farò alla prossima udienza con copia delle due querele, grazie.