Amanda Knox's Spontaneous Declarations

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
Key to abbreviations
DIF Unknown Unidentified Defense lawyer Avvocato
GCM Giancarlo Massei Judge Presidente
AK Amanda Knox Defendant
CDV Carlo Dalla Vedova Knox defense lawyer Avvocato
LG Luciano Ghirga Knox defense lawyer Avvocato
GB Giulia Bongiorno Sollecito defense lawyer Avvocato

Contents

February 13 2009

DIF:
C'è una breve dichiarazione di Amanda Knox.
GCM:
Amanda Knox si avvale dell'interprete che le abbiamo nominato. Poi c'era anche preannunciata l'acquisizione di quel documento e si disporrà.
AK:
Amanda Knox. Buongiorno, signor Presidente. Volevo fare un chiarimento brevissimo su questa questione del beautycase che dovrebbe essere ancora nel bagno a casa mia, non lo so. Esiste questo vibratore che avevo. E' uno scherzo, era un regalo da una mia amica prima che sono arrivata in Italia, è un piccolo coniglio di colore rosa di queste dimensioni...
GCM:
Di queste dimensioni...
AK:
Sì.
GCM:
10 centimetri.
AK:
E' così.
GCM:
No, per consentire la registrazione visto che il gesto non...
AK:
Scusi. Quindi è così. Volevo anche dire che sono innocente e che io ho fiducia che tutto verrà fuori, tutto si sistemerà, grazie.
GCM:
Possiamo sentire il prossimo teste. C'è una richiesta di acquisire il documento...
AV:
La richiesta Presidente era con la traduzione, non so se è la stessa della difesa Knox. Nel senso, io chiedevo l'acquisizione del verbale inglese con la traduzione redatta dall'interprete della Questura allegata.
CDV:
Invece la difesa Knox avvocato Delle Vedove chiede che venga acquisita questa fotocopia del documento in inglese olografo e che ne venga disposta dal Tribunale una traduzione giurata integrale di tutto il testo non solo del contenuto perché noi rileviamo che agli atti, esattamente al volume 3 da pagina 2.007 e 2.019, parlo dei documenti depositati alla fine dell'indagine, 415 bis, esiste un documento che noi contestiamo e che penso sia quello prodotto dalla parte civile...
GCM:
Non sappiamo se si parla dello stesso documento, ma si verificherà.
CDV:
Comunque riteniamo che ci siano due traduzioni che sono entrambe non regolari, addirittura una senza l'indicazione del traduttore, mentre questa che risulta essere agli atti così come ho detto al volume 3 dal foglio 2807 in poi risulta invece una traduzione da parte della signora Donnino Anna in servizio presso la Questura di Perugia di appunto presumo io l'originale questo documento. Ora fermo restando che oggi abbiamo discusso allungo di questo documento, quindi mi sembra l'unica maniera per dissipare qualsiasi ombra di dubbio sia fare una traduzione giurata del documento che non esiste, faccio cortesemente presente che la stessa traduttrice, la dottoressa Donnino, allega una nota dell'interprete a questo documento 9.1.2008 dove dice "il presente testo è una copia scannerizzata delle seguenti dichiarazioni rese da Robyn Carmel Butterworth" quindi presumo queste, perché poi allegate non ci sono queste, ma c'è una trascrizione di questo, "...risultante tuttavia linguisticamente scorretto il documento in quanto al momento della scannerizzazione.." racconta un problema di fotocopia. Ma comunque la sostanza è che il documento è linguisticamente scorretto. Presumo che questa sia la dizione tipica di chi fa questo mestiere, e quindi io la interpreto come illeggibile o comunque non si capisce. Poiché, ripeto, sempre questa traduzione è fatta su un documento trascritto, mentre l'originale mi sembra che sia stato fatto a mano, quindi olografo, io chiedo per dissipare di nuovo e chiedo anche, visto che abbiamo la dottoressa qui presente, che ci ha assistito quest'oggi, di incaricare la stessa e di dare il tempo di fare la traduzione di queste sette pagine.
GCM:
Intanto acquisiamo se c'è il consenso. Anche la parte civile, è lo stesso documento forse.
AV:
Presidente, io penso...
LG:
Io voglio completare l'intervento del mio collega, ma non completare, noi vogliamo...
GCM:
Scusate, per favore. Avvocato Ghirga, prego.
LG:
Ha ragione l'avvocato Delle Vedove, devo essere più chiaro. Ci sono varie dizioni delle traduzioni. Abbiamo avuto un piccolo problema chiarito nella pausa che quando la Corte si è ritirata io leggevo una parentesi e il Pubblico Ministero leggeva una parentesi. Che ci sia tutto per dire "questa è la dichiarazione del 4 novembre, questo è l'olografo, questo è tradotto, questo è in italiano" per vedere quello che c'è scritto anche nelle parentesi di cui parlavamo quattro, tre ore fa. Grazie.
GCM:
Avvocato...
AV:
Presidente, penso che alla fine ci si riferisca allo stesso documento. Vi è il documento manoscritto a cui faceva riferimento l'avvocato Dalla Vedova, vi è dello stesso documento una riproduzione in forma diciamo computerizzata, nel senso che viene riscritto con i caratteri del computer. Immagino vi sia una prima traduzione nell'immediatezza e forse la seconda sviluppata con più calma. Io ritengo che sia opportuno perché poi il contenuto delle due traduzioni è più o meno simile, e poi ne discuteremo, che venga dall'Eccellentissima Corte acquisito l'itero documento, ovvero sia il manoscritto, la successiva redazione con il computer e le due traduzioni in modo tale che sia completo. Vorrà poi la Corte decidere evidentemente su un ulteriore traduzione di un perito nominato sulla quale poi ognuno esprimerà il proprio parere, quindi io chiedo che venga acquisito l'intera documentazione.
GCM:
Magari inseriamole in cartelline separate, una della parte civile, una della difesa dell'imputato e una del PM così vediamo se si tratta degli stessi documenti per evitare anche...
CDV:
Solo una precisazione, Presidente. Gli atti sono già nel fascicolo del dibattimento, il documento che ho riferito io, questo del volume 3 mi sembra che dovrebbe essere già agli atti.
AV:
No, era per non riprodurre tutti quanti le stesse cose, perché sennò creiamo confusione.
CDV:
No, io faccio una precisazione, io non sto producendo, sto chiedendo che venga fatta una traduzione giurata dell'originale.
GCM:
D'accordo, ma per poterla fare ne dovremmo avere...
CDV:
Basta l'originale. Presidente, se lei deve fare una comparazione tra le traduzioni quello è un'altra cosa. Questa difesa chiede soltanto che l'originale così come accertato anche dalla testimone venga tradotto giurato e compreso Presidente, insisto, tutte le diciture legislative che sono nel formato inglese, quelle in riferimento alla legge inglese.
GCM:
Ai fini anche di dare un po' di ordine... Quindi la difesa di Amanda Knox chiede di produrre il documento...
CDV:
No, chiede di tradurre...
GCM:
Produce la fotocopia e chiede la traduzione.
CDV:
Sì, il documento che si produce, certo.
GCM:
Magari lo mettiamo a disposizione, sennò qui non riusciamo ad andare più avanti. Facciamo una cartellina, lo inseriamo. Questa è difesa imputata Knox, il documento, e ne chiede la traduzione.
AV:
Per precisione produco lo stesso documento con la successiva redazione con il computer e le due traduzioni, una immediata e una successiva. Grazie.
GCM:
Il Pubblico Ministero ha fatto già... Gliela mettiamo a disposizione intanto che le parti... Dunque, la Corte si riserva ogni determinazione sul punto, speriamo che l'interprete in questa parentesi si sia un po' riposata e possiamo riprendere. Facciamo venire il prossimo teste.

February 14 2009

AK:
Sì, proverò, grazie. Grazie a tutti, signor Presidente. Volevo soltanto dire che sentendo in questi giorni tutti questi testimoni dai miei ex coinquilini sono veramente e sinceramente dispiaciuta di sentire il fatto che dopo tutto questo tempo c'è certa esagerazione e certe cose sottoposte e quindi volevo soltanto dire che per esempio queste cose della pulizia. Questo è stato esagerato estremamente, non ero... Sì, io ho parlato con le ragazze, ma non era mai una cosa di conflitto, mai, infatti c'avevo sempre buoni rapporti con queste persone. Questo è perché io sono proprio disgraziata, dispiaciuta perché proprio... Non era così, quindi... Grazie
GCM:
Questa puntualizzazione, bene. Non ci sono altre testimonianze oggi da acquisire. Possiamo quindi...

February 28 2009

AK:
Grazie. Volevo soltanto dire che veramente sono molto dispiaciuta per quello che ho appena sentito da questa testimone perché francamente quello che dice non è vero. Nel senso che io ero trattata come una persona soltanto dopo che ho fatto delle dichiarazioni e basta, questo è quando loro mi hanno offerto di bere, di andare in bagno, di andare a prendere qualcosa da mangiare, prima di questo ero soltanto, io ero, come ho detto sempre prima e quindi soltanto voglio fare questo chiarimento, non ho niente da aggiungere e grazie per sentirmi, grazie.
GB:
Presidente scusi anche...

Immediately after Amanda Knox finished her spontaneous statement Raffaele Sollecito made one of his own. See: Raffaele Sollecito's Spontaneous Statement - February 28 2009

March 13 2009

Summary of Amanda Knox Statement

Amanda Knox addressed the court again claiming that the police officer and interpreters were not telling the full story. Amanda Knox tells the court that before she changed her story there was hours of earlier questioning when she maintained her story. Amanda Knox also claims that they were aggressive in asking about the text message. Amanda Knox told the court that they called her a stupid liar. Amanda Knox then said the interpreter told me that trauma makes it hard to remember and I should try to remember something. Amanda Knox then claimed that she was slapped on the head

At the conclusion of Amanda Knox's statements the Prosecutor asked that the transcript be sent to his office to be used against Amanda Knox for lying about public officials which is a crime in Italy. Amanda Knox was charged and the case is in progress


DICHIARAZIONI SPONTANEE DELL’IMPUTATA – KNOX AMANDA MARIE

Grazie signor Presidente, volevo insistere su un punto per me molto, molto importante. I testimoni stanno evitando ed anche negando i fatti sugli avvenimenti, sull’interrogazione nella notte del 5 e 6 novembre 2007. Volevo precisare alcuni elementi che per me sono importantissimi e non riesco a lasciare stare. Prima ci sono ore, ore ed ore che loro non dicono che io ho confermato sempre la mia stessa storia anche quando io ho detto che Raffaele avrebbe detto che io sarei uscita da casa. C’era questa insistenza aggressiva sul messaggio che ho ricevuto e che ho risposto da Patrick, proprio aggressivissimi! Hanno chiamato “stupida bugiarda”, da tutte le parti... anche c’era questa storia del trauma che questa Donnino mi ha raccontato e poi successivamente ha suggerito che questo sarebbe stata anche la stessa situazione per me. Nel senso che proprio mentre io non ricordavo bene perché io ero traumatizzava e così dovevo provare di ricordare qualcos’altro. Poi c’è questi scappellotti sulla testa che ho veramente ricevuto... è vero, mi dispiace, è così! Volevo dire queste cose, grazie.

PUBBLICO MINISTERO – DR. MIGNINI – A questo punto la Procura chiede la trasmissione al nostro ufficio delle dichiarazioni rese da Amanda Knox.

DIFESA - AVV. DALLA VEDOVA – La chiediamo anche noi effettivamente, se il Presidente ritiene che ci siano dei profili di accertamenti...

PRESIDENTE – C’è la richiesta della Procura.

PUBBLICO MINISTERO – DR. MIGNINI – Ci sono profili di reato.

DIFESA - AVV. DALLA VEDOVA – Profili di responsabilità senz’altro.

ORDINANZA

LA CORTE, sulla base della richiesta della Procura, dispone la trasmissione del presente verbale alla Procura stessa. Rinvia il procedimento all’udienza già indicata del 14 marzo 2009 ore 9.00 con la prosecuzione dell’attività istruttoria quale indicata dal Pubblico Ministero; tutte le parti sono invitate a comparire a detta udienza senza altra comunicazione; si dispone altresì per la traduzione degli imputati, si dispone altresì che anche l’interprete si ripresenti per detta data.

December 3 2009

DICHIARAZIONI SPONTANEE DELL’IMPUTATA - KNOX AMANDA MARIE IMPUTATA -
AK:
Grazie, mi sento di accogliere questo momento perché è mio diritto e alla fine il processo è tutto attorno a questa cosa e attorno a me alla fine.
GCM:
Scusi se vuole farla anche in inglese, come ritiene ecco c’è sempre l’interprete, come si sente più a suo agio. Prego.
IMP:
Okay, ho ripetuto in questi giorni di quello che volevo dire e mi è venuto in mente e ho scritto una domanda che forse è ancora perplessa tante persone perché alla fine tante persone mi hanno anche posato questa domanda e come riesci a stare così tranquilla, da mettere prima è che io non sono calma, in questi giorni io ho scritto su un foglio davanti a me che avevo paura di perdere me stessa che è stato ripreso e poi è andato in giro e cioè ho paura di essere definita quella che non sono e da atti che non mi appartengono, ho paura di avere una maschera di assassina forzata sulla mia pelle e per quanto riguarda le decisioni di contenermi questi due anni in carcere posso confessare che mi sento delusa, triste, frustata soprattutto perché queste decisioni mi sembravano di dire soltanto vediamo, tanti mi dicono che se io fossi in loro in questa situazione loro sarebbero già strappati i loro capelli, buttati giù, avrebbero preso la cella a pezzi e dico che non faccio queste cose, non mi strappo, non mi butto giù perché in questa situazione respiro e provo di cercare il positivo nei momenti importanti e lo so che questo momento è uno di questi momento perché in questo momento non come precedentemente si fa una vera decisione su un fatto, si deve capire e mi sento più in contatto con voi che... più vulnerabile davanti a voi ma sono fiduciosa e sicura nella mia conoscenza e per questo vi ringrazio perché voi mi avete fin qui seguito ma non soltanto direttamente ma indirettamente tramite i miei Avvocati, le Difese, la mia famiglia, i miei amici che (inc.) ragione, sono loro che mi salvano la vita tutti i giorni, giorno per giorno che io riesco a sopportare anche devo... ringrazio l’Accusa perché sinceramente loro stanno provando di fare il loro lavoro anche se non capiscono, anche se non riescono a capire perché loro stanno provando di portare giustizia a un atto che ha tolto una persona dal mondo e quindi ringrazio loro per questo che sto facendo, che loro stanno facendo ma la cosa importante adesso e che io ringrazio voi perché tocca a voi adesso. Così vi ringrazio, okay a posto.