Alessandra Formica's Testimony

From The Murder of Meredith Kercher
Jump to: navigation, search
DEPOSIZIONE TESTE - FORMICA ALESSANDRA -
Key to abbreviations
GM Giuliano Mignini Prosecutor Pubblico Ministero
AF Alessandra Formica Witness being questioned Encountered black man on night of murder
GCM Giancarlo Massei Judge Presidente
LM Luca Maori Sollecito defense lawyer Avvocato
DR Daniela Rocchi Defense Counsel for Raffaele Sollecito Avvocato
CDV Carlo Dalla Vedova Knox defense lawyer Avvocato
LG Luciano Ghirga Knox defense lawyer Avvocato

IL TESTE, AMMONITO AI SENSI DELL'ART. 4 97 CODICE DI PROCEDURA PENALE, LEGGE LA FORMULA DI RITO

GENERALITA: Formica Alessandra, Nata a Perugia il 16 giugno 1981 -

Contents

Pubblico Ministero - Dottor Mignini

GM:
Senta lei si ricorda quello che ha fatto la sera del primo novembre 2 007?
AF:
Si.
GM:
Ci racconti?
AF:
Mi trovavo a Perugia, ho parcheggiato nel parcheggio sopra la casa dell'omicidio.
GM:
Quando siete arrivati?
AF:
Adesso di preciso non mi ricordo, se non sbaglio faccio riferimento a quanto depositato, 8 e mezzo se non sbaglio.
GCM:
Scusi ma non si riesce a capire.
GM:
Li si ricorda l'orario in cui siete arrivati?
AF:
Di preciso non me lo ricordo, prima di cena, come ho depositato.
GM:
E dove dovevate andare, avevate un programma?
AF:
Sono andata in centro perché avevo prenotato di rimanere in centro.
GM:
Dove?
AF:
Nella via che dall'arco etrusco porta in centro. Il ristorante si chiama Il 7° Sigillo.
GM:
In via Ulisse Rocchi quindi?
AF:
Si in via Ulisse Rocchi.
GM:
Dove si trova di preciso questo ristorante in quella via, a metà?
AF:
In cima.
GM:
Salendo sulla destra?
AF:
Salendo sulla sinistra.
GM:
Senta a che ora siete arrivati in questo locale?
AF:
Siamo arrivati quasi subito dopo aver parcheggiato, ma era pieno.
GM:
Scusi, prima di tutto, non so se l'ha detto, era in compagnia di qualcuno?
AF:
Si ero in compagnia del mio fidanzato, e la macchina infatti non era la mia ma la sua.
GM:
Che si chiama?
AF:
Lucio Minciotti.
GM:
Quindi avete fatto via Ulisse Rocchi, siete andati al ristorante?
AF:
Si.
GM:
A che ora siete arrivati?
AF:
Ripeto, l'orario preciso, io faccio riferimento a quanto depositato, non me lo ricordo bene.
GM:
Lei dovrebbe cercare di ricordarselo, poi eventualmente?
AF:
Mi sembra alle 8 e mezzo, ma non vorrei sbagliare
GM:
Lei ha dichiarato il 12 novembre 2007 di essere arrivati lì alle 20.
AF:
Esatto.
GM:
Poi che cosa avete fatto?
AF:
Niente, siamo Andati direttamente al 7° Sigillo, era pieno di gente, abbiamo preso appuntamento per circa un oretta dopo, tre quarti d'ora dopo, e nel frattempo abbiamo fatto una vasca in centro. Era molto freddo e siamo rientrati...
GM:
Centro cioè per dove?
AF:
Il corso.
GM:
Corso Vannucci?
AF:
Si. Senza entrare da nessuna parte, semplicemente passeggiata.
GM:
Si ricorda che era freddo?
AF:
Freddo, tanto è che non abbiamo aspettato il tempo detto dal ristante, siamo ritornati al ristorante e abbiamo atteso dentro il ristorante.
GM:
A che ora?
AF:
Consumato ed uscito.
GM:
Aspetti, a che ora avete mangiato, avete iniziato a mangiare al ristorante?
AF:
Iniziato verso le 9 e 15, 9 e mezzo, non prima.
GM:
9 e un quarto, 9 e mezzo?
AF:
Si perché era passata un oretta.
GM:
C'era gente al ristorante?
AF:
Molta.
GM:
Molta gente?
AF:
Si.
GM:
Che cosa avete ordinato?
AF:
Allora io mi ricordo che ho mangiato dei gnocchi, o gnocchi o risotto fatto con il vino sagrantino, poi...
GM:
Non si ricorda con precisione?
AF:
Un particolare che dopo un anno non...
GM:
Lei ha dichiarato, se ora se lo ricorda, il 12 novembre sempre in quelle dichiarazioni rese alla squadra mobile, che avete mangiato un antipasto di verdure grigliate e due primi a base di gnocchi. Poi avete consumato anche un tortino al cioccolato all'interno?
AF:
Si.
GM:
Se lo ricorda ora?
AF:
Si il tortino senza altro, confermo.
GM:
Quindi alle 21.15, 21.30 avete iniziato?
AF:
Il tempo di mangiare e siamo...
GM:
Quanto è durato questo pasto?
AF:
Un oretta, giusto 10, 10 e mezzo per riscendere giù. La cosa che mi ricordo che alle 11 ero a casa.
GM:
Alle...?
AF:
Alle 11, 11 e un quarto ero a casa.
GM:
Lei abita in?
AF:
Castel del Piano.
GM:
Da Perugia a Castel del Piano quanto ci si mette?
AF:
Se non c'è traffico 15 minuti.
GM:
Quella sera c'era traffico ?
AF:
No.
GM:
Che cosa, siete scesi per via Ulisse Rocchi e poi siete andati verso il parcheggio?
AF:
Si, siamo scesi da via Ulisse Rocchi, facendo le scalette di piazza Grimana, quelle che rimangono sulla estrema destra.
GM:
Sulla destra, e a sinistra c'è un campo di basket?
AF:
C'è un... si, il campo di basket dove a volte fanno... ci giocano a basket, a c'è il mercatino, c'è una edicola. Noi eravamo sulle Scalette.
GM:
C'era gente in quel momento?
AF:
No, o forse... no, io non ho visto gente.
GM:
C'erano auto in sosta, autobus in sosta?
AF:
Si questo l'ho dichiarato, un auto in sosta praticamente diciamo in panne, perché questo al termine delle scalette.
GM:
Poi ora torneremo prossime auto in sosta. Quando stavate scendendo le scalette c'era, sulle scalette quindi non c'era nessuno?
AF:
Sulle scalette non c'era nessuno.
GM:
Poi che è successo?
AF:
Al termine delle scalette il mio ragazzo mi precedeva e io ero dietro, viene su un ragazzo, l'ho dichiarato...
GM:
Come?
AF:
Questo ragazzo come era?
GM:
Si?
AF:
Questo ragazzo aveva un giubbotto abbastanza pesante, sembrava un piumino.
GM:
Di colore?
AF:
Allora io non sono in grado di dire la sua nazionalità in quanto camminava a testa bassa. Posso dire una cosa....
GM:
Il giubbotto di che colore era?
AF:
Allora non era di carnagione chiara.
GM:
Andiamo per ordine. Il giubbotto che indossava di che colore era?
AF:
Il giubbotto scuro.
GM:
Allora questo ragazzo lei si ricorda di quale provenienza fosse?
AF:
Non sono in grado di dire la...
GM:
Non la nazionalità, perché diciamo...?
AF:
Lei dice il gruppo di appartenenza?
GM:
Che colore della pelle aveva?
AF:
Scuro, scuro, questo l'ho dichiarato, colore scuro.
GM:
Scuro vuol dire, che cosa significa?
AF:
Escludo il nero.
GM:
Di colore nero? Cioè lei scusi tanto...?
AF:
Una persona di colore ho dichiarato io.
GM:
Esatto. Di colore che cosa significa? Poteva essere un nord africano?
AF:
Assolutamente si, ma non nero, nero.
GM:
Scusi io dico, intendo, se uno parla di colore, lei intende quindi una persona diciamo che ha una coloritura intermedia, oppure... lei ha dichiarato?
AF:
Che tende dal marrone allo scuro.
GM:
Di colore?
AF:
Di colore.
GM:
Lei ha dichiarato di colore in effetti. Stava a testa bassa?
AF:
Stava a testa potassa, quindi non sono in grado di...
GM:
Scusi tanto per capirci, aveva la pelle scura?
AF:
Si.
GM:
Le scarpe se le ricorda come erano i pantaloni, e da dove veniva e dove era diretto?
AF:
Allora lui veniva dal basso, quindi o dalla via quella sotto stante appunto il parcheggio, o poteva venire dal parcheggio stesso, questo non l'ho visto, perché c'è l'angolo.
GM:
Quindi scendendo le scalette lui veniva dalla sua destra?
AF:
Si, si.
GM:
Lei l'ha osservato oppure se lè visto di fronte così per un...?
AF:
No, no, io non l'ho osservato, l'unica cosa che ci è rimasta impresso, è che ci ha urtato, non ha chiesto scusa, si è comportato come se nulla fosse successo, e ha proseguito.
GM:
Come, con quale velocità procedeva?
AF:
Andava di fretta e era solo.
GM:
Era solo?
AF:
Si.
GM:
Si dirigeva verso?
AF:
Come?
GM:
Dove si dirigeva, in che direzione?
AF:
Rifaceva le scalette, nel senso contrario di quello che avevamo fatto noi.
GM:
Ma correva?
AF:
Si, aveva fretta.
GM:
Ecco, voi vi siete voltati perché, per dire "ma non si chiede scusa?".
AF:
Noi abbiamo fatto un piccolo commento non rivolgendosi a lui, ma un piccolo commento nostro.
GM:
Che cosa avete detto?
AF:
Abbiamo detto: Certo che c'è gentaccia in questa zona, che nemmeno ti chiede scusa.
GM:
Voi l'avete osservato poi dove si è diretto?
AF:
No, perché non associavo a nulla. Cioè ho semplicemente detto: una persona scorretta.
GM:
Si ricorda che altezza avesse questo ragazzo?
AF:
Non era molto alto.
GM:
Come era grosso, magro?
AF:
Allora non era molto alto r'non era molto ciccione, ma di corporatura robusta, non so se mi posso spiegare.
GM:
Atletico diciamo?
AF:
Corporatura robusta, non so se è atletico o meno.
GM:
Senta poi voi siete scesi?
AF:
Abbiamo continuato a scendere
GM:
Questa era la parte finale delle scalette, siete scesi e che cosa avete visto?
AF:
Siamo scesi, noi abbiamo parcheggiato nella parte superiore quella della terrazza, per accedere alla terrazza devo fare la rampetta, poi davanti al parcheggio c'era una macchina, una station Wagon parcheggiata, sportello aperto, lui in piedi al telefono che diceva, parlava con qualcuno italiano quindi, ho sentito bene che parlava con qualcuno chiedendo aiuto, riguardo alla macchina che non gli ripartiva.
GM:
Senta ha guardato dentro la macchina?
AF:
Si, dentro la macchina c'era una donna con un bambino, allora preciso, con un seggiolino da bambino neonato, che ci fosse il bambino dentro o no, questo non lo so dire.
GM:
Stava dietro?
AF:
Stavano dietro.
GM:
La donna e questo seggiolino?
AF:
Si, non so descrivere né l'uomo c'è ha donna perché...
GM:
Volevo solo alla precisazione, lei ha detto davanti al parcheggio?
AF:
Si, nella zona quella che...
GM:
Nell'incrocio?
AF:
L'incrocio.
GM:
Scusi, lei ha detto alla squadra mobile: abbiamo notato un auto impanane nei pressi del locale Il Contrappunto.
AF:
È, ma il contrappunto è di fronte al parcheggio, è là.
GM:
Però è un po' sulla sinistra spostato. Se ben ricordo?
AF:
Si, si.
GM:
Quindi la macchina era davanti, vicino al contrappunto...?
AF:
In mezzo.
GM:
Stava in mezzo?
AF:
Si.
GM:
E quale direzione aveva questa macchina?
AF:
Oddio... mi sfugge, non sono capace... non me lo ricordo.
GM:
Cioè lei ha visto, era una station wagon?
AF:
Non me lo ricordo, non mi ricordo...
GM:
La parte anteriore dove guardava?
AF:
Non me lo ricordo, non mi ricordo nemmeno se l'ho deposto.
GM:
Ecco lei quindi, voi siete usciti dal ristorante alle circa 22 e 30 circa?
AF:
O poco più, o poco meno, l'orario è quello.
GM:
Poco dopo avete visto questa, avete incontrato questo ragazzo ed avete visto questa macchina?
AF:
Si.
GM:
Poi voi non avete visto altro, avete guardato nella casa?
AF:
No assolutamente no, perché non ci interessava, era molto freddo ripeto, sono entrata macchina, il mio ragazzo è sceso di sotto...
GM:
Pioveva, si ricorda?
AF:
No, non me lo ricordo.
GM:
Avete preso la macchina e siete andati via?
AF:
Si.
GM:
Lei non sa altro?
AF:
Ho atteso il ragazzo in macchina, è andato a pagare di sotto, risalito e siamo andati via. Riscendendo non ho notato nulla.
GM:
Un ultima cosa, questo ragazzo aveva la testa bassa?
AF:
Si.
GM:
Quindi lei l'ha visto per un attimo che stava a testa bassa?
AF:
Si.
GM:
Nessuna altra domanda.

Difesa - AVV. Maori

LM:
Signora lei legge i giornali?
AF:
Si li leggo.
LM:
Vede anche la televisione, telegiornali, quindi la parola "persone di colore" lei l'ha sentita più volte?
AF:
Si.
LM:
O anche l'ha letta sui giornali?
AF:
Si.
LM:
Per lei che cosa significa: Persona di colore?
AF:
Allora puntualizzo che persona di colore io intendo una persona che non... oddio è brutto e discriminante parlare di razze, una persona che non sia di colore europea.
LM:
Come il signor Lumumba persona di colore?
AF:
Lui è di colore, ma escludo a priori che la persona che ho incontrato era più scura.
LM:
Finiamo il discorso. Persona di colore è il signor Lumumba?
AF:
Ma anche un indiano può essere di colore.
LM:
Quel signore là è una persona di colore secondo lei?
AF:
È una persona di colore.
GCM:
Scusi Avvocato, faccia domande che ci consentono di capire le risposte. Lei quando disse: Persona di colore. Faceva riferimento a una persona, l'Avvocato ha fatto riferimento alla Parte Civile costituitasi e quindi è...?
AF:
Voglio precisare una cosa, appunto persona di colore potrebbe essere Lumumba Patrick, potrebbe essere quella persona che mi hanno indicato. Potrebbe essere Rudi, cosa che però escludo a priori, perché non mi ricordo che era in quel modo nera. Ecco. Adesso non mi ricordo se l'ho depositato o meno, ma è una che escludo a priori. O forse mi è passata inosservata, ma non collego a una persona nera.
GCM:
Non nera?
AF:
Escludo.
LM:
"mi è passato inosservata" che significa rispondendo alle domande del Presidente.
AF:
Come?
LM:
Lei ha detto adesso in questo istante: forse mi è passato inosservato. Che cosa significa? Ha risposo adesso al Presidente. Sono le sue parole?
AF:
Io ripeto, sono una persona che quando cammina non me ne frega niente della gente, io mi sono costituita volontariamente perché c'era una coincidenza di orari. Mi trovavo in quel posto in quel momento. Ho puntato più a quella macchina ferma, che a questa persona che correva, in quanto la mia deposizione non la ritengo importante, ma la ritengo un piccolo puzzle, pezzo di puzzle che attaccato ad un altro...
LM:
Lei si è presentata spontaneamente?
AF:
Si.
LM:
Prendiamo atto del suo senso civico. Lei ci può descrivere meglio come è stato questo incontro - scontro fra questa persona di colore...
AF:
Una semplice botta di spalla.
LM:
Faccia finire, io finisco la domanda e poi dopo lei ha la possibilità di rispondere come meglio crede. Questo incontro - scontro fra queste persone di colore che lei ha indicato di colore e il suo fidanzato?
AF:
Una semplice botta di spalla, uno strusciarsi, cosa che ci è sembrata...
LM:
Leggero?
AF:
Cosa che ci è sembrata molto strana, perché comunque sia le scalette sono grandi, forse una distrazione di questa persona che appunto andava di fretta.
LM:
Quindi uno strusciamento leggero?
AF:
Una persona distratta che non si rende conto di chi ha davanti e lo urta, ma leggermente, cioè non è che l'ha fatto con violenza.
LM:
Ce lo dice oggi a distanza di 16 mesi dal fatto, però il 12 novembre del 2007 lei le cose se le ricordava molto meglio, anche perché era andata quel giorno a testimoniare spontaneamente. Ha dichiarato alla squadra mobile: mentre scendevo quelle scalette, il mio ragazzo è stato urtato violentemente da un uomo di colore, che correva in maniera velocissima verso via Pinturicchio. Leggendo queste sue dichiarazioni sembrerebbe che il suo fidanzato sia stato urtato violentemente da una persona di colore, che noi intendiamo di colore nero di pelle.
AF:
Allora preciso, si tratta di una spallata.
LM:
Però lei ha detto: Violentemente. 10 giorni dopo i fatti il 12 novembre del 2007, lei ha parlato di urto violento. Era violento o non era violento, era vero quello che aveva detto quel giorno o non era vero. È stato riportato male o è stato riportato falso. Ci dica allora come sono avvenuti i fatti, e come mai lei ha sottoscritto il verbale di...?
AF:
Si tratta di una...
GCM:
Scusate, veniamo alla domanda. Allora lei ricorda questo urto, intanto abbiamo appreso che l'urto è intervenuto tra questo ragazzo e il suo ragazzo?
AF:
Si.
GCM:
Può anche dire il suo ragazzo quanto è alto, e dove è stato urtato?
AF:
Il mio ragazzo è poco più alto di me.
GCM:
Quindi è alto quanto?
AF:
Un metro 66 mi sembra.
GCM:
Dove è stato urtato e con quale parte?
AF:
La spalla.
GCM:
La spalla in alto?
AF:
Si.
GCM:
Questo ragazzo che correva come ora leggendo le sue precedenti dichiarazioni il difensore ricordava. Con quale parte l'ha urtata?
AF:
Se lui, se noi scendevamo e il mio ragazzo è stato urtato sulla spalla sinistra, quello che saliva l'ha urtato con la spalla sinistra.
GCM:
Sempre con la spalla? Serve solo per sapere quanto poteva essere alto. Perché lei non se lo ricorda quanto era alto questo ragazzo che saliva. Se lo ricorda?
AF:
Ho detto: non era una persona alta.
GCM:
Era più alto del suo ragazzo o meno alto, uguale?
AF:
Preferirei non scendere nei dettagli, ma mi ricordo che non era una persona alta.
GCM:
Lei non può scegliere se preferire o no, ma solo quello che ricorda.
AF:
Quello che ricordo che non era una persona alta.
GCM:
Non era alta, come il suo ragazzo, diciamo così?
AF:
Ma alta io intendo una persona 1.80. Una persona di statura media.
GCM:
Prego Avvocato, scusi.
LM:
E l'andatura di questa persona come era, come andava, come camminava?
AF:
La persona?
LM:
Si?
AF:
Ho detto, la persona andava molto di fretta, non si è nemmeno girata, cioè non lo so se l'ha fatto perché aveva la testa da un'altra parte, non lo so. Molto distratto e molto di fretta.
LM:
Lei a precisazione di quanto lei dice a memoria sua, in ha dichiarato: Come se fosse inseguito o comunque come se scappasse da qualcosa?
AF:
È stata una mia impressione, perché andava molto di fretta.
LM:
L'ha più rivista questa persona?
AF:
Non saprei riconoscerla.
LM:
Andiamo all'auto, non è stata molto precisa alle domande del Pubblico Ministero e le ha chiesto la collocazione di questa auto in panne. Abbiamo tutti presente dove è il Contrappunto, che si trova di fronte alla casa del delitto. Questa auto dove si trovava?
AF:
Più nella parte del parcheggio, proprio l'entrata fra il contrappunto e il parcheggio, una di fronte all'altro, più verso il parcheggio.
LM:
Quindi tenendo sulla destra la casa del delitto, la macchina era sulla parte destra o sulla parte sinistra?
AF:
Tenendo la casa sulla destra?
LM:
Alla sua destra c'è la casa del delitto, l'auto si trovava?
AF:
È normale che la macchina sta a sinistra.
LM:
No non è normale, dove si trovava la macchina? Lei non deve dire se è normale o no, deve collocare dove si trovava l'auto?
AF:
Verso la sinistra.
LM:
Quindi dalla parte sinistra?
AF:
Si.
LM:
Intorno a questa auto chi c'era?
AF:
C'era una persona con lo sportello aperto che parlava con qualcuno al telefonino dicendo, per quel poco che ho seguito e del discorso, perché non ero interessata, ma ho capito benissimo che la macchina non gli ripartiva e stava chiedendo aiuto.
LM:
Persona di sesso?
AF:
Maschio quello che parlava, la donna era dentro, dietro.
LM:
Ultima cosa, se ricorda bene c'era l'interno di questa auto, c'era una donna ed anche un'altra persona?
AF:
No, io ho detto c'era una donna e un, quello che mi ricordo, un...
LM:
Lei ha dichiarato adesso in questo momento...
GCM:
Scusi Avvocato, lasciamo finire prima e poi eventualmente fa la contestazione. C'era una donna e?
AF:
C'era una donna e un porta bimbo, un nido praticamente.
GCM:
Lo teneva in braccio la donna... questo portabimbo dove stava in braccio?
AF:
Vicino alla donna.
GCM:
C'era qualcuno in questo porta bimbo o era vuoto?
AF:
Questo non me lo ricordo.
GCM:
Prego.
LM:
Le contesto che lei ha dichiarato il 12 novembre 2007: non ricordo modello dell'auto, ma seduta sul sedile posteriore c'era una donna e un neonato. Allora se lo ricordava che c'era un neonato?
AF:
Io in questo momento non me lo ricordo più.
GCM:
Però quando rese quelle dichiarazioni diceva ha verità?
AF:
Certo, l'ho fatta volontaria.
LM:
Al momento niente altro.

Difesa - AVV. Rocchi

DR:
Senta lei ha dichiarato che è arrivato al parcheggio intorno alle 8, ma guidava lei?
AF:
No.
DR:
Nemmeno quando siete arrivati guidava il suo fidanzato?
AF:
La macchina è la sua e guidava lui.
DR:
Quando siete andati via?
AF:
Guidava lui.
DR:
Quindi lei ha dichiarato che si ricorda soltanto che alle 23 era già a casa?
AF:
Si.
DR:
È stato il suo fidanzato ad accompagnarla?
AF:
Si, si.
DR:
Ci può dire esattamente che strada avete fatto per tornare a casa?
AF:
Allora di sicuro noi siamo ritornati in piazza Grimana...
DR:
Dico quando avete preso la macchina?
AF:
Tu vuoi sapere tutto il percorso?
DR:
Si.
AF:
Siamo scesi dal parcheggio, abbiamo rifatto la strada sotto, siamo risaliti in piazza Grimana, siamo scesi davanti alle università, non mi ricordo come si chiama quella via.
GCM:
Siete scesi davanti all'università per stranieri?
AF:
Si.
GCM:
Poi?
AF:
Poi c'è subito un vicoletto, si scende, si passa.
GCM:
Prima del semaforo?
AF:
Esatto. Si passa davanti all'università, ci si trova sulla rotonda quella di elce, quasi vicino alla rotonda di elce, si scende e si fa la parallela a quella di viale Mario Angelini e si arriva alla stazione. Se adesso dalla stazione abbiamo deciso di fare.
GCM:
Credo che non interessa ulteriormente dalla stazione in poi.
AF:
Fino a Pontivegge, dopo oltre Pontivegge non mi ricordo quale abbiamo fatto e se siamo passati per Madonna Alta e per via 7 Valli...
DR:
Quindi dalla stazione a casa sua diciamo che è un quarto d'ora?
AF:
Ma un quarto d'ora?
AF:
Ma un quarto d'ora proprio anche dal centro, cioè la sera se non c'è traffico ce la fai tranquillamente.
DR:
Nessuna altra domanda.
??:
La strada che si fa per andare in carcere praticamente?
AF:
Assolutamente si. La strada che da Perugia porta in carcere, prima del carcere c'è il semaforo, io entro a Castel del Piano.

Difesa - AVV. Dalla Vedova

CDV:
Dunque lei ha raccontato che quella sera faceva particolarmente freddo, però non si ricorda se per pioveva, può essere più precisa?
AF:
Non me lo ricordo.
CDV:
Quando voi siete arrivati alle 8, avete parcheggiato la macchina nel parcheggio esattamente dove, si ricorda?
AF:
Si, me lo ricordo, sul terrazzane, non verso il muro delle cose, ma verso la casa.
CDV:
Quindi nella parte del parcheggio?
AF:
Nella parte dove c'è la ringhiera.
CDV:
Quindi esterna non nel parcheggio quello sotto?
AF:
Questo l'ho precisato anche prima. Nel terrazzane, nella parte, allora nel terrazzane non verso il muro delle case, ma sulla parte esterna del terrazzane, quella che guarda appunto la casa. Non mi ricordo bene il verso. Cioè se la macchina guardava avanti o verso l'interno del parcheggio.
CDV:
Senta ma quando lei è arrivata alle 2 0 ed avete parcheggiato con il suo ragazzo la macchina, ha notato qualcosa nella villetta di via Pergola?
AF:
No, proprio non ho guardato di sempre.
CDV:
Senta poi un'altra circostanza. Esattamente a che punto delle scalette ci sarebbe stato questo urto?
AF:
Quasi alla fine.
CDV:
La fine verso piazza Grimana o la fine?
AF:
Fine scendendo. Anche perché avrei visto meglio il personaggio, invece proprio alla fine ce lo siamo trovati davanti.
CDV:
Senta la macchina che ha visto in panne, si ricorda che tipo era?
AF:
Allora io mi ricordo che era lunga, quindi assolutamente una station wagon.
CDV:
Una familiare?
AF:
Si.
CDV:
C'erano altre macchine?
AF:
Non me lo ricordo.
CDV:
Neanche sulla strada di via Pergola?
AF:
Ma quella la via Pergola non la vedo io, se non dopo quando esco, quando esco non ho notato nulla.
CDV:
Anche quando avete ripreso la macchina dal parcheggio ha notato nulla?
AF:
Quando sono uscita non ho notato nulla.
GCM:
Lei sa quale è via Della Pergola?
AF:
Via Della Pergola non è quella sotto il parcheggio che porta alla casa?
GCM:
Quella asfaltata lei dice via Della Pergola che sale, oppure quella che scende. Lei sa dove è la villetta, dove è stato...?
AF:
Sotto al parcheggio.
GCM:
Sotto al parcheggio, e ci si accede con una stradina?
AF:
Si.
GCM:
Che non è asfaltata?
AF:
Ma io non ci sono passata là.
GCM:
Su quella stradina asfaltata non ha visto nulla?
AF:
No, no, proprio non l'ho nemmeno osservata.
GCM:
Che finisce davanti ad un cancello?
AF:
Non lo so.
CDV:
Senta sempre sul capire meglio la logistica, lei è passata per piazza Grimana, ci può dire quante volte quella sera?
AF:
Una volta andare su, una volta andare giù.
CDV:
Più o meno a che ora quindi, la prima e la seconda?
AF:
Quindi subito dopo aver parcheggiato e dirigendomi in centro per andare al ristorante, subito dopo aver mangiato riscendendo per andare a riprendere la macchina.
CDV:
Quindi se ha parcheggiato la macchina alle 8, più o meno alle 8 e 10?
AF:
Gli orari sono quelli, 8, 8 e mezzo, 10, 10 e mezzo. Il tempo di parcheggiare, il tempo di riprenderla.
CDV:
C'era gente in piazza Grimana quella sera?
AF:
Io sono molto distratta, a me mi sembra che non c'è, infatti non ho depositato di aver notato nessuno. Cioè io non guardo.
CDV:
Lei ha avuto contatti con i mass-media?
AF:
Con?
CDV:
Con i giornalisti, mass-media, giornali, televisione?
AF:
Purtroppo si.
CDV:
Ci può raccontare esattamente?
AF:
Il contatto che ho avuto?
CDV:
Si, che cosa è successo?
AF:
Circa 2 - 3 giorni dopo che io ho fatto la deposizione volontaria, sono stata contattata da una signora, una certa Sabrina, non ricordo il cognome, non ricordo per chi lavora, ma per una società di Roma, che sta in contatto sia con l'America sia con l'Inghilterra. Mi ha chiesto più volte di fare qualcosa, di fare una testimonianza, di partecipare. Questo l'ho escluso a priori. Abbiamo fatto una chiacchierata come credevo che fosse la vita universitaria, gli ho fatto una risata perché gli ho detto: Io non faccio l'Università, faccio... cioè io lavoro.
CDV:
Che occupazione ha lei?
AF:
Io sono geometra.
CDV:
È impiegata?
AF:
In quell'epoca ero impiegata, adesso faccio l'assicuratrice anche.
CDV:
Quindi questa giornalista le chiedeva?
AF:
Si, abbiamo mangiato, non nego, abbiamo mangiato più volte insieme, si è parlato molto spesso di come...
CDV:
Ma quante volte avete mangiato insieme, 2 o 5?
AF:
2 o 3. Mi sembra un caffè e poi due volte abbiamo pranzato insieme, ma così veloce perché ci siamo incontrate.
CDV:
Pagava il giornalista o ha pagato lei il costo del cibo?
AF:
Ha pagato lei.
CDV:
Grazie. Poi l'ha rivista, ha visto anche altri giornalisti?
AF:
Lei mi ha presentato dei giornalisti inglesi, ma io non c'ho parlato, era lei che riferiva a loro. Quindi non so che cosa.
CDV:
Comunque tutto questo prima del 12 novembre?
GCM:
Lei il 12 novembre verosimilmente, scusi Avvocato cosa sono le sommarie informazioni?
AF:
Esatto.
GCM:
Lei ricorda se questi incontri si sono verificati prima o dopo che lei si sia recata a rendere le sommarie informazioni?
AF:
L'ho precisato come potiamo iniziato il discorso, sono stata contattata da queste persone circa dopo due settimane che io ho fatto la deposizione.
GCM:
L'aveva già detto.
CDV:
Mi era sfuggito. E dopo di questo ha avuto altri contatti, altri inviti?
AF:
No.
CDV:
Senta il suo fidanzato come si chiama?
AF:
Lucio Minciotti.
CDV:
Le risulta che lui ha reso delle, è stato sentito dai inquirenti?
AF:
Si è stato chiamato successivamente, non da molto.
CDV:
Successivamente a lei?
AF:
Io sono andata a depositare volontariamente, lui...
CDV:
Il 12 novembre 2 007?
AF:
Io le date non me le ricordo, abbiamo dei documenti, vediamo quando abbiamo, quando ho depositato. Successivamente è andato il suo fidanzato?
AF:
Non è andato volontariamente, è stato chiamato dalla Squadra.
CDV:
È stato chiamato?
AF:
Si, si è presentato e hanno parlato.
CDV:
Si ricorda da chi è stato chiamato?
AF:
Come?
CDV:
Si ricorda di chi, da quale persona, da quale ufficio è stato chiamato?
AF:
Da chi lui è stato chiamato?
CDV:
Si?
AF:
Mi ha detto che andava presso la squadra mobile, non so con chi abbia parlato.
CDV:
Senta quando avete ripreso la macchina, avete sentito dei rumori sul parcheggio?
AF:
No, perché noi eravamo privi di sospetto.
GCM:
Se avete sentito rumori, rumori non ne avete sentito?
AF:
No.
CDV:
Rumori di nessun genere?
AF:
No.
CDV:
C'era un carro-attrezzi quella sera per il signore con la macchina in panne, lei era presente?
AF:
Ho sentito che lo chiamava, ma non ho visto nessun carro- attrezzi.
CDV:
Quindi il conducente della macchina in panne ha chiamato un assistenza?
AF:
Chiedeva assistenza, probabilmente poteva chiamare un carro attrezzi, non ho visto nessun carro attrezzi.
CDV:
Io per ora ho finito, grazie.

Difesa - AVV. Ghirga

LG:
Proprio in relazione al fidanzato che è uno dei testi sentiti con l'attività di integrazione probatoria 430 del Pubblico Ministero dopo il rinvio a giudizio, dato che ha fatto il nome Minciotti Lucio. Le chiedo una cosa, ha detto che è di colore, abbiamo capito che cosa vuol dire, ha detto che non sa dire l'altezza. Era giovane, media età, anziano. Perché il fidanzato richiama l'attenzione su un connotato anagrafico. Era giovane questo ragazzo di colore, era non tanto giovane, era anziano?
AF:
Ripeto, non ho, non sono capace di dire il volto di questo ragazzo.
LG:
No il volto, va bene certo anche dal volto.
AF:
L'unica cosa che mi ha colpito è che era di colore, e ci siamo chiariti su che cosa intendo per colore. Non so dire altro.
LG:
Io le chiedo, era giovane questa persona?
AF:
Non vedendo una persona i lineamenti, come faccio a dire se è giovane o meno?
GCM:
Se lo sa o no, non è che deve...
LG:
Se lo sa o no, perché...
AF:
Non lo so.
LG:
Grazie.
GCM:
Non lo sa dire.

Pubblico Ministero - Dottor Mignini

GM:
Senta questa giornalista per caso era Sabrina Castelfranco?
AF:
Ho detto che si chiamava Sabrina, si.
GM:
Senta lei si è presentata spontaneamente in Questura?
AF:
Si.
GM:
Ha avuto per questa sua decisione ha avuto problemi, diversità di opinioni con il suo fidanzato o no? Cioè il suo fidanzato era d'accordo che lei si presentasse, dichiarasse?
AF:
Allora...
GCM:
Scusi, prima ne avete parlato di questa con il suo fidanzato. Poi risponde alla domanda perché.... Ne ha parlato?
AF:
Con il mio fidanzato?
GCM:
Si.
AF:
Prima della deposizione io e il mio fidanzato ci siamo lasciati in quel periodo. Quindi lui non era al corrente che io andavo a depositare. Stiamo insieme ed ora sa che ho depositato, infatti dopo è stato richiamato.
GM:
Ma lei ha manifestato il suo dissenso, la sua contrarietà a che lei venisse a deporre, che lei si presentasse, che venisse a deporre?
AF:
No, lui non mi ha detto "assolutamente non andare", lui ha detto: secondo me non siamo persone con indizi importanti. In quanto abbiamo incontrato una persona, ma non sappiamo descriverla, in quanto c'era una macchina, ma non sappiamo nemmeno descrivere la macchina. Abbiamo dei orari più o meno che vanno dalle 8 e mezzo alle 9 e mezzo e dalle 10 alle 10 e mezzo.
GM:
Cercando di ricapitolare, relativamente a questa persona che avete incontrato, era una persona di sesso maschile. Lei ha detto un ragazzo, prima ha detto un ragazzo...?
AF:
Si era un ragazzo.
GM:
Non era troppo alto?
AF:
Esatto non era alto.
GM:
Era robusto lei ha detto?
AF:
Una persona robusta.
GM:
Ha detto era di colore. Poi di fronte alla domanda che lei ha detto che persona di colore, lei ha visto solo che era di colore, non ha visto altro?
AF:
È stato un attimo, quindi ho notato solo quello.
GM:
Può descrivere i tratti del volto di questo?
AF:
Non sono capace di descrivere i tratti del volto.
GM:
Ma non è capace perché l'ha visto in fretta altrimenti per un brevissimo istante, e perché stava a testa bassa, oppure perché era distratta, lei ha detto che non guarda?
AF:
Per tutti e due le cose.
GM:
Quindi può dire solo che era di colore, e di colore significa, lei ha fatto riferimento a due persone qui, uno che non conosciamo e che però qui non ha, indicarlo non ha senso, perché non lo conosciamo, quindi la persona che conosciamo tutti e che lei ha descritto come di colore è Patrick Lumumba, di colore vuol dire di provenienza africana diciamo generalmente?
AF:
Africana, indiano.
GM:
Lei è in grado di descrivere, lei ha detto che lei non è in grado di descrivere i tratti del volto, da che cosa desume questa. il fatto che fosse africano o indiano, questo ce lo dica. Indiano poi ci sono tante varianti, perché mentre nell'ambito africano siamo, è sempre omogeneo il discorso. Quindi lei che cosa ha visto, da che cosa ha tratto la conclusione che era di colore questa persona?
AF:
Allora andava di fretta. In una frazione di secondo in quanto non sono fisionomista, io non so dire se aveva gli occhi chiari, scuri, se il lineamento etc., se aveva molti capelli o meno.
GM:
Lei non ha visto il volto.?
AF:
La cosa di impatto.
GM:
Scusi, non ha visto il volto lei, o l'ha visto?
AF:
L'ho visto ma non so dire i connotati, l'ho visto e ho focalizzato solamente il colore.
GM:
Non saprebbe riconoscerlo?
AF:
Assolutamente no.
GM:
Quindi di colore può essere la persona che conosciamo come Patrick Lumumba o la persona che lei ha indicato che noi non conosciamo?
AF:
Una persona di. non nera.
GM:
Non lui?
AF:
No, no non sono in grado di dirlo chi è.
GM:
Della sua etnia diciamo così?
AF:
Si.
GM:
Nessuna altra domanda.

Parte Civile - AVV. Maresca

FM:
Una sola domanda, proseguo su questo argomento. Il concetto per lei di persona di colore, è il medesimo oggi rispetto a quanto è stata sentita. Non è cambiato?
AF:
Cioè il concetto...
FM:
Il concetto di colore di persona di colore per lei oggi, è lo stesso di quello che aveva?
AF:
Certo.
FM:
Nessuna altra domanda.

Difesa - AVV. Mauri

LM:
Prima alle domande dell'Avvocato Della Vedova e del Pubblico Ministero, lei ha parlato di questa giornalista che l'ha...?
AF:
Sabrina.
LM:
Che è l'ha contattata?
AF:
Si.
LM:
Si ricorda più o meno la data, più o meno, tenendo presente il giorno in cui ha rilasciato dichiarazioni al sostituto commissario Napoleoni il 12 novembre?
AF:
Quando io ho parlato con questa Sabrina?
LM:
Si?
AF:
La data precisa non la so, ricordo...
LM:
Lei ha...?
AF:
Dopo la deposizione volontaria.
LM:
Quanto tempo dopo?
AF:
Una settimana, 2 settimane, non di più.
LM:
La mia domanda era fatta apposta per poi dopo presentare questa ulteriore domanda e specificazione. E questa giornalista le ha detto come era arrivata a lei questa giornalista?
AF:
Tramite la squadra mobile.
LM:
Quindi la squadra mobile aveva detto?
AF:
Quello che mi ha detto Sabrina.
LM:
Allora ci dica, è interessante la cosa visto che erano verbali che non dovevano essere a conoscenza...
AF:
Dopo io non so se è vero...
LM:
Vediamo allora di conoscere, di capire come...
GCM:
Scusi gliel'ha detto la giornalista che aveva saputo il suo nominativo dalla squadra mobile, oppure lo desume lei, oppure qualche altra?
AF:
Perché io curiosa ho detto: ma chi te l'ha detto? Mi fa ormai tu hai depositato spontaneamente, quindi noi siamo venuti a sapere.
GCM:
Le rispose questo? Quello che le rispose la giornalista. Questo le rispose?
AF:
Esatto.
GCM:
Che cosa le ha detto la giornalista?
AF:
Che è venuta a sapere dalla squadra mobile.
LM:
Dalla squadra mobile nella persona di qualcuno?
AF:
No.
LM:
Nella persona di chi l'ha sentita?
AF:
In questione generale mi ha riposto.
LM:
Perché risulterebbe che lei è stata sentita soltanto da una persona. È possibile quel giorno?
AF:
Come?
LM:
Lei si ricorda se è stata sentita da uno o più persone, poliziotti?
AF:
No, no. Io adesso non mi ricordo, quando ho fatto la deposizione c'era la signora... non mi ricordo i nomi. La signora mora e la signora bionda.
LM:
Questi qui dietro, queste signore qui dietro?
AF:
Si, la loro squadra, nel loro ufficio.
LM:
Ha visto queste signore?
AF:
Nel loro ufficio.
LM:
Quindi vogliamo dire che il teste indica l'ispettore Napoleoni...
GCM:
Si è pubblico. Scusi quante persone erano presenti nel momento in cui lei rese le sommarie informazioni, due persone ora ha detto?
AF:
No perché ce n'era anche, io ho visto sempre la squadra formata da 4 persone, 2 donne e due uomini.
GCM:
Quindi lei quando?
AF:
Io ho parlato con la bionda, poi ha scritto la signora mora.
GCM:
Quante persone erano presenti nella stanza?
AF:
C'erano due uomini, non so i nomi, andavano e venivano ed andavano e venivano.
GCM:
Quindi c'erano due uomini, poi c'era un funzionario che l'interrogava, un altro, sempre della Polizia che era presente, e scriveva. È così insomma?
AF:
Si, si, Ricordo bene che avevo con me uno scontrino di quella sera, in modo tale da testimoniare l'orario in cui ero uscita.
GCM:
Mi interessa sapere quante persone erano nella stanza.
LM:
Ultima cosa. Questa giornalista conosceva quindi il suo numero di telefono?
AF:
Mi ha telefonato direttamente sul cellulare.
LM:
Quindi era stato fornito a questa giornalista il suo numero di cellulare?
AF:
Qualcuno gli ha fornito il mio numero di cellulare.
LM:
E questa giornalista le ha detto che era stata la squadra mobile a fornire il numero di cellulare?
AF:
Io gli ho detto: ma come hai fatto a sapere? Ha detto: Io so che tu hai depositato volontariamente. Ho fatto: Si è vero.
GCM:
Scusi però l'Avvocato le chiede. Il suo numero cellulare come è venuto a saperlo. Se lei gliel'ha chiesto alla giornalista?
AF:
Questo non gliel'ho chiesto, posso solo dedurre, ma potrei anche dedurre male.
LM:
E come l'ha dedotto?
GCM:
Scusi per favore Avvocato, non può fare le deduzioni, deve solo riferire le circostanze di fatto. Prego.
LM:
Va bene, niente.

Difesa - AVV. Rocchi

DR:
Senta lei ha detto che la persona che ha urtato il suo fidanzato stava salendo queste scalette. Quindi voi eravate su queste scalette. Mi sa dire che tipo di illuminazione c'era?
AF:
Come?
DR:
Allora innanzitutto che ora era più o meno, lei ha detto tra le 10 e le 10 e mezzo, giusto?
AF:
3 minuti prima di prendere la macchina ed uscire dal parcheggio. Il tempo proprio necessario di fare due gradini, entrare nel parcheggio, pagare ed uscire.
DR:
Comunque era notte?
AF:
Certo.
DR:
Che tipo di illuminazione c'era su queste scalette?
AF:
L'illuminazione molto cupa.
DR:
Questa persona camminava a testa bassa?
AF:
Si.
DR:
Quindi lei in volto quanto tempo l'ha visto?
AF:
Una frazione di secondo. Cioè vedere l'urto, girarci, ma già andava su. È stato un attimo.
DR:
Dopo che ha urtato il suo fidanzato questa persona si è girata, ha avuto modo di rivederla?
AF:
No, no, abbiamo anche lasciato perdere, proprio non è che abbiamo detto "sei maleducato". Niente. Siamo andati avanti e abbiamo commentato "lasciamo perdere".
DR:
Grazie.

Difesa - AVV. Ghirga

LG:
Ricorda se al momento in cui, quando va in Questura e rende la dichiarazione, viene diciamo tizio, caio, Formica Alessandra, ricorda se comunicò il suo numero di cellulare?
AF:
Se al momento della deposizione...
LG:
Quella sera in Questura, siamo al 12 novembre quando vai in Questura?
AF:
Se l'ho comunicato?
LG:
Formica Alessandra nata a, residente a, in quella circostanza ha anche comunicato il suo numero di cellulare. È possibile, lo ricorda?
AF:
Allora non me lo ricordo, ma è l'unico mio recapito. Quindi è molto probabile, non ho telefono a casa, quindi è molto probabile che l'ho depositato perché loro rimanessero in contatto con me.
LG:
Posso spillare il suo cellulare in questa sede, se è quello?
GCM:
Si ma non se lo ricorda, però dice che è molto probabile.
LG:
3 93...
AF:
39354...
LG:
Questa così. Un'altra cosa, siccome è molto precisa, quel biglietto che lei ha con il quale è andata in Questura, lo conserva, perché qui...?
AF:
Non ce l'ho più, perché loro mi hanno detto che non c'era bisogno, mi hanno chiesto che cosa avevo mangiato e che risalivano da soli.
LG:
Grazie.
AF:
Si riferiva allo scontrino?
LG:
Si, si mi riferivo allo scontrino?
AF:
Non l'ho depositato perché mi hanno detto che gli bastare sapere che cosa avevo mangiato e dove avevo mangiato.
LG:
Nessuna altra domanda.

Presidente

GCM:
Un aspetto, prima l'Avvocato Ghirga le chiedeva che età poteva avere questa persona che vi ha urtato, nel rispondere.?
AF:
Non sono in grado di dire l'età.
GCM:
Però nel rispondere alle domande del Pubblico Ministero lei ha parlato di "ragazzo"?
AF:
Si perché non è un anziano.
GCM:
Quindi era un ragazzo?
AF:
Si.
GCM:
Conferma?
AF:
Un anziano non corre, non è agile. Però non vorrei scendere in particolari che non so.
GCM:
Questa persona lei l'ha rivista più, e già ha detto di no?
AF:
Neanche sui giornali, in foto?
AF:
Non sono in grado, può darsi che la vedo tutti i giorni, ma non sono in grado.
GCM:
Non ci sono altre domande, lei può andare.